Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è dom mar 07, 2021 18:30

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Capo Mortola.
MessaggioInviato: lun dic 28, 2009 11:09 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
Qualcuno sa qualcosa di sentieri costieri a Capo Mortola? La mia cartina non li riporta e non ne ho mai avuto notizia fino ad adesso che ho trovato questo sito: http://www.magnetorad.it/naturimperia/itroya.html
Qualcuno ne sa qualcosa in più?

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mar dic 29, 2009 8:18 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 21, 2008 9:56
Messaggi: 1234
Località: GENOVA Molassana
Il link che riporti è il sito di Lara Ferrero geologa, fotografa, guda ambientale ed appassionata di escursionismo.
Quel sito non è più stato aggiornato perchè ne ha realizzato uno nuovo:
http://www.gecoliguria.it/

Per quanto riguarda i percorsi su Capo Mortola dovrebbe essercene uno che contorna tutto il capo lambendo i confini di Villa Hanbury. Non ho la certezza che sia segnalato ma credo che se chiedi a Lara Ferrero ti saprà dare tutte le informazioni.

Giorgio

_________________
Giorgio Mazzarello
GEOMAZ
http://www.mappeliguria.com
http://www.webalice.it/giorgio.mazzarello/


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mar dic 29, 2009 10:10 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
giorgio.mazzarello ha scritto:
Il link che riporti è il sito di Lara Ferrero geologa, fotografa, guda ambientale ed appassionata di escursionismo.
Quel sito non è più stato aggiornato perchè ne ha realizzato uno nuovo:
http://www.gecoliguria.it/

Per quanto riguarda i percorsi su Capo Mortola dovrebbe essercene uno che contorna tutto il capo lambendo i confini di Villa Hanbury. Non ho la certezza che sia segnalato ma credo che se chiedi a Lara Ferrero ti saprà dare tutte le informazioni.

Giorgio
Grazie, sono andato a vedere il nuovo sito, ma il link per il 'dischetto' relativo all'itinerario in questione non funziona lo stesso....
Ho già anche provato a scrivere all'e-mail presente sul vecchio sito, che vedo comunque essere la stessa di quella del nuovo, ma, finora non ho ricevuto risposta...
Ho comunque trovato nel frattempo un itinerario simile che parte dal confine, anche se, pure per questo, le indicazioni sono scarne, mi sa che la cosa migliore è andarci di persona....

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mar dic 29, 2009 13:07 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 21, 2008 9:56
Messaggi: 1234
Località: GENOVA Molassana
soundofsilence ha scritto:
Grazie, sono andato a vedere il nuovo sito, ma il link per il 'dischetto' relativo all'itinerario in questione non funziona lo stesso....


A dire il vero il link per il dischetto non ha mai funzionato, ma quando contattai Lara per avere informazioni sulla zona della valle Argentina mi rispose in breve in modo molto cortese e con una rara competenza del territorio.

Sicuramente andare di persona a Capo Mortola ti ripagherà del viaggio :wink: !!

Giorgio

_________________
Giorgio Mazzarello
GEOMAZ
http://www.mappeliguria.com
http://www.webalice.it/giorgio.mazzarello/


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mar dic 29, 2009 14:12 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
giorgio.mazzarello ha scritto:
Sicuramente andare di persona a Capo Mortola ti ripagherà del viaggio :wink: !!
Ripagherà sicuramente anche la società autostrade... :lol:
A Capo Mortola ci sono già stato ed ho sempre pensato che una gita non ci sarebbe stata male, solo che non ho mai preso seriamente la cosa a causa dell''invadenza' di Villa Hanbury...
Ora che ho trovato queste notizie prima o poi ci vado di sicuro, solo che per le escursioni costiere sembra ancora più difficile trovare compagni e allora finisce che privilegio quelle in quota per non andare da solo....
In ogni caso mi farebbe piacere sapere prima di andare qualcosa in più sul punto di partenza del sentiero (qui: http://www.gulliver.it/index.php?modulo ... gita=14257 mi pare lo posizionino da un'altra parte, anche se non ricordo bene dove sia l'ultima galleria prima del confine...) e se è possibile, da una parte, continuare oltre a Capo Mortola e dall'altra, arrivare fino a Mentone senza seguire la strada asfaltata..

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mar dic 29, 2009 22:06 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 11, 2008 10:24
Messaggi: 66
ciao, abbiamo percorso più volte quel sentiero (alla fine della prima galleria direzione Francia)per andare al mare . Il sentiero percorre parte della vecchia via Aurelia e costeggiaVilla Hambury,ma mi pare che finisca lì.
Se ti piacciono i sentieri litorali puoi trovare interessante anche Mentone -MOntecarlo http://www.lemiemontagne.it/sitopubblic ... ecarlo.htm


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer dic 30, 2009 8:44 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
dani ha scritto:
ciao, abbiamo percorso più volte quel sentiero (alla fine della prima galleria direzione Francia)per andare al mare . Il sentiero percorre parte della vecchia via Aurelia e costeggiaVilla Hambury,ma mi pare che finisca lì.
Se ti piacciono i sentieri litorali puoi trovare interessante anche Mentone -MOntecarlo http://www.lemiemontagne.it/sitopubblic ... ecarlo.htm
Mi sapresti dire, più o meno, quant'è lungo, non mi ricordo bene in che punto si trova la predetta galleria, in particolare in relazione ai Balzi Rossi, dove un altro sito (http://www.gulliver.it/index.php?modulo ... gita=14257 ) dice che comincia il sentiero. Riguardo a Mentone-Montecarlo la mia precedente domanda se si riesce a proseguire fino a Mentone era proprio intesa a percorrere nella stessa gita anche questo tratto di sentiero... E' parecchio che ho messo da parte il link che mi riporti anche tu, ma non ho mai avuto abbastanza voglia per farlo davvero: ho già fatto il tratto da Montecarlo a Cap d'Ail in effetti, ma il tratto di Sentier Littoral che mi piace davvero inizia non prima di Theoule sur Mer e arriva fino a Marsiglia...

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer dic 30, 2009 10:05 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 23, 2008 16:47
Messaggi: 702
Località: Genova
soundofsilence ha scritto:
..... Ora che ho trovato queste notizie prima o poi ci vado di sicuro, solo che per le escursioni costiere sembra ancora più difficile trovare compagni e allora finisce che privilegio quelle in quota per non andare da solo.... In ogni caso mi farebbe piacere sapere prima di andare qualcosa in più sul punto di partenza del sentiero..
Subito dopo la galleria, girando sulla sinistra, il tratto che comincia è quello sull'antico tracciato della Via Julia, se ho capito bene quello che chiedi. Io l'ho fatto, un po' di anni fa anche da villa Hanbury ma ultimamente ho avuto notizie che non si riuscirebbe più a completarlo non tanto per passaggi su tratti su scogliera (a volte particolari e che si potevano più o meno aggirare) ma per tratti che interessano proprietà private, dove un tempo ti salutavano e chiaccheravano volentieri oggi non ti fanno più passare. In primavera vorrei andare a rifarlo per verificarlo, se mai ci si può andare insieme.
"Siamo ormai giunti vicini al confine della Liguria e dell’Italia con la Francia... Si attraversa la foce del Latte, proseguendo sulla spiaggia di ciottoli. Ad un certo punto, nei pressi di un piccolo alberghetto, si diparte uno dei viottoli che portano alla Via Romana. Si può percorrere un tratto a piedi fino ad un’antica villa e qui il percorso inizia ad essere problematico dato che si rischia di entrare nelle proprietà private delle ville circostanti..." (da "Lungo la Via Julia" http://www.lulu.com/content/728424 http://www.pelos.it)
Dalla parte della Francia ne ho fatto dei tratti ma nella zona provenzale.
Immagine
Immagine
Immagine

_________________
http://www.enricopelos.it - http://www.passeggiatealevante.it - http://www.luoghiabbandonati.it


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer dic 30, 2009 11:11 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
enrico pelos ha scritto:
In primavera vorrei andare a rifarlo per verificarlo, se mai ci si può andare insieme.
Grazie, mi farebbe molto piacere, ma perchè non adesso in inverno, dopotutto Capo Mortola è la zona col miglior clima di tutta la Liguria...

Da dentro villa Hanbury mi pare si veda un tracciato che la attraversa, più o meno come segnato sulla cartina che hai postato, ma a me interesserebbe molto di più restare proprio sulla costa piuttosto che attraversare la Villa... D'altronde, mi pare di ricordare di aver visto gente in spiaggia sempre dalla Villa, in qualche modo devono pur esserci andati, o erano tutti proprietari del posto?

enrico pelos ha scritto:

Grazie per il link al tuo sito e quello al tuo libro, ma non ho capito bene se ci dovevo trovare qualcosa di relativo all'argomento, in questo caso non ce l'ho trovato, ma, in effetti, non ho cercato molto...

enrico pelos ha scritto:
Dalla parte della Francia ne ho fatto dei tratti ma nella zona provenzale.
Io ho fatto Montecarlo-Cap d'ail, il circuito di Cap Ferrrat, il Circuit de l'Aiguille a Theoule sur Mer, buona parte del magnifico tratto da Trayas a Saint-Raphael, poi la zona da Saint Tropez a Cavalaire sur mer e infine i Calanques di Marsiglia...

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer dic 30, 2009 11:43 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 23, 2008 16:47
Messaggi: 702
Località: Genova
soundofsilence ha scritto:
enrico pelos ha scritto:
In primavera vorrei andare a rifarlo per verificarlo, se mai ci si può andare insieme.
Grazie, mi farebbe molto piacere, ma perchè non adesso in inverno, dopotutto Capo Mortola è la zona col miglior clima di tutta la Liguria... Da dentro villa Hanbury mi pare si veda un tracciato che la attraversa, più o meno come segnato sulla cartina che hai postato, ma a me interesserebbe molto di più restare proprio sulla costa piuttosto che attraversare la Villa... D'altronde, mi pare di ricordare di aver visto gente in spiaggia sempre dalla Villa, in qualche modo devono pur esserci andati, o erano tutti proprietari del posto?
enrico pelos ha scritto:
Grazie per il link al tuo sito e quello al tuo libro, ma non ho capito bene se ci dovevo trovare qualcosa di relativo all'argomento, in questo caso non ce l'ho trovato, ma, in effetti, non ho cercato molto...
enrico pelos ha scritto:
Dalla parte della Francia ne ho fatto dei tratti ma nella zona provenzale.
Io ho fatto Montecarlo-Cap d'ail, il circuito di Cap Ferrrat, il Circuit de l'Aiguille a Theoule sur Mer, buona parte del magnifico tratto da Trayas a Saint-Raphael, poi la zona da Saint Tropez a Cavalaire sur mer e infine i Calanques di Marsiglia...
E' vero che tutta quella zona ha il miglior clima ed anche a Natale fanno il bagno ma a me interessa fare delle foto e quando il tempo non è bello preferisco non andare, ciò non toglie che non si possa lo stesso fare una gita ma a gen-feb ho diversi impegni.
Dall'interno della villa si passa su un ponticello dove sotto passa l'antica strada romana e si vede(va) la targa in marmo a ricordo del passaggio di Papa Innocenzo IV nel 1251, Macchiavelli, Napoleone ed altri personaggi famosi e di qui sono poi passato perchè io cercavo questo percorso. La bella spiaggia l'ho vista dall'alto in fondo alla villa ma non ci sono andato perchè in effetti da lì non ho visto passaggi "regolari" e non mi interessava non essendo sul tracciato
Il link alla pubblicazione è relativo ai percorsi dove è posssibile fare a piedi l'antico tracciato.

