Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è gio dic 12, 2019 21:54

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: ven lug 13, 2007 17:15 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 22, 2007 10:37
Messaggi: 606
Località: Genova
… non è il titolo di nuovo film di H. Ford ma il risultato di una giornata rubata al lavoro e passata nei silenzi tra le rocce e i boschi di S. Stefano d’Aveto.
Siamo partiti ieri mattina alle 6.30. In realtà l’intenzione era di ripetere lo spigolo nord della Rocca del Prete poi, anche per non fossilizzarsi sulle stesse vie, ci siamo lasciati incuriosire da una relazione trovata la sera prima sul web e così siamo andati a provare la via “Indiana Giones” aperta da Calderone nel 2001 e che sale sulla parete a destra dello spigolo. Diciamo subito che la roccia non è granito e che a tratti è un poco friabile e che la chiodatura non è proprio ravvicinata (ma messa con criterio) però, data la difficoltà non elevata dei singoli passaggi, salendo con un po’ di attenzione si viene ampiamente ripagati dall’ambiente straordinario che si può trovare in queste zone dell’Appennino Piacentino.


Avvicinamento:
da “Prato della Rocca”, ampia radura prativa che si trova sotto le pareti della Rocca del Prete e raggiungibile in una ventina di minuti da Rocca d’Aveto seguendo le piste di fondo (cartelli indicatori), si prosegue seguendo i bolli di vernice rossi verso lo spigolo nord della Rocca. Dopo pochi minuti si raggiunge una morena. Subito all’inizio della morena si stacca un sentierino che sale verso la parete, molto ben segnalato con bolli di vernice gialla e che in pochi minuti porta sotto la parete. Si noterà una targa metallica che indica il nome di una via in artificiale. Poco a destra si vede un canalino appoggiato alla cui base ci sono due spit di sosta.

Relazione:
Si sale il canalino su difficoltà contenute (III) quindi la pendenza si abbatte fino ad arrivare sotto ad un risalto con masso incastrato che ricorda vagamente il passaggio d’uscita della via normale del Brec de Chambeyron. Si attacca sulla destra seguendo una larga fessura che sale in diagonale cercando di guadagnare la sommità del masso sfruttando i rari appigli e appoggi. Se non mi è sfuggito qualcosa, sebbene la relazione lo riporti come IV, il passo potrebbe a mio avviso essere tranquillamente valutato intorno al V grado, se non altro perché piuttosto faticoso e non proprio intuitivo. Tuttavia si tratta solo di un passaggio comunque ben protetto con due spit. Raggiunta la sommità del masso si raggiunge subito la sosta, facendo attenzione a non smuovere i sassi sul fondo del canale.
Il secondo tiro non continua nel canale (come si potrebbe ingannevolmente supporre) ma attacca invece le placche sulla sinistra del canale (salendo). Dopo una 15na di metri si raggiunge un lungo diedro-camino dal fondo erboso, abbastanza verticale ma con passaggi non superiori al III-III+ anche se piuttosto continui. Si sale il diedro evitando di andare ad incastrarsi sul suo fondo (che alcuni punti potrebbe sembrare invitante) ma cercando di stare il più possibile sull’esterno e sfruttando l’opposizione del diedro. L’intero tiro è circa 50 metri e ci sono 10 spit.
Dalla seconda sosta si continua in traverso sulla destra (spit con catena all'inizio del traverso) in leggera discesa. Per circa 20 metri si continua a tenersi bassi sempre traversando verso destra (II e III). Attenzione che alcuni spit si vedono solo quando ci si arriva a portata di mano. Solo negli ultimi 10 metri si sale in obliquo verso destra fino alla sosta che sovrasta il canale iniziale.
Il quarto tiro è a mio avviso il più bello: si continua in un altro diedro-camino con bella arrampicata di opposizione e roccia discreta su difficoltà di III grado, usciti dal diedro si continua quindi in parete sulla sinistra raggiungendo direttamente l’ampio pianoro prativo della sommità della Rocca (spit di sosta su un masso).

Dalla sommità della Rocca e poi possibile continuare verso il Monte Maggiorasca che si raggiunge in circa 30 minuti di sentiero segnalato. Arrivati sotto il paretone del Maggiorasca si può ancora fare un po’ di divertente arrampicata. Noi, non avendo le relazioni, abbiamo individuato un elegante spigolo che parte direttamente dal sentiero e che sale per circa 35 metri su difficoltà inizialmente di V su placca e poi di III/IV su roccia ottima e chiodata a spit in maniera ragionevole (8 spit in 35 metri). Dalla sosta (un po’ spostata sulla faccia sinistra dello spigolo ma integrabile grazie ad uno spuntone sullo spigolo) è poi possibile uscire direttamente sulla vetta del Maggiorasca per un canalino di roccia mista ad erba su difficoltà di I/II (quasi si cammina).
Ci sono anche delle belle vie di oltre 70 metri sul versante di parete che da su S. Stefano… buone per un'altra salita :wink:

Dal Maggiorasca si può quindi scendere per il sentiero FIE verso prato della Cipolla e poi nuovamente a Rocca d’Aveto.

Alcune foto della via

Passaggio alla Indiana Jones (mai nome più indicato) :D la faticosa uscita dal masso incastrato del primo tiro...
Immagine

In opposizione sul lungo lungo diedro del secondo tiro
Immagine

Immagine

Alcuni passaggi sul traverso del terzo tiro. Ben visibile in basso a sinistra il "Prato della Rocca"
Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Gli ultimi passaggi prima del'uscita sulla sommità della Rocca del Prete (quarto tiro)
Immagine

La parte superiore dello spigolo della parete del Maggiorasca
Immagine

In arrampicata sullo Spigolo del Maggiorasca (uscita delle placche iniziali) in basso si nota il sentiero
Immagine

Immagine

Il canalino che permette di uscire in vetta
Immagine

In vetta al Maggiorasca
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven lug 13, 2007 17:21 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 31, 2006 15:27
Messaggi: 4363
Località: Genova
Belle foto e "simpatici" passaggi!

_________________
Immagine

Video e foto panoramiche a 360° in Montagna e non solo --> Colsub.it

Colsub TV in onda 24 ore su 24
-----------------------------
Do you speak English?
Belandi!
(by Origone)


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar giu 26, 2012 7:53 
Non connesso
Matricola
Avatar utente

Iscritto il: mar giu 26, 2012 7:39
Messaggi: 9
=D> Belle foto,complimenti. Guardandole mi è venuta una gran voglia di ripeterla :).Volevo sapere se le soste sono già attrezzate :?:


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar giu 26, 2012 15:42 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 22, 2007 10:37
Messaggi: 606
Località: Genova
Nino1 ha scritto:
=D> Belle foto,complimenti. Guardandole mi è venuta una gran voglia di ripeterla :).Volevo sapere se le soste sono già attrezzate :?:


Si le soste sono attrezzate, o almeno lo erano 5 anni fa.....

_________________
ImmagineImmagine
FB: https://www.facebook.com/profile.php?id=100008394435851


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 27, 2012 9:39 
Non connesso
Cintura nera di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 16:32
Messaggi: 5735
Località: Genova
Relazione "ufficiale" :strizzaOcchio:: qui!

_________________
Ji ta kyo ei
Amicizia e mutua prosperità


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 27, 2012 12:47 
Non connesso
Matricola
Avatar utente

Iscritto il: mar giu 26, 2012 7:39
Messaggi: 9
Ok : Thumbup : grazie delle info e delle relazioni : Thanks : Saranno molto utili


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it