Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è mar lug 16, 2019 19:43

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mer nov 22, 2006 20:01 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer set 06, 2006 17:18
Messaggi: 6973
Località: Genova
Quando sulla Liguria nevicava copiosamente e non esistevano le moderne comodità, era consuetudine provvedere alla raccolta della neve, ed al suo stoccaggio in depositi ubicati nelle zone montane per la produzione del ghiaccio. Prima dell’avvento della fabbricazione industriale avvenuta a partire in Italia dal 1830, la raccolta della neve entro le cosiddette neviere, era ancora infatti l’unico sistema per produrre il ghiaccio, che veniva impiegato per raffreddare le bevande delle famiglie più agiate e per la cura di febbri e contusioni.
In realtà già dal rinascimento, piccoli edifici destinati a ghiacciaie erano presenti in alcune cantine di ville e palazzi nobiliari e nella Roma pontificia la regolamentazione della raccolta e del commercio della neve per le necessità terapeutiche fu molto precoce.
La pratica della raccolta della neve era allora diffusa un po’ in tutta la penisola ed anche pertanto in Liguria e nella Provincia di Genova; numerosi ed ancora oggi riconoscibili, sono infatti i resti delle neviere che si possono incontrare sulle nostre zone montane, posizionate a volte a pochi chilometri in linea d’aria dal mare, indice del mutato clima, che permetteva allora, non solo di raccogliere grandi quantità di materia prima ma anche e soprattutto di conservarla per lunghi periodi dell’anno fino a farla arrivare sotto forma di ghiaccio nei periodi più caldi a Genova, dove veniva immagazzinata e successivamente venduta.
Le neviere erano realizzate a forma di tronco di cono rovesciato, con diametro interno fino a 10/12 metri ed altezza fino a 5/6 metri. L’isolamento era garantito da un spesso strato di foglie secche e da una copertura conica, ultimata con un manto di paglia, ove era posizionata una apertura utilizzata per il caricamento e lo svuotamento dell’ impianto.

Lo sviluppo del commercio del ghiaccio divenne talmente importante, che il lungimirante Stato Genovese, non si lascio sfuggire l’opportunità di istituire una gabella sulla neve. A partire infatti dal 1625, nasce l’imposta sulla neve e dal 1640, viene concesso l’appalto per l’ approvvigionamento del ghiaccio ad un unico imprenditore per la durata di cinque anni, duranti i quali doveva essere garantito un costante rifornimento per i fabbisogni cittadini.
La produzione del ghiaccio aveva inizio con la raccolta della neve, che impiegava decine di braccianti, che venivano assunti dall’imprenditore tra i contadini della zona. La neve veniva immessa nella neviera, opportunamente battuta e costipata, e successivamente ricoperta da uno spesso strato di foglie secche.
Con la copertura finale della neviera veniva garantito l’isolamento necessario affinché il materiale introdotto si trasformasse in ghiaccio e fosse conservato fino alla estate successiva. Sul fondo dell’impianto vi era un canale di scolo che permetteva all’acqua di defluire all’esterno e di non compromettere quindi il restante materiale.
Una volta solidificata la neve veniva tagliata in blocchi del peso di circa 80 chilogrammi, che avvolti in sacchi di tela, venivano trasportati a dorso di mulo durante le ore più fredde della notte nel deposito di Vico della Neve, presso la zona di Soziglia e dal XIX secolo nel deposito di piazza Acquaverde.
Dai depositi sopra menzionati venivano quindi rifornite alcune botteghe sia della città che dei sobborghi, che rivendevano il prezioso prodotto a prezzo calmierato.
Il commercio del ghiaccio non forniva sempre un buon utile all’impresario, che spesso non riusciva ad approvvigionare in modo adeguato la città, vuoi per la poca neve caduta durante alcuni inverni, vuoi per estati troppo calde che facevano calare vistosamente il prodotto all’interno delle neviere. Nonostante questi imprevisti il commercio della neve con la sua gabella durò fino al 1870: erano trascorsi 230 anni dalla sua istituzione.
Interessante e probabilmente unico esempio di neviera completamente in muratura, è quella ubicata in località Grilla nel Comune di Mele, che la Comunità Montana Argentea ha recentemente ristrutturato e reso visitabile; con pianta cilindrica, ha una altezza di circa mt. 7,50 e copertura a volta; sul lato esterno è disposto un cunicolo di accesso, mentre sulla copertura è posizionata una bucatura per il caricamento della neve.
All’interno della struttura gli originari scalini in pietra sono stati sostituiti da una scala in legno che consente al visitatore di raggiungere il fondo del manufatto.

Immagine

Rilievo della Neviera in frazione Grilla del Comune di Mele

Tra le località dove era più regolare l’innevamento vi è quella dell’altopiano del monte Pennello a quota 995 s.l.m., nella cui zona erano ubicate numerosi manufatti per la raccolta della neve; la zona, nonostante la vicinanza al mare, è infatti una zona con caratteristiche spiccatamente montuose, con un clima invernale molto rigido.
Le neviere del monte Pennello rifornivano una grande deposito in muratura di Villa Pallavicini a Pegli destinato al consumo famigliare dei proprietari; il trasporto a valle avveniva manualmente con impiego di recipienti rivestiti internamente con lamiera di zinco.

Immagine

Neviera alle pendici del Monte Pennello


Immagine

Neviera alle spalle di Recco - sopra frazione Collodari

Altre neviere sono ancora presenti sul territorio: ad esempio quelle alle pendici del monte Diamante oppure quella lungo il Sentiero Naturalistico dei Laghi del Gorzente.

Come raggiungere alcune neviere:

Neviera sopra Recco da Collodari

Tempo di percorrenza: 30 minuti circa
Accesso stradale:usciti al casello autostradale di Recco si prende a sinistra in direzione Avegno fino al Ristorante La Manuelina, dove si svolta a destra per raggiungere, prima della frazione di Collodari, un piazzale dove si lascia l’ auto (il piazzale è posto prima di un cancello carrabile che immette ad alcune case).
Sviluppo dell’ itinerario: si percorre una comoda strada sterrata fino ad un ampio ripiano, da dove sulla destra, si imbocca un sentiero in salita, che attraversa un bosco di castagni. Si arriva ad una fonte posta sulla destra del sentiero, e prima di arrivare ai prati sommatali da dove si scorge in alto il Santuario della Madonna del Caravaggio posto sulla vetta del monte Orsena, si devia brevemente a sinistra per incontrare la neviera.

Neviera monte Pennello

Tempo di percorrenza: circa 1,30 ora
Accesso stradale: da Pontedecimo si prende la direzione per Campomorone e successivamente per i Piani di Praglia. Superato l’ abitato di San Martino di Paravanico, si prosegue fino ad arrivare dopo circa 3 km. Alla Colla del Canile; si imbocca la sterrata sulla sinistra e dopo circa 200 mt. si lascia l’ auto.
Sviluppo dell’ itinerario: si percorre la strada sterrata praticamente pianeggiante che conduce al Monte Pennello, e poi a Punta Martin. Prima di arrivare nell’ ultimo tratto in salita, si continua diritti per poche decine di metri, e sotto il sentiero è ben visibile la neviera.


Ultima modifica di delorenzi il gio nov 23, 2006 8:23, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer nov 22, 2006 22:26 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: ven giu 02, 2006 22:40
Messaggi: 247
Località: Molassana alta - Ge
Complimenti, davvero interessante, mai letta una relazione cosi' esauriente sulle neviere genovesi.

=D> =D> =D>

_________________
Webcam attiva dal 19/03/2012
http://www.meteosystem.com/webcam/molassana/molassana.jpg
Paginetta web
http://molassanaalta.altervista.org/index.html


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer nov 22, 2006 22:42 
Non connesso
Uomo di pietra
Avatar utente

Iscritto il: lun ott 02, 2006 21:41
Messaggi: 6235
Località: Genova-San Teodoro
Ora lo leggo...................
Grazie, grazie...............


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer nov 22, 2006 22:55 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
Molto interessante...appena sarà aperto il nuovo sito spero avrai voglia di mettere questi tuoi interventi anche lì!

=D>


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer nov 22, 2006 23:20 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 14:51
Messaggi: 6508
Località: Quargnento (AL)
Si .. ne ero al corrente, però .... non tanto da scrivere una così esaustiva "relazione".

La numero due l'ho anche vista ;)

Complimenti!!!

_________________
«They call me the breeze, I keep blowing down the road - I ain't got me nobody, .......»


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio nov 23, 2006 8:24 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer set 06, 2006 17:18
Messaggi: 6973
Località: Genova
bade ha scritto:
Molto interessante...appena sarà aperto il nuovo sito spero avrai voglia di mettere questi tuoi interventi anche lì!

=D>


Per me non ci sono problemi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio nov 23, 2006 9:11 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
:smt023


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio nov 23, 2006 9:29 
Non connesso
dags1972 di quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 08, 2006 15:19
Messaggi: 4689
bello

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio nov 23, 2006 9:41 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 02, 2006 12:48
Messaggi: 2630
Località: Genova Quarto
Sarebbe molto bello che tutti i post di De Lorenzi, di tipo "storico", fossero concentrati in un unico post ad hoc, senza i nostri commenti.
Comunque ce ne sarebbe da scrivere un libro, veramente interessanti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio nov 23, 2006 9:44 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: lun ott 16, 2006 8:55
Messaggi: 3058
Località: Leivi
Complimenti,
io ricordi quella che c'è proprio all'inizio del giro dei Laghi del Gorzente.
Mirco

_________________
E poi la neve bianca, gli alberi gli abeti, l'abbraccio del silenzio, colmarmi tutti i sensi
sentirsi solo e vivo, tra le montagne grandi, e i grandi spazi immensi. (R.Cocciante)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio nov 23, 2006 10:12 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
skeno ha scritto:
Sarebbe molto bello che tutti i post di De Lorenzi, di tipo "storico", fossero concentrati in un unico post ad hoc, senza i nostri commenti.
Comunque ce ne sarebbe da scrivere un libro, veramente interessanti.


più che in un post credo che farò, appena metterò il nuovo sito, un'area di sito dedicata a questo genere di "articoli". Saranno consultabili ma non commentabili...mentre qui sul forum si potrà ovviamente discutere etc.
(ogni commento/suggerimento è ben accetto.. :wink: )

Del resto oltre al forum devo creare al più presto un sito che sia di tutti quanti...e ci sto lavorando.. :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio nov 23, 2006 18:09 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: lun mag 29, 2006 13:17
Messaggi: 1415
Località: Savignone
Gran bel topic. La storia contadina dei nostri luoghi è motlo interessante e ritengo sia giusto valorizzarla.
Per rimanere in tema neviere posto due foto scattate alla neviera che si incontra durante il sentiero naturalistico dei Laghi del Gorzente
Immagine
Immagine
Altre neviere molto peggio conservate le ho viste anche nei dintorni del Passo dell Bocchetta.
Inoltre per chi fosse interessato all'argomento nell'osservatorio faunistico dei Laghi del Gorzente, nella parte custodita, sono conservati due bei plastici di una neviera e di una carbonaia. Se avete la fortuna di andarci quando c'è il custode vi consiglio di farveli mostrare, sono molto ben fatti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio nov 23, 2006 19:52 
Non connesso
PAngOccioLO
Avatar utente

Iscritto il: ven giu 09, 2006 17:07
Messaggi: 3831
Località: S. Olcese GE
Dani80 ha scritto:
Per rimanere in tema neviere posto due foto scattate alla neviera che si incontra durante il sentiero naturalistico dei Laghi del Gorzente
.
Inoltre per chi fosse interessato all'argomento nell'osservatorio faunistico dei Laghi del Gorzente, nella parte custodita, sono conservati due bei plastici di una neviera e di una carbonaia. Se avete la fortuna di andarci quando c'è il custode vi consiglio di farveli mostrare, sono molto ben fatti.


Allora devi sapere che la neviera in questione non si trovava in questo stato. E' stata reastaurata, ricostruita e pulita con il lavoro dei soci del CAI di Bolzaneto quando è stato segnalato il sentiero naturalistico. Nell'Osservatorio "naturalistico" del Bric di Guana ci sono i due modellini in questione e l'osservatorio è aperto e custodito dai soci, tutte le domeniche. :wink:
Ciao

_________________
Paolo

Il silenzio è il grido più forte.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven nov 24, 2006 9:20 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: lun mag 29, 2006 13:17
Messaggi: 1415
Località: Savignone
Gia' che e' venuto il discorso, complimenti al CAI di bolzaneto per come ha curato il sentiero natura dei Laghi del Gorzente. A mio avviso e' il piu' ben fatto del genere in liguria. Un lavoro veramente stupendo. Secondo me dovrebbe essere preso da esempio.
Sarebbe bello che si riuscisse a fare un cosa simile anche per il sentiero che costeggia il Brugneto...
Anche li' ci sono vari ambienti naturali e molti resti del lavoro contadino di un tempo che si potrebbero valorizzare meglio con qualche cartello esplicativo. C'e' anche un bel mulino ad acqua che se restaurato potrebbe essere un bel punto di attrazione. Boh! