Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è sab ago 15, 2020 0:22

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: ven lug 24, 2020 19:13 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven set 14, 2007 14:29
Messaggi: 1680
Località: IMPERIA
Castel Tournou da Tenda (Pont Riche - Vallon du Refrei)

Uscita del 20 luglio 2020 con Pierpaolo e Gianfranco
Partenza: Tenda, Vallon du Refrei, Loc. Pont Riche (875 m. slm)
Arrivo: Castel Tournou (m. 1340 m. slm) Opera militare di difesa
Dislivello m. 470 - Lunghezza 3.5 km circa - Durata 1h 50'
Meteo: soleggiato con saltuario passaggio di nuvole

La Loc. Pont Riche viene raggiunta da una strettissima strada asfaltata con pochi slarghi in caso di incontro con auto in senso contrario. Dopo circa 3 km. l'asfalto finisce (piccolo parcheggio) e la strada continua come sterrata, in buono stato, sino alle Granges de La Pia (poco più di 1 km - m. 900 - parcheggio).

La visita di Castel Tournou era nei piani già da tempo e finalmente l'abbiamo inserita in un giro più ampio, purtroppo non andato a buon fine :angry1: . Pertanto ho limitato il topic alla parte relativa alla fortificazione, percorso abbastanza breve, facilmente accessibile seguendo una mulattiera ancora in discreto stato, con belle vusuali sul Vallon du Refrei e inserito in un ambiente naturale caratterizzato da moltissime piante di lavanda, timo, santoreggia ed altre essenze della macchia mediterranea.

L’Opera 243 fa parte della seconda linea fortificata della Val Roya, che da Vievola arrivava fino al Monte Bertrand. A tale linea appartengono alcuni dei centri più spettacolari sia come dimensioni che come posizione, spesso ricavati all’interno di imponenti masse rocciose e con le postazioni per le armi che si aprono a grande altezza su pareti pressoché verticali (oltre al nostro Castel Tournou ci sono il Monte Corto, le Rocce di Gata e le Rocce della Servia). E’ un’opera in calcestruzzo e caverna, costruita secondo le prescrizioni della Circolare 15000 nel 1940. È stata completata solo nelle parti murarie, ma non fu mai equipaggiata né con gli impianti tecnici, né fu mai armata. E’ visitabile avendo a disposizione abbigliamento adeguato e una buona torcia. (fonte: https://alpioccidentali.wordpress.com/2 ... l-tournou/ )

Immagine
http://giandagnino.altervista.org/castel-tournou.html



Abbiamo lasciato l'auto a Pont Riche dove la strada si biforca e diventa sterrata: a sinistra per le Granges de La Pia mentre a destra arriva quella che doveva essere la nostra via di ritorno.
Prendiamo quella di sinistra (fattibile anche in auto) ed in circa 20 minuti raggiungiamo le granges dove inizia la mulattiera che con molti tornanti risale le pendici soprastanti per poi assumere un andamento lineare seguendo il vallon du Refrei.

Il Lac de la Pia

Immagine


Immagine


Immagine

Granges de la Pia

Immagine

Rochers de Gata

Immagine


Immagine


Poco dopo si tralascia a sinistra una deviazione per altre granges e continuando in leggera salita si giunge prima ad una "barme" (balma, grotta - ricovero) molto fresca tra due pareti strapiombanti chiuse da un masso incastrato. Si prosegue (Castel Tournou si mostra) per raggiungere delle dirute case pastorali ed un' edicola votiva. Passando oltre l'imponente mole del torrione, alcuni brevi tornanti ci portano ad incrociare una strada sterrata (balise 317) e svoltando a sinistra, dopo poco si "intuisce" a sinistra una traccia che in pochi minuti porta all'ingresso principale della fortificazione.


Immagine


La "barme" o "balma"

Immagine


Immagine


Castel Tournou

Immagine


Immagine


Immagine


Immagine



L'entrata principale

Immagine


Immagine





L'interno è molto buio (serve una torcia potente) e parecchio fresco (pile consigliato :? ); bisogna stare molto attenti ad evitare di cadere nella piccola trincea a lato del percorso (canale dei servizi :pensoso: ) Abbiamo constatato, a differenza di altre opere similari visitate in passato, la totale assenza di umidità sulle pareti, ancora intatte come appena costruite.

Immagine


Immagine


Immagine


Immagine


Immagine


L'ingresso secondario

Immagine


Immagine


Sulla parete di fronte a Castel Tournou occhieggia la feritoia di un'altra opera militare (Rochers de Servia)

Immagine


Dalla balise 317 parte un percorso che scende sul fondovalle del Refrei, risale ai Rochers de Servia, per poi scendere a Pont Riche.

Immagine

Durante il ritorno: recinto per animali :-k :-k :-k

Immagine



Questo è tutto. Saluti 8)


FRANKIE@

_________________
"Perché con uno (occhio) tu guardi il mondo, con l'altro guardi in te stesso".

Amedeo Modigliani


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab lug 25, 2020 7:59 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: lun dic 03, 2018 0:38
Messaggi: 390
Bello, è nei miei piani ma aspetterò un po' più di fresco, settembre-ottobre...
Te volevi superare Castel Tournou e scendere lungo la sterrata\sentiero a est oltre il rio Refrei?

