Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è mar ott 22, 2019 10:36

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 46 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 14:17 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6433
Località: genova - marassi
Sabato 22 ottobre 2011: Viozene (1260) – Monte Rotondo (2495) – Bric Conoia (2521) – Cima delle Roccate (2476) – Pizzo d’Ormea (2476) – Sella Revelli (2000) – Bivacco Cavarero (2180) – Colletto Revelli (2309) – Bocchin dell’Aseo (2292) – Viozene (1260)

Partecipanti: Aldo51 – Em – Granpasso – Soundofsilence.

Lunghezza: 21,7 Km.

Dislivello: 2140 circa.

Difficoltà: direi che il percorso potrebbe pure essere definito E, anche se, forse, siamo al limite dell’EE: vere e proprie difficoltà non ce ne sono, le principali potrebbero essere di orientamento, specie in caso di nebbia, cosa molto frequente, tra l’altro, da queste parti, condizione in cui sarebbe meglio non affrontare un percorso del genere. In caso di bel tempo il percorso di cresta è abbastanza intuitivo e, anche dove il sentiero non è molto evidente, o non c’è per niente, non ci sono grossissimi problemi, si tratta comunque di un ambiente di alta, seppur non altissima, montagna dove le condizioni meteo e del percorso possono renderne assai più difficile la percorrenza, quindi credo, a parte la classificazione, che sia adatto sicuramente più ad escursionisti con consolidata esperienza di montagna, e anche ben allenati dato il dislivello complessivo assai elevato, che all’escursionista medio.

Percorso in macchina: da Genova con l’A10 fino a Savona, dove si prende la Savona-Torino fino a Ceva. Da ceva si prende per Garessio, Ormea e Colle di Nava. Raggiunta Ormea si continua verso il Colle di Nava. Giunti a Ponte di Nava, invece di svoltare sulla ss28 per il colle, si prosegue dritti per Viozene sulla sp154. In 10 Km si arriva a Viozene e si parcheggia di fronte a una chiesa/cappella sulla strada principale, dove sono presenti numerosi posti macchina e anche cartelli indicatori dei sentieri.

Percorso a piedi: Dal parcheggio si prende in salita a fianco alla Capella e quindi si prende a destra attraversando il Paese (fonte sul percorso). Usciti dal paese, a un bivio, si prende a sinistra e si continua fino a giungere al Pian di Rosso, ampio ripiano prativo dove sulla nostra sinistra sorge il Rifugio Mongioie. Per risparmiare un poco di strada si evita di andare al rifugio (anche qui è presente una fontana) e si prosegue dritti sul sentiero segnato per il Bocchin dell’Aseo. 300 metri circa prima di giungere al Bocchino una incerta traccia sulla destra (comunque abbastanza segnata) si dirige verso nord-est, per poi, dopo 150 metri circa piegare decisamente a sud con una curva a destra. Ci troviamo così sul versante ovest del Monte Rotondo, alla cui vetta si può arrivare facilmente, però senza traccia e senza percorso obbligato, con una breve risalita di un centinaio di metri circa. A sud della vetta si intuisce la profonda e enorme dolina chiamata ‘Il Profondo’, a sinistra della quale si notano 2 file parallele di doline molto più piccole. Si scende quindi dal Monte Rotondo dirigendosi direttamente verso la grande dolina, giunti sul bordo della quale se ne può compiere il giro, per poi continuare, dal bordo ovest della stessa, e seguendo ometti e tacche rosse, verso l’evidente cima del Bric Conoia. Si giunge prima ad un’anticima e, poco dopo alla vetta. Da qui, per cresta, si scende ripidamente all’ampia insellatura sottostante, per poi risalire verso l’antistante e meno ripida Cima delle Roccate; qui la traccia si fa abbastanza evanescente o, comunque, è facile perderla, ma è semplice comunque arrivare in vetta seguendo, più o meno, il filo di cresta, a patto ci siano buone condizioni di visibilità. Dalla vetta ancora una discesa all’insellatura successiva e quindi risalita verso il Pizzo d’Ormea; qui noi abbiamo seguito la cresta, ma non il sentiero che forse passava più a destra o forse è semplicemente poco evidente: unica traccia che abbiamo incontrato è un ometto di pietra in corrispondenza della sella subito prima del cono sommitale del Pizzo, che sta comunqe a indicare il punto in cui si imbocca la traccia in discesa verso il Pian Revelli. La risalita verso la cima è forse la parte più difficile e esposta (molto poco comunque) della giornata, causa anche la mancanza di traccia, qualche roccetta di troppo nei dintorni e la ripidità del percorso, non servono però le mani e non è niente di che in condizioni normali, basta un minimo di attenzione nel scegliere il percorso migliore. Dalla vetta si ridiscende brevemente alla selletta sottostante e, in corrispondenza dell’ometto di cui ho parlato prima, si prende a destra, in discesa; subito il percorso non è per niente evidente (nessuna traccia e nessuna segnalazione, almeno noi non ne abbiamo viste), però dirigendosi leggermente verso destra, dopo non molto si scorge una traccia un poco più in basso e sulla destra e cominciano pure i segnavia. Si segue quindi la traccia senza problemi fino ad arrivare ad un colletto dove si incontra un quadrivio: dritti si va alla Cima Ruscarina, a destra si scende al Lago del Pizzo (visibile e non distintissimo, si potrebbe anche pensare di scendervi, anche se comporterebbe almeno un centinaio di metri di risalita al ritorno) e a sinistra, si scende al Pian Revelli; prendiamo quindi a sinistra fino a giungere all’ampio ripiano prativo; lo si attraversa verso ovest superando un piccolo risalto (sarebbe la Sella Revelli), qualche decina di metri più alto, che porta a un secondo e più vasto ripiano prativo, dove sulla sinistra, raggiungibile con un breve fuori traccia è presente un lago. Nell’attraversamento di questo secondo prato i segnavia e la traccia si perdono un po’, conviene comunque tenersi sulla destra per evitare il terreno molle e umido al centro del prato, e, in effetti, ci accorgiamo poi che la traccia passa ancora più a destra. Attraversato il prato si riinizia a salire per raggiungere il Bivacco Cavarero e una pozza d’acqua appena sopra questo; si continua quindi in salita sul sentiero segnato fino a raggiungere il Colletto Revelli; si scende quindi leggermente sull’altro versante e poi si traversa in piano verso il già visibile Bocchin dell’Aseo; un breve tratto in salita e si giunge quindi al Bocchino, dal quale si scende fino al bivio imboccato all’andata per andare al Monte Rotondo e si ritorna quindi per la stessa via fino a Viozene.

