Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è ven ott 18, 2019 13:35

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: ven gen 04, 2019 17:53 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 09, 2010 12:01
Messaggi: 288
Località: Genova
Ed eccoci al 22° corso di speleologia organizzato dal gruppo speleo Martel di Genova che quest'anno eccezionalmente cade d'inverno (invece che come di consueto in autunno).
La serata di presentazione sarà mercoledì 16 gennaio alle 21 presso la sede del CAI di Cornigliano in Via Tonale 45.
Per chi non lo conoscesse, ricordo che il gruppo speleologico Martel è una delle associazioni speleologiche più importanti a livello locale con un’esperienza decennale di corsi e centinaia di speleologi formati.
Il corso è omologato secondo i dettami della SSI (Società Speleologica Italiana) e tutto il corpo docente è qualificato dalla stessa Società.
Allego il file della locandina con alcuni dettagli.
A breve sarà disponibile il link con l’evento Facebook.
Io ormai partecipo ormai solo in minima parte all’organizzazione dei corsi ma se qualcuno avesse delle domande o curiosità può contattarmi anche con mp.
Per ulteriori info di seguito il sito web:
http://speleomartel.altervista.org/
E il canale Youtube (dove ci sono alcuni video fatti nei corsi precedenti:
https://www.youtube.com/channel/UCy1...u1m_231FcCVwkg
Saluti a tutti


Allegati:
LOCANDINA CORSO2019 col.jpg
LOCANDINA CORSO2019 col.jpg [ 607.71 KiB | Osservato 655 volte ]
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio gen 10, 2019 10:34 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 09, 2010 12:01
Messaggi: 288
Località: Genova
Aggiungo il link dell'evento creato su Facebook per il 22° corso di speleologia del G.S. Martel:
https://m.facebook.com/events/385804658855862?acontext=%7B"ref"%3A"3"%2C"action_history"%3A"null"%7D&aref=3
Ricordo che la serata di presentazione del corso sarà:
Mercoledì 16 gennaio alle ore 21 presso i locati del CAI di Cornigliano in Via del Tonale 45, Genova


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer gen 23, 2019 9:25 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 09, 2010 12:01
Messaggi: 288
Località: Genova
Giusto per info...
Visto che ieri nel forum in un altra discussione ho scritto che c'era ancora disponibilità, volevo informare che ho saputo poco fa che il corso è completo (anche oltre il preventivato): 14 iscritti.
Magari posterò qualche foto nei prossimi giorni.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun feb 11, 2019 16:56 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 09, 2010 12:01
Messaggi: 288
Località: Genova
Ciao a tutti,
sabato 9 febbraio uscita preliminare del corso di Speleologia con un bellissimo giro alla spalle di Finalborgo in parte lungo il bel sentiero Fossati.
Io ne ho approfittato per portare mio figlio a vedere e rivedere alcune delle grotte più interessanti della zona. E sopratutto alcune tra quelle più facilmente accessibili.
Tragitto tra i più classici della zona: da Finalborgo alla Chiesa dei 5 Campanili per la via Romana, poi da Case Valle, dopo l'immancabile deviazione alla grotta dell'Edera, siamo passati dal Castrum e quindi abbiamo sostato alla Chiesa di S. Antonino (ovviamente con visita dentro la grotta sottostante).
Allegato:
Commento file: Grotta dell'Edera
Grotta dell'Edera.jpg
Grotta dell'Edera.jpg [ 1.14 MiB | Osservato 542 volte ]

Da Sant'Antonino, sempre lungo il sentiero Fossati siamo scesi per pranzare alla Pollera ma senza scendere sul plateau e visitando solo l'antro iniziale (dato che organizzare la discesa ci avrebbe preso troppo tempo).
Allegato:
Commento file: Sentiero Fossati
Sentiero Fossati.jpg
Sentiero Fossati.jpg [ 1.36 MiB | Osservato 542 volte ]

Allegato:
Commento file: Arma Pollera
Arma Pollera.jpg
Arma Pollera.jpg [ 883.5 KiB | Osservato 542 volte ]

Successivamente siamo tornati sul sentiero e scendendo verso Pianmarino siamo entrati alla Arma della Pozzanghera.
Allegato:
Commento file: Grotta della Pozzanghera
Grotta della Pozzanghera.jpg
Grotta della Pozzanghera.jpg [ 404.59 KiB | Osservato 542 volte ]

Di qui tornando in direzione Perti siamo passati dalle grotte: S.Eusebio, Rian e Prinsipaa.
Allegato:
Commento file: Arma do Prinsipaa
Arma do Prinsipaa.jpg
Arma do Prinsipaa.jpg [ 752.22 KiB | Osservato 542 volte ]

