Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è mer set 18, 2019 14:56

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lun dic 26, 2011 21:27 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 21, 2008 9:56
Messaggi: 1234
Località: GENOVA Molassana
MTB: Valle Stura: Anello Masone - Rossiglione - Pracaban - Praglia

Ciao a tutti.
Vi riporto il giro in MTB che ho fatto il 23 dicembre scorso

NOTE GENERALI:
Questo percorso risale la breve valletta del Rio Berlino per raggiungere il panoramico crinale del Monte Colma che si percorre fino alla zona di Praglia, da dove si discende nuovamente in valle Stura. Gli ambienti che si attraversano sono vari, si inizia la salita in un fitto castagneto, si pedala poi tra arbusti, rocce e praterie sommitali per passare poi nella rada pineta delle sorgenti dello Stura.

PARTENZA:
Si parte da Masone. Appena usciti dal casello di Masone della A26, si raggiunge la rotatoria, dove a SX, nei pressi dell’Ex Cotonificio si lascia l’auto presso l’ampio posteggio.

DIFFICOLTA’:
TECNICHE: Dal punto di vista tecnico sono presenti brevi tratti sconnessi in prossimita’ della vetta del Pracaban (sia prima che dopo), e poi lungo la sterrata che da Praglia scende verso Masone. Si tratta comunque di difficolta’ non proibitive che, avendo un minimo di capacita’ tecniche, possono essere affrontate quasi sempre in sella.
IMPEGNO FISICO: L’impegno fisico no e’ eccessivo, anche se si tratta pur sempre di 50 km. Il dislivello viene coperto praticamente tutto sia nella salita lungo il Rio Berlino che lungo il crinale fino al Pracaban.

DESCRIZIONE:
Dal posteggio (380m) prendiamo la provinciale 456 in direzione Rossiglione.
Oltrepassiamo Campo Ligure e fianlmente raggiungiamo Rossiglione (302m).
Appena prima di oltrepasare il ponte di Rossiglione Superiore deviamo a SX per
entrare in paese e poi subito a DX sul piccolo ponticello sul Rio Berlino (298m)
e poi ancora a DX per iniziare a risalire il rio lungo la riva DX orografica sulla asfaltata.

Il freddo si fa sentire, il termometro segna -5 ed i tiepidi raggi del sole non anno ancora
raggiunto il fondovalle. Ad ogni curva l'asfalto e' coperto da un sottile strato di brina che
ci impone prudenza. Piano piano risaliamo la valle ed iniziamo a scaldarci.

Lasciamo a SX la bella cappelletta Gamondino (387m) e procediamo sempre lungo la asfaltata principale
lasciando a SX una deviazione (410m). Raggiungiamo uno spiazzo utilizzato come deposito legna (423m)
dove la strada diventa asfaltata ed inizia a salire con pendenza piu' accentuata.

Costeggiamo il torrente per qualche decina di metri, lasciamo a SX le case Alberghino ed
affrontiamo alcuni tornanti in forte pendenza ma su fondo ottimo. Lasciamo a DX la deviazione
per la frazione Magnoni (509m - sbarra) e procediamo con altri tornanti fino alla Casa del Pero (580m - in basso a SX),
dove raggiungiamo un bivio nei pressi della sella prativa Piano di Bardascia (582m).

Lasciamo la sterrata a SX e prendiamo a DX (direzione est). Affrontiamo un'alro tratto in forte
pendenza che con varie curve raggiunge il passo sul crinale chiamato Fo' der Beccu (720m)
nei pressi di un bivio con palina di segnalazione.

Da qui prendiamo la sterrata a DX in salita (direzione sud est - segnavia triangolo vuoto giallo - indicazione per Pracaban).

Il percorso e' perfettamente ciclabile ed il fondo e' veramente ottimo, anche merito del terreno
ghiacciato che si presenta compatto. All'altezza di un tornante a SX lasciamo la deviazione a DX per
la Casa Reffini di Sopra (742m - sbarra) e, dopo un bel tratto leggera salita, mantenendoci sempre nel
versante nord-est dello spartiacque, raggiungiamo i ruderi della
Casa Fontanassi (790m - palina - panorama a DX sulla valle del Torrente Piota ed oltre).