Racconto: Dopo un Venerdì pre-gita veramente intenso ed emozionante, con più colpi di scena di un film giallo, risoltosi (provvisoriamente) alle 22 con sole 2 vittime (Maury e Lusciandro), mi chiedo che bisogno abbiamo poi di fare la gita davvero, la parte più interessante e impegnativa è sicuramente mettersi d’accordo….
Almeno così penso andando a dormire, sperando di sognare la soluzione agli ultimi piccoli insignificanti dettagli da sistemare, tipo la meta dell’escursione, ma il giorno seguente saprà invece sorprendermi con altrettanti interessanti accadimenti…
Si inizia subito bene con il cellulare che mi squilla alle 5,00, proprio nel momento in cui rientro in camera da letto, perché ho dimenticato di prendere il fazzoletto: è Granpasso, a cui si è rotta la Vespa nel tentativo di giungere al luogo dell’appuntamento e pare intenzionato ad ignorare questo chiarissimo segno premonitore…
Scappo quindi veloce di casa prima che mia moglie si svegli del tutto e, subito, ci pensa Enrico a completare l’opera, che, chissà perché, invece del mio numero di cellulare, ha quello di mia moglie, telefonandole preoccupato che la mia sveglia funzioni come quella di Maury quando lo costringiamo a fare un gita che non gli piace a sufficienza…
Stasera sarà meglio che rientri molto tardi, forse mia moglie avrà sonno, spero si addormenti presto….
Giungo quindi all’appuntamento di Sampierdarena con il consueto quarto d’ora accademico di ritardo, Granpasso, appiedato e, forse anche grazie al buio, si rassegna a salire con noi, così pure fa Aldo51, anch’egli rimasto evidentemente senza altre risorse per rivolgersi all’ultima spiaggia escursionistica rappresentata dal gruppo ‘Gite nel finesettimana’ (nome opportunamente cambiato per restare nel vago e non far capire con chi si ha a che fare…)
Anche la rassegnazione ha però un limite e Granpasso, appena salito, pone subito precise condizioni: la gita deve essere la più lunga possibile…
Perfetto, devo solo conciliare questa comprensibile esigenza da skyrunner con quelle altrettanto comprensibili di Aldo51, che ha appena ripreso a camminare, dopo infortunio, la settimana scorsa, proprio con me, ed essendo sopravvissuto (almeno lui, lo stesso non si può dire di Arietina anch’essa rientrante infortunio la settimana scorsa, ma io sono comunque orgoglioso della mia percentuale del 50% di successi….) ha deciso di ritentare la sorte sperando in una gita che gli permetta un graduale recupero ed allenamento….
Decido così che la cosa migliore per lui sia concentrare l’allenamento di un mese in una gita sola, se sopravvive ne avrà sicuramente dei benefici….
L’importante però è curare il lato psicologico, quindi, oltre al canonico e consueto: “Non ti preoccupare questa è l’ultima salita”, ripetuto per tutta la gita, riesco brillantemente a convincerlo che l’escursione che aveva fatto la scorsa settimana era decisamente più corta dati i 24 Km di sviluppo (in realtà lui ne aveva fatto 22,5, essendo che ero andato a prenderlo con la macchina, ma l’importante è, come detto, il lato psicologico….), contro i 22 di quella di oggi e che, aumentare il dislivello di soli 1000 metri a gita, rientra in un ragionato programma di graduale recupero fisico…
D’altronde Granpasso mi ripete più volte durante il viaggio in macchina che non è mai venuto con noi, non tanto per le nostre stravaganti e folkloristiche personalità, ma perché temeva facessimo gite troppo corte, dopo le prime 10 ore di gita non lo ripeterà più….
Riuscito così a soddisfare brillantemente le esigenze di tutti, pure Enrico, infatti, dopo essersi scolato un litro di vino sul Pizzo d’Ormea, si dirà soddisfatto della gita, anche io devo dire ho avuto occasione di togliermi le mie meritate soddisfazioni: essere testimone della nascita di un innovativo sport di montagna non è cosa di tutti i giorni, e, da sincero amante della montagna quale sono, è un sollievo vedere i giovani avere nuove e brillanti idee per favorire la frequentazione di queste ambiente stupendo, tanto che ancora adesso mentre lo scrivo sono profondamente emozionato…
Dalla vetta del Pizzo d’Ormea vediamo infatti arrivare quelli che un occhio non attento avrebbe potuto pure scambiare per 2 normali escursionisti, senza riconoscerne il genio innovatore: i 2 si fermano, come per riposarsi, giunti sul pianoro che precede il cono terminale, e poi, piano piano, si avvicinano al loro grande obiettivo, ne fanno il giro con ammirazione e rispetto, quindi si fermano a mangiare sotto la sua potente ala protettiva. Certe volte i più grandi ideali sono lì a portata di mano e non li vediamo, altri magari sono lì e neanche li vorremmo vedere, proprio come il grande ripetitore bianco sotto la cima del Pizzo…
I due vi si sdraiano sotto, forse per prendere due raggi e, quindi, soddisfatti tornano a valle…
I più grandi geni suscitano però sempre, oltre all’ammirazione, anche un po’ di invidia e patetici tentativi di imitazione, così, subito, Enrico e Aldo mi fanno notare in lontananza le pale Eoliche al Colle San Bernardo di Garessio…
Anch’io, in fondo, in fondo, mi chiedo come ho fatto a non pensarci, non sono forse l’inventore del torrentismo senz’acqua e della salita ai monti dalla valle dove non ci sono?
Ma più di tutto posso dire: sì, io c’ero e ho visto l’alba di una nuova era in montagna, quella dei collezionisti di ripetitori…

Conclusioni: Gita effettuata in condizioni perfette: uno spettacolo della natura la nebbia sul versante nord che ci ha accompagnato per tutta l’andata, per lasciarci giusto al ritorno quando avremmo dovuto attraversarla, scoprendoci, tra l’altro, alberi e erba ricamati di ghiaccio…
Sicuramente una delle più belle gite dell’anno che, nelle condizioni in cui l’abbiamo effettuata merita sicuramente 5 stelle, ma che, obiettivamente, in condizioni normali, penso possa fermarsi a 4, a meno che non si completi il giro, come per un po’ abbiamo anche ipotizzato (finche Aldo non se ne accorto), aggiungendo la salita alla Brignola e quindi il ritorno per il Bocchino delle Scaglie, il che gliene farebbe meritare 5 comunque….
Limitandoci a quanto abbiamo visto devo dire che è veramente notevole il panorama che si gode lungo tutta la traversata di cresta, come notevole è la gigantesca dolina del ‘Profondo’ e i magnifici prati del pian Revelli, nonché l’imponenza del Pizzo, specie dal Monte Rotondo e la vista sulle magnifiche e bianchissime cime carsiche dal Mongioie in poi.

