Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è dom ott 24, 2021 7:28

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lun feb 20, 2012 22:38 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12250
Località: Genova
Che la mimosa è effimera lo sanno tutti, che una gita possa essere effimera forse no. Ma lo sa bene Alec, abile sponsorizzatore di vette che cerca di convincere o con promesse di glorie e onori per scalate su monti sconosciuti o ti prende per sfinimento. ](*,) In questo caso vale la seconda opzione. “Il Tagliarè è una bella gita a bassa quota, questa occasione potrebbe ricapitare fra 10 anni!!”, come poter deludere il buon vecchio granitico con un secco no?

Come spesso accade, la proposta è invitante solo per lui, visto che l'offerta per me prevede pendii a 30 gradi da salire con le ciaspole! I primi giorni vaneggia un canale di 700 metri, ma di fronte ai miei imperterriti scrollamenti di testa ridimensiona il tutto parlando di ampio pendio un po' ripido e di una gita che non supererà i 600 m di dislivello totali (e così, per fortuna, è stato). Mi suggerisce anche la possibilità di indossare i ramponi, promettendo di portarli anche lui e battermi la traccia nel caso mi trovassi in difficoltà. A questo punto non posso più rifiutare, anzi per convincermi maggiormente, da buon mercante qual è, sbandiera pure l'allettante promozione “accumulando 600 metri di dislivello, te ne regaliamo altri 300”. #-o
Ovviamente ci casco, ma si sa che di gratis, per noi scimuniti e ciaspolescursionisti, non c'è nulla: paghiamo caro, con fatica e sudore, ogni centinaio di metri salito!
Alla fine accetto con un po' di stizza, poiché il bivio da imboccare per arrivare alla partenza è ubicato molto prima di Demonte e quindi della ben nota pasticceria Agnello, ci consoleremo tuttavia con un buon cappuccino e una cioccolatosa brioche in un anonimo ma accogliente bar di Borgo San Dalmazzo.
C'è sempre qualche inghippo dietro tutte le offertone... :roll:

Quindi dopo Gaiola, giriamo per Valloriate e poi verso le borgate di Caricatore e Piantacotta. Tra le due borgate la strada è interrotta dalla neve, quindi parcheggiamo e ci attrezziamo per iniziare la gita: io ho con me ciaspole, bastoncini, ramponi e piccozza! E userò tutto quanto! 8)

In breve raggiungiamo la bella borgata (abbandonata, tranne una casa) di Piantacotta e da lì proseguiamo per un tratto su una mulattiera in piano. Poco dopo vediamo i pendii da risalire davanti a noi, sulla destra (a sinistra si andrebbe sull'Alpe), attraversiamo un ruscello per portarci sul versante giusto e saliamo, Alec a zig zag, io più diretta. La neve, compatta, non è molta ma il fondo è tutto coperto, salvo qualche arbusto, rovo e ciuffo d'erba che spuntano qui e là.
In alto scorgo due camosci che corrono poco sotto la cresta.
Poco dopo un cane bianco.. ci sarà già qualcuno lassù?

Fino a metà gita e anche un po' di più, riesco a proseguire con le ciaspole, ma a un tratto non mi sento più a mio agio soprattutto se mi guardo indietro. I pendii sono un po' ripidi per me e spero di riuscire a procedere meglio con i ramponi. Li infilo ma ahimè... sprofondo un po'... questa non ci voleva, una di quelle situazioni dove né l'uno né l'altro strumento mi agevolano nella progressione!!! ](*,)
Alec mette anche lui i ramponi per aiutarmi ma comincia a imprecare per la qualità della neve e per il mio goffo modo di camminare ramponata (io l'ho sempre detto di essere imbranata!): in fondo si sprofonda solo fino poco sopra alla caviglia, potevo anche arrangiarmi da sola! Iniziano i battibecchi, gli ricordo che lui mi aveva promesso l'utilizzo dei ramponi dove adesso vorrebbe che io usassi le ciaspole a rischio di ruzzolare a valle dentro una grossa palla di neve, come quelle dei cartoni animati!

Gira che ti rigira in vetta ci arriviamo, molto rallentati in quest'ultima parte. Il granitico è proprio de coccio! Non ha voluto saperne di rimettersi gli sci!

Non troppo distante vediamo molti puntini che salgono sull'Alpe, gita di un paio di anni fa.

La discesa andrà un po' meglio, per primo parte il tappo della mia macchina fotografica, con grande leggerezza e stile devo dire, peccato che non potrà raccontarmi se la discesa gli è piaciuta!! :(

Poi Alec e a seguire io, sempre sui ramponi (giù di lì con le ciaspe non ci penso nemmeno), un poco sprofondando ma non è male: in questi casi preferisco sprofondare, almeno ho la certezza che in caso di caduta la mia zavorra mi terrebbe ancorata alla neve invece di farmi scivolare rovinosamente! 8)

Torniamo alla macchina alle 12:40, il tempo di mangiare due panini e ripartiamo per un giretto defaticante sul monte Tamone :mrgreen: (1393 m), raggiungendo in auto Gorrè di Rittana. Con l'auto riusciamo a salire un poco sopra ma dobbiamo parcheggiare su una curva a causa della strada sporca. Tagliamo un tornante e percorriamo un po' di strada sfruttando la neve ai lati (per Alec è motivo d'onore non toccare asfalto dalla macchina alla vetta e e dalla vetta alla macchina... io potrei anche farne a meno :| ) e arriviamo al Chiot Rosa, baita dedicata ai ricordi sulla Resistenza. Da lì inizia il percorso dolce ma di discreto sviluppo per arrivare sul Tamone. Sì tratta di una tranquilla passeggiata nei boschi su una larga strada sterrata. Sul tragitto incontriamo una graziosa baita molto curata nei particolari e più avanti un'altra in ristrutturazione, apprezziamo la volontà di conservazione e l'utilizzo di tecniche e materiali adatti. Verrà fuori un bel lavoro! Ci mettiamo circa un'ora e mezza ad arrivare alla grande croce. Firmiamo il libro di vetta, peccato solo per la foschia perchè il panorama abbraccia tutta la pianura ancora imbiancata! :o
Al ritorno, Alec scivola via, io mi levo le ciaspole e cammino solo con gli scarponi, la pista è ben battuta e non faccio molta fatica; tuttavia in alcuni tratti il granitico si offre di darmi un passaggio e sperimentiamo con successo il koala style, peccato non funzioni anche in salita! :lol:

Allegato:
koala.jpg
koala.jpg [ 36.56 KiB | Osservato 2379 volte ]


Arriviamo così nuovamente nei pressi del Chiot Rosa dove l'imbarazzo di essere osservati da due signori che passeggiano poco lontano sulla strada mi fa sprofondare nella neve! :oops:

Termina così il divertimento e ritorniamo sorridenti alla macchina, dimentichi dei tafferugli sotto la vetta del Tagliarè. :)

salendo al Tagliarè
Immagine

Dalla vetta, davanti a noi c'è il Tamone
Immagine

Sul sentiero per il Tamone
Immagine

fungo fuori stagione :lol:
Immagine

Sul Tamone
Immagine

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar feb 21, 2012 0:25 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mer mag 23, 2007 16:16
Messaggi: 1079
Località: Costigliole Saluzzo (Cn)
Bravi! Bella gita... : Thumbup :

Simpatico il racconto :risata:


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar feb 21, 2012 5:47 
Non connesso
Il Sognatore
Avatar utente

Iscritto il: dom apr 08, 2007 18:14
Messaggi: 6044
Località: Arenzano
scinty ha scritto:
Il granitico è proprio de coccio!


Il granitico è granitico per definizione : Thumbup : :risata:

_________________
Sento il tuo passo sincrono col mio

http://ik1ype.blogspot.com/


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar feb 21, 2012 9:39 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 22, 2006 14:04
Messaggi: 5934
Località: Genova
E' stata una belllissima giornata :D con due gite al prezzo di una :mrgreen:

Il Tagliarè è davvero una gita effimera! Su pendii ripidi, a bassa quota e in pieno sud in genere la neve si scioglie prima di trasformarsi...quest'anno invece le nevicate a bassa quota seguite da gran freddo hanno mantenuto uno strato compatto che seppur sottile permette un'ottima sciata. Solo in basso ogni tanto curvando usciva l'erba.

Il Tamone è l'ultima vetta sulla costiera tra Grana e Stura e offre una simpatica passeggiata ideale per passare mezza giornata. Miglioriamo a vista d'occhio nella sciata in due, proveremo anche sui pendii :risata: :skifree:

_________________
Io credetti e credo la lotta con l'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede.

Meglio un fesso felice che un granitico scontento.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar feb 21, 2012 9:59 
Non connesso
Fotomodello delle vette
Avatar utente

Iscritto il: mar set 16, 2008 16:51
Messaggi: 4778
Località: genova marassi
Bravi : Thumbup :
Che le gite possono essere effimere lo sostengo da anni.....per me esiste un solo giorno l'anno adatto ad ogni vetta :risata:
Lo stile Koala l'ha provato anche sound con Gromit l'altro giorno...beh forse era un pochino diverso.... :risataGrassa:

_________________
Immagine

http://www.finoincima.altervista.org

https://www.facebook.com/finoincima


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar feb 21, 2012 12:48 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 15:41
Messaggi: 1343
Località: Arenzano
Bel racconto, che descrive molto bene ed in modo simpatico ( è lo stile Scinty) la difficile convivenza tra ciaspole e scialp.

Fino ad oggi era mio parere personale, per esperienza diretta, che le due discipline non fossero compatibili e praticabili con soddisfazione nella medesima gita:

ma il Koala Ski non l'avevo considerato...... :pensoso:

mette tutti d'accordo!!

Bravi. : Thumbup :

_________________
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar feb 21, 2012 13:08 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 30, 2007 20:42
Messaggi: 12250
Località: Genova
Maury76 ha scritto:
Bravi : Thumbup :
Che le gite possono essere effimere lo sostengo da anni.....per me esiste un solo giorno l'anno adatto ad ogni vetta :risata:
Lo stile Koala l'ha provato anche sound con Gromit l'altro giorno...beh forse era un pochino diverso.... :risataGrassa:


:mrgreen: :lol: :lol: :lol:

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar feb 21, 2012 13:14 
Non connesso
Cintura nera di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 29, 2008 16:32
Messaggi: 5735
Località: Genova
Littletino ha scritto:
Bel racconto, che descrive molto bene ed in modo simpatico ( è lo stile Scinty) la difficile convivenza tra ciaspole e scialp.

Fino ad oggi era mio parere personale, per esperienza diretta, che le due discipline non fossero compatibili e praticabili con soddisfazione nella medesima gita:

ma il Koala Ski non l'avevo considerato...... :pensoso:

mette tutti d'accordo!!

Bravi. : Thumbup :

Dipende dall'affiatamento dei due... :strizzaOcchio:: :risata:

_________________
Ji ta kyo ei
Amicizia e mutua prosperità


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer feb 22, 2012 8:30 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: ven feb 09, 2007 9:23
Messaggi: 15177
Località: Genova Sestri
Evvai di Koala ski :lol:

_________________
"Se non fosse unta, non fosse focaccia." Ignota


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it