Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è mar set 17, 2019 17:52

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lun ago 20, 2012 13:33 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven set 14, 2007 14:29
Messaggi: 1615
Località: IMPERIA
Cima sud di Vens (m. 2952) dai Prati del Vallone (Pontebernardo)

ovvero "Il mistero dei torrioni rossastri"

Data uscita: 18 agosto 2012
Dislivello : m. 1240
Tempo di salita 4h 15' - discesa in 3h
Difficoltà: PD- (3 m. - II° ??)
Partecipanti: Gianfranco e Pierpaolo
Meteo: sereno, caldo soffocante nel primo pomeriggio.

Ebbene sì, sono riuscito a convincere Gianfranco!!!. A nulla sono valse le sue argomentazioni circa la difficoltà di trovare posto in albergo a ferragosto, sul fatto di essere poco allenati per una cima di questo tipo, sul caldo eccessivo che non risparmia neanche i posti di montagna: alla fine, pur con qualche dubbio, ha ceduto :strizzaOcchio:: .

Ecco l'obbiettivo da raggiungere visto dal Becco Alto del Piz: sullo sfondo il Clai Sup., in basso il Passo di Vens ancora innevato e a destra la Cima sud di Vens.

Immagine


Avendo pernottato in zona siamo partiti presto (alle 6,45 siamo davanti al Rif. Talarico), iniziando la risalita del vallone con passo lento (molto lento :? ) e regolare: 2 ore e mezza ci servono per arrivare al bivio per il passo di Vens.
Breve sosta e, dopo la rinuncia di Pierpaolo, risaliamo i numerosi tornanti nella pietraia sotto la parete est della nostra montagna. Presa quota, dopo un lungo traverso verso sinistra (sud), imbocchiamo lo stretto canalino per il passo.
I tornanti diventano sempre più stretti e, sotto lo sguardo compassato di uno stambecco che ci aveva "fischiato" per farsi vedere ed immortalare dalla mia digitale, raggiungiamo il Passo di Vens (3h 15' dalla partenza - disl. 1050 m. circa - casermetta).


Sento mia la responsabilità della parte di salita che ci accingiamo a fare [-o< [-o< ; l'ho studiata e preparata con cura, avvalendomi anche di alcune foto della parete prese dalla Cima Borgonio.


Risaliamo con facile arrampicata, seguendo alcuni ometti, le due barre rocciose (F)poste sopra lo stretto valico e raggiungiamo un ripiano dal quale la parete della montagna si apre davanti ai nostri occhi ed alla nostra valutazione. La parte finale è ripida ma comunque abbordabile. Si prosegue senza indugi e raggiunto il primo torrione (rossastro??? a me non sembra! :shock: ) evitiamo di aggirarlo come le tracce sul terreno farebbero pensare e con 15/20 m. di facile arrampicata raggiungiamo l'evidente cengia che taglia, da sinistra a destra, la ripida parete per finire in cresta vicino al 2° torrione rossastro (rossastro??? a me non sembra! :shock: ).
Di fatto sono 40 min. dal passo di Vens e 4 ore dalla partenza. Non certo un gran ritmo!.

Mollati gli zaini facciamo una breve sosta per riprendere fiato, guardarci intorno e con qualche patema d'animo scendiamo qualche metro dalla parte italiana per aggirare il torrione "presunto rossastro :lol: ". Breve traverso e risaliamo una stretta cengia erbosa che finisce in un camino roccioso nel quale si entra a malapena. Passato in qualche maniera il camino (non abbiamo guardato molto allo stile 8) ) ci ritroviamo in cresta, parecchio esposta sul versante francese, come pure il passaggio successivo che porta ad una placca (appigli da valutare molto bene - roccia non sempre sicura). Passata la placca si arriva in breve sulla piatta sommità, piuttosto stretta (ometto).

E' fatta !!! : Ok : o almeno così riteniamo :-k :-k . Dall'ometto infatti la cresta continua per parecchi metri (sempre più affilata) arriva ad un salto (che non vediamo e non abbiamo alcuna intenzione di andare a vedere, ma reputiamo di circa una decina di metri), per poi risalire su un altro spuntone, più o meno alla stessa altezza di dove ci troviamo. (altro ometto :-k :-k )

Sulla relazione di salita non si parla di scendere su nessun intaglio e risalire ergo............................................................................................
la Cima sud di Vens è quella dove siamo noi! 8)

(Se così non fosse ci riteniamo soddisfatti lo stesso e la cima la "smarchiamo" comunque !!! 8) )

Alcune foto di vetta e poi, visto l'arrivo di due altri salitori :shock: , decidiamo di ritornare agli zaini e lasciare l'esiguo spazio a loro disposizione.

Finalmente possiamo mangiare, bere e goderci il panorama, soddisfatti per salita di una cima discretamente "tosta".

Appena posso carico qualche altra foto.

(La settimana entrante andrò dall'oculista per verificare eventuali problemi alla mia vista :risataGrassa: )

Saluti

FRANKIE@

_________________
"Perché con uno (occhio) tu guardi il mondo, con l'altro guardi in te stesso".

Amedeo Modigliani


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun ago 20, 2012 13:55 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12128
Località: Genova
:risata: i torrioni rossastri... interpretare le relazioni è un'arte soprattutto quando non esistono le cose che vengono descritte! :risata:

FRANKIE@ ha scritto:
[E' fatta !!! : Ok : o almeno così riteniamo :-k :-k . Dall'ometto infatti la cresta continua per parecchi metri (sempre più affilata) arriva ad un salto (che non vediamo e non abbiamo alcuna intenzione di andare a vedere, ma reputiamo di circa una decina di metri), per poi risalire su un altro spuntone, più o meno alla stessa altezza di dove ci troviamo. (altro ometto :-k :-k )


ahia... ahia... :pensoso: un ometto su una cima di fronte... pericolosissssimo.... :risata:

Io ve la do buona! : Thumbup : Meno male che non eravate con Alec :diavoletto:

Complimenti per la bella salita!! :feliceModerato:

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar ago 21, 2012 10:44 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven set 14, 2007 14:29
Messaggi: 1615
Località: IMPERIA
Ecco alcune foto:

Parte alta del vallone: il Rifugio Lausa

Immagine

Visuale verso la testata del vallone

Immagine

Stenbecco in posa "classica" :strizzaOcchio::

Immagine

Arrivando al Passo di Vens

Immagine

Dal Passo di Vens visuale verso la Francia: in basso il Lac de la Montagnette

Immagine

La parete di salita: il torrione al centro del colletto è il punto di ritorno in cresta

Immagine

Bella visuale sul Clai Superieur. Chissà se c'è qualche torrione "rossastro"?.
Il prossimo anno, magari, vado a vedere :roll:

Immagine

Uno sguardo indietro alla via appena salita

Immagine

Finalmente in cresta e l'ultimo tratto per la cima

Immagine

Il torrione da aggirare e la placca sotto la cima

Immagine

Gianfranco nella fessura-camino

Immagine

...... ed in cima (dietro è visibile l'altro spuntone roccioso :-k :-k )

Immagine

Infilata di cime: in lontananza Oronaje e Monviso

Immagine

Panoramica dalla vetta su Vallone e Laghi di Vens

Immagine

..... un poco di gloria :imbarazzo: anche per me :!: :strizzaOcchio::

Immagine

Monte del Vallonetto e Cima Las Blancias ?

Immagine

Ultimi metri anche per gli altri salitori

Immagine

La parete di salita, ripresa con la luce del pomeriggio, ed indicazione della via seguita e relativi "torrioni rossastri" :strizzaOcchio::

Immagine



Saluti :risata:

_________________
"Perché con uno (occhio) tu guardi il mondo, con l'altro guardi in te stesso".

Amedeo Modigliani


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar ago 21, 2012 10:50 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 22, 2006 14:04
Messaggi: 5930
Località: Genova
Complimenti per la bella salita :)

L'altra punta con ometto non potrebbe essere la cima nord?

Da tempo ho in programma la traversata di tutta la catena...

La casermetta al colle di vens è adibita a bivacco? aperto?

_________________
Io credetti e credo la lotta con l'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede.

Meglio un fesso felice che un granitico scontento.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar ago 21, 2012 12:34 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12128
Località: Genova
ma che spettacolo di foto!!! :D

Belandi siamo andati in giro 5 giorni in montagna e il nostro w.e. di riposo c'era un cielo così!! :diavoletto:

anche io ero curiosa sul possibile pernottamento alla casermetta :D

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar ago 21, 2012 14:54 
Non connesso
Fotomodello delle vette
Avatar utente

Iscritto il: mar set 16, 2008 16:51
Messaggi: 4776
Località: genova marassi
Bravi =D> =D> =D>
Bellissime foto : Thumbup :

_________________
Immagine

http://www.finoincima.altervista.org

https://www.facebook.com/finoincima


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar ago 21, 2012 15:52 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2009 12:40
Messaggi: 1216
Località: Vicoforte (CN)
=D> =D> =D>
che spettacolo...
mi piacerebbe tanto andarci per fare la traversata delle due cime...
Un amico mi ha però detto che non merita particolarmente e, considerando che conosco abbastanza i suoi gusti, resto un po' titubante... :pensoso:

_________________
Immagine

La farfalla non conta gli anni, ma gli istanti. Per questo il suo breve tempo le basta..
Profilo Instagram: keiji76


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar ago 21, 2012 15:57 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven set 14, 2007 14:29
Messaggi: 1615
Località: IMPERIA
Alec ha scritto:
Complimenti per la bella salita :)

L'altra punta con ometto non potrebbe essere la cima nord?

Da tempo ho in programma la traversata di tutta la catena...

La casermetta al colle di vens è adibita a bivacco? aperto?



: Thanks : anche a Scinty e Maury76 :risata:

Sicuramente non è la cima nord, che è una ventina di metri in meno (2931 m.)mentre quella sulle foto è in pratica alla stessa altezza o forse qualcosina di più.
Ecco qui una foto trovata sulla rete con la nord a destra. Si vede anche l'intaglio tra dove siamo arrivati noi e lo spuntone dopo.

Immagine

La traversata nord-sud deve essere effettivamente bella ma, per noi fuori portata.
Avevo letto questa relazione, http://www.gulliver.it/itinerario/46995/
per capire quale fosse effettivamente la cima sud, ma non ha risolto i miei dubbi. Pazienza! :pensoso:

La casermetta è aperta (i due che sono saliti con noi ci sono entrati), non ho idea se sia attrezzata come bivacco. : Sorry! :
Prova a cercare sulla rete.

Ciao

_________________
"Perché con uno (occhio) tu guardi il mondo, con l'altro guardi in te stesso".

Amedeo Modigliani


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 07, 2016 13:46 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 17, 2011 13:00
Messaggi: 429
Località: Dolcedo
#-o #-o Ciao!!
Mi piacerebbe dire la mia sulle contrastanti valutazioni di questa scalata; per quel che può valere visto che non sono un alpinista ma un' escursionista prestato all' alpinismo :imbarazzo:
Ho fatto la via indicata da Frankie ma arrivato al colletto mi son girato perchè l' ultimo pezzo mi pareva veramente un PD e mi son girato sopratutto per l'esposizione per me non sostenibile.
Sono ridisceso alle cengette sottostanti cercando il passaggio per la via valutata F che non abbiamo trovato subito andandosi ad infognare in una improbabile salita. Bloccati proprio sotto la vetta da roccioni lisci strapombianti. siamo tornati nuovamente indietro vedendo questa volta alcuni ometti proprio nei pressi di quel roccione detto "rossastro" che rosso non pare proprio :triste: Ma comunque riuscendo finalmente ad arrivare agevolmente all' intaglio citato tra le due parti della vetta sud e di qui alla parte nord 4 o 5 metri di scalatache è veramente una lama di coltello.
Per trovare un posto dove sederci,siamo dovuti andare sull'estremità nord: spettacolo di esposizione!.
In definitiva mi pare che fatto salvo il primo muretto vicino al passo di Vens che il II° ci sta tutto, Il passaggio sulla cresta fatta da Frankie, Il II° ci sta pure mentre la via che ho fatto io, circa 2 metri al di la di quel roccione (ometti) è molto più protetta dall' esposizione. Quasi tutto I° grado e si può dire anche qualche passo di II° non tanto per la mancanza di prese che sono numerose ma per la verticalità di alcuni passaggi: F+ mi pare sia una valutazione congrua.


Allegati:
Commento file: e a sud, Ubac, Tenibres, Matto, Argentera fino al Marguareis e le altre Liguri!
VEN_567.JPG
VEN_567.JPG [ 203.64 KiB | Osservato 2751 volte ]
Commento file: Giornata fantastica fino al Monte Rosa!
VEN_568.JPG
VEN_568.JPG [ 217.4 KiB | Osservato 2751 volte ]
Commento file: ....e da quella italiana
VEN_576.JPG
VEN_576.JPG [ 351.99 KiB | Osservato 2751 volte ]
Commento file: Strapiombi daal parte francese
VEN_565.JPG
VEN_565.JPG [ 325.09 KiB | Osservato 2751 volte ]
Commento file: La Cima di Vens vista dal passo della Lausa la sera prima
VEN_541.JPG
VEN_541.JPG [ 228.45 KiB | Osservato 2751 volte ]
VEN_577.JPG
VEN_577.JPG [ 389.92 KiB | Osservato 2751 volte ]
Commento file: quel roccione, rosso o nero che sia, si vede da molto distante ed e particolare quindi si raggiunge facilmente per cengette aldilà del quale c'è la via
VEN_578.JPG
VEN_578.JPG [ 463.5 KiB | Osservato 2751 volte ]

_________________
Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio.
(Bertolt Brecht)
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 07, 2016 14:06 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 1974
Località: Genova / Imperia
=D> =D> =D>
Bravi bravi! ! Ma mi pare troppo esposto per i miei gusti :imbarazzo: , almeno dalle foto ... specialmente quella con il piedone ! :risata:
:smt006

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ott 07, 2016 20:45 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 17, 2011 13:00
Messaggi: 429
Località: Dolcedo
daniele64 ha scritto:
=D> =D> =D>
Bravi bravi! ! Ma mi pare troppo esposto per i miei gusti :imbarazzo: , almeno dalle foto ... specialmente quella con il piedone ! :risata:
:smt006

Già: la vetta è una lama di coltello, precipizi da una parte e dall' altra. La salita non è troppo esposta : Thumbup :
Grazie per i complimenti : Thanks :

_________________
Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio.
(Bertolt Brecht)


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ott 08, 2016 20:07 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven set 14, 2007 14:29
Messaggi: 1615
Località: IMPERIA
: Thumbup : Una bella cima con variante in corso d'opera!!! (dove hai trovato la relazione?) =D> =D> =D>

Da quello che riesco a capire dalla tua relazione, arrivati al colletto non siete scesi dalla parte italiana, risalito una cengia e uno stretto camino fessura che avrebbe consentito di aggirare il torrione "presunto rossastro", raggiungere uno stretto intaglio sulla cresta ed infine, con un successivo breve passo "esposto", la facile placca finale. Aldilà dell'esposizione e di appigli abbondanti ma da verificare, il passaggio si fa agevolmente, infatti la discesa per ritornare al colletto, di norma più problematica, non ci ha dato problemi di sorta anzi!. La valutazione PD- non è mia ma della guida "Fino in Cima" di M. Bruno, e comunque la trovo adeguata al percorso che abbiamo fatto.
Ovviamente risalire la cresta direttamente dal colletto sarebbe stato fuori portata anche per noi, come te "escursionisti prestati all'alpinismo" :mrgreen:

Quindi voi siete saliti sulla vetta successiva, quella che noi abbiamo visto poco distante quando siamo arrivati in cima =D> =D> .

Bravi : Thumbup : : Thumbup :

_________________
"Perché con uno (occhio) tu guardi il mondo, con l'altro guardi in te stesso".

Amedeo Modigliani


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom ott 09, 2016 19:31 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mar mag 17, 2011 13:00
Messaggi: 429
Località: Dolcedo
Si, Frankie, siamo saliti sulla vetta sucessiva la vostra.
Praticamente abbiamo fatto la via vostra (verde nella mia foto) ma arrivati al colletto, non me la son sentita di fare l'ultimo pezzo di cresta, quindi ridiscesi fino alla gengia rossa, abbiamo proseguito un poco fino a quel evidente roccione e qualche metro dopo, una bella via per nulla esposta che porta diretto all' intaglio tra le due vette.

_________________
Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio.
(Bertolt Brecht)


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it