_________________
http://www.enricopelos.it - http://www.passeggiatealevante.it - http://www.luoghiabbandonati.it


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer dic 30, 2009 12:03 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
enrico pelos ha scritto:
E' vero che tutta quella zona ha il miglior clima ed anche a Natale fanno il bagno ma a me interessa fare delle foto e quando il tempo non è bello preferisco non andare, ciò non toglie che non si possa lo stesso fare una gita ma a gen-feb ho diversi impegni.
Beh anche a me piace fare le foto e la luce delle nitide giornate invernali non trovo sia così male, se poi è brutto tempo si evitano i controluce...
Se trovi un giorno libero tra gennaio e febbraio fammi sapere, io sono sempre disponibile e se, al contrario, decidessi di andarci prima, magari con famiglia al seguito, ti faccio sapere....

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer dic 30, 2009 12:21 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 23, 2008 16:47
Messaggi: 702
Località: Genova
soundofsilence ha scritto:
enrico pelos ha scritto:
E' vero che tutta quella zona ha il miglior clima ed anche a Natale fanno il bagno ma a me interessa fare delle foto e quando il tempo non è bello preferisco non andare, ciò non toglie che non si possa lo stesso fare una gita ma a gen-feb ho diversi impegni.
Beh anche a me piace fare le foto e la luce delle nitide giornate invernali non trovo sia così male, se poi è brutto tempo si evitano i controluce...
Se trovi un giorno libero tra gennaio e febbraio fammi sapere, io sono sempre disponibile e se, al contrario, decidessi di andarci prima, magari con famiglia al seguito, ti faccio sapere....

Sono d'accordo con te sulla luce ma preferendo i colori saturi ... ma qui andiamo OT.
Ok a risentirci :smt023 e auguri di Buon Anno

_________________
http://www.enricopelos.it - http://www.passeggiatealevante.it - http://www.luoghiabbandonati.it


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer dic 30, 2009 12:27 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
enrico pelos ha scritto:
Ok a risentirci :smt023 e auguri di Buon Anno
Auguri anche a te! :D

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer dic 30, 2009 21:49 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 11, 2008 10:24
Messaggi: 66
Ciao, il sentiero che vedi dal ponticello di Villa Hambury inizia proprio dopo la prima galleria (da Ventimiglia verso la Francia).

Scavalchi il guard rail e sei già sul sentiero che và giù verso le spiagge e passa sotto al pontino suddetto, costeggia la zona Sud della villa e accedi alle varie calette (tutte rocciose!).
Qui c'è la cartina con il sentiero evidenziato
Farai foto magnifiche!! 8) 8)

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: gio dic 31, 2009 8:08 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
dani ha scritto:
Ciao, il sentiero che vedi dal ponticello di Villa Hambury inizia proprio dopo la prima galleria (da Ventimiglia verso la Francia).

Scavalchi il guard rail e sei già sul sentiero che và giù verso le spiagge e passa sotto al pontino suddetto, costeggia la zona Sud della villa e accedi alle varie calette (tutte rocciose!).
Qui c'è la cartina con il sentiero evidenziato
Farai foto magnifiche!! 8) 8)
Grazie! Magnifico lavoro...

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: mer gen 06, 2010 15:55 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
soundofsilence ha scritto:
dani ha scritto:
Ciao, il sentiero che vedi dal ponticello di Villa Hambury inizia proprio dopo la prima galleria (da Ventimiglia verso la Francia).

Scavalchi il guard rail e sei già sul sentiero che và giù verso le spiagge e passa sotto al pontino suddetto, costeggia la zona Sud della villa e accedi alle varie calette (tutte rocciose!).
Qui c'è la cartina con il sentiero evidenziato
Farai foto magnifiche!! 8) 8)
Grazie! Magnifico lavoro...
Confermo sul campo il magnifico lavoro e ti ringrazio ancora, la traccia è proprio perfetta, l'ho percorsa tutta e anche qualcosa in più e non si discosta per niente da quella rilevata dal mio GPS... =D> =D> =D>

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: ven gen 08, 2010 12:59 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
Domenica 3 gennaio 2010: Capo Mortola
Partecipanti: Erika, Federica, Francesca, Laura, Davide.
Lunghezza: 4,2 Km
Dislivello: Quasi niente.
Difficoltà: Un tratto quasi EE per scendere alla spiaggia immediatamente a est di Capo Mortola, data la traccia un po’ ripida. Un passaggio decisamente EE per superare un tratto di sentiero franato presso la prima spiaggia di Capo Mortola: il passaggio è esposto, gli appoggi per i piedi sono bagnati, ma comodi appigli per le mani rendono più facile l’impresa’. Per il resto il sentiero è quasi ‘turistico’ data anche la brevità (ma lo si può sicuramente allungare verso ovest a piacimento) e la quasi assenza di dislivello.

Bello finalmente fare una gita in famiglia con la squadra tipo, solo con la sostituzione di mio figlio Andrea, che studia (dice lui…), con la migliore amica di mia figlia Laura… Bello anche svernare finalmente al caldo della riviera di ponente… Peccato solo che troviamo poco sole, le previsioni di meteo france erano troppo ottimistiche e, per il meteo, sarebbe stato meglio rimanere un poco più a est.
La terza gita in 2 giorni sicuramente non sfigura a fianco delle altre 2: l’ambiente di Capo Mortola e le sue scogliere e spiaggette è molto bello anche con poco sole ed in più impreziosito dall’attraversamento di Villa Hanbury e della sua vegetazione lussureggiante e, soprattutto, dai tantissimi fossili delle calette presso il Capo. In macchina, giunti a Ventimiglia si prende la variante bassa dell’Aurelia, quella che porta ai Balzi Rossi; non mi ricordo più come è indicata nei cartelli ma basta, al bivio, non prendere sopra a destra per Villa Hanbury, ma in basso a sinistra. Si prosegue quindi fino alla Galleria della Mortola (il nome c’è scritto) e attraversatala si cerca uno slargo sulla sinistra dove si può parcheggiare. Il primo slargo si trova a circa 400 metri dall’uscita della galleria. Dopo 200 metri di Aurelia verso est si può decidere se continuare fino all’imbocco della predetta galleria o imboccare una traccia che porta a scavalcare la ferrovia su un ponticello. La prima ipotesi è più panoramica e veloce, ma non consente di scendere al mare. La seconda ipotesi permette almeno una discesa al mare (che, purtroppo, non ho avuto occasione di verificare) nelle spiagge precedenti Capo Mortola a ovest e si riconnette poi presso la solita galleria al sentiero soprastante. Il sentiero soprastante, appunto, assai largo e panoramico giunge ben presto ad attraversare Villa Hanbury tra 2 muri. Qui il panorama scompare, ma si può apprezzare la vegetazione della Villa esondare dalle recinzioni e pendere sul sentiero e si può anche dare un’occhiata da vicino ai muri, ricchi di fossili…
Terminato il breve attraversamento il sentiero si biforca: proseguendo dritti (sinistra) in piano si hanno belle viste su una spiaggia e una bellissima scogliera dominata dal verdissimo parco di una villa, dopodichè il sentiero svolta a sinistra per risalire, temo, sull’Aurelia (non ho verificato ma ne sarei abbastanza sicuro: le ville non lasciano altro spazio…), ma scendendo invece brevemente a destra e approfittando di un varco nella recinzione della ferrovia si arriva sul sedime che si può percorrere per qualche metro ben distanti dai binari per ammirare il profilo di Capo Mortola da est; si può anche, subito dopo aver superato la recinzione, scendere per una ripida traccia che porta alla spiaggia sottostante, purtroppo invasa da alghe e continuare fino a una scarpata rossiccia e franosa che blocca, purtroppo, il proseguimento sui verdi prati sottostanti una villa e la bellissima successiva scogliera… Proseguendo invece a destra in discesa si giunge rapidamente su uno stretto sentiero sul bordo del mare; questo è un tratto che ricorda molto lo stile dei vicini ‘sentier littoral’ in Francia per il modo in cui segue fedelmente e da vicino la linea di costa… Il tratto è assai suggestivo e sfrutta il poco spazio lasciato dalle mura di Villa Hanbury per giungere, dopo l’attraversamento di alcuni simpatici ponticelli in pietra, alla spiaggetta di Capo Mortola, caratterizzata dalle rocce che formano una specie di gradinata naturale e impreziosita da numerosissimi fossili. Il posto è molto carino e ragazze/bambina e moglie si ci fermano volentieri a lungo… Io, dopo mangiato, approfittando di ciò, cerco una via per proseguire: all’estremità ovest della spiaggetta il sentiero è franato, a prima vista il passaggio sembra troppo pericoloso, ma, poi, guardo meglio e individuo appoggi e appigli che favoriscono il passaggio…. Un breve tratto di scogliera ed eccomi su una nuova, molto più grande spiaggia, proprio in corrispondenza del bar di Villa Hanbury dal quale sono separato da un cancello. Anche qui molti fossili, ma proseguo verso la scogliera di Capo Mortola, dove troneggia anche un bel cannone. Ancora qualche passo e la recinzione di Villa Hanbury che si estende perdipiù un poco all'esterno fino al bordo della scogliera a picco per non lasciare il minimo passaggio… Soddisfatto del panorama decido di tornare indietro, anche, se, in realtà, ci sarebbe un’altra possibilità per chiudere l’anello, ma preferisco non parlarne per non rischiare di creare dei problemi a chi, probabilmente, non fa niente di male, almeno credo, visto che io, di solito, nel dubbio, ho fiducia nella gente…
Ritorno quindi alla spiaggia dove ho lasciato la famiglia e ripartiamo ripercorrendo a ritroso il percorso dell’andata.
Varrà sicuramente la pena di tornare per proseguire verso ovest o sulle tracce sottostanti la variante dell’Aurelia o sulla Via Julia Augusta, laddove sia percorribile, e cercare di giungere fino a Mentone per collegarsi quindi al Sentier Littoral per Montecarlo e Cap d’Ail.

