Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è dom ago 09, 2020 18:34

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sab apr 25, 2020 23:43 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 15:41
Messaggi: 1260
Località: Arenzano
Ci sono montagne particolari che quando le vedi ti viene voglia di salirle.
E scopri che puoi non solo salirle, ma anche attraversarle, nel senso che sali da un lato e scendi da quello opposto, e queste sono quelle che più mi piacciono.

E poi trovi che nel modo di salirle c’è una storia, che risale a guerre lontane, che non ricordavi ma che adesso ti incuriosisce: soldati spagnoli in Val Varaita …, guerra di successione austriaca… luglio 1744… mah.
A questo punto chi conosce almeno un pochino la val Varaita avrà capito che sto parlando del Monte Pietralunga, e del suo famoso “Passo del Ciat”.

Definito il tuo bel percorso ad anello ti riprometti di farlo non appena la stagione sarà propizia, ma quasi subito cominciano una serie di sfortune ed imprevisti, alti e bassi, non se ne esce per almeno sette anni. E il Pietralunga diventa così un sogno che a lungo giacerà impolverato nel cassetto.

Poi nel Luglio 2017, esattamente duecentosettantatre anni dopo gli eventi bellici descritti in apertura, si parte dalla borgata Chiesa di Bellino (1440 m) alla volta del Pietralunga, finalmente.

Immagine

Imboccato in località Masdelbernard il sentiero U63 per il colle della Battagliola si sale da subito molto ripidamente prima tra boschetti di ontani e frassini e poi su ampie praterie, così tipiche della val Varaita.

Immagine

Immagine

La vetta del Pietralunga torreggia su di noi, maestosa, ricordando molto, forse per suggestione militaresca, il genovese Forte dei Ratti.

Immagine

Immagine

Dall’altra parte della valle di Bellino altrettanto maestoso, si alza il Pelvo d’Elva.

Immagine

Passate prima le Grange dell’Alp e poi le Grange Espeireà,

Immagine

si segue la strada sterrata proveniente da Pleyne e si raggiunge il crinale nei pressi della Punta del Cavallo da dove comincia a vedersi il vallone di Chianale

Immagine

ed il Monviso.

Immagine

Si prosegue verso il colle della Battagliola dove il sentiero GTA cambia denominazione, e scende alla volta di Ponte Chianale.

Lo abbandoniamo per raggiungere ed oltrepassare la Punta della Battagliola

Immagine

Immagine

e quindi salire per faticoso crinale erboso

Immagine

arrivando alla base della fascia rocciosa che circonda il Monte Pietralunga.

Immagine

Da qui sembra difficile salire oltre ma grazie al Passo del Gatto, un canale roccioso ripido ma ben appigliato, è possibile pervenire senza troppi problemi alla panoramica ed allungata vetta.

Immagine

Immagine

Immagine


Nota storica:
Lungo questo canale, nella notte fra il 18 e il 19 luglio 1744, discesero centinaia di soldati franco spagnoli, che anche grazie alla fitta nebbia (frequente su questa cima) colsero di sorpresa le truppe sabaude trincerate sulla Punta del Cavallo.
A dispetto del toponomastico vezzeggiativo di “Battagliola” che oggi contrassegna sia il Colle che la Punta, ci fu in realtà una carneficina, con più di mille morti da ambo le parti.

Non mancano le leggende che vogliono ancora, nelle sere di nebbia, echeggiare dai canaloni circostanti i lamenti dei poveri soldati, lassù caduti inutilmente. Due giorni prima infatti l’Armata franco spagnola aveva espugnato facilmente il forte di Vinadio, dopo aver aggirato lo sbarramento delle Barricate di Pontebernardo, e dilagava ormai per la valle Stura alla volta di Cuneo. Ma la notizia arrivò tardi, a strage fatta, perché il messaggero era morto annegato lungo la strada.


Usciti dal canalino, verticale ma ben scalinato e fornito di corda fissa,

Immagine

percorriamo ancora un breve tratto di facile cresta e arriviamo alla croce di vetta, 2735 m.

Immagine

Siamo a cavallo tra il vallone di Bellino e quello di Chianale, da un lato il Monviso e dall’altro il Pelvo, e tanto altro. Davvero un bel panorama.

Immagine

Immagine

Dopo pranzo proseguiamo per aerea cresta erbosa verso il colle del Bondormir, sotto l’imponente Monte Ferra.

Immagine

Anche se siamo a metà luglio sul versante nord ci sono ancora abbondanti residui nevosi.

Immagine

Ma noi svoltiamo a sud e prendiamo il ripidissimo sentiero U23 che per creste terrose, prati verticali e lunghi canaloni ci riporta alle soglie della Borgata di Celle.

Immagine

Immagine

Immagine

La raggiungiamo attraversando alla fine un meraviglioso prato immersi nei fiori fino al collo.

