Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è mar lug 16, 2019 20:13

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: dom feb 05, 2017 22:29 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer nov 12, 2008 13:34
Messaggi: 276
Ciao a tutti! Non scrivo da tanto tempo su questo forum, ma vorrei raccontare in breve il giro che ho fatto il 19 e 20 gennaio scorsi, grazie a due giorni di fila di festa dal lavoro.
Sono partito la mattina del 19 verso le 7 del mattino, da Torriglia, dal capolinea delle corriere. L'idea era quella di raggiungere Salogni: telefonicamente, il giorno prima, mi ero sincerato della possibilità di pernottamento in un albergo del paese. Quindi, l'indomani avrei raggiunto Avolasca: quasi 70 chilometri in due giorni, un'impresa probabilmente (e poi effettivamente) improba per me, ormai fuori forma e appesantito dal matrimonio :risataGrassa:
Dieci anni fa mi bevevo 7 o 10 mila chilometri all'anno in bicicletta, e giravo già anche per monti, a piedi e in mountain bike; poi, piano piano, la bicicletta l'ho messa da parte, ho intensificato le camminate e la conoscenza della nostro appennino "delle Quattro Province", fino ad abbandonare quasi del tutto, negli ultimi due anni, la bici (e ad usarla "solamente" per raggiungere i luoghi di lavoro), diradando anche le camminate. A 18 anni non pesavo 70 chili (ed ero in effetti un po' magrino :D ), mentre adesso - senza dare troppo nell'occhio - sono lanciato verso i 90... e vabè.
Lungo la provinciale prima di Bargagli, quando era ancora notte, dai finestrini della corriera ho visto l'incendio che dal giorno prima si stava mangiando il bosco sopra Rosso di Davagna (preoccupato avevo scritto ad un amico, nel timore che fosse stato appiccato proprio quella notte). Quindi, con il cane Pimpa che mi accompagna stabilmente da quasi tre anni, ho aggredito la mulattiera che si inerpica verso Donetta, quindi lungo i vecchi pascoli che portano al Colletto (qualche daino qua e là) e in quota, verso l'Antola, lungo uno dei più noti sentieri di accesso al monte. Se ricordate, in quei giorni c'era un vento micidiale. Difatti, ci accompagna fino in vetta. Cappuccio tirato su, berretto di lana (passamontagna dimenticato a casa nel cassetto). Un'ora e mezza e sono in cima. Nessuno al rifugio. Firma al quaderno del Parco alla Cappelletta e ripartiamo, direzione la Casa del Romano e le Capanne di Carrega.
Qualche tratto ghiacciato, a scendere; neve gelata (è tutto gelato, i ruscelletti sono uno spettacolo, ma il cane lo devo far bere dalla borraccia -.- ); un po' d'attenzione e via, oltre le Tre Croci; raffiche record sopra la Casa del Romano, quindi alle Capanne di Carrega dopo tre ore. Altri daini, le mucche di Aldo (l'uomo che sta portando fuori le vacche è la prima persona che vedo), il sentiero gelato alle pendici del Carmo, quindi tutta la traversata del così detto "monte lungo" (qui neanche 400 anni fa fu ammazzato l'ultimo orso ligure), che ci porterà fino alle Capanne di Carrega: prima su strada da trattori, poi sul sentiero che scende al passo di Legnà (non so se il nome è giusto, non ho dietro la cartina e non ricordo), a sinistra si scende a Cartasegna (il monte sopra il paese è bruciato per un bel pezzo), a destra si scende a Bogli, per la val Boreca (dove sono stato una dozzina di giorni prima - meno 10 gradi a Loco, meno 4 al passo della Maddalena - per un giro tra Suzzi e Pizzonero, che forse racconterò in altra discussione).