Foto: http://luoghidasogno.altervista.org/Mar ... ortola.htm

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: ven gen 08, 2010 17:13 
Non connesso
Sub-Titano Valdostano
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 09, 2008 0:05
Messaggi: 5346
Località: Alta Valle Scrivia / bassa val di Vara
Bella passeggiata! :D

_________________
"narratemi la regione dalla quale il figlio della montagna è sempre attratto, dove la forza dell'uomo convive con la mente aperta, dove riposano le ceneri dei padri liberi fedelmente vegliate dai figli liberi" Homines Dicti Walser


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: ven gen 08, 2010 17:26 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
Sub-Comandante ha scritto:
Bella passeggiata! :D
Grazie. :D

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: sab gen 09, 2010 14:01 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 21, 2008 9:56
Messaggi: 1234
Località: GENOVA Molassana
Bravo Sound, mi sembra che sei riuscito nel tuo intento (associare ad una gita con famiglia una picola esplorazione).

Io apprezzo tutte le tue relazioni, che se riguardano posti che conosco, mi fanno spesso rivivere emozioni passate.
Purtroppo (e me ne scuso) i tuoi "post", per la loro lunghezza (o meglio per la mia cronica mancanza di tempo) non riesco a leggerli entro i 2-3 giorni seguenti a quando sono stati scritti.

Comunque bravo!!

Giorgio

_________________
Giorgio Mazzarello
GEOMAZ
http://www.mappeliguria.com
http://www.webalice.it/giorgio.mazzarello/


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: sab gen 09, 2010 14:28 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 11, 2008 10:24
Messaggi: 66
mi fa piacere esserti stata d'aiuto!! E' da tempo che non faccio quel sentiero e grazie al tuo racconto l'ho ripercorso mentalmente!! =D> =D>
Metti qualche foto?
Cita:
Soddisfatto del panorama decido di tornare indietro, anche, se, in realtà, ci sarebbe un’altra possibilità per chiudere l’anello, ma preferisco non parlarne per non rischiare di creare dei problemi a chi, probabilmente, non fa niente di male, almeno credo, visto che io, di solito, nel dubbio, ho fiducia nella gente…

l'abbiamo fatto... shhh :-" :-"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: sab gen 09, 2010 19:36 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
giorgio.mazzarello ha scritto:
Purtroppo (e me ne scuso) i tuoi "post", per la loro lunghezza (o meglio per la mia cronica mancanza di tempo) non riesco a leggerli entro i 2-3 giorni seguenti a quando sono stati scritti.
Ci mancherebbe, mica devi chiedermi scusa, non ho ancora messo un tempo massimo, anzi sono io che ti ringrazio per l'attenzione che mi dedichi.... :D
Piuttosto aspetto sempre che passi per il city navigator...
Ciao.

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: sab gen 09, 2010 19:40 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
dani ha scritto:
mi fa piacere esserti stata d'aiuto!!
Grazie ancora :D ...

dani ha scritto:
Metti qualche foto?
C'è il link in fondo al racconto, non l'hai visto?
In ogni caso lo ripeto qua:
http://luoghidasogno.altervista.org/Mar ... ortola.htm

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: sab gen 09, 2010 20:37 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 11, 2008 10:24
Messaggi: 66
:D visto, grazie!!!!!bei posti e belle foto, complimenti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: lun dic 28, 2020 14:38 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
Sul mio sito la traccia GPS:http://luoghidasogno.altervista.org/Mare/Liguria/RivieraPonente/Mortola.htm

Martedì 8-12-2020: Punta Garavano (30-0) – Capo Mortola (30-0) - Capo Benjamin (45-0) e ritorno per la SS1 Aurelia.

Partecipanti: Chiara e soundofsilence.

Lunghezza: 7,3 Km il giro completo, giro che in effetti risulta dall’unione di più giri esplorativi da me effettuati.

Dislivello: difficile quantificare tutte le discese e risalite, comunque all’incirca 250 m.

Difficoltà: si tratta di un percorso in generale EE, tranne il ritorno su Via Aurelia, classificabile turistico, T, tratto volendo evitabile ripercorrendo in parte a ritroso il percorso effettuato, ma che alla fine è consigliabile per un veloce ritorno, dato anche il tempo che richiede sicuramente l’orientarsi ed esplorare le varie scogliere e cale. Nel dettaglio la spiaggia Benjamin e il periplo di Punta Garavano non presentano difficoltà di sorta, quindi E, eccetto l’ultimo tratto di scogliera ad est della Spiaggia Benjamin, che presenta un tratto attrezzato con cavo d’acciaio (non in ottime condizioni, ma usabile) per superare una breve cengia rocciosa, superabile comunque anche senza; il tratto di sentiero e scogliere poi tra Punta Garavano e Capo Mortola è decisamente impegnativo in quanto stretto ed esposto sul ciglio della scogliera e alcune discese a mare lo sono altrettanto, altre sono semplici e alcune richiedono invece l’uso delle mani con passaggi al massimo di I. Discorso diverso per il periplo invece di Capo Mortola, dove il percorso è in genere facile, ma il crollo dell’ultimo ponticello per la spiaggia di Capo Mortola obbliga ad un passaggio non facile per superare un salto di roccia, direi III grado, data la mancanza di appigli, ma non esposto, ed un secondo passaggio meno tecnico, ma comunque un po’ esposto sul mare è necessario per continuare dalla spiaggia verso ovest; infine la zona di Capo Benjamin presenta un facile cancello da superare e una ripida discesa di una breve scarpata, entrambe le cose considerabile EE, per il resto facile.

Percorso in macchina: da Genova in autostrada fino all’uscita di Ventimiglia, subito dopo l’uscita si prende a destra per Ventimiglia, lasciando a sinistra per Cuneo e Limone, passiamo quindi il viadotto sul Roja e prendiamo subito a destra per Ventimiglia e Villa Hanbury. Continuiamo quindi in direzione mare per oltre 1,5 Km, fino alle segnalazioni verso destra per la Francia, che seguiamo attraversando nuovamente il Roja, oltre al quale prendiamo ancora a destra sempre seguendo le indicazioni per la francia. Superiamo quindi un lungo tunnel e giungiamo quindi in località Latte e, appena superato il centro abitato, troviamo un bivio dove a destra è indicato per Villa Hanbury e Ponte San Luigi, mentre noi prendiamo a sinistra per Ponte San Ludovico e, dopo poco, incontriamo un primo tunnel (Galleria della Mortola), superato il quale cerchiamo un parcheggio sulla sinistra, che troviamo in corrispondenza di un’interruzione del marciapiede dirimpetto ad una piazzola sul mare, il cui accesso è però bloccato dal guardrail.