Link a tutte le foto:
http://luoghidasogno.altervista.org/Mon ... aPizzo.htm


Allegati:
057 - Cima Roccate e Conoia salendovi.jpg
057 - Cima Roccate e Conoia salendovi.jpg [ 1.42 MiB | Osservato 3570 volte ]
042 - 2 File di doline dal Rotondo.jpg
042 - 2 File di doline dal Rotondo.jpg [ 2.14 MiB | Osservato 3570 volte ]
038 - Pizzo d'Ormea e mare di nebbia dal Rotondo più chiara.jpg
038 - Pizzo d'Ormea e mare di nebbia dal Rotondo più chiara.jpg [ 913.08 KiB | Osservato 3570 volte ]
035 - Mongioie Brignola Seirasso e Ferlette emergono dalla nebbia dal Monte Rotondo più da vicino.jpg
035 - Mongioie Brignola Seirasso e Ferlette emergono dalla nebbia dal Monte Rotondo più da vicino.jpg [ 1.54 MiB | Osservato 3570 volte ]
033 - Pizzo d'Ormea e mare di nebbia dal Rotondo.jpg
033 - Pizzo d'Ormea e mare di nebbia dal Rotondo.jpg [ 683.4 KiB | Osservato 3570 volte ]
014 - Mare di nebbia e Pizzo d'Ormea dal Monte Rotondo.jpg
014 - Mare di nebbia e Pizzo d'Ormea dal Monte Rotondo.jpg [ 969.07 KiB | Osservato 3570 volte ]
013 - Cima Roccate e Pizzo d'Ormea emergono dalla nebbia dal Rotondo.jpg
013 - Cima Roccate e Pizzo d'Ormea emergono dalla nebbia dal Rotondo.jpg [ 1.81 MiB | Osservato 3570 volte ]
011 - Seirasso e Ferlette emergono dalla nebbia salendo al Rotondo più da vicino.jpg
011 - Seirasso e Ferlette emergono dalla nebbia salendo al Rotondo più da vicino.jpg [ 1.53 MiB | Osservato 3570 volte ]
005 - Mongioie avvicinandosi al Bocchin dell'Aseo.JPG
005 - Mongioie avvicinandosi al Bocchin dell'Aseo.JPG [ 1.57 MiB | Osservato 3570 volte ]
003 - Rocca Garba alle prime luci dell'alba.jpg
003 - Rocca Garba alle prime luci dell'alba.jpg [ 1.9 MiB | Osservato 3570 volte ]

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 14:24 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12151
Località: Genova
Gran racconto come sempre, belle foto, ci siamo persi davvero qualcosa lo scorso w.e.! :o

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 14:27 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6433
Località: genova - marassi
E ancora:


Allegati:
133 - Monviso e Mondolè nella nebbia tra Ferlette e Zucco.jpg
133 - Monviso e Mondolè nella nebbia tra Ferlette e Zucco.jpg [ 1.26 MiB | Osservato 3567 volte ]
107 - Monviso Ferlette e Mondolè in un mare di nebbia dalla Roccate.jpg
107 - Monviso Ferlette e Mondolè in un mare di nebbia dalla Roccate.jpg [ 1.99 MiB | Osservato 3567 volte ]
098 - Gianluca Enrico e Aldo su cresta Conoia.jpg
098 - Gianluca Enrico e Aldo su cresta Conoia.jpg [ 1.6 MiB | Osservato 3567 volte ]
089 - Cima Roccate e Pizzo d'Ormea e mare di nubi dal Conoia primo piano.jpg
089 - Cima Roccate e Pizzo d'Ormea e mare di nubi dal Conoia primo piano.jpg [ 1.92 MiB | Osservato 3567 volte ]
082 - Enrico e Gianluca in vetta al Conoia.jpg
082 - Enrico e Gianluca in vetta al Conoia.jpg [ 2.04 MiB | Osservato 3567 volte ]
078 - Argentera Ballaur e Saline dal Bric Conoia.jpg
078 - Argentera Ballaur e Saline dal Bric Conoia.jpg [ 2.2 MiB | Osservato 3567 volte ]
075 - Cima Roccate e Pizzo salendo al Conoia.jpg
075 - Cima Roccate e Pizzo salendo al Conoia.jpg [ 1.69 MiB | Osservato 3567 volte ]
070 - Cima Roccate in mare di nebbia da anticima Conoia più da lontano.jpg
070 - Cima Roccate in mare di nebbia da anticima Conoia più da lontano.jpg [ 1.8 MiB | Osservato 3567 volte ]
061 - Alpi Marittime e Saline salendo al Conoia.jpg
061 - Alpi Marittime e Saline salendo al Conoia.jpg [ 2.69 MiB | Osservato 3567 volte ]
060 - Aldo in salita verso il Bric Conoia con sullo sfondo Saline e Mongioie.jpg
060 - Aldo in salita verso il Bric Conoia con sullo sfondo Saline e Mongioie.jpg [ 2.48 MiB | Osservato 3567 volte ]

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 14:30 
Non connesso
Fotomodello delle vette
Avatar utente

Iscritto il: mar set 16, 2008 16:51
Messaggi: 4776
Località: genova marassi
Bel giro e belle foto :strizzaOcchio::

_________________
Immagine

http://www.finoincima.altervista.org

https://www.facebook.com/finoincima


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 14:34 
Non connesso
Iron woman
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 12, 2006 21:21
Messaggi: 6839
Località: Genova Rivarolo
anche a me interessava...
speriamo di riuscirci ...prima o poi...

_________________
Sono un viandante, un valicatore di monti.
Non amo le pianure e sembra che non possa stare a lungo in un luogo.
Qualunque cosa mi riservi il fato o l'esperienza,sempre dovrò camminare ed ascendere monti.
Non si può vivere che da come si è.
F. NIETZSCHE


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 14:39 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6433
Località: genova - marassi
E infine (forse...):


Allegati:
193 - Pendio ghiacciato e Monte Rotondo scendendo al Pian Revelli.jpg
193 - Pendio ghiacciato e Monte Rotondo scendendo al Pian Revelli.jpg [ 2.43 MiB | Osservato 3563 volte ]
191 - Pendio ghiacciato guardando indietro scendendo al Pian Revelli.jpg
191 - Pendio ghiacciato guardando indietro scendendo al Pian Revelli.jpg [ 2.87 MiB | Osservato 3563 volte ]
189 - Pendio ghiacciato e Cima Revelli scendendo al Pian primo piano.jpg
189 - Pendio ghiacciato e Cima Revelli scendendo al Pian primo piano.jpg [ 1.73 MiB | Osservato 3563 volte ]
183 - Aldo Gianluca e Enrico in mezzo a alberi ghiacciati con Pian Revelli sullo sfondo.jpg
183 - Aldo Gianluca e Enrico in mezzo a alberi ghiacciati con Pian Revelli sullo sfondo.jpg [ 2.98 MiB | Osservato 3563 volte ]
180 - Pendio ghiacciato e Pian Revelli.jpg
180 - Pendio ghiacciato e Pian Revelli.jpg [ 2.58 MiB | Osservato 3563 volte ]
175 - Lago del Pizzo scendendo al Pian Revelli.jpg
175 - Lago del Pizzo scendendo al Pian Revelli.jpg [ 2.49 MiB | Osservato 3563 volte ]
174 - Erba ghiacciata scendendo al Pian Revelli.jpg
174 - Erba ghiacciata scendendo al Pian Revelli.jpg [ 2.39 MiB | Osservato 3563 volte ]
165 - Mare di nubi e Monterosa dal Pizzo d'Ormea.jpg
165 - Mare di nubi e Monterosa dal Pizzo d'Ormea.jpg [ 1.03 MiB | Osservato 3563 volte ]
151 - Ferlette Monviso Mondolè e Zucco in mare di nubi dal Pizzo.jpg
151 - Ferlette Monviso Mondolè e Zucco in mare di nubi dal Pizzo.jpg [ 1.28 MiB | Osservato 3563 volte ]
144 - Mongoie e mare di nubi con Mondolè e Monviso dal Pizzo ancora più da vicino.jpg
144 - Mongoie e mare di nubi con Mondolè e Monviso dal Pizzo ancora più da vicino.jpg [ 1.87 MiB | Osservato 3563 volte ]

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 14:46 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6433
Località: genova - marassi
E infine (davvero):


Allegati:
225 - Pendici Monte Rotondo dall'Aseo ancora più da lontano.jpg
225 - Pendici Monte Rotondo dall'Aseo ancora più da lontano.jpg [ 2.65 MiB | Osservato 3560 volte ]
215 - Pozza d'acqua presso il Cavarero più da lontano.JPG
215 - Pozza d'acqua presso il Cavarero più da lontano.JPG [ 2.65 MiB | Osservato 3560 volte ]
205 - Pian Revelli e alberi ghiacciati sullo sfondo più da vicino.jpg
205 - Pian Revelli e alberi ghiacciati sullo sfondo più da vicino.jpg [ 1.5 MiB | Osservato 3560 volte ]
203 - Pian Revelli Monte Rotondo Cima Revelli e nebbia sulla sinistra più da vicino.jpg
203 - Pian Revelli Monte Rotondo Cima Revelli e nebbia sulla sinistra più da vicino.jpg [ 2.21 MiB | Osservato 3560 volte ]
198 - Alberi e pendio ghiacciato guardando indietro scendendo al Pian Revelli più da lontano.jpg
198 - Alberi e pendio ghiacciato guardando indietro scendendo al Pian Revelli più da lontano.jpg [ 2.75 MiB | Osservato 3560 volte ]
195 - Alberi ghiacciati guardando indietro scendendo al Pian Revelli più da vicino.jpg
195 - Alberi ghiacciati guardando indietro scendendo al Pian Revelli più da vicino.jpg [ 2.36 MiB | Osservato 3560 volte ]

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 15:21 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12151
Località: Genova
che paesaggi surreali! :D

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 16:41 
Non connesso
dags1972 di quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 08, 2006 15:19
Messaggi: 4689
Ma che belle foto e che bel giro

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 17:00 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 19, 2006 9:56
Messaggi: 1897
Località: Genova
Il giro e` veramente bello e lo spettacolo del mare di nubi e del ghiaccio fantastico.
L'avevo gia` percorso (quasi) tutto in senso contrario 3 anni fa a inizio Luglio pernottando al Rifugio Valcaira.
Quella volta dal "Profondo" eravamo scesi direttamente al Lago Revelli passando in mezzo a una bellissima fioritura di rododendri ed eravamo rientrati al Rifugio e quindi a Chionea passando dal Lago del Pizzo con ancora un po' di neve sul bordo. Lo spettacolo del mare di nubi c'era stato anche quella volta ma verso sud, la sera al rifugio.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 17:04 
Non connesso
Fotomodello delle vette
Avatar utente

Iscritto il: mar set 16, 2008 16:51
Messaggi: 4776
Località: genova marassi
em ha scritto:
L'avevo gia` percorso (quasi) tutto in senso contrario 3 anni fa a inizio Luglio pernottando al Rifugio Valcaira.
Quella volta dal "Profondo" eravamo scesi direttamente al Lago Revelli passando in mezzo a una bellissima fioritura di rododendri ed eravamo rientrati al Rifugio e quindi a Chionea passando dal Lago del Pizzo con ancora un po' di neve sul bordo.


Come ti avevo già accennato sull'altro topic ,questo giro sarebbe piaciuto anche a me ,ma nel periodo in cui l'hai fatto tu 3 anni fa, con la fioritura dei rododendri ,che in quella zona deve essere eccezionale :strizzaOcchio::
Comunque erano molto belle anche le condizioni ambientali che avete trovato Sabato :strizzaOcchio::

_________________
Immagine

http://www.finoincima.altervista.org

https://www.facebook.com/finoincima


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 20:07 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 22, 2006 14:04
Messaggi: 5930
Località: Genova
Grande giro : Ok : =D>

_________________
Io credetti e credo la lotta con l'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede.

Meglio un fesso felice che un granitico scontento.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 22:03 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mer mag 23, 2007 16:16
Messaggi: 1079
Località: Costigliole Saluzzo (Cn)
Giro stupendo!!! : Thumbup : Bellissime anche le foto! :D
Complimenti =D> =D>


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 27, 2011 22:05 
Non connesso
Uomo di pietra
Avatar utente

Iscritto il: lun ott 02, 2006 21:41
Messaggi: 6235
Località: Genova-San Teodoro
Un gran bel giro..........La miglior gita dell'anno : Thumbup :

_________________
Belin !


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 28, 2011 7:47 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6433
Località: genova - marassi
granpasso ha scritto:
Un gran bel giro..........La miglior gita dell'anno : Thumbup :

Invece di cullarti sugli allori delle gite passate, pensa a progettare nuove eroiche imprese e facci sapere, sull'altro topic, se vieni alla Grignetta e che giorno/preferisci puoi...

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 28, 2011 14:08 
Non connesso
dags1972 di quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 08, 2006 15:19
Messaggi: 4689
Hai per caso traccia gps e/o referenze bibliografiche e/o mi indichi possibilità di splittarla... (bivacco cavarero;rif. Valcaira)

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 28, 2011 14:17 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6433
Località: genova - marassi
dags1972 ha scritto:
Hai per caso traccia gps e/o referenze bibliografiche e/o mi indichi possibilità di splittarla... (bivacco cavarero;rif. Valcaira)
Sì ti posso inviare la traccia, se mi dai un indirizzo mail.
Riguardo alla possibilità di farla in 2 giorni direi che che il Cavarero è la cosa migliore.

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 28, 2011 14:21 
Non connesso
dags1972 di quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 08, 2006 15:19
Messaggi: 4689
soundofsilence ha scritto:
dags1972 ha scritto:
Hai per caso traccia gps e/o referenze bibliografiche e/o mi indichi possibilità di splittarla... (bivacco cavarero;rif. Valcaira)
Sì ti posso inviare la traccia, se mi dai un indirizzo mail.
Riguardo alla possibilità di farla in 2 giorni direi che che il Cavarero è la cosa migliore.


danieleguastavino@gmail.com

o l'istituzionale

dags1972@quotazero.com

e libri? ispiratori... PArodi e guidine cai ?

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 28, 2011 14:38 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6433
Località: genova - marassi
dags1972 ha scritto:
soundofsilence ha scritto:
dags1972 ha scritto:
Hai per caso traccia gps e/o referenze bibliografiche e/o mi indichi possibilità di splittarla... (bivacco cavarero;rif. Valcaira)
Sì ti posso inviare la traccia, se mi dai un indirizzo mail.
Riguardo alla possibilità di farla in 2 giorni direi che che il Cavarero è la cosa migliore.


danieleguastavino@gmail.com

o l'istituzionale

dags1972@quotazero.com

e libri? ispiratori... PArodi e guidine cai ?
Ma, io veramente, mi ispiro da solo....
Comunque con la traccia e la cartina GPS non ti perdi di sicuro....

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 28, 2011 20:42 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mer apr 02, 2008 20:47
Messaggi: 2202
Località: Piemonte
GITONE!!!!!!! : Thumbup :

_________________
“L’acqua esiste per la sopravvivenza del corpo. Il deserto esiste per la sopravvivenza dell’anima”
Proverbio Tuareg


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ott 29, 2011 11:45 
Non connesso
Sub-Titano Valdostano
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 09, 2008 0:05
Messaggi: 5346
Località: Alta Valle Scrivia / bassa val di Vara
L'autunno è un'ottima stagione per andare sulle Liguri (oltre all'inverno ovviamente! :strizzaOcchio:: )!!! :risataGrassa:
Gran bella gita!!! =D> =D>

@sound: è da tempo che volevi fare questo itinerario, giusto?

_________________
"narratemi la regione dalla quale il figlio della montagna è sempre attratto, dove la forza dell'uomo convive con la mente aperta, dove riposano le ceneri dei padri liberi fedelmente vegliate dai figli liberi" Homines Dicti Walser


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ott 29, 2011 12:05 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6433
Località: genova - marassi
Sub-Comandante ha scritto:
@sound: è da tempo che volevi fare questo itinerario giusto?
Sì è da tempo che lo volevo fare giusto, l'anno scorso l'avevamo fatto sbagliato, andando dal Cavarero direttamente al Bric Conoia invece che alla Sella del Pizzo....

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun gen 09, 2012 13:29 
Non connesso
Matricola

Iscritto il: sab ago 13, 2011 17:36
Messaggi: 15
Bellissime foto! Complimenti!!

_________________
Sodalizio Cina-Liguria: cin u ciove, au nu ciove ciu, au u ciove cianin cin.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer ott 17, 2012 18:23 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 17, 2011 13:00
Messaggi: 429
Località: Dolcedo
Credo che qui sia il posto esatto per questa escursione (se cosi' non fosse prego cambiare :) )

Da tempo mi frullava nella testa questa bellissima e inusuale traversata molto impegnativa per il dislivello super, per la lunghezza e per la mia verde eta' :) ma per un motivo o per l'altro mai potuta portare a termine e quindi ho approfittato delle ultime giornate disponibili per ore di luce .
Dal punto di vista tecnico non ho rilevato particolari difficolta' se non un po di avventura nella salita al Pizzo perche' il sentiero e' assente ma le vaste distese prative, anche se a tratti un po' ripide, fanno si che si possa navigare a vista.
A Pornassino ho lasciato l'auto in cima al paese dove in un tornante finisce l'asfalto. Non c'e' un vero e proprio parcheggio ma lato strada si trova lo spazio. Si nota sulla sx la palina che indica Viozene, Pian del Fo e Casa Bruciata; sara' la via del ritorno. Dico gia' che al ritorno, subito dopo Viozene si trovera' un bivio indicante sulla sx Pian del Fo e sulla dx una comoda strada asfaltata indicante Pornassino. Bisogna prendere Pian del Fo, Casa Bruciata per evitare di scendere troppo bassi rispetto a dove si e' lasciato l'auto.
Per la salita, invece, si tiene la sterrata che va a dx dapprima molto battua, via via sempre meno fino a diventare sentiero. mentre si va su aver cura di tenere la dx ma scegliendo sempre la piu' battuta. Questa e' la strada fatta per l'acquedotto. Ad un certo punto infatti si passa proprio sopra la vasca nei pressi di un vallone. Qui finisce la traccia, si traversa il ruscello e poi si comincia a salire su per prati evitando fastidiosi boschetti fitti.
Ci si trova sotto la cima Roccate e qui si puo' scegliere se abbreviare il percorso oppure fare come ho fatto io che traversando in diagonale si punta lo specchio Telecom per poi incominciare la traversata. Di qui in avanti, se ci sono delle difficolta' (come la salita al Pizzo da est) credo siano note e comunque ben descritte nel primo messaggio di Sound dal quale ho preso spunto per questa gita.
Dalla cima del Conoia, credo si possa scendere direttamente in Pian dell'Olio, ma io ho allungato a proposito per visitare il Profondo e fare una puntatina sul Rotondo fino ad arrivare al Bocchin dell'Aseo.
A Viozene, dopo il parcheggio, si va verso Toria e poi a Pornassino come detto prima.
Io ho impiegato poco piu' di 11 ore coprendo un dislivello di 1800 e fischia metri.
Sono partito alle 7,30, alle 11,30 ero sul Pizzo d'Ormea e dopo essere salito sul Roccate, alle 14 ero sul Conoia. Poco prima delle 18 a Viozene e verso le 19 a Pornassino.

Percorso di cresta:
Pizzo d'Ormea 2476
Colle Rocchette 2308
Cima delle Roccate 2476
Bocchino del Bianco 2380
Bric Conoia 2521
Il Profondo 2400
M. Rotondo 2495
Bocchino dell'Aseo 2292

Credo di aver fatto una relazione molto esaustiva :D :D
Prosit!


Allegati:
Commento file: Il Pizzo d'Ormea visto dall'uscita del bosco. Di qui ho puntato dritto allo specchio Telecom
003.JPG
003.JPG [ 138.04 KiB | Osservato 3075 volte ]
Commento file: Il Conoia dalla via di salita al Pizzo
006.JPG
006.JPG [ 119.09 KiB | Osservato 3075 volte ]
Commento file: Poetico l'Antoroto come un'isola nel mare di nuvole
011.JPG
011.JPG [ 79.8 KiB | Osservato 3075 volte ]
Commento file: L'unico passo esposto per salire sul Pizzo (poco per la verita')
016.JPG
016.JPG [ 193.19 KiB | Osservato 3075 volte ]
Commento file: Breve passaggio su roccia sulla cresta est del Pizzo
017.JPG
017.JPG [ 186.36 KiB | Osservato 3075 volte ]
Commento file: Dal Pizzo dOrmea, il percorso che faro': Cima Roccate, Conoia, Rotondo. Maestoso appare il Mongioie
020.JPG
020.JPG [ 108.55 KiB | Osservato 3075 volte ]
Commento file: La nebbia avvolge il Pizzo (da Colle Rocchette)
022.JPG
022.JPG [ 48.42 KiB | Osservato 3075 volte ]
Commento file: La cresta di salita del Conoia visto dal Roccate
023.JPG
023.JPG [ 97.51 KiB | Osservato 3075 volte ]
Commento file: Il Profondo nella nebbia
030.JPG
030.JPG [ 172.65 KiB | Osservato 3075 volte ]

_________________
Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio.
(Bertolt Brecht)
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 18, 2012 9:24 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 19, 2006 9:56
Messaggi: 1897
Località: Genova
Con Davide avevamo parlato della possibilita` di un percorso di salita che passasse sotto le pendici meridionali del Bric di Conoia (noi avevamo ipotizzato di sbucare al Bocchino del Bianco). Ci sono degli scorci interessanti?


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ott 18, 2012 13:52 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 17, 2011 13:00
Messaggi: 429
Località: Dolcedo
Penso che il bosco in questo periodo sia magnifico, poi quando sei nei prati la vista spazia....
Questo e' quello che ho visto io verso sud-ovest


Allegati:
004.JPG
004.JPG [ 235.36 KiB | Osservato 3056 volte ]
003.JPG
003.JPG [ 173.35 KiB | Osservato 3056 volte ]
002.JPG
002.JPG [ 321.71 KiB | Osservato 3056 volte ]
001.JPG
001.JPG [ 358.2 KiB | Osservato 3056 volte ]

_________________
Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio.
(Bertolt Brecht)
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 19, 2012 22:04 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 15:41
Messaggi: 1219
Località: Arenzano
Complimenti Piervi, un gran bel Tour: che mazzo! :shock:
Però bellissimo. =D>

Interessante la tua proposta di chiudere l'anello sul versante sud: sarò stato venti volte a Viozene, ma la strada asfaltata che sale a Toria non l'avevo mai notata. :neutral:

Però scusa, :idea1: invece di impazzire a cercar parcheggio a Pornassino forse conviene lasciare l'auto nei comodi stalli di Viozene, e così al ritorno non tocca risalire per un'ora su asfalto.
Personalmente le gite preferisco finirle in discesa. Specie se così lunghe e toste. : Thumbup :

_________________
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ott 20, 2012 14:21 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 17, 2011 13:00
Messaggi: 429
Località: Dolcedo
Grazie, Littletino!
Sai, i a pornassino sono un po di casa per via dei funghi che porto via :) e quindi per il parcheggio so di non impazzire
Pero' su Viozene potresti aver ragione e io c'ho pensato; ma cerco di partire vicino alla prima vetta in modo di arrivarci alla buonora.... e' questione di tempo atmosferico. Infatti hai visto che mi e' successo sul Conoia e al Profondo (nebbia)
Comunque da Viozene a Pornassino, c'e' ne e' poco di asfalto, molto poco, il resto e' carrareccia e sentiero.
Bisogna aver cura pero' di prendere il bivio a sx per Pian del Fo e non a dx per Pornassino pena l'arrivo troppo basso rispetto al parcheggio dell'auto.

_________________
Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio.
(Bertolt Brecht)


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven giu 20, 2014 22:31 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12151
Località: Genova
Racconto brevemente il giro fatto ieri con Alec, simile a quello descritto in questo topic ma con questa differenza:

Viozene - Cima Revelli - Monte Rotondo - Bric di Conoia - Cima delle Roccate - Bivacco Cavarero - Punta del Zucco - Colletto Revelli - Lago Raschera - Sella Mongioie/Brignola - Cima della Brignola - Bocchin delle Scaglie - Viozene

dislivello intorno ai 2200 metri :shock:
ore di cammino circa 12
ore di lamentele circa 13

Allora dicevo brevemente Alec propone una gita lunga, avrebbe dovuto essere corredata da un piatto di lasagne all'ormeasca ma si rimanda l'evento all'autunno che questo piattino leggero ci sta meglio.. ora c'è l'impellenza della gita, tanto che ci tocca prenderci un giorno di ferie per trovare una giornata di tempo decente e portarla a conclusione.