Qui il tratto più duro della giornata: raffiche di vento molto forti e costanti che ci accompagnano per tutta la salita al monte Legnà e la traversata del Cavalmurone; ho un po' male al ginocchio, il cane è un po' cotto, il vento lo mette alla prova. Raggiunte le Capanne di Cosola, vediamo la prima automobile (il postino che ne viene dalla strada di Bogli e Artana); al ristorante del passo delle Capanne, non c'è nessuno; entro, mi riscaldo, aspetto; potrei portarmi via tutto; dopo mezz'ora buona, il vociare che sentivo provenire dal piano di sopra si avvicina e sbuca il proprietario: una cioccolata calda, il tempo di far due chiacchiere e di farmi dare due dritte sul sentiero, e riparto (non sapevo ancora se salire al Chiappo e scendere a Bruggi, e quindi - per la strada asfaltata - raggiungere Salogni, oppure guadagnare la bocca di Crenna - il passo tra i monti Chiappo ed Ebro - e scendere attraverso le stalle di Salogni o il rifugio Orsi: non sono molto pratico della zona, non avevo mai percorso i sentieri dell'alta val Curone; i rifugi sono tutti chiusi e il pernottamento in albergo è un lusso che ho dovuto concedermi per necessità).
Visto il vento ("e ieri ce n'era molto di più; ha presente la bora di Trieste? era tutto un vortice di foglie"; a proposito di foglie: montagne di fogliame lungo i sentieri; la Pimpa, il cane, buffissima, affondava e quasi spariva alla vista; sopra Bavastri, in un punto, mi arrivavano alla vita), dicevo visto il vento, appena approccio la salita al Chiappo, decido di abbandonare il sentiero e di provare a raggiungere la bocca di Crenna per prati e per le tracce delle vacche; rispetto alla via di crinale, risparmio l'abbuffata di vento, che però, picchiare, picchia. Al passo scendo per la strada sterrata, che alle stalle di Salogni diventa asfaltata; qualche occhiata alla cartina, ma decido di rimanere sulla strada; come sempre, l'asfalto mette a dura prova le mie anche e le mie ginocchia, specialmente dopo quasi 30 km; arrivo in paese dopo 7 ore di cammino effettivo e un'ora di sosta alle Capanne.
In albergo non c'è nessuno; o meglio, solo un muratore che sta lavorando al piano di sopra: è il figlio della signora che avevo avvisato il giorno prima, al telefono, del mio arrivo; mi accompagna alla mia stanza, gentilissimo; doccia, letto, dormo; il ginocchio mi fa male; la Pimpa ha fame (a 500 metri dal paese stava per mangiarsi un escremento di non so quale carnivoro) e poi s'addormenta quasi subito; ovviamente sono l'unico ospite; ottima cena; mi guardo la partita (ho una minuscola tv in camera), prendiamo quattro pere dalla Roma, addio Coppa Italia; poi dormo come una pietra fino alle 7 del mattino dopo.
Colazione, pago (prezzo onestissimo, 56 euro per dormire, cenare, far colazione e farmi fare due panini giganteschi da mangiare per pranzo) alle 7.45: mi rendo subito conto che non sarò in grado di terminare il giro previsto. Mi aspetterebbero circa 35 chilometri: una volta raggiunta Caldirola e guadagnato il monte Giarolo, dovrei scendere verso il paesi di Giarolo e Vigoponzo, lungo il sentiero che sulle carte potete trovare indicato come "139" (Avolasca-Monte Gropà - "la via dei Mercanti"), quindi monte San Vito e Avolasca; una parte di quel sentiero, nel suo tratto conclusivo, l'avevo percorsa a marzo dell'anno scorso, da Serravalle Scrivia fino appunto ad Avolasca, lungo tutto la dorsale tra Borbera e valle di Vargo, per raggiungere il posto dove poi ho lavorato due giorni alla settimana per sei mesi (nella vigna e nel frutteto, un'esperienza bellissima).
Mi accorgo, sin dai primi passi, che oggi "non è cosa": difatti, non solo avrei dovuto raggiungere Avolasca e camminare per 35 km, ma avrei dovuto farlo a ritmi serrati, dato che l'unica corriera sarebbe partita alle 15 da Avolasca, per Tortona; forse non avrei neanche avuto il tempo di passare a salutare gli amici. A raggiungere Caldirola, infatti, impiego oltre un'ora: la Pimpa, decisamente più pimpante di me, fa il doppio, se non il triplo della strada che faccio io, sempre avanti e indietro. Una comoda carrabile ci porta verso Caldirola, lasciando perdere i vari bivi che salgono o scendono; la si abbandona all'altezza di un tornante a sinistra, per imboccare una mulattiera (un tempo, senz'altro, strada da carri) che sale fino al parco giochi del paese. Prendo la strada segnata per il Giarolo, che passa a fianco alle stalle di Caldirola, diventa sterrata e s'inerpica attraverso i pascoli ed entra nella faggeta. Giunto al bivio per la via diretta al monte, che attraversa l'abetaia, proseguo sulla strada che in breve mi porta sul crinale, i prati sfalciati, che bellezza.
A sinistra, gli impianti sciistici, il rifugio di monte Gropà; non c'è quasi traccia di neve. A destra il monte Giarolo; il vento picchia di nuovo, che raffiche! Ci aveva dato tregua alla partenza (come da previsioni del genero dell'albergatrice di Salogni; un valdostano; tutti molto simpatici e gentili), ora riprende, la Pimpa fa come può. Decido ugualmente di raggiungere la vetta del monte (non c'ero mai stato) e torno subito indietro: il vento, in cima, ha buttato giù alcuni paletti della sentieristica; micidiale. Riguadagno i pascoli sfalciati: l'idea è, ora, di intercettare una strada vicinale che, proprio dal crinale tra il Giarolo dovrebbe scendere verso Volpara, una grossa frazione del Comune di Albera Ligure, abbarbicata sulle pendici del Giarolo; non intercetto la strada, quindi proseguo verso il passo di Bruciamonica; dovrei tornare indietro, oppure salire sul monte Panà e scendere per quel crinale che mi porterebbe verso le frazioni di Vigo e Figino e quindi sulla strada provinciale per Cabella.
Decido invece di provare a rintracciare un sentiero, stando alle carte, dovrebbe scendere proprio da qui, verso i pascoli di Volpara; eccolo, lo vedo, è lui; è inverno, lo posso seguire, è un canalone dov'è cresciuto il bosco. Infatti lo perdo; ora è bosco; mi butto giù, scendo dritto per dritto, a sentimento. Ogni volta, riesco sempre a non farmi mai mancare qualcosa del genere. Guadagno, al termine di questa picchiata, alcuni prati e quindi una fontana; infine la strada vicinale che avrei dovuto imboccare sotto il Giarolo; la seguo costeggiando un paio di piccoli nuclei di case sopra Volpara (le Vignasse e il Pian della Chiesa, entrambi presidiati) e le stalle di Volpara (abbandonate, come del resto quelle di Salogni); ci accompagna Ringhio, che ad un certo punto sbuca dal nulla, una specie di Dachsbracke, zoppicante, che cerca subito il contatto con la Pimpa, la quale dapprima gioca ma poi non gradisce le insistenze e glielo fa intendere senza mezzi termini. In paese, a Volpara, mi fermo a mangiare: quando riparto, zoppico. Ormai l'obiettivo è il fondovalle: corriera fino ad Arquata e treno fino a casa. C'è tutto il tempo.
Una strada a fondo cementato conduce ad un'altro gruppo di case, sotto il nucleo principale: qui diventa sterrata e prosegue, a mezza costa, con qualche lieve strappo, fino tagliare il monte e giungere ad un trivio: a destra, in salita, si va al Giarolo; a destra, in discesa, si va verso il paese di Pallavicino e i piani di San Lorenzo; a sinistra, in discesa, la mia strada, che mette a dura prova le mie articolazioni fuori allenamento. Passiamo in alto, sopra il paese di Vendersi; bei panorami verso la val Curone e i colli tortonesi; quindi, al bivio, anziché puntare su Cantalupo (un'ora), prendo per Albera (mezz'ora), dove trovo un amico appena rientrato dal lavoro, per il tempo di un caffè; la corriera passa tra mezz'ora. Un signore anziano (direi oltre la settantina, speriamo non legga mai) ci sente parlare e dice: "io devo andare a Genova, basta che sali in macchina, ti mollo a Sampierdarena"; non me lo faccio ripetere due volte; arrivo a casa con un'ora di anticipo (e risparmio pure i soldi del viaggio). Cammino a gambe larghe per i due giorni successivi.

Scusate: ho scritto male, anzi direi malissimo; senza rileggere. Adesso cerco qualche foto, ma ne ho poche: il telefono si è spento, scarico, poco dopo le Capanne di Carrega; insomma, ho fatto - come sempre - tutto quello che non si dovrebbe fare in questi casi: solo, su sentieri ghiacciati, con il telefono scarico, non perdendo l'occasione di cercare di passare per sentieri sepolti dalla vegetazione.

P.S. E non ho raccontato della Val Boreca, il 7 di gennaio... (i miei compagni di viaggio ----------> :angry1: )

Saluti a chi conosco (ci vedremo al Raduno dell'anno prossimo; forse!) e anche a chi non conosco :D


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom feb 05, 2017 22:45 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer nov 12, 2008 13:34
Messaggi: 276
Queste dovrebbero essere quattro foto del secondo giorno...


Allegati:
20170120_100121.jpg
20170120_100121.jpg [ 1.49 MiB | Osservato 879 volte ]
20170120_083155.jpg
20170120_083155.jpg [ 1.65 MiB | Osservato 879 volte ]
20170120_094517.jpg
20170120_094517.jpg [ 1.12 MiB | Osservato 879 volte ]
20170120_111926.jpg
20170120_111926.jpg [ 1.76 MiB | Osservato 879 volte ]
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom feb 05, 2017 23:14 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: lun feb 02, 2015 22:05
Messaggi: 678
Località: Valbrevenna
Ecco appunto, vedi cosa intendo per le tue maratone-escursioni!
Che dire, complimenti non solo per il mega giro ma anche per la costanza visto il persistente e fastidioso vento e i sentieri ghiacciati!
Però ciò non toglie che deve essere stato bello come giro, una mega travesata appenninica! =D> Potrebbe essere un'idea da mettere in atto tra qualche mese... : Thumbup :

_________________
"Dagli gli alberi ho capito il significato della pazienza. Dall'erba ho imparato ad apprezzare la persistenza."
[Hal Borland]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun feb 06, 2017 0:22 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer nov 12, 2008 13:34
Messaggi: 276
Tu la chiami costanza, io la chiamo "resa dinnanzi all'ineluttabile", oppure "a casa ci dovrò pur tornare"... :lol:

Rileggendo, avrò scritto sette volte "a dura prova"... Ma forse rende l'idea del livello di... cottura!

Ora metto qualche foto del primo giorno... Vi risparmio il "selfie" che mi sono fatto, quando mi sono reso conto che, a forza di leccarmi i baffi per il vento, mi si erano formati dei ghiaccioloni sulla barba... :shock:

Traversate ce ne sono una marea, da fare, da immaginare... : Thumbup :


Allegati:
20170119_111006.jpg
20170119_111006.jpg [ 859.93 KiB | Osservato 872 volte ]
20170119_103902.jpg
20170119_103902.jpg [ 995.4 KiB | Osservato 872 volte ]
20170119_095308.jpg
20170119_095308.jpg [ 1.62 MiB | Osservato 872 volte ]
20170119_093514.jpg
20170119_093514.jpg [ 1.02 MiB | Osservato 872 volte ]
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun feb 06, 2017 8:47 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 1452
Località: Genova / Imperia
=D> =D> =D>
Un'impresa davvero improba , ma audace ed affascinante... : Thumbup : , resa ancora più difficoltosa dal meteo non molto favorevole . :angry1:
Ci vuole coraggio anche solo a provarci ...
Bravissimo lo stesso :esclamativo: : Ok :
:smt006

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun feb 06, 2017 13:32 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 21, 2008 19:10
Messaggi: 894
Località: Pieve Ligure
Gran bella e ardimentosa traversata =D> =D> Ce ne vuole per sorbirsi 70 km in condizioni del genere, urca :risata: immagino l'iniziale sorpresa per i gestori del ristorante di Capanne di Cosola: "ma chi è sto foresto?" :risataGrassa: Però mi sembra son stati sempre molto gentili e accoglienti in ogni occasione : Thumbup :
Immagino solo che spettacolo con la fioritura in maggio :esclamativo:

_________________
"Un uomo va al di là di ciò che può afferrare" (N. Tesla)
"De gustibus non disputandum est"
La montagna non uccide... è l'uomo che sottovaluta i pericoli...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio feb 09, 2017 21:56 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: lun mag 28, 2007 17:35
Messaggi: 1429
Località: genova
Lorenzo, sei un grande. Sono proprio contento che la mia tiratina d'orecchie ti abbia convinto a rientrare nel forum. I tuoi contributi ci mancavano eccome e quanto alla scrittura sai bene cosa ti dissi un giorno: avrei voluto averti con me al giornale, altro che certe persone con cui ho lavorato per anni...

Ps1 - Sono zone molto belle quelle che hai percorso, dal Carmo verso Nord tutta quella dorsale è uno dei pochi tratti su cui non sono passato.

Ps2 - Ma come hai fatto a convincere tua moglie a lasciarti andar via da solo per due giorni?

Ps3 - Non preoccuparti per il peso. Significa che sei al massimo nel tuo nuovo status coniugale... Ci si vede (e speriamo prima del prossimo raduno... A proposito ti ricordi della nostra traversata La Presa-Monte Pegge? Ti sono ancora debitore di un biglietto... Quando vuoi è tuo!).

Ciao

_________________
pace e bene


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar mar 21, 2017 10:43 
Non connesso
Matricola
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 22, 2013 11:49
Messaggi: 29
Località: Caldirola Beach
Complimenti, sicuramente l'idea era ambiziosa! Tra l'altro, il sentiero 139 che volevi percorrere, in alcuni tratti non è segnato splendidamente e in un punto nei pressi di Garbagna rasenta una frana causata dalle ultime alluvioni, tanto che non so dirti se l'abbia o meno risparmiato.
Per ultimo, sono contento che a Salogni ti sia trovato bene perché all'albergo ristorante sono sempre impeccabili (io sono di caldirola e li conosco bene).
: Thumbup :

_________________
"Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà"

Il mio sito "A un passo dalla vetta"
http://aunpassodallavetta.wix.com/trekking


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven mar 24, 2017 2:01 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer nov 12, 2008 13:34
Messaggi: 276
terralba ha scritto:
Lorenzo, sei un grande. Sono proprio contento che la mia tiratina d'orecchie ti abbia convinto a rientrare nel forum. I tuoi contributi ci mancavano eccome e quanto alla scrittura sai bene cosa ti dissi un giorno: avrei voluto averti con me al giornale, altro che certe persone con cui ho lavorato per anni...

Ps1 - Sono zone molto belle quelle che hai percorso, dal Carmo verso Nord tutta quella dorsale è uno dei pochi tratti su cui non sono passato.

Ps2 - Ma come hai fatto a convincere tua moglie a lasciarti andar via da solo per due giorni?

Ps3 - Non preoccuparti per il peso. Significa che sei al massimo nel tuo nuovo status coniugale... Ci si vede (e speriamo prima del prossimo raduno... A proposito ti ricordi della nostra traversata La Presa-Monte Pegge? Ti sono ancora debitore di un biglietto... Quando vuoi è tuo!).

Ciao



Troppo buono Francesco... :risataGrassa:

P.s. si è convinta proprio promettendole che sarei andato per due giorni... :mrgreen:
P.s. caspita se mi ricordo quella traversata... non ti preoccupare per il biglietto... ci vediamo!!


Bdc ha scritto:
Complimenti, sicuramente l'idea era ambiziosa! Tra l'altro, il sentiero 139 che volevi percorrere, in alcuni tratti non è segnato splendidamente e in un punto nei pressi di Garbagna rasenta una frana causata dalle ultime alluvioni, tanto che non so dirti se l'abbia o meno risparmiato.
Per ultimo, sono contento che a Salogni ti sia trovato bene perché all'albergo ristorante sono sempre impeccabili (io sono di caldirola e li conosco bene).
: Thumbup :


Quel tratto credo di averlo percorso qualche settimana dopo, quando dalle strette di Pertuso ho raggiunto Avolasca e la val Grue, e
dal versante nord del Barillaro percorrendo proprio quel 139 e mi è parso ben transitabile (non ho notato frane, a parte una frana assai recente, che però si trova proprio sulla strada asfaltata, nei pressi di Bastita) e sufficientemente segnato... ma posso sbagliare!


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it