Percorso a piedi: premetto che il percorso che mi accingo a descrivere è un sunto di più gite diverse in cui ho esplorato le varie parti della zona e che quindi nella traccia GPS qui allegata non troverete il periplo completo di Capo Mortola né la visita a Capo Benjamin, ma volendo potete comunque contattarmi per le altre tracce.
Dal parcheggio proseguiamo per un centinaio di metri sulla strada asfaltata (si tratta della SS1 Aurelia) in direzione Francia giungendo così al cancello della Locanda Benjamin, sulla sinistra del quale troviamo un sentierino che vi accede attraverso un varco nella recinzione (direi che non si tratta di una violazione di proprietà privata in quanto vi si può accedere senza recinzioni da ovest, come descritto più avanti). Superata la recinzione continuiamo quindi al margine sinistro del prato successivo, per poi immetterci sulla stradina proveniente dal cancello, con la quale scendiamo verso il mare. Poco prima di giungere al mare la stradina si biforca, proseguendo verso sinistra per una cinquantina di metri, per esaurirsi sopra una spiaggetta di difficile (ma non impossibile) accesso da qui, mentre a destra si scende verso la locanda e la spiaggia principale (Spiaggia Baia Benjamin). Fatta la breve deviazione a sinistra e rinunciato a scendere la spiaggetta, che raggiungeremo successivamente per la più facile scogliera, ci dirigiamo a destra e scendiamo alla spiaggia. Raggiunta la spiaggia la percorriamo verso sinistra giungendo prima alla spiaggetta di cui sopra e quindi ad un punto attrezzato con cavo metallico che aiuta a superare una breve cengia esposta sul mare, superata la quale raggiungiamo una nuova spiaggetta, oltre la quale diventa assai difficile proseguire senza entrare in mare. Invertiamo quindi marcia e ripercorriamo i nostri passi fino al punto in cui siamo scesi in spiaggia, raggiunto il quale continuiamo a percorrere la spiaggia verso ovest fino al suo termine, dove imbocchiamo uno stradino verso destra e quindi, seguendolo, iniziamo il periplo di Punta Garavano. Giunti quindi nei pressi dell’estremità della punta lasciamo il viottolo per continuare su scogliera, che qui presenta alcune belle vene di quarzo e di roccia rossa e anche alcune piccole piscine naturali che vale la pena di visitare. Attraversiamo quindi la scogliera paralleli al viottolo che stavamo percorrendo, per poi riprenderlo poco meno di 100 metri più avanti. Concludiamo quindi il periplo di Punta Garavano arrivando ad un bivio: a sinistra si va ai Balzi Rossi e alla Spiaggia delle Uova, mentre noi prendiamo a destra trovando, dopo poco, un nuovo bivio, dove a sinistra si sale verso Grimaldi, mentre noi prendiamo a destra, raggiungendo dopo 150 metri circa l’Aurelia, che iniziamo a percorrere verso est. Percorriamo quindi la strada superando il breve tunnel della Dogana e quindi passiamo davanti al cancello della Locanda Benjamin, 50 metri dopo il quale imbocchiamo un sentierino a destra, in corrispondenza di una interruzione del marciapiede simile a quella, poco più avanti, presso la quale abbiamo parcheggiato. Scendiamo quindi sul sentierino, poi percorriamo un tratto parallelo e sovrastante alla ferrovia quindi riprendiamo a scendere fino ad incrociare un altro sentiero parallelo alla costa e sul ciglio del mare, che imbocchiamo verso destra, giungendo subito sul ciglio di una bella spiaggetta, apparentemente inaccessibile; guardando meglio una esile cengia verso sinistra permette di scendervi con attenzione, ma senza difficoltà. Dalla spiaggetta si può percorrere la scogliera verso destra (ovest) per circa 150 metri senza difficoltà, attraverso anche una spettacolare e larga cengia che ci porta ad un ultima spiaggetta, oltre la quale, per proseguire, occorre arrampicare con passaggi di II che permettono di avanzare ancora qualche metro e di giungere a vedere, distante una ventina di metri, il punto in cui ci siamo arrestati precedentemente esplorando la baia Benjamin. Torniamo quindi sui nostri passi fino al punto in cui siamo scesi alla prima spiaggia e continuiamo in direzione opposta (est) passando all’interno di un curioso parapetto di roccia (possibile anche passare all’esterno ma se il mare è mosso si rischia di bagnarsi), per giungere ad una nuova spiaggetta oltre la quale troviamo una punta rocciosa che ci impedisce di proseguire senza compiere un difficile guado saltando sulle rocce, impossibile comunque da eseguire senza bagnarsi se il mare non è più che calmo. Rinunciato quindi al guado torniamo per pochi metri indietro, individuando una cengia terrosa che permette di risalire al soprastante sentiero, che imbocchiamo verso destra (est), trovando subito, in rapida sequenza, due successive brevi discese a mare che, però, nell’occasione ignoriamo. Una trentina di metri dopo la seconda discesa a mare è possibile deviare a destra per raggiungere l’estremità di una punta panoramica, poco prima della quale vi è una terza discesa a mare sulla sinistra, anche questa rimandata ad un’altra volta.
Riprendiamo quindi a seguire lo stretto e suggestivo sentierino a picco sul mare in direzione est, saltando una nuova discesa a mare dopo 150 metri, per poi imboccare invece la successiva dopo quasi altrettanti metri, discesa piuttosto impegnativa in cui bisogna usare un poco le mani per giungere ad una nuova spiaggetta. Tornati dalla spiaggetta riprendiamo a percorrere il sentierino verso est, deviando a destra sulla successiva punta rocciosa, per poi riprendere il percorso verso est, giungendo in breve ad una spiaggia dove sono presenti resti di costruzioni, che si raggiunge con pochi metri di deviazione. Da questa spiaggia sarebbe possibile poi proseguire lungamente sull’arenile e sui successivi probabilmento giungendo fin quasi a Capo Mortola, ma nell’occasione, avendo meno di mezza giornata a disposizione, abbiamo preferito evitare. Siamo quindi risaliti pochi metri e, constatato che il sentierino non continua più verso est, abbiamo seguito una traccia che risale verso nord-ovest fin quasi a raggiungere i binari della ferrovia.
In vista dei binari si continua su traccia infrascata, parallela agli stessi, sempre in direzione est, scendendo sui sedimenti adiacenti ai binari quando il sentiero non è più percorribile o individuabile, per poi tornare quindi a percorrere il sentiero sempre nella stessa direzione. Dopo quindi oltre 200 metri paralleli, o sui, binari, giungiamo ad incrociare un sentiero più evidente, che imbocchiamo verso destra in discesa, per poi girare a sinistra e percorrere un largo sentiero attraverso le mura di Villa Hanbury. Alla fine delle mura incrociamo quindi un sentiero parallelo alla costa, che imbocchiamo verso destra, iniziando così il periplo di Capo Mortola. Il sentiero quindi svolta a destra e supera un paio di graziosi ponticelli in pietra, ma il terzo purtroppo è franato e costringe a superare un difficile, ma basso e non esposto, salto di roccia per raggiungere la spiaggia di Capo Mortola, ricca di fossili. All’estremità ovest della spiaggetta il sentiero è franato e, a prima vista, il passaggio sembra troppo pericoloso, ma, poi, guardando meglio si individuano appoggi e appigli che permettono di passare con un poco di attenzione. Un breve tratto di scogliera e giungiamo quindi su una nuova, molto più grande spiaggia, proprio in corrispondenza del bar di Villa Hanbury dal quale ci separa un cancello. Anche qui molti fossili- Si può quindi proseguire ancora verso la scogliera di Capo Mortola, dove troneggia anche un bel cannone. Ancora qualche passo e la recinzione di Villa Hanbury che si estende perdipiù un poco all'esterno fino al bordo della scogliera a picco per non lasciare il minimo passaggio impedisce la prosecuzione, torniamo quindi indietro sui nostri passi fino al punto in cui abbiamo iniziato il periplo del capo, proseguendo quindi dritti, invece di svoltare a sinistra tra le mura di Villa Hanbury dove siamo passati all’andata. Novanta metri dopo questo punto troviamo un bivio: continuando dritti a sinistra, e al successivo bivio a destra, arriviamo in breve all’Aurelia, mentre noi prendiamo invece il sentierino a destra, che scende ai binari della ferrovia e poi svolta a destra verso il mare. Si giunge così ad una spiaggia adiacente alla scogliera di Capo Benjamin ed una scarpata ripida e terrosa ci sbarra la strada per la prosecuzione verso il predetto Capo. Per proseguire occorre invece scavalcare un cancello sul retro della spiaggia (scavalcamento facile e anche qui non credo si possa parlare di violazione di proprietà privata, stante la mancanza di segnalazioni e la possibilità di accedervi liberamente dall’altro lato) e quindi piegare a destra su un ripiano erboso, fino al limitare dello stesso. Scendiamo quindi una ripida, ma breve e non difficile, scarpata scavalcando poi un fosso tra le canne e raggiungiamo quindi un viottolo dal quale si può accedere, tramite un basso cancelletto, alla successiva spiaggia e alle rocce di Capo Benjamin. Visitata la spiaggia torniamo quindi al viottolo e lo imbocchiamo verso destra ed, in 200 metri circa, arriviamo all’Aurelia, che imbocchiamo verso sinistra, Sull’Aurelia, in poco più di 200 metri raggiungiamo la galleria della Mortola (450 m. circa), che dobbiamo attraversare su comodo marciapiede e quindi, in meno di 400 metri, raggiungiamo il parcheggio.

Conclusioni: giro breve ma che prende molto più tempo di quanto si possa immaginare per le difficoltà sia di orientamento ed esplorazione su tracce a volte appena accennate, sia per quelle tecniche dovute a tratti esposti o dove si devono usare le mani, è tuttavia possibile ultimarlo in una mezza giornata piena, ma consiglio di dedicarvici una giornata intera per godere appieno dei tanti punti di interesse che il giro presenta, in particolare il bellissimo sentiero a picco sul mare Punta Garavano e Capo Mortola, la scogliera di Punta Garavano con le vene di roccia rossa e di quarzo, la bella spiaggia di Capo Mortola con i suoi fossili, nonché le altre cale e spiagge, alcune selvagge e solitarie che costellano il percorso.

Immagine
Cap Martin e Montecarlo dall'Aurelia

Immagine
Balzi Rossi dall'Aurelia più da lontano

Immagine
Capo Mortola dall'Aurelia

Immagine
Infiorescenza di fiorellini bianchi a Capo Mortola più da lontano

Immagine
Ponticello Villa Hanbury sopra il sentiero

Immagine
Vegetazione rigogliosa Villa Hanbury incombe sopra il sentiero

Immagine
3 Infiorescenze fiorellini bianchi a Capo Mortola

Immagine
Spiaggia e scogliera a est Capo Mortola più da vicino

Immagine
Spiaggia a est Capo Mortola

Immagine
Profilo scuro Capo Mortola dalla ferrovia primo piano

Immagine
Profilo scuro Capo Mortola dalla ferrovia più da lontano ancora più chiara

Immagine
Scogliera a est Capo Mortola primo piano più da vcino

Immagine
Sentiero costiero per Capo Mortola

Immagine
Capo Mortola da sentiero costiero

Immagine
Ponticello Francesca e Capo Mortola

Immagine
Muri Villa Hanbury sommersi da vegetazione avvicinandosi a spiaggia della Mortola

Immagine
Spiaggia della Mortola con il Capo sullo sfondo

Immagine
Spiaggia della Mortola con il Capo sullo sfondo più da vicino

Immagine
Spiaggia della Mortola col flash

Immagine
Scogliera gradonata in spiaggia della Mortola

Immagine
Ciotolo rotondo bucherellato sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Pietra bucherellata sula spiaggia della Mortola

Immagine
Conchiglia inglobata in roccia sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Fossili di nummuliti e patelle sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Fossili a bastoncini sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Fossile concavo di Bivalva sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Chiocciola fossile sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Bivalva parzialmente fossile sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Fossile di Bivalva sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Flabellum fossile sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Flabellum fossile più da vicino sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Flabellum fossile primo piano sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Altro Flabellum fossile primo piano sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Rametto corallo fossile sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Fossile convesso di Bivalva sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Spiaggia della Mortola lato ovest primo piano

Immagine
Scogliera gradonata in spiaggia della Mortola più da vicino

Immagine
Spiaggia e Capo Mortola

Immagine
Spiaggia e Capo Mortola primo piano

Immagine
Albero spiaggia e Capo Mortola dall'alto

Immagine
Spiaggia e Capo Mortola più da vicino

Immagine
Fossile conchiglia a spirale slla spiaggia della Mortola

Immagine
Fossile a punto interrogativo sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Spiaggia Capo Mortola da ovest

Immagine
Spiaggia Capo Mortola da ovest più da vicino

Immagine
Masso tempestato di nummuliti sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Masso tempestato di nummuliti sulla spiaggia della Mortola più da vicino

Immagine
Scogliera Capo Mortola e Cap Martin sullo sfondo

Immagine
Scoglio-Isola davanti a Capo Mortola

Immagine
Cannone e Cap Martin da Capo Mortola

Immagine
Ancora altro Flabellum fossile primo piano sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Sperone di roccia a Capo Mortola e vista su Montecarlo

Immagine
Capo Mortola con cannone

Immagine
Fossile di Conchiglia a spirale e ramo di corallo sulla spiaggia della Mortola