Immagine

Dopo una breve visita alle belle case decorate del borgo

Immagine

Immagine

rientriamo a Chiesa per un sentiero (delle meridiane) non segnato sulla mappa OSM ma che tocca altre borgate ed evita di dover camminare sulla Provinciale.

Allegato:
Raccordo Celle Chiesa.JPG
Raccordo Celle Chiesa.JPG [ 51.47 KiB | Osservato 867 volte ]


In conclusione una salita e una discesa per gambe buone, ma il Pietralunga , se non trovate la nebbia in vetta, ripaga alla grande della fatica spesa.

_________________
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom apr 26, 2020 10:49 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven set 14, 2007 14:29
Messaggi: 1676
Località: IMPERIA
: Thumbup : =D> =D> =D> vedo che hai risposto al mio appello! : Thanks :

Posti bellissimi che sarebbe interessante frequentare di più. Purtroppo le nostre uscite in zona, nel corso degli anni, si contano sulle dita della mano di un monco :triste:
Siamo un poco fossilizzati sulle Marittime, peraltro molto belle anche loro 8)

Paesaggi e foto stupende come pure molto interessante il contesto storico che ha interessato la zona : Thumbup :


Salutoni :risata:

FRANKIE@

_________________
"Perché con uno (occhio) tu guardi il mondo, con l'altro guardi in te stesso".

Amedeo Modigliani


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom apr 26, 2020 11:16 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 3949
Località: Genova / Imperia
=D> =D> =D> Bellissima gita e bellissima relazione , con interessanti riferimenti storici . : Thumbup : Mi hai fatto proprio venir voglia di fare un salto da quelle parti ... :risata: Lo metto in lista per una prossima volta in zona , magari aggiungendoci la Punta del Cavallo , a cui sei passato vicinissimo , e la Madonnina della Valle ( se è un buon punto panoramico ) ... :pensoso:
:smt006

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom apr 26, 2020 13:47 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 15:41
Messaggi: 1260
Località: Arenzano
FRANKIE@ ha scritto:
: Posti bellissimi che sarebbe interessante frequentare di più. Purtroppo le nostre uscite in zona, nel corso degli anni, si contano sulle dita della mano di un monco :triste:
Siamo un poco fossilizzati sulle Marittime, peraltro molto belle anche loro 8) FRANKIE@

Ma anche noi ultimamente ci siamo un pò fossilizzati sulla val Maira, dove abbiamo un punto di appoggio, perchè gli anni passano e i lunghi spostamenti in giornata si fanno più faticosi.
Cerchiamo tuttavia, molto democraticamente, di fare ogni tanto anche qualche incursione nelle altre valli della Granda, ciascuna così diversa e particolare che è sempre un peccato non ripassarle regolarmente.
La Varaita nella nostra area giochi è la più a nord, ma è veloce da raggiungere e da percorrere, e regala grandi vette e grandi spazi. Una valle di respiro.

Vedo di mettere qualcos'altro di quelle parti, se la pigrizia non riprende il sopravvento .... :dormendo:

Un caro saluto Grande Frankie. : Welcome :

_________________
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom apr 26, 2020 14:26 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 15:41
Messaggi: 1260
Località: Arenzano
daniele64 ha scritto:
=D> =D> =D> Bellissima gita e bellissima relazione , con interessanti riferimenti storici . : Thumbup : Mi hai fatto proprio venir voglia di fare un salto da quelle parti ... :risata: Lo metto in lista per una prossima volta in zona , magari aggiungendoci la Punta del Cavallo , a cui sei passato vicinissimo , e la Madonnina della Valle ( se è un buon punto panoramico ) ... :pensoso:
:smt006
Grazie Dani, sempre gentile. : Thanks :

La Punta del Cavallo la fai molto facilmente ed è obbligatoria quando sei lì (non l'ho messa per brevità).

La Madonnina della valle direi che è sicuramente panoramica, perchè si trova proprio sullo spigolo est del crinale che divide i due valloni di Bellino e Chianale (Costa del Balz).
Questa foto presa dal sito Cuneotrekking direi che conferma le mie supposizioni.
Allegato:
Madonnina della Valle.jpg
Madonnina della Valle.jpg [ 449.58 KiB | Osservato 832 volte ]

_________________
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom apr 26, 2020 14:58 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 3949
Località: Genova / Imperia
Grazie , Little . Sei sempre un grande consigliere di itinerari nuovi per me ...😉

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar apr 28, 2020 13:13 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 22, 2006 14:04
Messaggi: 5932
Località: Genova
Mi ricorda qualcosa questa gita!! Era giugno però, non luglio :smt064

_________________
Io credetti e credo la lotta con l'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede.

Meglio un fesso felice che un granitico scontento.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer apr 29, 2020 14:53 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 15:41
Messaggi: 1260
Località: Arenzano
Alec ha scritto:
Mi ricorda qualcosa questa gita!! Era giugno però, non luglio :smt064

Ma hai ragione, guardato meglio ed era il 10 giugno ... mi hai beccato! :imbarazzo:
Ti sei riconosciuto nel puntino con la maglietta rossa che compare sempre avanti nelle foto?