Inviato dal mio SM-G985F utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab lug 25, 2020 10:31 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven set 14, 2007 14:29
Messaggi: 1680
Località: IMPERIA
Ratasuira ha scritto:
Bello, è nei miei piani ma aspetterò un po' più di fresco, settembre-ottobre...
Te volevi superare Castel Tournou e scendere lungo la sterrata\sentiero a est oltre il rio Refrei?

Inviato dal mio SM-G985F utilizzando Tapatalk


: Thanks : il circuito che dalla balise 317 scende nel Refrei è il percorso classico, però abbastanza corto e con poco dislivello a fronte dei quasi 100 km. di auto per arrivare a Pont Riche.
La nostra idea era quella di proseguire sul sentiero verso l'Hameau de Refrei e quindi alla balise 314, passare sul versante opposto e ritornare a Pont Riche. Purtroppo appena lasciato Castel Tournou il sentiero è risultato non tenuto ed invaso da vegetazione molto alta (parecchia ortica :pensoso: ) che ci ha costretto a procedere molto lentamente (il tratto bal. 317 > bal. 314 è bello lungo). Comunque alla 314 ci siamo arrivati, rendendoci però subito conto che il tratto di ritorno era in condizioni, se possibile, ancora peggiori. E' stato giocoforza tornare indietro. Peccato :esclamativo:

Ciao.

_________________
"Perché con uno (occhio) tu guardi il mondo, con l'altro guardi in te stesso".

Amedeo Modigliani


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab lug 25, 2020 21:33 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 3968
Località: Genova / Imperia
=D> =D> Bello Castel Tournou ed in ottime condizioni . Però come hai giustamente detto , 100 km per vederlo non sono pochi ... Bisognerebbe abbinargli qualcos'altro nelle vicinanze .
:smt006

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun lug 27, 2020 16:07 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: lun dic 03, 2018 0:38
Messaggi: 390
FRANKIE@ ha scritto:
Ratasuira ha scritto:
Bello, è nei miei piani ma aspetterò un po' più di fresco, settembre-ottobre...
Te volevi superare Castel Tournou e scendere lungo la sterrata\sentiero a est oltre il rio Refrei?

Inviato dal mio SM-G985F utilizzando Tapatalk


: Thanks : il circuito che dalla balise 317 scende nel Refrei è il percorso classico, però abbastanza corto e con poco dislivello a fronte dei quasi 100 km. di auto per arrivare a Pont Riche.
La nostra idea era quella di proseguire sul sentiero verso l'Hameau de Refrei e quindi alla balise 314, passare sul versante opposto e ritornare a Pont Riche. Purtroppo appena lasciato Castel Tournou il sentiero è risultato non tenuto ed invaso da vegetazione molto alta (parecchia ortica :pensoso: ) che ci ha costretto a procedere molto lentamente (il tratto bal. 317 > bal. 314 è bello lungo). Comunque alla 314 ci siamo arrivati, rendendoci però subito conto che il tratto di ritorno era in condizioni, se possibile, ancora peggiori. E' stato giocoforza tornare indietro. Peccato :esclamativo:

Ciao.
Grazie ma non ci ho capito gran che 😅
Le balise cosa sarebbero?

Inviato dal mio SM-G985F utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun lug 27, 2020 17:39 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven set 14, 2007 14:29
Messaggi: 1680
Località: IMPERIA
Ratasuira ha scritto:
FRANKIE@ ha scritto:
Ratasuira ha scritto:
Bello, è nei miei piani ma aspetterò un po' più di fresco, settembre-ottobre...
Te volevi superare Castel Tournou e scendere lungo la sterrata\sentiero a est oltre il rio Refrei?

Inviato dal mio SM-G985F utilizzando Tapatalk


: Thanks : il circuito che dalla balise 317 scende nel Refrei è il percorso classico, però abbastanza corto e con poco dislivello a fronte dei quasi 100 km. di auto per arrivare a Pont Riche.
La nostra idea era quella di proseguire sul sentiero verso l'Hameau de Refrei e quindi alla balise 314, passare sul versante opposto e ritornare a Pont Riche. Purtroppo appena lasciato Castel Tournou il sentiero è risultato non tenuto ed invaso da vegetazione molto alta (parecchia ortica :pensoso: ) che ci ha costretto a procedere molto lentamente (il tratto bal. 317 > bal. 314 è bello lungo). Comunque alla 314 ci siamo arrivati, rendendoci però subito conto che il tratto di ritorno era in condizioni, se possibile, ancora peggiori. E' stato giocoforza tornare indietro. Peccato :esclamativo:

Ciao.
Grazie ma non ci ho capito gran che 😅
Le balise cosa sarebbero?

Inviato dal mio SM-G985F utilizzando Tapatalk



La balise è la "palina segnaletica" in francese. In alcuni casi sono numerate (non in tutta la Francia) e sono indicate sulle carte al 25000 dell' IGN. E' un'abitudine chiamarle così per le escursioni fatte in Francia.
Se guardi la mia penultima foto vedi la palina 317 :?

Ciao :lol:

_________________
"Perché con uno (occhio) tu guardi il mondo, con l'altro guardi in te stesso".

Amedeo Modigliani


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar lug 28, 2020 6:35 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: lun dic 03, 2018 0:38
Messaggi: 390
Perfetto, grazie

Inviato dal mio SM-G985F utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it