Immagine
Fine del sentiero a Capo Mortola

Immagine
Fossile convesso di Bivalva sulla spiaggia della Mortola più da vicino

Immagine
Fine del sentiero a Capo Mortola più da vicino

Immagine
Scogliere verso la Francia da Capo Mortola

Immagine
Ponticelli su sentiero per spiaggia della Mortola

Immagine
Spiaggia della Mortola lato ovest col flash

Immagine
Scogliera gradonata in spiaggia della Mortola ancora più da vicino

Immagine
Spiaggia della Mortola tornando alla macchina più da lontano

Immagine
Panchina in marmo e vista fino a Capo Mortola

Immagine
Spiaggia e scogliera a est Capo Mortola scendendovi

Immagine
Arisaro rosso tra i muri di Villa Hanbury vista verticale

Immagine
Fossili sui muri di Villa Hanbury

Immagine
Fossile venato sui muri di Villa Hanbury

Immagine
Fossile sui muri di Villa Hanbury

Immagine
Spiaggia Capo Benjamin

Immagine
Promontorio a fine spiaggia in Capo Benjamin

Immagine
Capo Mortola da spiaggia Capo Benjamin

Immagine
Scogliera Capo Benjamin

Immagine
Pino marittimo a picco su scogliera in Capo Benjamin

Immagine
Capo Benjamin e costa est

Immagine
Scogliera Capo Benjamin primo piano

Immagine
Scogliera Capo Benjamin primissimo piano

Immagine
Scogliera Capo Benjamin primissimo piano più da lontano

Immagine
Scogliera Capo Benjamin primo piano più da vicino

Immagine
Luci del tramonto su costa est andando a Capo Mortola

Immagine
Tramonto su Capo Mortola

Immagine
Ponticello in pietra e tramonto a Capo Mortola

Immagine
Tramonto su Capo Mortola più da vicino

Immagine
Ponticello in pietra e vista est al tramonto a Capo Mortola

Immagine
Tramonto su Capo Mortola ancora più da vicino

Immagine
Sottopasso tra le mura di Villa Hanbury

Immagine
Spiaggia a ovest Capo Mortola più da vicino

Immagine
Primo piano Punta Garavano da parco Locanda Benjamin

Immagine
Punta Garavano da parco Locanda Benjamin

Immagine
Cactus e mare da parco Locanda Benjamin

Immagine
Cactus e Punta Garavano da parco Locanda Benjamin più da vicino

Immagine
Cengia attrezzata ad est Baia Benjamin

Immagine
Punta rocciosa ad est Baia Benjamin primo piano

Immagine
Scogliera ad est Baia Benjamin

Immagine
Spiaggia Baia Benjamin e Punta Garavano primo piano andandovi

Immagine
Spiaggia Baia Benjamin e Punta Garavano andandovi

Immagine
Inizio sentiero per periplo Punta Garavano

Immagine
Punta Garavano andandovi

Immagine
Isolotto a Punta Garavano

Immagine
Piscinette a Punta Garavano

Immagine
Vena di quarzo a Punta Garavano più da lontano

Immagine
Piscinetta in vena quarzo e isolotto Punta Garavano

Immagine
Due piscinette a Punta Garavano

Immagine
Piscinetta e rocce rosse a Punta Garavano

Immagine
Piscinetta rocce rosse e Punta Garavano

Immagine
Piscinetta rocce rosse e Punta Garavano più da vicino

Immagine
Piscinetta rocce rosse e Punta Garavano ancora più da vicino

Immagine
Piscinetta rocce rosse e Punta Garavano ancora più da vicino

Immagine
Piscinetta rocce rosse e Punta Garavano primo piano

Immagine
Piscinetta tra rocce rosse a Punta Garavano

Immagine
Punta Garavano con piscinetta

Immagine
Piscinetta a Punta Garavano e vista ovest

Immagine
Faraglioni a Punta Garavano

Immagine
Balzi Rossi da Punta Garavano

Immagine
Sentiero Punta Garavano verso ovest

Immagine
Sentiero Punta Garavano verso est

Immagine
Isolotto davanti a Spiaggia delle Uova da Punta Garavano

Immagine
Sentiero sopra ferrovia

Immagine
Punta Garavano andando verso Capo Mortola

Immagine
Spiaggetta con isolotti da sopra

Immagine
Spiaggetta con isolotti scendendovi

Immagine
Vista est da spiaggetta con isolotti

Immagine
Scogliera andando verso ovest da spiaggetta con isolotti

Immagine
Spiaggia ad ovest spiaggetta con isolotti

Immagine
Larga cengia e spiaggetta successiva

Immagine
Larga cengia percorrendo scogliera verso ovest

Immagine
Larga cengia e spiaggia a ovest

Immagine
Larga cengia e spiaggia a ovest più da vicino

Immagine
Punta rocciosa e Punta Garavano in lontananza

Immagine
Scogliera andando verso Baia Benjamin

Immagine
Baia Benjamin da scogliera ad est

Immagine
Scogliera superata per andare verso Baia Benjamin

Immagine
Spiaggetta e punta rocciosa tornando a spiaggetta con isolotti

Immagine
Spiaggetta e punta rocciosa andando a spiaggetta con isolotti

Immagine
Spiaggetta con isolotti andandovi

Immagine
Parapetto di roccia e isolotto

Immagine
Isolotti e mare d'oro

Immagine
Spiaggia con isolotti davanti vista da est

Immagine
Punta rocciosa a est spiaggia con isolotti

Immagine
Spiaggia con isolotto e scia di luce sul mare

Immagine
Spiaggette e punta rocciosa risalendo al sentiero

Immagine
Sentiero a picco su scogliera andando verso Capo Mortola

Immagine
Punta rocciosa da sentiero soprastante

Immagine
Sentiero a picco su scogliera andando verso Capo Mortola

Immagine
Scogliera da sentiero a picco soprastante

Immagine
Punte rocciose da sentiero soprastante

Immagine
Punta rocciosa con intaglio da sentiro soprastante

Immagine
Primo piano punta rocciosa con intaglio da sentiro soprastante

Immagine
Discesa a punta rocciosa da sentiero soprastante

Immagine
Punta stratificata da sentiero soprastante

Immagine
Due punte rocciose e Capo Mortola

Immagine
Due punte rocciose e Capo Mortola più da vicino

Immagine
Due punte rocciose e Capo Mortola più da lontano

Immagine
Spiaggetta andando verso Capo Mortola

Immagine
Scogliera stratificata andando verso Capo Mortola

Immagine
Punte rocciose a ovest andando verso Capo Mortola

Immagine
Punta rocciosa andando verso Capo Mortola

Immagine
Piscinetta in scogliera andando verso Capo Mortola

Immagine
Punta rocciosa andando verso Capo Mortola più da vicino

Immagine
Spiaggia a ovest Capo Mortola

Immagine
Capo Mortola da ovest

Immagine
Ponticello in pietra andando a spiaggia Mortola

Immagine
Tramonto andando a spiaggia Mortola

Immagine
Tramonto da spiaggia Capo Mortola

Immagine
Mura Villa Hanbury da spiaggia Capo Mortola

Immagine
Fossile su spiaggia Capo Mortola più da vicino

Immagine
Conchiglia fossile su spiaggia Capo Mortola

Immagine
Tramonto da spiaggia Capo Mortola

Immagine
Fossile su spiaggia Capo Mortola

Immagine
Grosso fossile a Capo Mortola

Immagine
Fossile a Capo Mortola

Immagine
Fossile a Capo Mortola

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Capo Mortola.
MessaggioInviato: lun dic 28, 2020 20:20 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: lun dic 03, 2018 0:38
Messaggi: 447
Bellissimi i fossili

Inviato dal mio SM-G985F utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: ven gen 15, 2021 21:03 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 4861
Località: Genova / Imperia
=D> =D> Che bello . : Thumbup : Ci sono passato vicino tante volte e non sapevo nemmeno che esistesse 'sto sentiero .... :diavoletto:
:smt006

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: dom gen 17, 2021 11:53 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
daniele64 ha scritto:
=D> =D> Che bello . : Thumbup : Ci sono passato vicino tante volte e non sapevo nemmeno che esistesse 'sto sentiero .... :diavoletto:
:smt006

in effetti non esiste....

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: dom gen 17, 2021 12:14 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 4861
Località: Genova / Imperia
Beh , non c'è un intero sentiero costiero che permetta una facile traversata point to point ma mi pare dalle foto che ci siano ampi tratti di tracciato ( magari in cattivo stato ) a Capo Mortola e a capo Garavan. È già qualcosa ...

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: lun feb 22, 2021 15:46 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
Nuova versione arricchita di poche cose, ma molto interessanti.

Martedì 8-12-2020: Punta Garavano (30-0) – Capo Mortola (30-0) - Capo Benjamin (45-0) e ritorno per la SS1 Aurelia.

Partecipanti: Chiara, Ivonne e soundofsilence.

Lunghezza: 7,3 Km il giro completo, giro che in effetti risulta dall’unione di più giri esplorativi da me effettuati.

Dislivello: difficile quantificare tutte le discese e risalite, comunque all’incirca 250 m.

Difficoltà: si tratta di un percorso in generale EE, tranne il ritorno su Via Aurelia, classificabile turistico, T, tratto volendo evitabile ripercorrendo in parte a ritroso il percorso effettuato, ma che alla fine è consigliabile per un veloce ritorno, dato anche il tempo che richiede sicuramente l’orientarsi ed esplorare le varie scogliere e cale. Nel dettaglio la spiaggia Benjamin e il periplo di Punta Garavano non presentano difficoltà di sorta, quindi E, eccetto l’ultimo tratto di scogliera ad est della Spiaggia Benjamin, che presenta un tratto attrezzato con cavo d’acciaio (non in ottime condizioni, ma usabile) per superare una breve cengia rocciosa, superabile comunque anche senza; il tratto di sentiero e scogliere poi tra Punta Garavano e Capo Mortola è decisamente impegnativo in quanto stretto ed esposto sul ciglio della scogliera e alcune discese a mare lo sono altrettanto, altre sono semplici e alcune richiedono invece l’uso delle mani con passaggi al massimo di I. Discorso diverso per il periplo invece di Capo Mortola, dove il percorso è in genere facile, ma il crollo dell’ultimo ponticello per la spiaggia di Capo Mortola obbliga ad un passaggio non facile per superare un salto di roccia, direi III grado, data la mancanza di appigli, ma non esposto, ed un secondo passaggio meno tecnico, ma comunque un po’ esposto sul mare è necessario per continuare dalla spiaggia verso ovest; infine la zona di Capo Benjamin presenta un facile cancello da superare e una ripida discesa di una breve scarpata, entrambe le cose considerabile EE, per il resto facile.