Per fortuna che da isolati temporali nel bel mezzo della giornata si passa a piogge e schiarite e alla fine le previsioni diventano stabili con sole e nuvole e difatti così sarà, per tutto il giorno, un po' più nuvole che sole.

Alec aveva promesso una lunga camminata su sentieri dolci, con tanti rododendri in fiore: sentieri non pervenuti, rododendri chiusi, quelli comunque li ho visti benissimo visto che ci ho camminato sopra tutto il tempo, quando non camminavo su mari di neve.

Dopo una buona colazione al bar Stazione di Ormea (che ci ha garantito anche la cena a base di toast e gelato del caseificio di Demonte), un primo dolce incontro a Viozene darà il via a una serie di avvistamenti di animali nel resto della giornata (non tutti piacevolissimi).

coccole..
Immagine

ingorgo di mucche e vitellini
Immagine

Dopo aver dribblato un tot di mucche e vitellini, eccoci in prossimità del rifugio Mongioie, non ci sono mai stata e penso che sarebbe l'ideale per una gita in famiglia e una bella polentata. I pascoli che si aprono davanti a noi sono incantevoli ma.... a un tratto due bestiacce grame si dirigono correndo verso di noi, sono cani pastore, fanno sempre così, arrivano abbaiando e poi non ti considerano più ma... questi sono... pastori maremmani!!! La prima cosa che mi viene in mente è che se ne è parlato anche qui sul forum, si diceva di fare molta attenzione, mi prende la strizza, non mi ricordo che comportamento devo tenere, in giro non c'è nessuno sono le 7 del mattino e i due cani ci abbaiano contro e ci seguono mentre, facendo finta di niente, continuiamo a camminare risalendo il sentiero, i due pastori sono a mezzo metro dietro il mio sedere e abbaiano rabbiosamente e minacciosamente... prego... poi dopo un po' per fortuna si fermano e non ci seguono più, non avevamo altra scelta che passare da lì, mi chiedo se sia normale lasciare liberi due cani vicino ai sentieri e in prossimità del rifugio... anzi i cani erano tre, li ho visti poi girandomi dall'alto... che spavento!!! Per tutta la giornata non farò altro che pensare che al ritorno verrò sbranata nei pressi del rifugio Mongioie!!!

Ecco che più sopra un capriolo che forse non si è accorto della nostra presenza sta brucando l'erba in una piccola radura, mentre le cinciallegre canticchiano e compiono buffe acrobazie sui rami degli alberi in cerca di cibo.

Arriviamo al Bocchin dell'Aseo, risalendo tutto l'ultimo pezzo per il colle sulla neve, che per fortuna per tutto l'arco della giornata si mantiene morbida ma mai sfondosa.

Immagine

Da lì saliamo sulla bella Cima Revelli

Immagine


e torniamo sui nostri passi per raggiungere il Monte Rotondo e da lì il Bric di Conoia. Sembrava tutto più distante invece sono a uno sputo l'uno dall'altro. Alec non riesce a convincermi che dal Pizzo di Ormea c'è un sentiero che porta "direttamente" al Cavarero per cui sarebbe più logico raggiungerne la cima (io continuo proprio a credere che non ci sia) infatti poco dopo molla la presa e si accontenta di salire sulla Cima delle Roccate, mentre io preferisco dedicarmi ad altre attività... molto poco attive...

materasso ortopedico...
Immagine

Dal Bocchin del Bianco scendiamo nel vallone fino al Bivacco Cavarero, anche qui in assenza di sentieri.

Immagine

Immagine

Molto carino il bivacchino, da tornarci. Una coppia di signori del CAI di Mondovì scende dalla punta del Zucco e raggiunge il bivacco, sono partiti dalla Val Corsaglia. Scambiamo due chiacchiere e saliamo a nostra volta sullo Zucco. Da lì scendiamo al colletto Revelli dove mi rendo conto di quanta strada ancora dobbiamo fare, mentre il Bocchin dell'Aseo, volendo, sarebbe così vicino..

Immagine

quello che mi preoccupa è la neve, che occupa il canale che sale alla sella tra Mongioie e Cima della Brignola, con tanto di cornice al colle. Tuttavia, avvicinandoci sembra meno ripido che da lontano e vediamo che possiamo passare al lato del canale innevato (dove in teoria in estate c'è un sentiero? Boh...) e tenerci sulla destra della cornice fino a sbucare quasi in vetta alla Cima Brignola. Dalla Cima vediamo che la cresta è libera e la percorriamo per poi scendere verso il Bocchin delle Scaglie che comunque è ancora molto lontano. Io continuo a lamentarmi della neve (e della fantomatica presenza di un verde altopiano che dovevo trovare a fianco della Cima Brignola, che ovviamente non c'è!) ma Alec mi rassicura che nel canale delle Scaglie non troveremo neve sul sentiero.

Immagine

Immagine

Scendendo nel canale dal Bocchin delle Scaglie do pienamente ragione alla signora incontrata al bivacco quando diceva che il sentiero si percorre male: se per tutta la gita non ho patito il male ai piedi, il canale ha fatto tutto quello che le precedenti ore di cammino non avevano fatto. E' un sentiero che io definisco tritascarponi (e non solo gli scarponi..), quando il piede affonda nelle pietre senti proprio crunch crunch, come se ti stessero rosicchiando le suole delle scarpe!

Mi fanno male gli alluci... a un certo punto il sentiero duro finisce e inizia una discesa più veloce sul ghiaione che ci fa arrivare velocemente sui prati, ma ormai il dolore ai piedi c'è e mi fa rallentare anche nel pendio erboso... intanto siamo in vista del rifugio, prego che ci sia qualche anima viva per chiedere informazioni sui cani (hanno mai azzannato qualcuno?) e magari per farmi scortare letteralmente al di là del pascolo... ma ringraziando il cielo è l'ora della mungitura, sono infatti le 7 di sera (eravamo partiti alle 7 dalla macchina!!!) e la jeep del margaro si avvicina alle mucche... prego che si fermi, si ferma, vedo un cane che la segue. Da lì a poco arriviamo in zona pascolo e i due pastori maremmani, in presenza del padrone, si limitano a un timido "wof". ...'stardi...

