Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è lun ott 14, 2019 7:00

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: gio dic 13, 2007 19:49 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mer set 05, 2007 15:22
Messaggi: 306
Fatto giro in solitaria... quelli che mi vengono meglio!

Da Monterosso a Soviore e da li al Semaforo del Mesco e a Levanto.
Atteso il tramonto e ho vista la Corsica all'imbrunire in maniera nitidissima: addirittura con piccolo binocolo si notavano macchie di neve sui monti corsi.
Vi allego foto fatta con digitale 4x e 7Mp
Immagine
Sul mio sito il resto dell'escursione
alla pagina:

http://lucijr.interfree.it/esc_mesco.htm

Guidolux

_________________
Guido


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio dic 13, 2007 20:20 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: ven feb 09, 2007 9:23
Messaggi: 15168
Località: Genova Sestri
Che bello... Bellissima foto!

Una cosa che mi manca è vedere la corsica da qualche vetta. Non ci sono mai riuscito. Spero mi capiti presto! :wink:

_________________
"Se non fosse unta, non fosse focaccia." Ignota


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio dic 13, 2007 20:32 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 22, 2006 14:04
Messaggi: 5930
Località: Genova
bella foto davvero :wink:

in anni di gite, mi è capitato solo tre volte di vedere la corsica, e sempre in questo periodo

_________________
Io credetti e credo la lotta con l'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede.

Meglio un fesso felice che un granitico scontento.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio dic 13, 2007 20:43 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mer gen 11, 2006 22:00
Messaggi: 5466
alec ha scritto:
bella foto davvero :wink:

in anni di gite, mi è capitato solo tre volte di vedere la corsica, e sempre in questo periodo

Io la vedo invece spesso e addirittura dalla finestra di casa mia 8).
Beh Alec con le gite che fai è difficile veder la Corsica; forse è per quello che la vedi poco, ma guarda che è abbastanza comune vederla dalla nostra costa.

_________________
http://trailsantacroce.com

Se l'è fassile m'angusciu, se l'è diffisile tribullu!
"Ogni civetta ha la sua casa l'albero, ma il barbagianni invece no" Punkreas Paranoia e potere


Ultima modifica di Conte Ugolino il gio dic 13, 2007 20:45, modificato 3 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio dic 13, 2007 20:44 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 22, 2006 14:04
Messaggi: 5930
Località: Genova
Conte Ugolino ha scritto:
alec ha scritto:
bella foto davvero :wink:

in anni di gite, mi è capitato solo tre volte di vedere la corsica, e sempre in questo periodo

Io la vedo invece spesso e addirittura dalla finestra di casa mia 8)


dalla finestra di casa mia vedo villetta dinegro... :roll:

_________________
Io credetti e credo la lotta con l'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede.

Meglio un fesso felice che un granitico scontento.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio dic 13, 2007 21:41 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mer set 05, 2007 15:22
Messaggi: 306
beh, si!

Anche la rifrazione dell'atmosfera in certi momenti curva la visuale a si vede a maggior distanza seguendo la curvatura terrestre... In questo caso la visione però mi è sembrata molto buona e particolarmente nitida. Nella foto si apprezza poco.

Vista da tanti punti... si, si... , Antola, Monte Santa Sroce (in contea ugolina), Passo della Scoglina a mezzodì...
Ma al tramonto e all'alba il contrasto di fondo favorisce un sacco!

Forse è per quello che da cime importanti raramente si osserva. Nel mio caso ero a Punta del Mesco ma sono sicuro che dall'Argentera in un tramonto invernale si vedrebbe ancor meglio ma, col "teodolite" che ci aspetterei il calare del sole! :P

Rimarchevole il Mesco. E' veramente un bel posto! Non c'ero mai stato e ci ritornerò di sicuro.

_________________
Guido


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven dic 14, 2007 9:41 
Non connesso
mus musculus januensis mont.
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 10, 2007 13:46
Messaggi: 3651
Località: qui
i paesaggi del levante al di fuori dal solito "sentiero azzurro" :wink:
bel giro! :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven dic 14, 2007 15:39 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mar nov 27, 2007 11:15
Messaggi: 221
Località: Sant'Ilario Ligure
quella sera era veramente vicinissima la corsica :D
cmq l'isola a fianco è capraia? io ne vedevo addirittura un'altra....ma mi sembra impossibile!

rettifico è gorgona...quindi si vedeva la corsica, gorgona e capraia, io abito a sant ilario!

_________________
www.myspace.com/bluesjeans07


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: mar nov 26, 2013 9:31 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: lun mag 29, 2006 13:17
Messaggi: 1415
Località: Savignone
Domenica con Aldo51, Dirty Harry e il suo amico Piero abbiamo fatto la classica attraversata Monterosso-Levanto passando per Punta Mesco. E' una simpatica passeggiata molto adatta a giornate invernali quando bisogna rimanere vicini alla costa per sperare in un po' di sole. La prima parte del percorso è caratterizzata da bellissime viste sulla costa delle conque terre. Molto bella e suggestiva è poi Punta Mesco con i ruderi della chiesa di Sant'Antonio. Metto alcune foto del percorso
Il caratteristico scoglio di Monterosso
Immagine
Il lungomare di Monterosso con i resti della recente mareggiata
Immagine
Bel panorama proprio all'inizio del sentiero che sale verso Punta Mesco
Immagine
Vista su Vernazza e Corniglia
Immagine
La scalinata che sale a Punta Mesco
Immagine
La vista da Punta Mesco
Immagine
I ruderi della chiesa di San Antonio, da notare il cartello del parco in posizione completamente antiestetica
Immagine
All'interno dei ruderi
Immagine
Dalle finestre dei ruderi del Semaforo di Punta Mesco
Immagine
Un pino marittimo
Immagine
Un tratto di sentiero
Immagine
Corbezzoli :-)
Immagine
Uno scorcio verso ponente
Immagine
Vista su Levanto
Immagine

Altre foto le trovate qui.

_________________
Cosi' va la vita


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: mar nov 26, 2013 9:59 
Non connesso
Iron woman
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 12, 2006 21:21
Messaggi: 6836
Località: Genova Rivarolo
I posti sono indubbiamente bellissimi ma le persone dopo avere visto le tue foto ...rimarranno comunque deluse........
Sono delle vere e proprie opere d'arte =D> =D>

_________________
Sono un viandante, un valicatore di monti.
Non amo le pianure e sembra che non possa stare a lungo in un luogo.
Qualunque cosa mi riservi il fato o l'esperienza,sempre dovrò camminare ed ascendere monti.
Non si può vivere che da come si è.
F. NIETZSCHE


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: mar nov 26, 2013 10:13 
Non connesso
Sherpani di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mar giu 08, 2010 20:40
Messaggi: 7605
Località: Valle del Kumbu
serena ha scritto:
I posti sono indubbiamente bellissimi ma le persone dopo avere visto le tue foto ...rimarranno comunque deluse........
Sono delle vere e proprie opere d'arte =D> =D>

...è vero!!!!!!!! =D> =D> =D>

_________________
Namaste
"Non esiste una via per la pace, la Pace è la Via"
Tenzin Gyatso (Dalai Lama)

Tibet libero!!!
"...ognuno di noi, da qualche parte ha il suo Everest da scalare, qualunque nome esso porti (Wanda Rutkiewicz)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: mar nov 26, 2013 12:38 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mer set 05, 2007 15:22
Messaggi: 306
: Ok :
Bellissime passeggiata e foto. Non sono credente ma avevo optato per Monterosso - Santuario Soviore - Semaforo del Mesco - Levanto (con tramonto al semaforo e vista della Corsica... Mi pare giusto in questa stagione... ma anni fa.
Prima di arrivare al Mesco, sul crinale, bella visuale su Levanto ed il Monte Rossola...

altra prossima meta con tempo gelido: vorrei fare Bonassola - diretta al Monte Rossola - discesa usuale per Levanto.

Inoltre qualche intrepido ed esperto alpinista ha percorso mai la cresta del Semaforo dal mare? ( Si favoleggia di un AD, insomma un III grado)...

_________________
Guido


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: mar nov 26, 2013 16:13 
Non connesso
Fotomodello delle vette
Avatar utente

Iscritto il: mar set 16, 2008 16:51
Messaggi: 4776
Località: genova marassi
Grande Dani : Thumbup :
A me piace in particolar modo la prima...a dir poco stupenda :strizzaOcchio::

_________________
Immagine

http://www.finoincima.altervista.org

https://www.facebook.com/finoincima


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: mar nov 26, 2013 17:13 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: gio ago 09, 2007 10:39
Messaggi: 2309
Località: VALBESAGNU
spettacolo giro e foto : Thumbup :

_________________
MEGLIO UN GIORNO DA ANTOLINO CHE CENTO DA LEONI

Nella vita ci sono cose che ti cerchi e altre che ti vengono a cercare.
Non le vorresti e nemmeno le hai scelte. Ma arrivano.
E dopo non sei più uguale.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: mar nov 26, 2013 21:43 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mer gen 27, 2010 20:38
Messaggi: 1478
Località: sassello
Dani80 ha scritto:
Dalle finestre dei ruderi del Semaforo di Punta Mesco
Immagine


questa foto potresti mandarla,secondo me,a qualche concorso (N.G per esempio)
meriterebbe di essere vista da più persone possibile : Thumbup :

_________________
...montagna vissuta,tempo per respirare... (Reinhard Karl)

"Quando le luci si spegneranno per sempre il mio popolo sarà ancora qui.Noi abbiamo le nostre antiche usanze.Sopravviveremo."
(Nuvola Rossa,capo Sioux)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: lun giu 22, 2015 18:49 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mer apr 02, 2008 20:47
Messaggi: 2202
Località: Piemonte
Fatto domenica questa classicissima.
Il periodo estivo non è dei migliori, turisti a "gogo", ma non importa sto imparando la convivenza con gli esseri umani, e comunque me la sono goduta; e poi e' un buon periodo per il sottoscritto.
Sofferto non poco la discesa sulla scalinata verso Monterosso, ma fortunatamente anche il rapporto con i bastoncini sta migliorando e mi sono serviti da stampelle : Thumbup :
Ah sofferto non di dolore, ma di paura del dolore magari quello del giorno dopo.
Un bagnetto, una granita e ritorno con il treno.
Tutto sommato anche in questa stagione si può fare e la fauna in spiaggia non è niente male :risata:

Immagine

Immagine

Il bagno avrei preferito farlo laggiù :skifree:
Immagine

_________________
“L’acqua esiste per la sopravvivenza del corpo. Il deserto esiste per la sopravvivenza dell’anima”
Proverbio Tuareg


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: gio feb 23, 2017 20:51 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6430
Località: genova - marassi
Sabato 18 Febbraio 2017 (e anche sabato 11 febbraio 2017): Levanto (0) – Punta Picetto (0) – Scoglio Nero (0) – Sant’Antonio del Mesco (305) - Levanto (0).

Partecipanti: Stefs e soundofsilence.

Lunghezza: 18 Km circa il percorso fatto da noi con alcune esplorazioni, 15 Km. il percorso pulito che consiglio.

Dislivello: 850 circa il dislivello fatto da noi, 700 circa quello del percorso pulito.

Difficoltà: EE i pochi metri che dalla spiaggia di Via au Mo portano alla diga foranea e alla piccola e adiacente spiaggetta con arco naturale. F la facoltativa salita alla passeggiata a mare privata di Villa Agnelli, che presenta un paio di metri tra il secondo e il terzo grado e quindi una rampetta di pochi metri dove non occorre scivolare.
EE anche la discesa a Punta Picetto e, soprattutto, l’accesso alla grotta marina, un po’ esposto sul mare e scivoloso, da fare con molta attenzione. Il sentiero che scende a Punta Picetto non è in effetti mai troppo ripido, ma è comunque una traccia appena accennata nel bosco, mentre il sentiero che abbiamo preso al ritorno è magari più individuabile, ma più ripido ed esposto, in definitiva però non presenta grosse difficoltà essendo comunque dotato di abbondanti corde. EE gli ultimi metri per scendere allo Scoglio Nero, dotati di staffe metalliche, ma non in ottime condizioni, tanto più che l’ultima manca e costringe ad un passaggio più alpinistico che escursionistico, seppur di neanche due metri, volendo però ci si può aiutare facilmente assicurando una corda alle staffe.
Tutto il resto E.

Percorso in macchina: da Genova in autostrada fino all’uscita di Carrodano, da dove scendiamo al mare fino a Levanto, ignorando la deviazione a sinistra per Monterosso e quella a destra per Genova. Proseguiamo invece ancora qualche metro in Corso Roma, che svolta quindi a sinistra in un ampio parcheggio adiacente alla sottostante passeggiata a mare; percorriamo quindi il parcheggio verso est, evitando di lasciarvi la macchina essendo a pagamento tutto l’anno per i non residenti (e anche parecchio caro) superando quindi un semaforo e scendere poi ad un incrocio. All’incrocio proseguiamo dritti a sinistra in Via Grillo, che, dopo una curva a destra, diventa via Cantarana. Percorriamo brevemente via Cantarana e, subito dopo una curva a destra e subito prima dell’ingresso a sinistra di un camping, troviamo un parcheggio (massimo due macchine) a fianco di un passo carrabile.

Percorso a a piedi: dal parcheggio proseguiamo pochi metri fino alla prima curva della strada e prendiamo quindi a destra Via Dietro le Mura, che percorriamo per 150 metri circa fino al suo termine in corrispondenza con l’incrocio del sentiero verdeazzurro, che imbocchiamo in discesa verso destra. In breve oltrepassiamo il castello e scendiamo al lungomare da salita San Giorgio. Percorriamo quindi il lungomare verso sinistra (est) per giungere in neanche 100 metri al molto che possiamo visitare attraversando un caratteristico sottopasso. Visitato il molo continuiamo verso est scendendo alla vicina spiaggia di Via au Mo, Percorriamo quindi tutta la spiaggia verso est e alla sua estremità ci destreggiamo tra il mare e gli scogli per giungere in breve sulla Diga Foranea e, da questa, risalendo un poco la roccia alle sue spalle, possiamo arrivare ad una bellissima quanto minuscola spiaggetta nascosta. Visitata la spiaggetta e il suo arco naturale; dalla spiaggetta, arrampicando un po’, sarebbe anche possibile raggiungere la soprastante passeggiata a mare di Villa Agnelli, ma occorrerebbe comunque scavalcarne la recinzione e ignorare i divieti di accesso (noi in realtà l’abbiamo anche fatto per andare a visitare la vicina spiaggia privata, ma, tutto sommato, non ne è valsa particolarmente la pena, molto più bella la spiaggetta precedente. Torniamo quindi indietro sui nostri passi fino alla partenza del sentiero per Punta Mesco (Salita San Giorgio) che imbocchiamo in salita. In breve giungiamo quindi nuovamente al Castello di Levanto e proseguiamo poi sul sentiero verdeazzurro salendo fino a quota 130 circa, dove troviamo cartelli indicatori e il bivio sulla sinistra per il Monte Focone. Qui lasciamo il sentiero verdeazzurro per prendere invece una sterrata in discesa sulla destra, superando un cancello aperto (se il cancello fosse chiuso si può tornare indietro pochi metri e prendere un sentierino parallelo alla sterrata e che dopo un centinaio di metri ci si congiunge). Scendendo ignoriamo subito una sterrata sulla destra e, quindi, un bivio in proprietà privata sulla sinistra (dal quale torneremo non sapendolo). Il sentiero scende a tornanti fino a giungere ad un tronco caduto che sbarra il passaggio. Meglio passarvi sotto e non tentare di scavalcarlo dati i vari spunzoni di rami (che in parte ho provato ad eliminare), occorre però quasi strisciare lasciando gli zaini, ma per fortuna sotto spunzoni non ce ne sono. Passato il tronco si arriva in breve alla scogliera, dove, prendendo a destra si arriva ad una bella grotta marina, nella quale si può entrare con prudenza, dato il passaggio stretto, scivoloso e a picco sul mare; ne vale comunque la pena per ammirare le pareti colorate della grotta più da vicino e alcune vaschette concrezionali alle quali occorre pure tenersi per maggior sicurezza. Ammirata la grotta percorriamo la scogliera nell’altro senso (est) raggiungendo in breve due punte (per raggiungere la seconda occorre passare a pelo d’acqua, cosa non consigliabile con mare grosso). L’esplorazione della scogliera termina poco oltre la seconda punta, ormai in vista di Punta Picetto, alla quale non si riesce ad arrivare causa un guado di pochi metri, non attraversabile senza mettere almeno i piedi in acqua (che non deve neanche essere tanto bassa…). Il ritorno avviene per la stessa via, o, volendo, o anche non volendo come è capitato a noi, risalendo dal mare per un sentiero alternativo attrezzato con funi blu, che sale a est di quello usato per scendere. Tornati quindi in un modo o nell’altro al Sentiero Verdeazzurro (la variante attrezzata con funi blu arriva comunque poi nello stesso punto) riprendiamo a destra in salita verso Punta Mesco.
In una settantina di metri, ignorando una deviazione sulla destra, giungiamo quindi sulla strada asfaltata e iniziamo a seguirla (sempre segnata in biancorosso) in salita verso destra. Dopo poco meno di 250 metri di asfalto prendiamo a destra un’altra stradina asfaltata in discesa, lasciando il sentiero verdeazzurro (che prosegue comunque su asfalto per altri 90meti da questo punto, per girare a sua volta a destra su un lastricato a fianco di un Hotel). La nuova stradina si trasforma ben presto in sterrata che continuiamo a percorrere ignorando un bivio sulla destra. Dopo 750 metri circa di stradina in falsopiano giungiamo quindi di fronte ad un cancello. Sulla sinistra del cancello, nonostante i divieti, un varco permette di entrare comodamente. Noi l’abbiamo interpretato tale varco (che sarebbe facilmente chiudibile), come lasciato intenzionalmente per permettere l’accesso alla sottostante spiaggia e quindi siamo passati, credendo anche che, come stabilisce d’altronde la legge, che le spiagge siano patrimonio di tutti e sia quindi più che giusto rendere effettivo tale diritto. Percorriamo quindi 150 metri nella stradina privata e, quindi, scendiamo a destra in una scarpatina a fianco di coltivazioni per non passare proprio sotto la villa; giungiamo così in breve ad una sottostante stradina che imbocchiamo verso sinistra; in circa 75 metri ci ricongiungiamo quindi alla stradina principale che imbocchiamo in discesa verso destra. Affrontiamo quindi un primo tornante e superiamo una zona franata, attualmente oggetto di lavori con ruspe. Superata la frana ignoriamo la chiara sterrata che continua dritta, in quanto va da un’altra casa, e compiamo invece un tornante verso sinistra continuando sulla, seppur meno evidente, strada principale. Dopo, mi pare, 6 tornanti la strada si trasforma in sentierino che corre parallelo, e poco sopra, la linea di costa verso ovest, per scendervi quindi tramite alcune staffe metalliche. Giunti alla spiaggia si possono quindi percorrere circa 150 metri di scogliera verso est e quindi tornare sui propri passi fino al bivio per la scarpatina scesa all’andata, risaliti quindi alla strada privata principale, la imbocchiamo verso sinistra e, dopo 50 metri, imbocchiamo una deviazione sulla destra in salita. Percorriamo quindi 75 metri in direzione est, per poi compiere un simil tornate e dirigerci per una quarantina di metri verso ovest; qui nuovamente curviamo compiendo un tornante verso est e trovandoci quindi a raggiungere una recinzione in plastica. Passiamo quindi sotto il recinto, magari sollevandolo leggermente e ci ritroveremo quindi a pochissimi metri dal sentiero verdeazzurro che imbocchiamo verso destra in salita. Dopo una cinquantina di metri di dislivello il sentiero prosegue poi più pianeggiante e raggiungiamo un roccione esposto e panoramico.(Rocca Spaccata), percorriamo quindi altri 750 metri circa in falsopiano ed arriviamo ad un piccolo slargo, dove una freccia azzurra indica di proseguire verso il Mesco (qua dovrebbe essere l’inizio del sentiero che scende a Punta Gatta, meta di una prossima esplorazione; nell’occasione ne abbiamo percorso una parte, non trovando i punti molto esposti di cui ci avevano parlato, ma trovando invece notevoli difficoltà di reperimento della traccia). Proseguiamo quindi verso la sommità del promontorio salendo per un centinaio di metri di dislivello giungiamo quindi ai ruderi dell’antico semaforo, Da questi primi ruderi, seguiamo le indicazioni per Sant’Antonio che raggiungiamo in breve dirigendoci verso sud. Visitati i suggestivi ruderi della vecchia Chiesetta, possiamo continuare sul crinale fino ad alcune costruzioni in rovina e quindi iniziare la discesa della panoramicissima cresta. Nell’occasione ne ho percorso solo una sessantina di metri (a partire da un basamento colorato che ne segna l’inizio), ma è sicuramente possibile continuare oltre, mi dicono fino ad una terrazza naturale, oltre la quale la cresta diventa alpinistica e pericolosa. Da questo punto torniamo quindi indietro per la stessa via fino al parcheggio, evitando naturalmente le deviazioni a mare e percorrendo per intero il sentiero verdeazzurro di cui avevamo saltato un buon pezzo passando sotto la recinzione al ritorno dallo Scoglio Nero. In alternativa possiamo invece scendere a Monterosso (decisamente più breve che tornare a Levanto, neanche un’ora di cammino) e, magari, tornare col treno.

Conclusioni: Gita piuttosto lunga, tanto che è il frutto di due esplorazioni successive, anche se nella seconda abbiamo comunque ripercorso tutte le parti significative della prima, compiendo praticamente il percorso qua descritto per intero, ma veramente interessante per la pittoresca e nascosta spiaggetta a pochi metri dall’abitato, per la possibilità alquanto rara di entrare (seppur non a fondo) in una suggestiva grotta marina, per il selvaggio litorale tra lo Scoglio Nero e Punta Spiaggia, nonché naturalmente per i bei panorami della classica gita a Punta Mesco, impreziositi dai bei ruderi della Chiesetta e magari anche dall’impressionante cresta in discesa da questi.

Link alle foto:
http://luoghidasogno.altervista.org/Mare/Liguria/RivieraLevante/CinqueTerre/Picetto.htm

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Ultima modifica di soundofsilence il gio feb 23, 2017 21:15, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: gio feb 23, 2017 21:14 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6430
Località: genova - marassi
E ancora:


Allegati:
050 - Crinale del Mesco e Scoglio Gagiato.JPG
050 - Crinale del Mesco e Scoglio Gagiato.JPG [ 90.34 KiB | Osservato 1621 volte ]
049 - Scoglio Gagiato dal crinale del Mesco primo piano.JPG
049 - Scoglio Gagiato dal crinale del Mesco primo piano.JPG [ 82.85 KiB | Osservato 1621 volte ]
044 - Sant,Antonio del Mesco dall,interno.JPG
044 - Sant,Antonio del Mesco dall,interno.JPG [ 67.29 KiB | Osservato 1621 volte ]
031 - Grosso masso e Scoglio Nero pi) da lontano.JPG
031 - Grosso masso e Scoglio Nero pi) da lontano.JPG [ 72.44 KiB | Osservato 1621 volte ]
024 - Spiaggia e Scoglio Nero.JPG
024 - Spiaggia e Scoglio Nero.JPG [ 82.65 KiB | Osservato 1621 volte ]
018 - Primo piano Scoglio Nero scendendovi.JPG
018 - Primo piano Scoglio Nero scendendovi.JPG [ 77.86 KiB | Osservato 1621 volte ]
022 - Spiaggia e Punta Spiaggia pi) da vicino.JPG
022 - Spiaggia e Punta Spiaggia pi) da vicino.JPG [ 65.55 KiB | Osservato 1621 volte ]
012 - Vaschette concrezionali in Grota marina presso Punta Picetto.JPG
012 - Vaschette concrezionali in Grota marina presso Punta Picetto.JPG [ 81.62 KiB | Osservato 1621 volte ]
002 - Arco naturale in spiaggetta nascosta col flash.JPG
002 - Arco naturale in spiaggetta nascosta col flash.JPG [ 50.83 KiB | Osservato 1621 volte ]

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: ven feb 24, 2017 11:58 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 21, 2008 19:10
Messaggi: 915
Località: Pieve Ligure
Complimenti Sound per il giro =D> =D> Punta Mesco rivela angoli nascosti che non avrei immaginato, poi la possibilità di riuscire ad entrare (anche se parzialmente) in una grotta marina.... molto interessante : Thumbup :

_________________
"Un uomo va al di là di ciò che può afferrare" (N. Tesla)
"De gustibus non disputandum est"
La montagna non uccide... è l'uomo che sottovaluta i pericoli...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: ven feb 24, 2017 12:20 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 368
Il sentiero che scende a Punta Gatta mi ha stuzzicato...

Ciao, Ste


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: ven feb 24, 2017 12:23 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6430
Località: genova - marassi
Stefs ha scritto:
Il sentiero che scende a Punta Gatta mi ha stuzzicato...

Ciao, Ste

Ho controllato, sembra proprio andare lì, direi che bisogna superare quel saltino direttamente e poi vedere, la direzione andava bene.

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: ven feb 24, 2017 12:24 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6430
Località: genova - marassi
teo-85 ha scritto:
Complimenti Sound per il giro =D> =D> Punta Mesco rivela angoli nascosti che non avrei immaginato, poi la possibilità di riuscire ad entrare (anche se parzialmente) in una grotta marina.... molto interessante : Thumbup :

E ce ne sono ancora....
Forse sabato andiamo per provare a completare l'esplorazione.

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Promontorio di Punta Mesco
MessaggioInviato: mar mar 07, 2017 21:44 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6430
Località: genova - marassi
Sabato 25 febbraio 2017: Begasti (130) – Monterosso (0) – Scogliere Punta Mesco (0) – Monterosso (0) – Sant’Antonio del Mesco (305) – Monterosso (0) - Begasti (130).

Partecipanti: Piera e soundofsilence.

Lunghezza: 12,2 Km. Quelli percorsi da noi con varie esplorazioni, 11,2 il percorso pulito.

Dislivello: 500 circa il dislivello pulito, 600 quello fatto da noi con varie esplorazioni.

Difficoltà: EE la scogliera in genere, in particolare il passaggio sotto il ponte crollato in cui occorre usare le mani, e una stretta cengia esposta a metà scogliera, seguita da una paretina inclinata con ghiaietto, dove ci si può aiutare con un cordino posto in loco. EE anche la discesa dal semaforo del Mesco lungo il crinale, specie l’ultima parte, tutto il resto E.

Percorso in macchina: da Genova in autostrada A12 fino all’uscita di Carrodano. Dall’uscita ci si dirige verso Levanto, fino ad incontrare, sulla sinistra, il bivio per Monterosso e le Cinque Terre.
Qui si imbocca la sp43 e la si segue fino a quando si incrocia la sp38, dove si prende a destra per Monterosso.
Si può quindi scendere fino all’ultimo parcheggio libero, che si trova a quota 120 circa sulla destra (disponbili 3 posti, quindi è bene arrivare presto), a fianco ad un muretto (poco dopo vi è un parcheggio riservato a un ristorante, sempre sulla destra, e, subito dopo, inizia l’area blu riservata ai residenti o a pagamento (in realtà ultimamente le strisce blu da qui in poi sono state ridipinte di bianco per circa 450 metri fino a quota 90 circa.)

Percorso a a piedi: dal parcheggio si prosegue lungo la strada asfaltata in discesa per circa 500 metri, prendendo quindi un sentierino sulla sinistra che, passato a sinistra di una villa, diventa assai stretto e raggiunge in breve Monterosso e la piazza principale del paese. Dalla piazza si prende a destra seguendo il sentiero segnato in bianco e rosso, che lasciamo subito a sinistra per imboccare un tunnel. All’uscita del tunnel ci ricolleghiamo al sentiero verdeazzurro e riprendiamo a seguirlo verso est. Percorriamo quindi il lungomare e scendiamo alla sottostante spiaggia per vedere da vicino lo scoglio spaccato in due, quasi un simbolo di Monterosso. Giunti allo scoglio (Scoglio du ma passu), possiamo anche salirlo, per poi ritornare sul lungomare e continuare verso est.
Giunti alla fine del lungomare prendiamo brevemente a sinistra per vedere da vicino la statua del “Gigante”. Con facile e breve arrampicata (EE), possiamo anche arrivarvi davanti per godere di un diverso punto di vista.
Torniamo quindi sul sentiero verdeazzurro e riprendiamo a seguirlo verso est, e, in 130 metri circa, ci troviamo di fronte ad un bivio: sulla destra il sentiero verdezzurro continua su una scalinata, mentre noi prendiamo a sinistra dirigendoci verso la scogliera. In poco più di 300 metri arriviamo ad un ponte crollato, che si può comunque attraversare sfruttando alcune assi di legno un po’ in bilico, meglio sicuramente passarvi sotto, seppur con attenzione. Passato il ponte il sentiero continuerebbe sulla destra, seppur assai rovinato, noi proseguiamo invece direttamente su scogliera. La scogliera può essere percorsa verso est per circa un Km, presentando solo un punto difficile: una stretta cengia esposta seguita da una paretina attrezzata con corda. Al termine della scogliera giungiamo nei pressi dell’estremità di Punta Mesco, ma non riusciamo a raggiungerla a causa di un guado non percorribile senza mettere i piedi in acqua (forse col mare molto calmo sarebbe possibile); non resta quindi che tornare indietro sui propri passi fino al ponte crollato (ulteriore alternativa sarebbe un percorso alpinistico che sale verso la cresta del semaforo di Punta Mesco). Giunti al ponte noi abbiamo poi esplorato i resti del vecchio sentiero che risale verso quello segnato per Sant’Antonio del Mesco, ma, passato un tratto attrezzato con corde ci siamo trovati su terreno ripido e assai infrascato senza poter capire in che direzione proseguire e, quindi, siamo tornati al ponte crollato e da questo al Sentiero Verdeazzurro che abbiamo imboccato verso sinistra, in salita verso Punta Mesco. Seguiamo quindi il sentiero segnato fino in vetta al Promontorio del Mesco e, quindi, fino ai ruderi della Chiesa di Sant’Antonio. Dai ruderi continuiamo fino al Semaforo e quindi imbocchiamo il crinale sud, che seguiamo per oltre 100 metri, scendendo fino a quota 240 circa, fermandoci nei pressi di un albero, quando la prosecuzione diventa pericolosa senza attrezzatura alpinistica. Torniamo quindi sui nostri passi fino a Sant’Antonio e quindi ridiscendiamo a Monterosso e ripercorriamo il tragitto dell’andata fino al parcheggio di Begasti.

Conclusioni: gita sicuramente meno interessante di quelle effettuate sul versante ovest di Punta Mesco, la scogliera percorsa è in effetti sì selvaggia, ma non presenta punti di particolare interesse paragonabili a quelli ammirati sull’altro versante. La si potrebbe sicuramente rendere più interessante riuscendo a collegare la scogliera con la cresta in discesa dal semaforo di Punta Mesco, ma il percorso sembrerebbe alpinistico, anche se mi riservo di esplorare meglio in futuro per cercare un possibile collegamento alla portata dell’escursionista, seppur esperto ed attrezzato. Restano comunque interessanti i classici bei panorami da Sant’Antonio, il Gigante e lo scoglio du ma passu, nonché il vertiginoso tratto di cresta in discesa dal semaforo.

Immagine
Punta Corone Pae Veciu e Capo Montenero da Monterosso in controluce

Immagine
Rocca du ma passu spiaggia Fegina e Punta Mesco

Immagine
Statua del Gigante vista di fronte

Immagine
Masso e primo piano estremità Punta Mesco

Immagine
Mare e pino da sopra scogliera Punta Mesco

Immagine
Cresta Punta Mesco con scoglio Gagiato sullo sfondo

Immagine
Primo piano Scoglio Gagiato da cresta Punta Mesco

Immagine
Rocca du Ma Passu in controluce

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it