Percorso in macchina: da Genova in autostrada fino all’uscita di Ventimiglia, subito dopo l’uscita si prende a destra per Ventimiglia, lasciando a sinistra per Cuneo e Limone, passiamo quindi il viadotto sul Roja e prendiamo subito a destra per Ventimiglia e Villa Hanbury. Continuiamo quindi in direzione mare per oltre 1,5 Km, fino alle segnalazioni verso destra per la Francia, che seguiamo attraversando nuovamente il Roja, oltre al quale prendiamo ancora a destra sempre seguendo le indicazioni per la francia. Superiamo quindi un lungo tunnel e giungiamo quindi in località Latte e, appena superato il centro abitato, troviamo un bivio dove a destra è indicato per Villa Hanbury e Ponte San Luigi, mentre noi prendiamo a sinistra per Ponte San Ludovico e, dopo poco, incontriamo un primo tunnel (Galleria della Mortola), superato il quale cerchiamo un parcheggio sulla sinistra, che troviamo in corrispondenza di un’interruzione del marciapiede dirimpetto ad una piazzola sul mare, il cui accesso è però bloccato dal guardrail.

Percorso a piedi: premetto che il percorso che mi accingo a descrivere è un sunto di più gite diverse in cui ho esplorato le varie parti della zona e che quindi nella traccia GPS qui allegata non troverete il periplo completo di Capo Mortola né la visita a Capo Benjamin, ma volendo potete comunque contattarmi per le altre tracce. Dal parcheggio proseguiamo per un centinaio di metri sulla strada asfaltata (si tratta della SS1 Aurelia) in direzione Francia giungendo così al cancello della Locanda Benjamin, sulla sinistra del quale troviamo un sentierino che vi accede attraverso un varco nella recinzione (direi che non si tratta di una violazione di proprietà privata in quanto vi si può accedere senza recinzioni da ovest, come descritto più avanti). Superata la recinzione continuiamo quindi al margine sinistro del prato successivo, per poi immetterci sulla stradina proveniente dal cancello, con la quale scendiamo verso il mare. Poco prima di giungere al mare la stradina si biforca, proseguendo verso sinistra per una cinquantina di metri, per esaurirsi sopra una spiaggetta di difficile (ma non impossibile) accesso da qui, mentre a destra si scende verso la locanda e la spiaggia principale (Spiaggia Baia Benjamin). Fatta la breve deviazione a sinistra e rinunciato a scendere la spiaggetta, che raggiungeremo successivamente per la più facile scogliera, ci dirigiamo a destra e scendiamo alla spiaggia. Raggiunta la spiaggia la percorriamo verso sinistra giungendo prima alla spiaggetta di cui sopra e quindi ad un punto attrezzato con cavo metallico che aiuta a superare una breve cengia esposta sul mare, superata la quale raggiungiamo una nuova spiaggetta, oltre la quale diventa assai difficile proseguire senza entrare in mare. Invertiamo quindi marcia e ripercorriamo i nostri passi fino al punto in cui siamo scesi in spiaggia, raggiunto il quale continuiamo a percorrere la spiaggia verso ovest fino al suo termine, dove imbocchiamo uno stradino verso destra e quindi, seguendolo, iniziamo il periplo di Punta Garavano. Giunti quindi nei pressi dell’estremità della punta lasciamo il viottolo per continuare su scogliera, che qui presenta alcune belle vene di quarzo e di roccia rossa e anche alcune piccole piscine naturali che vale la pena di visitare. Attraversiamo quindi la scogliera paralleli al viottolo che stavamo percorrendo, per poi riprenderlo poco meno di 100 metri più avanti. Concludiamo quindi il periplo di Punta Garavano arrivando ad un bivio: a sinistra si va ai Balzi Rossi e alla Spiaggia delle Uova, mentre noi prendiamo a destra trovando, dopo poco, un nuovo bivio, dove a sinistra si sale verso Grimaldi, mentre noi prendiamo a destra, raggiungendo dopo 150 metri circa l’Aurelia, che iniziamo a percorrere verso est. Percorriamo quindi la strada superando il breve tunnel della Dogana e quindi passiamo davanti al cancello della Locanda Benjamin, 50 metri dopo il quale imbocchiamo un sentierino a destra, in corrispondenza di una interruzione del marciapiede simile a quella, poco più avanti, presso la quale abbiamo parcheggiato. Scendiamo quindi sul sentierino, poi percorriamo un tratto parallelo e sovrastante alla ferrovia quindi riprendiamo a scendere fino ad incrociare un altro sentiero parallelo alla costa e sul ciglio del mare, che imbocchiamo verso destra, giungendo subito sul ciglio di una bella spiaggetta, apparentemente inaccessibile; guardando meglio una esile cengia verso sinistra permette di scendervi con attenzione, ma senza difficoltà. Dalla spiaggetta si può percorrere la scogliera verso destra (ovest) per circa 150 metri senza difficoltà, attraverso anche una spettacolare e larga cengia che ci porta ad un ultima spiaggetta, oltre la quale, per proseguire, occorre arrampicare con passaggi di II che permettono di avanzare ancora qualche metro e di giungere a vedere, distante una ventina di metri, il punto in cui ci siamo arrestati precedentemente esplorando la baia Benjamin. Torniamo quindi sui nostri passi fino al punto in cui siamo scesi alla prima spiaggia e continuiamo in direzione opposta (est) passando all’interno di un curioso parapetto di roccia (possibile anche passare all’esterno ma se il mare è mosso si rischia di bagnarsi), per giungere ad una nuova spiaggetta oltre la quale troviamo una punta rocciosa che ci impedisce di proseguire senza compiere un difficile guado saltando sulle rocce, impossibile comunque da eseguire senza bagnarsi se il mare non è più che calmo. Rinunciato quindi al guado torniamo per pochi metri indietro, individuando una cengia terrosa che permette di risalire al soprastante sentiero, che imbocchiamo verso destra (est), trovando subito, in rapida sequenza, due successive brevi discese a mare che, però, nell’occasione ignoriamo. Una trentina di metri dopo la seconda discesa a mare è possibile deviare a destra per raggiungere l’estremità di una punta panoramica, poco prima della quale vi è una terza discesa a mare sulla sinistra, anche questa rimandata ad un’altra volta. Riprendiamo quindi a seguire lo stretto e suggestivo sentierino a picco sul mare in direzione est, saltando una nuova discesa a mare dopo 150 metri, per poi imboccare invece la successiva dopo quasi altrettanti metri, discesa piuttosto impegnativa in cui bisogna usare un poco le mani per giungere ad una nuova spiaggetta. Tornati dalla spiaggetta riprendiamo a percorrere il sentierino verso est, deviando a destra sulla successiva punta rocciosa, per poi riprendere il percorso verso est, giungendo in breve ad una spiaggia dove sono presenti resti di costruzioni, che si raggiunge con pochi metri di deviazione. Da questa spiaggia sarebbe possibile poi proseguire lungamente sull’arenile e sui successivi probabilmente giungendo fin quasi a Capo Mortola, ma nell’occasione, avendo meno di mezza giornata a disposizione, abbiamo preferito evitare. Siamo quindi risaliti pochi metri e, constatato che il sentierino non continua più verso est, abbiamo seguito una traccia che risale verso nord-ovest fin quasi a raggiungere i binari della ferrovia. In vista dei binari si continua su traccia infrascata, parallela agli stessi, sempre in direzione est, scendendo sui sedimenti adiacenti ai binari quando il sentiero non è più percorribile o individuabile, per poi tornare quindi a percorrere il sentiero sempre nella stessa direzione. Dopo quindi oltre 200 metri paralleli, o sui, binari, giungiamo ad incrociare un sentiero più evidente, che imbocchiamo verso destra in discesa, per poi girare a sinistra e percorrere un largo sentiero attraverso le mura di Villa Hanbury. Alla fine delle mura incrociamo quindi un sentiero parallelo alla costa, che imbocchiamo verso destra, iniziando così il periplo di Capo Mortola. Il sentiero quindi svolta a destra e supera un paio di graziosi ponticelli in pietra, ma il terzo purtroppo è franato e costringe a superare un difficile, ma basso e non esposto, salto di roccia per raggiungere la spiaggia di Capo Mortola, ricca di fossili. All’estremità ovest della spiaggetta il sentiero è franato e, a prima vista, il passaggio sembra troppo pericoloso, ma, poi, guardando meglio si individuano appoggi e appigli che permettono di passare con un poco di attenzione. Un breve tratto di scogliera e giungiamo quindi su una nuova, molto più grande spiaggia, proprio in corrispondenza del bar di Villa Hanbury dal quale ci separa un cancello. Anche qui molti fossili- Si può quindi proseguire ancora verso la scogliera di Capo Mortola, dove troneggia anche un bel cannone. Ancora qualche passo e la recinzione di Villa Hanbury che si estende perdipiù un poco all'esterno fino al bordo della scogliera a picco per non lasciare il minimo passaggio impedisce la prosecuzione, torniamo quindi indietro sui nostri passi fino al punto in cui abbiamo iniziato il periplo del capo, proseguendo quindi dritti, invece di svoltare a sinistra tra le mura di Villa Hanbury dove siamo passati all’andata. Novanta metri dopo questo punto troviamo un bivio: continuando dritti a sinistra, e al successivo bivio a destra, arriviamo in breve all’Aurelia, mentre noi prendiamo invece il sentierino a destra, che scende ai binari della ferrovia e poi svolta a destra verso il mare. Si giunge così ad una spiaggia adiacente alla scogliera di Capo Benjamin ed una scarpata ripida e terrosa ci sbarra la strada per la prosecuzione verso il predetto Capo. Per proseguire occorre invece scavalcare un cancello sul retro della spiaggia (scavalcamento facile e anche qui non credo si possa parlare di violazione di proprietà privata, stante la mancanza di segnalazioni e la possibilità di accedervi liberamente dall’altro lato) e quindi piegare a destra su un ripiano erboso, fino al limitare dello stesso. Scendiamo quindi una ripida, ma breve e non difficile, scarpata scavalcando poi un fosso tra le canne e raggiungiamo quindi un viottolo dal quale si può accedere, tramite un basso cancelletto, alla successiva spiaggia e alle rocce di Capo Benjamin. Visitata la spiaggia torniamo quindi al viottolo e lo imbocchiamo verso destra ed, in 200 metri circa, arriviamo all’Aurelia, che imbocchiamo verso sinistra, Sull’Aurelia, in poco più di 200 metri raggiungiamo la galleria della Mortola (450 m. circa), che dobbiamo attraversare su comodo marciapiede e quindi, in meno di 400 metri, raggiungiamo il parcheggio.

Conclusioni: giro breve ma che prende molto più tempo di quanto si possa immaginare per le difficoltà sia di orientamento ed esplorazione su tracce a volte appena accennate, sia per quelle tecniche dovute a tratti esposti o dove si devono usare le mani, è tuttavia possibile ultimarlo in una mezza giornata piena, ma consiglio di dedicarvi una giornata intera per godere appieno dei tanti punti di interesse che il giro presenta, in particolare il bellissimo sentiero a picco sul mare tra Punta Garavano e Capo Mortola costellato di calette solitarie e selvagge, Capo Mortola e i suoi fossili, la scogliera di Punta Garavano con le sue grotte e gli incredibili colori.

E le nuove foto:
Immagine
Piscine naturali andando a Spiaggia delle Uova

Immagine
Scogliera sotto i Balzi Rossi

Immagine
Scogliere Balzi Rossi

Immagine
Balzi Rossi da sotto

Immagine
Spiaggia delle Uova vista da punta a ovest

Immagine
Scoglio in mare e vista costa francese andando a Spiaggia delle Uova

Immagine
Due isolotti da punta a ovest Spiaggia delle Uova

Immagine
Isolotto da punta a ovest Spiaggia delle Uova più da lontano

Immagine
Isolotti davanti a punta a ovest Spiaggia delle Uova da sopra

Immagine
Spiaggia delle Uova da sopra e Punta Garavano

Immagine
Rocce rosse ad estremità est Spiaggia delle Uova

Immagine
Spiaggia delle Uova e punta ad ovest

Immagine
Passaggio tra le rocce in estremità est Spiaggia delle Uova

Immagine
Spiaggia delle Uova e Punta Garavano

Immagine
Scogliera e Punta Garavano

Immagine
Spiaggia delle Uovo da scogliera Punta Garavano

Immagine
Punta Garavano dalla scogliera

Immagine
Agave e vista ovest da grotticella in scogliera Punta Garavano

Immagine
Agave e vista mare da grotticella in scogliera Punta Garavano

Immagine
Piscinetta tonda in scogliera Punta Garavano

Immagine
Ingresso Grotta marina a Punta Garavano

Immagine
Quarzo colorato a Punta Garavano

Immagine
Ingresso Grotta marina a Punta Garavano

Immagine
Quarzo intarsiato presso grotta marina Punta Garavano

Immagine
Secondo ingresso Grotta Marina a Punta Garavano

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'ingresso

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'ingresso più da vicino

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'ingresso più da vicino col flash

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'ingresso più da vicino

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'interno

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'interno col flash più da vicino

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano vista verticale col flash

Immagine
Buco in volta Grotta Marina Punta Garavano

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'interno

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'interno col flash

Immagine
Grotta Marina Punta Garavano dall'interno più da vicino

Immagine
Punta Garavano dalla Grotta Marina

Immagine
Zona Grotta Marina da sopra

Immagine
Vena quarzo rosso a Punta Garavano

Immagine
Vena quarzo rosso e mare a Punta Garavano

Immagine
Quarzo rosso e piscine verdi a Punta Garavano

Immagine
Quarzo rosso e piscine verdi a Punta Garavano

Immagine
Piscinetta verde a Punta Garavano

Immagine
Primo piano scogli al largo di Punta Garavano

Immagine
Quarzi gialli e rossi e piscinetta verde a Punta Garavano

Immagine
Quarzi gialli e rossi e piscinetta verde a Punta Garavano più da lontano

Immagine
Piscinette a Punta Garavano contornate da quarzi rossi

Immagine
Quarzi gialli e rossi e piscinetta verde a Punta Garavano più da lontano

Immagine
Piscinette a Punta Garavano contornate da quarzi rossi più da vicino

Immagine
Primo piano piscinette e quarzi rossi a Punta Garavano

Immagine
Primo piano piscinetta tra quarzi rossi e gialli a Punta Garavano

Immagine
Piscinette a Punta Garavano

Immagine
Isolotto ad estremità Punta Garavano

Immagine
Piscinetta ad estremità Punta Garavano

Immagine
Primo piano quarzi di Punta Garavano

Immagine
Punta Garavano da spiaggia Benjamin

Immagine
Spiaggia e Punta Rocciosa in scogliere a ovest Capo Mortola più da vicino

Immagine
Punte rocciose a est in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Punta rocciosa in primo piano e altre 2 sullo sfondo in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Punta rocciosa con Punta Garavano sullo sfondo in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Larga cengia rocciosa in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Spiaggia tra cengia e punta rocciosa in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Larga cengia rocciosa in scogliere a ovest Capo Mortola più da vicino

Immagine
Punta rocciosa e vista ovest da larga cengia in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Spiaggia e isolotto in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Spiaggia e isolotto in scogliere a ovest Capo Mortola più da vicino

Immagine
Punte rocciose a est in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Spiaggia ad arco e punta rocciosa ad ovest in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Isolotto in scogliere ad ovest Capo Mortola risalendo al sentiero

Immagine
Isolotto risalendo al sentiero

Immagine
Spiaggia ad arco e vista su Punta Garavano e costa francese risalendo al sentiero

Immagine
Sentierino a picco sulla scogliera

Immagine
Punta rocciosa in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Isolotto in scogliere a ovest Capo Mortola e vista su Punta Garavano e costa francese

Immagine
Promontorio roccioso in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Primo piano punta rocciosa in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Promontorio roccioso in scogliere a ovest Capo Mortola più da vicino

Immagine
Punta Rocciosa e Cap Ferrat da scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Punta Rocciosa e Cap Ferrat da scogliere a ovest Capo Mortola più da lontano

Immagine
Punte rocciose in scogliere a ovest Capo Mortola e costa francese sullo sfondo viste da sentiero

Immagine
Grande promontorio in scogliere a ovest Capo Mortola visto da spiaggia

Immagine
Spiaggia e promontorio roccioso in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Promontorio roccioso in scogliere a ovest Capo Mortola visto da sopra

Immagine
Agave fiorito e promontorio roccioso in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Promontorio con punta rocciosa in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Punta rocciosa e Cap Ferrat sullo sfondo in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Guglia rocciosa sopra scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Guglia rocciosa da sopra in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Due punte rocciose e Capo Mortola da scogliere a ovest

Immagine
Promontorio con punta rocciosa verso ovest in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Punta rocciosa da sopra in scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Punta e promontorio roccioso verso est da sentiero sopra scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Punta rocciosa da sopra e Capo Mortola sullo sfondo

Immagine
Grande spiaggia da sopra da sentiero attraverso scogliere a ovest Capo Mortola

Immagine
Ponticello in pietra andando a Capo Mortola

Immagine
Flabellum fossile a Capo Mortola

Immagine
Flabellum fossile a Capo Mortola

Immagine
Seconda spiaggia e Capo Mortola

Immagine
Isolotto a Capo Mortola

Immagine
Cannone a Capo Mortola

Immagine
Flabellum fossile in seconda spiaggia Capo Mortola più da vicino

Immagine
Falesie Capo Mortola con costa francese sullo sfondo

Immagine
Punta Capo Mortola con isolotto in lontananza

Immagine
Albero a picco sul mare in scogliere Villa Hanbury

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Capo Mortola.
MessaggioInviato: gio feb 25, 2021 8:12 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6602
Località: genova - marassi
Errata corrige, le difficoltà e il percorso non le avevo aggiornate correttamente:

Difficoltà: si tratta di un percorso in generale EE, tranne il ritorno su Via Aurelia, classificabile turistico, T, tratto volendo evitabile ripercorrendo in parte a ritroso il percorso effettuato, ma che alla fine è consigliabile per un veloce ritorno, dato anche il tempo che richiede sicuramente l’orientarsi ed esplorare le varie scogliere e cale. Nel dettaglio la spiaggia Benjamin e il periplo di Punta Garavano non presentano difficoltà di sorta, quindi E, eccetto l’ultimo tratto di scogliera ad est della Spiaggia Benjamin, che presenta un tratto attrezzato con cavo d’acciaio (non in ottime condizioni, ma usabile) per superare una breve cengia rocciosa, superabile comunque anche senza; il tratto di sentiero e scogliere poi tra Punta Garavano e Capo Mortola è decisamente impegnativo in quanto stretto ed esposto sul ciglio della scogliera e alcune discese a mare lo sono altrettanto, altre sono semplici e alcune richiedono invece l’uso delle mani con passaggi al massimo di I. Discorso diverso per il periplo invece di Capo Mortola, dove il percorso è in genere facile, ma il crollo dell’ultimo ponticello per la spiaggia di Capo Mortola obbliga ad un passaggio non facile per superare un salto di roccia, direi III grado, data la mancanza di appigli, ma non esposto, ed un secondo passaggio meno tecnico, ma comunque un po’ esposto sul mare è necessario per continuare dalla spiaggia verso ovest. Volendo poi completare il periplo di Capo Mortola sulla costa occore passare sotto un cancello, facile e non troppo scomodo, ma anche scavalcare un nuovo cancello per uscire da Villa Hanbury, passaggio questo assai più delicato per le punte sul cancello, tanto che conviene arrampicare il pilastro a destra su cui è incardinato, passaggio comunque rischioso che non consiglio molto. Infine la zona di Capo Benjamin presenta un facile cancello da superare e una ripida discesa di una breve scarpata, entrambe le cose considerabile EE, per il resto facile.