Scendiamo giù dal sentiero dove incontriamo il terzo pastore maremmano, in questo caso non sorvegliato, ma abbaia solo una volta, che ci abbia riconosciuti dalla mattina e abbia pietà di noi dopo tutto quel cammino? Beh comunque ci lascia in pace, dribbliamo ancora un paio di mucche (e le loro cacche) e finalmente raggiungiamo nuovamente la macchina!!!

Animali visti:
- asinelli
- cani cattivi
- mucche e vitellini
- capriolo
- cinciallegre
- camosci
- fringuelli alpini
- coniglietto!!! (direi lepre ma... sembrava proprio un coniglietto in ogni caso era piccino!)
- aquila
- marmotte

ora che mi ricordo, ma non dovevo esser breve? :lol:

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven giu 20, 2014 23:13 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 17, 2011 13:00
Messaggi: 429
Località: Dolcedo
Belle foto.... chissa' se domenica il meteo ci permettera' di salire quassu'?

_________________
Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio.
(Bertolt Brecht)


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab giu 21, 2014 15:58 
Non connesso
Fotomodello delle vette
Avatar utente

Iscritto il: mar set 16, 2008 16:51
Messaggi: 4776
Località: genova marassi
Miiiiiiiiii....ma voi siete pazzi.... :risata: questi sono giri degni di quel gondone di sound :risataGrassa:

_________________
Immagine

http://www.finoincima.altervista.org

https://www.facebook.com/finoincima


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab giu 21, 2014 17:44 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 2224
Località: Genova / Imperia
Bravissimi !! =D> =D> Una gita fantastica .. e molto impegnativa! : Thumbup : I maremmani fanno paura anche a me , da quando quest'inverno in 3 mi hanno abbaiato furiosamente sul Castell'Ermo . :angry1: :angry1: C'è ancora troppa neve per i miei gusti. Spero quest'estate di riuscire a fare un giretto simile....

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun giu 23, 2014 7:55 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2009 12:40
Messaggi: 1216
Località: Vicoforte (CN)
Bello bello...e gran gitone...complimenti..
Però...però...qui gatta ci cova...troppi fiorellini, troppi animali...mi sa che presto arriverà il gitone tecnico... :risataGrassa:

_________________
Immagine

La farfalla non conta gli anni, ma gli istanti. Per questo il suo breve tempo le basta..
Profilo Instagram: keiji76


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun giu 23, 2014 10:01 
Non connesso
dags1972 di quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 08, 2006 15:19
Messaggi: 4689
Che gitona

Inviato dal mio Z10 utilizzando Tapatalk

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun giu 23, 2014 15:57 
Non connesso
Utente Attivo

Iscritto il: dom set 28, 2008 22:31
Messaggi: 104
daniele64 ha scritto:
I maremmani fanno paura anche a me , da quando quest'inverno in 3 mi hanno abbaiato furiosamente sul Castell'Ermo . :angry1: :angry1:



sono gli stessi : WallBash :
in estate la mandria e relativi guardiani vengono portati in "vacanza" sopra viozene

il proprietario pare sia già stato più volte diffidato dal lasciare i cani liberi, ma se ne frega ... una gran "bella" personcina ...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 25, 2014 7:22 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12151
Località: Genova
io stimo e ammiro i pastori, capisco la paura dei lupi... però... se ti attaccano quelli ti fanno fuori... se fai una mossa sbagliata.. non so... mi sembrano molto molto pericolosi. Con Ale ci siamo illusi che magari abbaiano per farti stare lontano e sono "addestrati" a non attaccare l'uomo... ma non so non mi convince molto... :roll:

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 25, 2014 7:55 
Non connesso
Iron woman
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 12, 2006 21:21
Messaggi: 6839
Località: Genova Rivarolo
Bella gita!!
Me la segno per l'autunno : Thumbup :

_________________
Sono un viandante, un valicatore di monti.
Non amo le pianure e sembra che non possa stare a lungo in un luogo.
Qualunque cosa mi riservi il fato o l'esperienza,sempre dovrò camminare ed ascendere monti.
Non si può vivere che da come si è.
F. NIETZSCHE


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 25, 2014 9:06 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: ven feb 09, 2007 9:23
Messaggi: 15168
Località: Genova Sestri
Bello! Avevo già addocchiato questa gita... ma la farei più avanti (senza neve). Grandissimi!! =D>

_________________
"Se non fosse unta, non fosse focaccia." Ignota


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 25, 2014 12:28 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12151
Località: Genova
keiji1976 ha scritto:
Bello bello...e gran gitone...complimenti..
Però...però...qui gatta ci cova...troppi fiorellini, troppi animali...mi sa che presto arriverà il gitone tecnico... :risataGrassa:


per ora mi salvo :risataGrassa: poi si vedrà :risataGrassa:

serena ha scritto:
Bella gita!!
Me la segno per l'autunno : Thumbup :
Pazzaura ha scritto:
Bello! Avevo già addocchiato questa gita... ma la farei più avanti (senza neve). =D>


vedi le persone intelligenti :risata:

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 25, 2014 13:03 
Non connesso
Iron woman
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 12, 2006 21:21
Messaggi: 6839
Località: Genova Rivarolo
scinty ha scritto:
keiji1976 ha scritto:
Bello bello...e gran gitone...complimenti..
Però...però...qui gatta ci cova...troppi fiorellini, troppi animali...mi sa che presto arriverà il gitone tecnico... :risataGrassa:


per ora mi salvo :risataGrassa: poi si vedrà :risataGrassa:

serena ha scritto:
Bella gita!!
Me la segno per l'autunno : Thumbup :
Pazzaura ha scritto:
Bello! Avevo già addocchiato questa gita... ma la farei più avanti (senza neve). =D>


vedi le persone intelligenti :risata:


In autunno fa anche un po più fresco. .

_________________
Sono un viandante, un valicatore di monti.
Non amo le pianure e sembra che non possa stare a lungo in un luogo.
Qualunque cosa mi riservi il fato o l'esperienza,sempre dovrò camminare ed ascendere monti.
Non si può vivere che da come si è.
F. NIETZSCHE


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 46 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it