A proposito.. hai mica da aggiungere qualche foto della mangiata post gita da "I Chimi" a Frassino ? :risataGrassa:
La Scaramella al forno.. quella la ricordo bene... :pensoso:

_________________
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio apr 30, 2020 9:36 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mer gen 04, 2017 21:35
Messaggi: 211
Località: Torino
Grazie per le foto e le indicazioni per il passo del gatto. Visto così, mi sembra fattibile e la corda aiuta nel capire dove passare.

Quando l'anno scorso transitai dal colle della Battagliola, incontrai due signori saliti da Celle per un sentiero non segnalato, ma riportato sulla carta Fraternali, che descrissero come molto selvaggio e pieno di selvatici. È quello che si vede nella foto sotto la didascalia “crinale erboso”.

Consiglio anch'io “I Chimi”, oppure anche “Il mulino delle fucine” a Casteldelfino, sempre sulla strada del rientro.

_________________
«[Le montagne] sembrano mancare dei contrassegni tipici dell'italianità» (M. Armiero, Le montagne della patria)

In terre vicine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio apr 30, 2020 14:08 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 22, 2006 14:04
Messaggi: 5932
Località: Genova
Littletino ha scritto:
Alec ha scritto:
Mi ricorda qualcosa questa gita!! Era giugno però, non luglio :smt064

Ma hai ragione, guardato meglio ed era il 10 giugno ... mi hai beccato! :imbarazzo:
Ti sei riconosciuto nel puntino con la maglietta rossa che compare sempre avanti nelle foto?

A proposito.. hai mica da aggiungere qualche foto della mangiata post gita da "I Chimi" a Frassino ? :risataGrassa:
La Scaramella al forno.. quella la ricordo bene... :pensoso:


Era stata una gita bellissima. Speriamo di poterne fare altre presto!

Foto dei Chimi mi sa che non ne ho...

_________________
Io credetti e credo la lotta con l'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede.

Meglio un fesso felice che un granitico scontento.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar mag 05, 2020 22:17 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab ott 31, 2015 10:22
Messaggi: 460
gran bel giro e si vede dalle foto : Thumbup :
il toponimo passo del gatto mi ricorda il famigerato passaggio della normale al pelmo, anche se in realtà è l unico punto atrezzato della pericolosa cengia di ball, per il resto non penso ci siano nemmeno spit


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab mag 09, 2020 21:25 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 15:41
Messaggi: 1260
Località: Arenzano
luga ha scritto:
.... il toponimo passo del gatto mi ricorda il famigerato passaggio della normale al pelmo, anche se in realtà è l unico punto atrezzato della pericolosa cengia di ball, per il resto non penso ci siano nemmeno spit

Quando percorsi la cengia di Ball nel luglio del 2009 non c'erano spit nei passaggi più esposti, e solo il passo del gatto era attrezzato con un sottile cavetto di acciaio, diciamo più di conforto che per sicurezza. :pensoso:

Quello del Pietralunga è stato il quarto passo del gatto della mia vita: oltre ai due già citati ricordo quello sulla Cresta Sinigaglia fatto in discesa al ritorno dalla Grignetta e quello della cengia che conduce alla cima sud dell'Argentera.
Non li ricordo attrezzati, ma forse adesso hanno messo una corda.

_________________
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab mag 16, 2020 11:42 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab ott 31, 2015 10:22
Messaggi: 460
Littletino ha scritto:
luga ha scritto:
.... il toponimo passo del gatto mi ricorda il famigerato passaggio della normale al pelmo, anche se in realtà è l unico punto atrezzato della pericolosa cengia di ball, per il resto non penso ci siano nemmeno spit

Quando percorsi la cengia di Ball nel luglio del 2009 non c'erano spit nei passaggi più esposti, e solo il passo del gatto era attrezzato con un sottile cavetto di acciaio, diciamo più di conforto che per sicurezza. :pensoso:

Quello del Pietralunga è stato il quarto passo del gatto della mia vita: oltre ai due già citati ricordo quello sulla Cresta Sinigaglia fatto in discesa al ritorno dalla Grignetta e quello della cengia che conduce alla cima sud dell'Argentera.
Non li ricordo attrezzati, ma forse adesso hanno messo una corda.


ah quindi un nome una garanzia di pericolsità.. :risata:
ancora più pazzesca , in termini di pericolosità , della cengia di Ball, sempre sul Pelmo, c'è la c. Grohmann!


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it