Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è gio giu 20, 2019 17:10

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: ven mar 18, 2011 22:09 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer ott 22, 2008 14:58
Messaggi: 274
Immagine

La settimana scorsa sono tornato a risalire il Cù du Mundu con Francesco.

Avvertiti da Giorgio che l'aveva percorso sei mesi fa, ci siamo portati forbicioni e seghetto, perché Giorgio ci aveva parlato di alberi caduti e spine ovunque...

Immagine

In effetti l'ultima alluvione e l'abbandono quasi totale del percorso hanno fatto un po' di danni, ma per chi vuol giocare all'avventura (Indiana Jones quando c'erano le spine chiedeva la controfigura?) il posto è ideale.

Immagine

Con tutta calma, tagliando un po' di spine e qualche ramo fastidioso, studiando il percorso dove i segnavia tendevano a scomparire, e facendo qualche variante, ci siamo comunque divertiti: sarebbe bello bendare uno che abita a Cogoleto o Arenzano, portarlo lì dopo un po' di giri in elicottero e poi dirgli: dove siamo? Se non è un escursionista o alpinista locale, penserà sicuramente che l'abbiamo portato nella giungla a migliaia di chilometri di distanza...

Immagine

Noi l'abbiamo salito senza usare la corda, ma richiede comunque molta attenzione: non è certo una gita escursionistica, è molto più vicino a una salita alpinistica PD ... nella giungla amazzonica...

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: sab mar 19, 2011 18:23 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer set 06, 2006 17:18
Messaggi: 6968
Località: Genova
grandi un diversi anni fa l' avevo salita con Goretti che faceva da capocordata, poi non sono mai riuscito più a convincere nessuno. :triste:

_________________
Paesi Abbandonati


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: sab mar 19, 2011 21:47 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12092
Località: Genova
delorenzi ha scritto:
grandi un diversi anni fa l' avevo salita con Goretti che faceva da capocordata, poi non sono mai riuscito più a convincere nessuno. :triste:


:ninja: è una delle varie cose che vorrei fare!

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: sab mar 19, 2011 22:11 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mer gen 27, 2010 20:38
Messaggi: 1476
Località: sassello
fantastico il Cù du Mundu : Thumbup :

_________________
...montagna vissuta,tempo per respirare... (Reinhard Karl)

"Quando le luci si spegneranno per sempre il mio popolo sarà ancora qui.Noi abbiamo le nostre antiche usanze.Sopravviveremo."
(Nuvola Rossa,capo Sioux)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: dom mar 20, 2011 7:37 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 30, 2008 17:51
Messaggi: 11716
Località: Savona
Tanti anni fà volevo andarci perchè dalle descrizioni mi sembrava una bella avventura e dalle foto sembra proprio che lo sia! : Thumbup :

_________________
Il silenzio non si trova sulla cima delle montagne e il rumore non sta nei mercati delle città: ambedue sono nel cuore dell'uomo.
Lao Tse (VI sec a.C.)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 8:36 
Non connesso
Cintura nera di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 16:32
Messaggi: 5735
Località: Genova
gecko ha scritto:
Tanti anni fà volevo andarci perchè dalle descrizioni mi sembrava una bella avventura e dalle foto sembra proprio che lo sia! : Thumbup :

Lo è :esclamativo:

_________________
Ji ta kyo ei
Amicizia e mutua prosperità


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 8:38 
Non connesso
Sherpani di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mar giu 08, 2010 20:40
Messaggi: 7602
Località: Valle del Kumbu
mazzysan ha scritto:
gecko ha scritto:
Tanti anni fà volevo andarci perchè dalle descrizioni mi sembrava una bella avventura e dalle foto sembra proprio che lo sia! : Thumbup :

Lo è :esclamativo:

quoto : Thumbup :

_________________
Namaste
"Non esiste una via per la pace, la Pace è la Via"
Tenzin Gyatso (Dalai Lama)

Tibet libero!!!
"...ognuno di noi, da qualche parte ha il suo Everest da scalare, qualunque nome esso porti (Wanda Rutkiewicz)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 10:30 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer ott 22, 2008 14:58
Messaggi: 274
Ci vorrebbe qualche anima buona che si prendesse la briga di andare al tagliare un po' di rami e spine e a rinfrescare le frecce bianche. Se no, giustamente, rimane un'avventura a tutto tondo: magari invece del machete si portano i forbicioni (che fa un po' meno Indiana Jones ma evita spiacevoli tagli di gambe o braccia in caso di uso maldestro...). Noi con tutta calma tagliando un po' di spine e cespugli, ci siamo comunque divertiti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 21:11 
Non connesso
Uomo di pietra
Avatar utente

Iscritto il: lun ott 02, 2006 21:41
Messaggi: 6235
Località: Genova-San Teodoro
Frecce bianche NO per favore..........
Se uno cerca l'"avventura" le frecce non servono............

_________________
Belin !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 21:22 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12092
Località: Genova
granpasso ha scritto:
Frecce bianche NO per favore..........
Se uno cerca l'"avventura" le frecce non servono............


OTpotremmo fare come sul Sentiero dei Daini dove hanno messo i segnavia a zoccolo di daino, solo che essendo il Cù du mundu.... :mrgreen: :lol:

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 21:52 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 30, 2008 17:51
Messaggi: 11716
Località: Savona
scinty ha scritto:
granpasso ha scritto:
Frecce bianche NO per favore..........
Se uno cerca l'"avventura" le frecce non servono............


OTpotremmo fare come sul Sentiero dei Daini dove hanno messo i segnavia a zoccolo di daino, solo che essendo il Cù du mundu.... :mrgreen: :lol:


posso immaginare???? :risata: :risata: :risata: :ahah:

_________________
Il silenzio non si trova sulla cima delle montagne e il rumore non sta nei mercati delle città: ambedue sono nel cuore dell'uomo.
Lao Tse (VI sec a.C.)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: mar mar 22, 2011 8:26 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer set 06, 2006 17:18
Messaggi: 6968
Località: Genova
granpasso ha scritto:
Frecce bianche NO per favore..........
Se uno cerca l'"avventura" le frecce non servono............


Guarda che le frecce bianche ci sono sempre state, almeno per il primo tratto

_________________
Paesi Abbandonati


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: mar mar 22, 2011 15:26 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer ott 22, 2008 14:58
Messaggi: 274
I segnavia bianchi li aveva messi il vecchio Goretti, seguendo un percorso un po' contorto ma suggestivo e non troppo difficile. Senza segnavia su di lì o ti cacci nei guai o nella giungla. Ora molti sono sbiaditi o nascosti dall'erba e dalle foglie. E' comunque un'avventura anche con i vecchi segnavia: provare per credere...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: mar mar 22, 2011 20:17 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 22, 2006 14:04
Messaggi: 5930
Località: Genova
scinty ha scritto:
granpasso ha scritto:
Frecce bianche NO per favore..........
Se uno cerca l'"avventura" le frecce non servono............


OTpotremmo fare come sul Sentiero dei Daini dove hanno messo i segnavia a zoccolo di daino, solo che essendo il Cù du mundu.... :mrgreen: :lol:


:ahah: :risataGrassa:

_________________
Io credetti e credo la lotta con l'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede.

Meglio un fesso felice che un granitico scontento.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: mar mar 22, 2011 21:09 
Non connesso
Uomo di pietra
Avatar utente

Iscritto il: lun ott 02, 2006 21:41
Messaggi: 6235
Località: Genova-San Teodoro
delorenzi ha scritto:
granpasso ha scritto:
Frecce bianche NO per favore..........
Se uno cerca l'"avventura" le frecce non servono............


Guarda che le frecce bianche ci sono sempre state, almeno per il primo tratto


Lo sò benissmo..............

_________________
Belin !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: dom mar 27, 2011 14:27 
Non connesso
Sub-Titano Valdostano
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 09, 2008 0:05
Messaggi: 5346
Località: Alta Valle Scrivia / bassa val di Vara
andreaparodi ha scritto:
Ci vorrebbe qualche anima buona che si prendesse la briga di andare al tagliare un po' di rami e spine e a rinfrescare le frecce bianche. Se no, giustamente, rimane un'avventura a tutto tondo: magari invece del machete si portano i forbicioni (che fa un po' meno Indiana Jones ma evita spiacevoli tagli di gambe o braccia in caso di uso maldestro...). Noi con tutta calma tagliando un po' di spine e cespugli, ci siamo comunque divertiti.


perchè non organizzarsi come "quotazero"? Si potrebbe così risistemare un percorso rimasto un po' in abbandono e pubblicizzarlo grazie al forum.

_________________
"narratemi la regione dalla quale il figlio della montagna è sempre attratto, dove la forza dell'uomo convive con la mente aperta, dove riposano le ceneri dei padri liberi fedelmente vegliate dai figli liberi" Homines Dicti Walser


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: dom mar 27, 2011 18:32 
Non connesso
Matricola

Iscritto il: dom feb 06, 2011 18:01
Messaggi: 9
Località: ARENZANO
E' una delle salite che mi riprometto i fare da tanti anni.....ed è un'occasione per ricordare Goretti, che ho conosciuto e frequentato al CAI di Sampierdarena....un grande, uomo e alpinista.....una "scuola" di tecnica, di semplicità e modestia....e tante storie che ti facevano capire come andare in montagna senza tante "belinate": "cosa ti eri portato da mangiare al Cervino?" ....."in cima ho mangiato :imbarazzo: un po' di polpo bollito del giorno prima..." (ovviamente in genovese...)....altro che barrette.....

_________________
L'alpinismo è l'uomo che va incontro alla montagna.... (Patrick Berhault)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: dom mar 27, 2011 18:54 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer set 06, 2006 17:18
Messaggi: 6968
Località: Genova
louis ha scritto:
E' una delle salite che mi riprometto i fare da tanti anni.....ed è un'occasione per ricordare Goretti, che ho conosciuto e frequentato al CAI di Sampierdarena....un grande, uomo e alpinista.....una "scuola" di tecnica, di semplicità e modestia....e tante storie che ti facevano capire come andare in montagna senza tante "belinate": "cosa ti eri portato da mangiare al Cervino?" ....."in cima ho mangiato :imbarazzo: un po' di polpo bollito del giorno prima..." (ovviamente in genovese...)....altro che barrette.....


verissimo, anche io come detto ho avuto il piacere di conoscere ed arrampicare con Goretti, e quella del polpo bollito la avevo sentito da un amico comune.

_________________
Paesi Abbandonati


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: mar mar 29, 2011 8:35 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer ott 22, 2008 14:58
Messaggi: 274
Per me, se qualcuno decide di andare a pulire il Cù di Mundu (ma non fraintendete: niente carta igienica, servono forbicioni e seghetti...) io posso aggregarmi e portare anche la vernice per rinfrescare i bolli bianchi: solo che forse è meglio aspettare il prossimo autunno, perché con la primavera, lì arrivano vipere e zecche...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: ven apr 14, 2017 9:17 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 362
Da quando diversi anni fà (almeno 7-8), ho sentito parlare per la prima volta di questa forra, anche grazie al pittoresco nome, ho sempre pensato... "prima o poi ci vado".
Finalmente qualche giorno fà mi sono deciso, dopo un primo tentativo fallito, di ritornare e percorrere tutta la gola.

L' arrampicata non è tanta, ma è resa difficoltosa dalla vegetazione rigogliosa e pungente, comunque, con tutta calma ho ripulito tutto il possibile con i forbicioni , rendendo il percorso un pà più godibile.
Con il primo tentativo insieme ad amici, ci eravamo fermati sopra il primo guado, per poi risalire un canalino fino al sentiero dell' ingegnere. Il primo tentativo mi ha reso per fortuna un pò più semplice, grazie al lavoro di pulizia, percorrere la prima parte, quella con meno arrampicata se vogliamo, ma il grosso del lavoro e anche del divertimento mi aspettava nella seconda.

L' ambiente è davvero spettacolare e selvaggio, non umido e tetro come mi aspettavo, anzi al contrario, nella gola, quasi sempre al sole perlomeno in questa stagione, c'era una piacevole arietta fresca che non ha fatto pesare i 22°. Forse esagero, ma secondo me fino a fine aprile si può ancora fare. Resta comunque un itinerario per chi ama i luoghi selvaggi e un pò di avventura.

Di foto ne ho fatte, vedrò cosa posso fare, magari meglio una relazioncina.

Saluti, Ste


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: ven apr 14, 2017 9:39 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 362
Non si pensi male... mi sono accorto solo dopo aver riletto che c'è un doppio senso. :imbarazzo:

Va beh... :pensoso: :risata:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: sab apr 15, 2017 9:00 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer ott 22, 2008 14:58
Messaggi: 274
Bravo. Dopo il 2011 ci sono tornato anche io, due volte (ovviamente con forbicioni e una anche con il seghetto).
La seconda volta ci avevamo addirittura fatto una gita del nostro gruppo (I Geki) con otto-nove partecipanti. Per farli salire con una certa sicurezza abbiamo adottato il sistema delle corde fisse-mobili: salivo io per primo e piazzavo una fissa, mentre l'ultimo toglieva la più bassa e saliva velocemente a portarmela...

_________________
andreaparodi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: sab apr 15, 2017 18:38 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 362
Ciao... si, con i miei amici avevo utilizzato anch'io una corda come corrimano, mercoledi ero solo e ho potuto fare prima.

Volevo chiederti se le catenelle ai chiodi e la catena nella paretina finale, sono una cosa storica o e un'aggiunta fatta negli ultimi 10 anni?
Quando ne ho parlato a mio padre non si ricordava!

Saluti, Ste


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: mar apr 18, 2017 9:04 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer ott 22, 2008 14:58
Messaggi: 274
Li aveva messi Goretti quando aveva individuato e segnalato il percorso, se ben ricordo intorno alla metà degli anni Ottanta...

_________________
andreaparodi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: lun nov 13, 2017 12:49 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6380
Località: genova - marassi
Sabato 14 Ottobre 2017: Case Motta (90) – Cian da Nave (100) – Ponte Negrone (170) – Cu du Mundu (270) – Ponte Negrone (170) – Cian da Nave (100) – Case Motta (90).

Partecipanti: Stefs e soundofsilence.

Lunghezza: 9 Km. circa.

Dislivello: 500 m. circa.

Difficoltà: EE la variante da Cian da Nave fino a dove si riimmette sul sentiero segnato, PD il sentiero lungo il Cu du Mundu, sempre molto ripido, a tratti esposto e con vari tratti di arrampicata tra il II e il III grado dove gli appigli e gli appoggi scarseggiano abbastanza e spesso ci si trova ad usare l’erba o, preferibilmente, alberi e radici. Presente anche una discesa di una ventina di metri da fare in doppia.
Tutto il resto E.

Percorso in macchina: da Genova ad Arenzano in autostrada A10, quindi si prende a destra e dopo neanche 500 metri si lascia l’Aurelia per prendere a destra via Pian Masino. Passando quindi a sinistra di una zona industriale continuiamo su via Val Lerone, dove parcheggiamo al primo tornante.

Percorso a piedi: imbocchiamo la , per un tratto asfaltata, che si diparte dal tornante, quindi, dopo circa 500 metri in cui costeggiamo a sinistra il torrente Lerone, giungiamo ad una zona prativa denominata Cian da Nave, dove possiamo prendere una variante non segnalata sulla sinistra (sinceramente non lo consiglio il percorso è infrascato e non sempre chiaro e non aggiunge niente panroramicamente all’escursione); seguendo la variante suddetta si percorrono circa 800 metri paralleli al torrente, per poi svoltare bruscamente a destra, prima in salita e poin discesa fino ad un guado, da dove, piegando a destra, ci riimmettiamo sul sentiero segnato abbandonato a Cian da Nave. Imbocchiamo quindi il sentiero segnato verso sinistra in salita ed ignoriamo il vicino bivio a destra per il Lago della Tina, giungendo così in breve a Ponte Negrone. Subito dopo il ponte proseguiamo a destra sul sentiero dell’ingegnere, che sale parallelo e a destra del Torrente Negrone. Dopo poco più di 450 metri passiamo sulla sinistra del Torrente e dopo ulteriori 150 (a quota 270 circa), lasciamo il sentiero segnato per dirigerci a destra verso il Rio Cu du Mundu, che qui confluisce nel Negrone. Seguito per neanche 50 metri il nuovo torrente sulla sponda destra (sinistra orografica) ci troviamo la strada sbarrata dalla spettacolare forra che dà il nome al torrente; qui occorre rimontare il ripido pendio a destra, proprio sul ciglio a strapiombo sul torrente, seguendo macchie bianche che indicano la via. La prima parte è molto ripida, in alcuni punti esposta e con qualche passaggio scomodo, ma direi che siamo ancora nell’escursionismo, anche se sul limite. Scesi poi nuovamente al torrente in corrispondenza di un’altra forra molto bella, dobbiamo di nuovo risalire il pendio a destra, stavolta ancora più ripido e interrotto da vari saltini decisamente alpinistici, con passaggi di II e III grado. Si procede poi più facilmente, ma non troppo, sempre seguendo i segnavia bianchi. Giungiamo quindi ad una discesa molto ripida di una ventina di metri dove si può approntare una corda doppia sfruttando un qualche albero. Giungiamo quindi nuovamente al torrente, che seguiamo per qualche metro verso destra e, quindi, lo guadiamo ritrovando i segni bianchi lungo una parete di erba e rocce sulla sinistra del torrente, decisamente impegnativa. Ci si immette quindi in un canalino a sinistra, molto ripido e scivoloso, e così facendo abbandoniamo la seconda parte della risalita del Cu du Mundu, che, magari, mi riservo per un’altra volta. Il terreno resta comunque impegnativo e occorre continuare a salire assai ripidamente verso ovest per intercettare infine il sentiero dell’Ingegnere, che imbocchiamo verso destra. In breve giungiamo quindi a guadare il Torrente (nel punto dove finisce la seconda parte dell’itinerario alpinistico del Cu du Mundu). Continuiamo quindi sul sentiero segnato che, dopo neanche 200 metri dal guado, inizia a scendere e giunge quindi ad una panchina. Dalla panchina iniziamo a scendere a tornanti, dopo i quali, ci ritroviamo in breve al punto in cui, all’andata, abbiamo lasciato il sentiero per imboccare il Cu du Mundu; proseguiamo quindi dritti lungo il sentiero segnato ripercorrendolo a ritroso fino al punto in cui ci siamo immessi dalla variante all’andata, continuando poi dritti ancora sul sentiero segnato, per ritornare quindi a Cian da Nave e raggiungere il parcheggio sul sentiero dell’andata.