Pedaliamo sulla bella sterrata sempre seguendo il segnavia triangolo vuoto giallo (non sempre evidente ma presente)
che si mantiene piu' o meno sul crinale. Lasciamo due deviazioni a SX (quota 800m e quota 870m) dopo
le quali la sterrata si stringe e diventa sentiero. Affrontando alcuni tratti sconnessi, usciamo dal
bosco e raggiungiamo un poco in sella ed un poco a piedi, l'evidente antenna situata sull'anticima
nord (917m) del Monte Pracaban.

Lasciamo l'antenna a DX e, su sentiero ora piu' ciclabile, in vista della cima del
Pracaban (grosso ometto in pietra sulla vetta), raggiungiamo una sella con una palina (929m).
Lasciamo a SX il sentiero per le Capanne (segnalato con 3 billi gialli - che incontreremo poi) e
procediamo in piano fino al versante nord ovest del Pracaban (935m - palina).

Da qui, lasciando a DX
il sentiero che scende a Rossiglione (segnalato con un cerchio vuoto giallo), puntiamo dritti verso
la cima del Pracaban appena sopra a noi, che raggiungiamo facilmente in sella (948m).
Dopo una breva sosta per ammirare il panorama a 360° sulle Alpi e sugli Appennini, scendiamo lungo
il versante opposto alla risalita (direzione est). Procediamo su di una traccia con qualche salto tra prati,
fino ad una sella (931m) dove deviamo a SX per puntare verso l'evidente grosso sentiero appena in basso.

Raggiungiamo il sentiero (920m) che imbochiamo a DX e dove incontriamo il segnavia
3 bolli gialli (segnavia molto rado e poco evidente). Su percorso difficoltoso e con qualche tratto
da fare a piedi, scendiamo ad una ampia sella denominata Colla Caban (898m - palina) dove incontriamo un bivio.

Lasciamo a DX il sentiero che scende a Campo Ligure segnalato con un quadrato vuoto giallo,
e procediamo a SX in leggera discesa. Il sentiero procede con alcuni tratti sconnessi e resi difficoltosi
dal ruscellamento di un paio di rii, dove e' necessario procedere a piedi, poi migliora e diventa sterrata
ampia e ben ciclabile.

Procediamo nel versante nord del Bric dei Ladri, lasciamo a SX la deviazione per le evidenti casette
Vaccarile e, dopo un brava tratto in salita, raggiungiamo una casa con recinti per animali, dove in breve
scendiamo alla provinciale (762m - cancello).

Qui prendiamo l'asfalto a SX, raggiungiamo il bivio per le Capanne, deviamo a DX in salita e procediamo sempre su asfalto.
Lasciamo a SX la Cappelletta dell'Assunta (822m), oltrepassiamo un'area pic-nic, saliamo al bivio
per Pratorondanino (876m) che lasciamo a DX e, pedalando sempre sulla provinciale, raggiungiamo la
zona di Praglia.

Oltrepassiamo una grande area pic-nic (870m) e poco dopo lasciamo l'asfalto per deviare a DX su di
una ampia sterrata in direzione sud ovest. La sterrata, inizialmente ottima, procede in piano e poi
leggermente in discesa, fino a peggiorare e diventare, sempre ampia, ma molto sconnessa.

Iniziamo la discesa nel selvaggio e brullo vallone delle sorgenti dello Stura. Con difficolta'
tra sassi e solchi affrontiamo un primo tornante (840m), scendiamo ad un guado (803m) e procediamo piu'
facilmente in leggera salita. Raggiungiamo il valico sud del Monte Vesolina (812m - panorama),
dove inizia un'altro tratto in discesa molto sconnesso.

Profondi solchi scavati dall'acqua piovana si alternano a sassi e roccette, ma con un poco di
equilibrio ed attenzione riusciamo a mantenerci piu' o meno sempre in sella.
Raggiungiamo un tornante a DX, affrontiamo un'ultimo tratto difficile ma fattibile e, entrando in una rada pineta,
la strada migliora e raggiunge un pianoro nei pressi di un prato a DX (710m).