In realtà non avrei avuto in programma di infilarmi in tutti i buchi come resistere al buio? E poi di fatto è stato necessario: un po' per andare dietro a Leo che mi scappava da tutte le parti e un po' per mantenere la curiosità dei corsisti in un ambito di sicurezza (era pur sempre un'uscita di corso).
Abbiamo concluso con una breve visita all'Arma del Buio (e perlomeno qui, ringraziando il sifone, ci siamo fermati all'ingresso)
Discesa a Finalborgo per la via Beretta.
Giro non proprio turistico (circa 18 km totali con dislivello totale di un migliaio di metri) ma davvero grande entusiasmo del gruppone di corsisti che hanno partecipato massicciamente.
Quest'anno poi il gruppo dei corsisti è particolarmente eterogeneo con grande varietà di fasce d'età, generi e provenienze. E la varietà è sempre una garanzia di successo.
Dicevo: gruppo particolarmente entusiasta ma come non esserlo?
Il Finalese è sempre un luogo magico ed affascinante e dopo anni, tutte le volte che ci vado, me ne torno a casa pieno di meraviglia.
Sabato poi sembrava di essere già in primavera.
Prossima uscita del corso: Palestra di Borgio Verezzi. Si inizia a fare sul serio...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 11:44 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 09, 2010 12:01
Messaggi: 288
Località: Genova
Venerdì sera ultima uscita del corso di Speleologia del Martel 2019.
Come uscita tecnica e verticale è stata scelto il Buranco de Strie a San Pietro ai Prati (sulle alture del Chiaravagna, alle spalle di Borzoli), un classico della speleologia genovese.
Personalmente ho contribuito poco quest’anno al corso ma per il Buranco il tempo si trova sempre e ci tenevo ad esserci.

Appuntamento alla spicciolata davanti alla chiesa dalle 18 per dare tempo prima agli istruttori e poi a tutti i corsisti di entrare ed armare (attrezzare) senza ingorghi.
Per chi non la conoscesse la grotta infatti è un’unica successione di pozzi verticali intervallati da terrazzetti e cengette che portano direttamente al pozzone finale: un grande “fuso” profondo cinquanta metri e largo una quindicina frazionato in due calate da 20 e 30 metri. In totale la grotta offre circa un centinaio di metri di dislivello totale.
Praticamente non ci sono tratti orizzontali se si esclude un breve passaggio di pochi metri prima del pozzone.
Grotta molto nota ma mai banale, anche fosse solo per un certo sforzo fisico richiesto dalla risalita del pozzo da 50.

Per l’occasione il Martel ha sfoderato gran parte il suo “corpo docenti”: in totale eravamo ben 13. Tra istruttori e corsisti in certi momenti della risalita la grotta era addirittura affollata.
Tra mezzanotte e l’una siamo usciti tutti.

Ottima riuscita sia della serata che del corso: quattordici corsisti che hanno fatto un bel gruppo anche se davvero molto eterogenei. Credo che ognuno ne se sia uscito a suo modo portandosi dietro la consapevolezza di una bella esperienza.
Speriamo di avere risvegliato in tutti (o in molti) la scintilla dell’esplorazione e di vederli continuare ad andare in grotta.

Lascio anche qualche foto (bruttine ma le ho fatte col telefonino).
Allegato:
Commento file: Uno degli ultimi pozzi del tratto iniziale
20190315_222527.jpg
20190315_222527.jpg [ 3.21 MiB | Osservato 438 volte ]

Allegato:
Commento file: In attesa di scendere il pozzone...
20190315_204431.jpg
20190315_204431.jpg [ 2.73 MiB | Osservato 438 volte ]

Allegato:
Commento file: Gli armi in partenza sul pozzone. La grotta per l'occasione è stata quasi interamente doppiata.
20190315_203708.jpg
20190315_203708.jpg [ 2.52 MiB | Osservato 438 volte ]

Allegato:
Commento file: La partenza della calata da 20 sul pozzone centrale
20190315_215728.jpg
20190315_215728.jpg [ 2.61 MiB | Osservato 438 volte ]

Allegato:
Commento file: In risalita verso il tratto alto
20190315_224041.jpg
20190315_224041.jpg [ 1.98 MiB | Osservato 438 volte ]

Una curiosità. Sul fondo (a meno 100!) abbiamo trovato un rospone! Non si sa come ci sia arrivato forse con qualche arrivo d'acqua non noto (non credo che sia volato giù dal pozzone altrimenti lo avremmo trovato spiaccicato). Beh se lo lasciavamo lì sarebbe finita male per cui lo abbiamo portato fuori in un sacco! Lui pare abbia apprezzato.
Allegato:
Commento file: Il Rospo nelle mani della Principessa!
20190315_233657.jpg
20190315_233657.jpg [ 2.16 MiB | Osservato 438 volte ]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 12:33 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6432
Località: genova - marassi
Visto che citi la Sant'Antonino, sarei curioso di chiederti come valuti la strettoia che da accesso alla sala finale, in discesa l'ho fatta senza problemi, ma in salita non sono riuscito a passare neanche con la corda perchè non riuscivo a sollevare le gambe e rimanevo incastrato, ho dovuto prendere la paretina a sinistra....
C'è qualche trucco da conoscere, a parte fare un corso speleo o sono io che sono troppo alto?