Percorso a piedi: premetto che il percorso che mi accingo a descrivere è un sunto di più gite diverse in cui ho esplorato le varie parti della zona e che quindi nella traccia GPS qui allegata non troverete il periplo completo di Capo Mortola né la visita a Capo Benjamin, ma volendo potete comunque contattarmi per le altre tracce.Dal parcheggio proseguiamo per un centinaio di metri sulla strada asfaltata (si tratta della SS1 Aurelia) in direzione Francia giungendo così al cancello della Locanda Benjamin, sulla sinistra del quale troviamo un sentierino che vi accede attraverso un varco nella recinzione (direi che non si tratta di una violazione di proprietà privata in quanto vi si può accedere senza recinzioni da ovest, come descritto più avanti). Superata la recinzione continuiamo quindi al margine sinistro del prato successivo, per poi immetterci sulla stradina proveniente dal cancello, con la quale scendiamo verso il mare. Poco prima di giungere al mare la stradina si biforca, proseguendo verso sinistra per una cinquantina di metri, per esaurirsi sopra una spiaggetta di difficile (ma non impossibile) accesso da qui, mentre a destra si scende verso la locanda e la spiaggia principale (Spiaggia Baia Benjamin). Fatta la breve deviazione a sinistra e rinunciato a scendere la spiaggetta, che raggiungeremo successivamente per la più facile scogliera, ci dirigiamo a destra e scendiamo alla spiaggia. Raggiunta la spiaggia la percorriamo verso sinistra giungendo prima alla spiaggetta di cui sopra e quindi ad un punto attrezzato con cavo metallico che aiuta a superare una breve cengia esposta sul mare, superata la quale raggiungiamo una nuova spiaggetta, oltre la quale diventa assai difficile proseguire senza entrare in mare. Invertiamo quindi marcia e ripercorriamo i nostri passi fino al punto in cui siamo scesi in spiaggia, raggiunto il quale continuiamo a percorrere la spiaggia verso ovest fino al suo termine, dove imbocchiamo uno stradino verso destra e quindi, seguendolo, iniziamo il periplo di Punta Garavano. Giunti quindi nei pressi dell’estremità della punta lasciamo il viottolo per continuare su scogliera, che qui presenta alcune belle vene di quarzo e di roccia rossa e anche alcune piccole piscine naturali che vale la pena di visitare. Attraversiamo quindi la scogliera paralleli al viottolo che stavamo percorrendo, 100 metri più avanti c’è la possibilità di riprendere il viottolo, ma vale la pena invece di continuare sulla scogliera, dove incontriamo ancora vene di quarzo, rocce rosse e una bella grotta marina, accessibile con prudenza (EE). Superata la grotta marina incontriamo anche una grotticella sulla destra, non molto interessante comunque, anche perché usata da abitazione.Continuiamo quindi su scogliera fino ad affacciarci sulla cosiddetta Spiaggia delle Uova sotto i Balzi Rossi, alla quale però è difficile scendere direttamente, ma conviene invece riprendere il viottolo a destra che vi scende senza difficoltà. Visitiamo quindi la Spiaggia delle Uova, così chiamata per i ciotoli tondeggianti, e quindi anche la punta subito ad ovest, caratterizzata da alcuni isolotti, quindi torniamo sui nostri passi fino al punto in cui abbiamo lasciato la scogliera.e proseguiamo sul viottolo in direzione est, giungendo dopo circa 100 metri ad un bivio, dove a destra si compierebbe di nuovo il periplo di Punta Garavano in senso opposto e su sentiero, mentre noi proseguiamo dritti a sinistra, trovando, dopo poco, un nuovo bivio, dove a sinistra si sale verso Grimaldi, mentre noi prendiamo a destra, raggiungendo dopo 150 metri circa l’Aurelia, che iniziamo a percorrere verso est. Percorriamo quindi la strada superando il breve tunnel della Dogana e quindi passiamo davanti al cancello della Locanda Benjamin, 50 metri dopo il quale imbocchiamo un sentierino a destra, in corrispondenza di una interruzione del marciapiede simile a quella, poco più avanti, presso la quale abbiamo parcheggiato. Scendiamo quindi sul sentierino, poi percorriamo un tratto parallelo e sovrastante alla ferrovia quindi riprendiamo a scendere fino ad incrociare un altro sentiero parallelo alla costa e sul ciglio del mare, che imbocchiamo verso destra, giungendo subito sul ciglio di una bella spiaggetta, apparentemente inaccessibile; guardando meglio una esile cengia verso sinistra permette di scendervi con attenzione, ma senza difficoltà. Dalla spiaggetta si può percorrere la scogliera verso destra (ovest) per circa 150 metri senza difficoltà, attraverso anche una spettacolare e larga cengia che ci porta ad un ultima spiaggetta, oltre la quale, per proseguire, occorre arrampicare con passaggi di II che permettono di avanzare ancora qualche metro e di giungere a vedere, distante una ventina di metri, il punto in cui ci siamo arrestati precedentemente esplorando la baia Benjamin. Torniamo quindi sui nostri passi fino al punto in cui siamo scesi alla prima spiaggia e continuiamo in direzione opposta (est) passando all’interno di un curioso parapetto di roccia (possibile anche passare all’esterno ma se il mare è mosso si rischia di bagnarsi), per giungere ad una nuova spiaggetta oltre la quale troviamo una punta rocciosa che ci impedisce di proseguire senza compiere un difficile guado saltando sulle rocce, impossibile comunque da eseguire senza bagnarsi se il mare non è più che calmo. Rinunciato quindi al guado torniamo per pochi metri indietro, individuando una cengia terrosa che permette di risalire al soprastante sentiero, che imbocchiamo verso destra (est), trovando subito, in rapida sequenza, due successive brevi discese a mare che, però, nell’occasione ignoriamo (in altra occasione invece sono sceso per la prima discesa e continuato su scogliera verso est, saltando la seconda discesa e risalendo ad una punta panoramica cengia esposta e delicata) . Una trentina di metri dopo la seconda discesa a mare è possibile deviare a destra per raggiungere l’estremità di una punta panoramica, poco prima della quale vi è una terza discesa a mare sulla sinistra, anche questa rimandata ad un’altra volta (effettuata poi anche questa discesa, resa un po’ delicata dal passaggio su una stretta ed esposta asse di legno).Riprendiamo quindi a seguire lo stretto e suggestivo sentierino a picco sul mare in direzione est, saltando una nuova discesa a mare dopo 150 metri (discesa poi effettuata per un ripido ed instabile canalino roccioso, forse II, evitato poi in salita piegando a destra per cengia), per poi imboccare invece la successiva dopo quasi altrettanti metri, discesa piuttosto impegnativa in cui bisogna usare un poco le mani per giungere ad una nuova spiaggetta. Tornati dalla spiaggetta riprendiamo a percorrere il sentierino verso est, deviando a destra sulla successiva punta rocciosa (prima della quale incontriamo un passaggio esposto nello scavalcare un tronco), per poi riprendere il percorso verso est, giungendo in breve ad una spiaggia dove sono presenti resti di costruzioni, che si raggiunge con pochi metri di deviazione. Da questa spiaggia sarebbe possibile poi proseguire lungamente sull’arenile e sui successivi probabilmente giungendo fin quasi a Capo Mortola, ma nell’occasione, avendo meno di mezza giornata a disposizione, abbiamo preferito evitare. Siamo quindi risaliti pochi metri e, constatato che il sentierino non continua più verso est, abbiamo seguito una traccia che risale verso nord-ovest fin quasi a raggiungere i binari della ferrovia.In vista dei binari si continua su traccia infrascata, parallela agli stessi, sempre in direzione est, scendendo sui sedimenti adiacenti ai binari quando il sentiero non è più percorribile o individuabile, per poi tornare quindi a percorrere il sentiero sempre nella stessa direzione. Dopo quindi oltre 200 metri paralleli, o sui, binari, giungiamo ad incrociare un sentiero più evidente, che imbocchiamo verso destra in discesa, per poi girare a sinistra e percorrere un largo sentiero attraverso le mura di Villa Hanbury. Alla fine delle mura incrociamo quindi un sentiero parallelo alla costa, che imbocchiamo verso destra, iniziando così il periplo di Capo Mortola. Il sentiero quindi svolta a destra e supera un paio di graziosi ponticelli in pietra, ma il terzo purtroppo è franato e costringe a superare un difficile, ma basso e non esposto, salto di roccia per raggiungere la spiaggia di Capo Mortola, ricca di fossili. All’estremità ovest della spiaggetta il sentiero è franato e, a prima vista, il passaggio sembra troppo pericoloso, ma, poi, guardando meglio si individuano appoggi e appigli che permettono di passare con un poco di attenzione. Un breve tratto di scogliera e giungiamo quindi su una nuova, molto più grande spiaggia, proprio in corrispondenza del bar di Villa Hanbury dal quale ci separa un cancello. Anche qui molti fossili- Si può quindi proseguire ancora sulla scogliera di Capo Mortola, dove troneggia anche un bel cannone. Ancora qualche passo e la recinzione di Villa Hanbury che si estende perdipiù un poco all'esterno fino al bordo della scogliera a picco per non lasciare il minimo passaggio impedisce la prosecuzione (in realtà è possibile passare piuttosto facilmente sotto il cancello, ma ciò ci costringerebbe poi a scavalcare un nuovo e decisamente più pericoloso, per la presenza di punte in cima, cancello per uscire da Villa Hanbury), torniamo quindi indietro sui nostri passi fino al punto in cui abbiamo iniziato il periplo del capo, proseguendo quindi dritti, invece di svoltare a sinistra tra le mura di Villa Hanbury dove siamo passati all’andata. Novanta metri dopo questo punto troviamo un bivio: continuando dritti a sinistra, e al successivo bivio a destra, arriviamo in breve all’Aurelia, mentre noi prendiamo invece il sentierino a destra, che scende ai binari della ferrovia e poi svolta a destra verso il mare. Si giunge così ad una spiaggia adiacente alla scogliera di Capo Benjamin ed una scarpata ripida e terrosa ci sbarra la strada per la prosecuzione verso il predetto Capo. Per proseguire occorre invece scavalcare un cancello sul retro della spiaggia (scavalcamento facile e anche qui non credo si possa parlare di violazione di proprietà privata, stante la mancanza di segnalazioni e la possibilità di accedervi liberamente dall’altro lato) e quindi piegare a destra su un ripiano erboso, fino al limitare dello stesso. Scendiamo quindi una ripida, ma breve e non difficile, scarpata scavalcando poi un fosso tra le canne e raggiungiamo quindi un viottolo dal quale si può accedere, tramite un basso cancelletto, alla successiva spiaggia e alle rocce di Capo Benjamin. Visitata la spiaggia torniamo quindi al viottolo e lo imbocchiamo verso destra ed, in 200 metri circa, arriviamo all’Aurelia, che imbocchiamo verso sinistra, Sull’Aurelia, in poco più di 200 metri raggiungiamo la galleria della Mortola (450 m. circa), che dobbiamo attraversare su comodo marciapiede e quindi, in meno di 400 metri, raggiungiamo il parcheggio.

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it