Qui, lasciando un evidente strada a DX ed una meno evidente deviazione erbosa a SX, procediamo dritti
in piano e poi in discesa sulla sterrata che poi diventa asfaltata. Da ora in poi procediamo su asfalto.
Lasciamo a DX l'evidente fattoria "I Piani" e scendiamo ad un incrocio nei pressi di una sella (609m) dove,
lasciano a SX una asfaltata che scende, procediamo dritti. Scendiamo all'incrocio nei pressi della Casa Verne' (567m)
dove prendiamo a SX per raggiungere ed oltrepasare il Torente Vezzulla (436m). Dopo il ponte andiamo a SX ed
in breve raggiungiamo Masone (402m) dove imboccando la provinciale a DX, usciamo dal paese e raggiungiamo
la rotatoria dell'autostrada ed il posteggio dove abbiamo lasciato l'auto (380m)

DATI SINTETICI DEL PERCORSO:
Distanza: 50
Dislivello: 1000 m
Tempo: 4:30-5:00 h


CARTA DEL PERCORSO:
Immagine


ALTRE INFO AL SEGUENTE LINK:
http://www.mappeliguria.com//MTB-GE-057 ... acaban.php

QUALCHE FOTO:
Immagine
La valle del Torrente Berlino ancora in ombra


Immagine
La bella cappella Gamondino


Immagine
Lungo la sterrata nei pressi delle Case Alberghino


Immagine
Il Piano di Bardascia


Immagine
Nei pressi del Passo Fo' der Beccu


Immagine
Panorama sul Monte Tobbio


Immagine
I ruderi della Casa Fontanassi


Immagine
Lungo la sterrata diventata sentiero


Immagine
Panorama sul Monte Tobbio


Immagine
Lo spettacolo della catena Alpina


Immagine
Il grosso ripetitore poco prma del Pracaban


Immagine
Verso la sella nord del Pracaban


Immagine
Panorama sul Monte Beigua


Immagine
L'ultimo strappo prima della cima del Pracaban


Immagine
Finalmente in vetta


Immagine
Panorama sul pianoro della Cascina Giafarda


Immagine
Lungo il sentiero scendendo verso la sella Colla Caban


Immagine
Lungo uno dei tratti sconnessi


Immagine
Nei pressi della casa prima di incontrare l'asfalto


Immagine
La Cappelletta dell'Assunta presso le Capanne Superiori


Immagine
Panorama sul crinale appena percorso


Immagine
Panorama sul crinale appena percorso


Immagine
Lungo la sassosa sterrata che scende a Masone


Immagine
Lungo la sassosa sterrata che scende a Masone


Giorgio

_________________
Giorgio Mazzarello
GEOMAZ
http://www.mappeliguria.com
http://www.webalice.it/giorgio.mazzarello/


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio dic 29, 2011 1:15 
Non connesso
Utente di Quotazero

Iscritto il: mer set 02, 2009 11:45
Messaggi: 72
Località: Genova Pegli
=D> =D> =D> =D> =D>
Grande Giorgio!!
Mi mandi il tracciato GPX?

_________________
There's an angel standing in the sun


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio dic 29, 2011 9:13 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12128
Località: Genova
: Thumbup : posti ai quali sono affezionata!!! :D

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar gen 03, 2012 14:27 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mar set 29, 2009 10:08
Messaggi: 51
Località: Genova Pegli
Grande Giorgio ... questo giro deve essere davvero bellissimo!!!

Frequento spesso la zona in MTB, ma solo in estate, quindi ai complimenti per il percorso, che nella sua totalità non ho mai fatto, associo i complimenti per la resistenza al freddo : Thumbup :

Mi "impegno" a voler ripercorrere, non appena la stagione sarà più propizia, questo giro in MTB, e chissà mai che non si possa riuscire ad andare insieme ad altri frequentatori del Forum...

Inoltre, se non ho interpretato male la tua descrizione, al punto "Lasciamo a DX il sentiero che scende a Campo Ligure segnalato con un quadrato vuoto giallo", potrei proporre durante il giro, per chi è interessato, alcune varianti discesistiche piuttosto divertenti ... :skifree:

Un salutone a tutti!!!

_________________
Victory belongs to the most persevering.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar gen 03, 2012 14:39 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 21, 2008 9:56
Messaggi: 1234
Località: GENOVA Molassana
Mad_Horse ha scritto:
Grande Giorgio ... questo giro deve essere davvero bellissimo!!!

Frequento spesso la zona in MTB, ma solo in estate, quindi ai complimenti per il percorso, che nella sua totalità non ho mai fatto, associo i complimenti per la resistenza al freddo : Thumbup :

Mi "impegno" a voler ripercorrere, non appena la stagione sarà più propizia, questo giro in MTB, e chissà mai che non si possa riuscire ad andare insieme ad altri frequentatori del Forum...