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 14:48 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 09, 2010 12:01
Messaggi: 288
Località: Genova
soundofsilence ha scritto:
Visto che citi la Sant'Antonino, sarei curioso di chiederti come valuti la strettoia che da accesso alla sala finale, in discesa l'ho fatta senza problemi, ma in salita non sono riuscito a passare neanche con la corda perchè non riuscivo a sollevare le gambe e rimanevo incastrato, ho dovuto prendere la paretina a sinistra....
C'è qualche trucco da conoscere, a parte fare un corso speleo o sono io che sono troppo alto?

Accidenti mi fai sempre domande difficili...
A questo giro tra l'altro ho tassativamente impedito a mio figlio Leonardo di scendere oltre i primi due pozzetti proprio perché non mi ricordavo l'andamento ed eravamo con altri bambini.
Adesso non ricordo nello specifico la strettoia che citi ma non mi risultano passaggi particolarmente ostici ne che necessitino di attrezzatura (per giunta cercando il rilievo su Openspeleo ho trovato una imbarazzante foto in polo e bermuda di cui ignoravo l'esistenza...).
Comunque le grotte cambiano rapidamente: basta che salti un appiglio, uno spuntone, una stalgmine ed ecco che un passaggio agevole diventa uno scivolo insuperabile.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 15:09 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6432
Località: genova - marassi
cortomaltese ha scritto:
A questo giro tra l'altro ho tassativamente impedito a mio figlio Leonardo di scendere oltre i primi due pozzetti proprio perché non mi ricordavo l'andamento ed eravamo con altri bambini.
Adesso non ricordo nello specifico la strettoia che citi ma non mi risultano passaggi particolarmente ostici ne che necessitino di attrezzatura (per giunta cercando il rilievo su Openspeleo ho trovato una imbarazzante foto in polo e bermuda di cui ignoravo l'esistenza...).
Comunque le grotte cambiano rapidamente: basta che salti un appiglio, uno spuntone, una stalgmine ed ecco che un passaggio agevole diventa uno scivolo insuperabile.

Beh la descrizione su openspeleo in effetti la sminuisce molto, ma non mi sembra una grotta per tutti e così semplice da non portarsi almeno una corda, anzi molto meglio due.
Per carità, io sarò imbranato, ma il primo pozzetto mica lo scendono tutti allegramente, l'ultima volta che ci siamo stati un gruppo di climbers che ha dormito lì ha provato a visitare la grotta e non ha avuto il coraggio, appunto, di scendere neanche il primo. Io l'ho sceso e salito con la corda, ma comunque qui si tratta di saper arrampicare e di saperlo fare su rocce scivolose; il secondo pozzetto invece è molto stretto ed in discesa, basta lasciarsi andare, ma a tirarsi su, anche con la corda, non ci sarei mai riuscito, che non riuscivo a tirare su le gambe che non c'entravano e, tirarsi su a braccia, piegati a 90 con le gambe a penzoloni ed il casco che si incastra di sopra non so come faccia a riuscire così facile, forse togliendosi il caso, che ogni centimetro è prezioso....
Certo che però scrivere che è facile e non necessita di nessuna attrezzatura mi sembra quasi criminoso...
In effetti il passaggio alternativo alla predetta strettoia si fa su una paretina esposta di III e poi a spingere con le gambe sul soffito o tirarsi coi gomiti e anche qui una corda la vedrei necessaria per la sicurezza.
Poi ci sarà chi la farà ridendo e scherzando che io non sono un termine di paragone particolarmente probante, ma di gente che lì si troverebbe in seria difficoltà ne conosco tanta.
Se poi le descrizioni di Openspeleo devono essere rivolte solo a speleo esperti e capaci ci può anche stare, ma non le leggono solo loro...

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 16:25 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 09, 2010 12:01
Messaggi: 288
Località: Genova
soundofsilence ha scritto:
Certo che però scrivere che è facile e non necessita di nessuna attrezzatura mi sembra quasi criminoso...
In effetti il passaggio alternativo alla predetta strettoia si fa su una paretina esposta di III e poi a spingere con le gambe sul soffito o tirarsi coi gomiti e anche qui una corda la vedrei necessaria per la sicurezza.
Poi ci sarà chi la farà ridendo e scherzando che io non sono un termine di paragone particolarmente probante, ma di gente che lì si troverebbe in seria difficoltà ne conosco tanta.
Se poi le descrizioni di Openspeleo devono essere rivolte solo a speleo esperti e capaci ci può anche stare, ma non le leggono solo loro...

Guarda ovviamente qualsiasi sito o guida che sia di pubblico accesso dovrebbe essere sempre tarato sulla massima prudenza possibile. Purtroppo Openspeleo è una piattaforma "open" e quindi non tutte le descrizioni sono verificate.
Come ti dicevo in questo momento non ho memoria di questo passaggio anche se ricordo di avere percorso tutta la grotta.
Comunque a primavera conto di tornare proprio perché Leo mi ha chiesto di rifarla. Con l'occasione magari sento Vernassa e nel caso gli chiedo di modificare la descrizione su Openspeleo.
A questo punto mi porterò anche uno spezzone di corda, va...


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it