Conclusioni: itinerario che non si può definire escursionistico, ma neanche meramente alpinistico, perché alle difficoltà alpinistiche aggiunge quelle di una simil esplorazione nella “giungla” e quelle di un terreno spesso precario e scivoloso. A parte le emozioni che a qualcuno possono dare queste difficoltà, la selvaggia e assai incassata gola del Cu du Mundu, merita sicuramente una visita, magari anche nella parte alta, dove mi dicono ci sono molte più cascate.

Immagine
Cian da Nave

Immagine
2 Pietre miliari su variante per Ponte Negrone

Immagine
Laghetto guadando il Lerone

Immagine
Laghetti Lerone dal Ponte Negrone

Immagine
Inizio Cu du Mundu più da lontano col flash

Immagine
Giungla e parete Cu du Mundu

Immagine
Seconda forra Cu du Mundu vista verticale

Immagine
Seconda forra Cu du Mundu vista verticale

Immagine
Seconda forra Cu du Mundu

Immagine
Seconda forra Cu du Mundu

Immagine
Seconda forra Cu du Mundu più da vicino

Immagine
Seconda forra Cu du Mundu più da vicino vista verticale

Immagine
Cascata in seconda forra Cu du Mundu

Immagine
Seconda forra Cu du Mundu più da vicino

Immagine
Seconda forra Cu du Mundu da dentro

Immagine
Stefs in salita e parete strapiombante Cu du Mundu

Immagine
Parete e acqua Cu du Mundu

Immagine
Discesa in doppia al Cu du Mundu

Immagine
Guado per seconda parte Cu du Mundu

Immagine
Cascata prima di seconda parte Cu du Mundu vista verticale

Immagine
Cascata prima di seconda parte Cu du Mundu

Immagine
Parte bassa Cascata prima di seconda parte Cu du Mundu

Immagine
Arrampicata su rocce ed erba in seconda parte Cu du Mundu

Immagine
Rocche del Lago tornando verso Case Motta

Immagine
Inizio Cu du Mundu col flash

Immagine
Inizio Cu du Mundu più da vicino

Immagine
Inizio Cu du Mundu

Immagine
Inizio Cu du Mundu col flash

Immagine
Torrente ad inizio Cu du Mundu

Immagine
Inizio Cu du Mundu col flash

Immagine
Laghetti Lerone da Ponte Negrone

Immagine
Laghetti Lerone da Ponte Negrone più da vicino

Immagine
Laghetti Lerone da Ponte Negrone più da lontano

Immagine
Ponte storto sul Lerone tornando a Cian da Nave

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cù du Mundu in salita
MessaggioInviato: lun mar 25, 2019 12:20 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 362
A breve vorrei tornarci! Probabilmente per trovarlo più infestato di prima #-o


Allegati:
Commento file: Fonte sulfurea del Lerone
DSCN9762.JPG
DSCN9762.JPG [ 3.49 MiB | Osservato 588 volte ]
Commento file: Inizio gola
DSCN9904.JPG
DSCN9904.JPG [ 3.64 MiB | Osservato 588 volte ]
DSCN9906.JPG
DSCN9906.JPG [ 3.38 MiB | Osservato 588 volte ]
DSCN9909.JPG
DSCN9909.JPG [ 6.15 MiB | Osservato 588 volte ]
DSCN9913.JPG
DSCN9913.JPG [ 5.54 MiB | Osservato 588 volte ]
DSCN9915.JPG
DSCN9915.JPG [ 3.47 MiB | Osservato 588 volte ]
DSCN9923.JPG
DSCN9923.JPG [ 3.3 MiB | Osservato 588 volte ]
DSCN9926.JPG
DSCN9926.JPG [ 5.22 MiB | Osservato 588 volte ]
DSCN9927.JPG
DSCN9927.JPG [ 6.58 MiB | Osservato 588 volte ]
DSCN9932.JPG
DSCN9932.JPG [ 3.43 MiB | Osservato 588 volte ]
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it