Inoltre, se non ho interpretato male la tua descrizione, al punto "Lasciamo a DX il sentiero che scende a Campo Ligure segnalato con un quadrato vuoto giallo", potrei proporre durante il giro, per chi è interessato, alcune varianti discesistiche piuttosto divertenti ... :skifree:

Un salutone a tutti!!!


Ciao Mad_Horse, si il freddo inizialmente e' stato parecchio, ma poi, salendo di quota e con la giornata di sole, e' iniziato il tepore, che ci ha accompagnato per tutta la traversata.

Per un giro assieme sono disponibilissimo.
In zona Masone vorrei in futuro ripercorrere il crinale del Pavaglione, che ho percorso direi troppi anni or sono.



Giorgio

_________________
Giorgio Mazzarello
GEOMAZ
http://www.mappeliguria.com
http://www.webalice.it/giorgio.mazzarello/


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom gen 15, 2012 19:03 
Non connesso
Utente di Quotazero

Iscritto il: mer set 02, 2009 11:45
Messaggi: 72
Località: Genova Pegli
Questa mattina abbiamo provato a ripercorrere l'anello percorso da Giorgio e descritto sopra.
Dato il poco tempo a disposizione l'idea era di farne una versione "short", senza passare dalla discesa Praglia-Masone, ma scendendo attraverso PratoRondanino ed arrivando direttamente a Campo.

Partenza da Pegli alle 8, 8-9 gradi, cielo terso.. promette bene. Arriviamo a Campo e dopo un giusto caffè nel bar "dei ciclisti", partiamo verso Rossiglione. Temperatura -5 (!!!), ben coperti ma il freddo alle mani è veramente acuto. Qualche problema a imbroccare la strada della valletta del Rio Berlino, poi cominciamo a percorrerla. Freddo veramente intenso, il termometro del mio GPS arriva a segnare -7 :( e le mani hanno perso sensibilità. Il sole fa capolino mooolto più in alto e la valletta è assolutamente gelida...
Arriviamo allo sterrato, pausa per rimettere in circolo il sangue nelle dita, e cominciamo a salire.
La strada è buona, ma i tornanti "picchiano" duro e un paio di volte mi devo fermare e mettere il piede in terra. Piano piano la temperatura si fa piu accettabile, le mani "tornano a vivere" e arriviamo alla colla del Fò du Beccu (bellissimo crocevia), sul crinale che va verso il Pracaban. Qualche problemino di catena e cambio per Mauro, poi cominciamo a pedalare sul crinale. Questa è in assoluto la parte piu bella della gita. Strada fantastica, fondo compattissimo, pendenza bassissima, i raggi del sole che penetrano nel bosco...bellissimo.
Continuiamo fino ad arrivare a un bivio dove lasciamo a sx delle case e troviamo il triangolo giallo che "punta" al Pracaban. La strada peggiora, fa un po di saliscendi e spesso dobbiamo scendere di sella perchè il sentiero è molto sporco, foglie e rami e non si vede assolutamente che c'è sotto. Arriviamo anche noi ai ruderi di Casa Fontanassi e procediamo per l'ultima dura salita verso l'anticima del Pracaban (antenna gigantesca). Qui le nostre capacità ciclistiche fanno si che si vada su a spinta quasi fino all'antenna (siamo a circa 900 slm). Dopo il sentiero diventa pedalabile e si arriva in breve proprio sotto la vetta. A dx scende un sentiero per Rossiglione/Campo, a sx la strada piega e dopo circa 200 m arriva in vetta.

Panorama bellissimo, peccato la foschia all'orizzonte ci impedisca di vedere nitidamente le Alpi e la Corsica. Comunque molto molto bello. Decidiamo, vista l'ora tarda, di fare una versione "very short" dell'anello, e scendiamo verso Campoligure, prendendo il segnavia con la croce gialla. Poco sotto arriviamo sullo sterrato e pieghiamo a sx, dopo un consulto con un gruppo di cacciatori di cinghiali (ne avevano preso uno enorme... :( )
La sterrata, pur se abbastanza "saltellante", ci fa perdere di quota e in 20 min arriviamo sull'asfalto che ci porta proprio dietro al castello di Campo.

Bel giro, probabilmente meglio farlo in autunno con temperature meno rigide e con la possibilità di percorrerlo per intero.

Andrea


Allegati:
Commento file: Il profilo altimetrico
Profilo Pracaban.png
Profilo Pracaban.png [ 24.54 KiB | Osservato 1748 volte ]
Commento file: La traccia del percorso
Pracaban PDP.png
Pracaban PDP.png [ 1.58 MiB | Osservato 1748 volte ]

_________________
There's an angel standing in the sun
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom gen 15, 2012 20:14 
Non connesso
Utente Attivo

Iscritto il: mar set 01, 2009 20:30
Messaggi: 151
Siete scesi da prato del lupo' dove c'è una capanna dei cacciatori? e poi giu' fino ad un bivio a sinstra e poi piccolo guado fino ad imboccare la strada vecchia delle capanne che porta a campo ligure.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom gen 15, 2012 20:48 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 21, 2008 9:56
Messaggi: 1234
Località: GENOVA Molassana
Mancio61 ha scritto:
Questa mattina abbiamo provato a ..........
........
Bel giro, probabilmente meglio farlo in autunno con temperature meno rigide e con la possibilità di percorrerlo per intero.

Andrea


Bravo Mancio61, anche tu hai voluto assaporare il "tepore" della valle Stura invernale, anch'io ho patito mani e viso per i -5 e -6 della valle del Berlino.

La discesa che hai fatto su Campo era una delle "vie di fuga" in caso di "emergenza" che avevo considerato durante il mio giro.

Giorgio

_________________
Giorgio Mazzarello
GEOMAZ
http://www.mappeliguria.com
http://www.webalice.it/giorgio.mazzarello/


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom gen 15, 2012 21:45 
Non connesso
Utente di Quotazero

Iscritto il: mer set 02, 2009 11:45
Messaggi: 72
Località: Genova Pegli
credo di si, siamo scesi sul crinale da prato del lupo dove c'e proprio l'appostamento dei cacciatori (dalla cima del Pracaban la si vede benissimo guardando in basso verso Ovest). Da li abbiamo girato subito in discesa a sx sullo sterrato. L'altra alternativa era invece proseguire dritto (anzi forse in leggera salita per un po) e poi girare dopo a sx, prendendo i 3 pallini gialli, seguendo credo uno dei sentieri usati abitualmente dia bikers (quelli buoni....) per scendere su Campo (credo sia quello che finisce nel sentiero attrezzato).

_________________
There's an angel standing in the sun


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer gen 18, 2012 16:24 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mar set 29, 2009 10:08
Messaggi: 51
Località: Genova Pegli
=D> =D> =D>
... Mancio61, ed ovviamente ribadisco anche tu Giorgio, ... siete troppo forti!!!
... personalmente a quelle temperature in MTB non credo di sopravvivere :pensoso:

Ne approfitto per confermare che, come dice Mancio61:
... prato del lupo dove c'e proprio l'appostamento dei cacciatori (dalla cima del Pracaban la si vede benissimo guardando in basso verso Ovest). Da li abbiamo girato subito in discesa a sx sullo sterrato. L'altra alternativa era invece proseguire dritto (anzi forse in leggera salita per un po) e poi girare dopo a sx, prendendo i 3 pallini gialli, seguendo credo uno dei sentieri usati abitualmente dia bikers (quelli buoni....) per scendere su Campo (credo sia quello che finisce nel sentiero attrezzato).

"L'alternativa" se si prosegue dritto scende effettivamente a Campo, ma ci sono tantissime possibilità lungo il percorso. Diciamo che in estate si possono semplicemente seguire le tracce delle MTB :skifree:

Spesso (d'estate) risalgo la strada vecchia delle Capanne e quando la strada stessa inizia a spianare, imbocco una strada asaltata a sinistra, , risalgo un tratto di sterrato (duro) in salita ed arrivo all'appostamento dei cacciatori. Lì torno in discesa fino a Campo attraverso "L'alternativa" che indicava Mancio61.

DEVO riuscire ad arrivare lì (all'appostamento dei cacciatori) attraverso la strada che avete indicato ... sarà uno dei miei prossimi giri (a Primavera inoltrata però ...)

Un salutone a tutti!!!

_________________
Victory belongs to the most persevering.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it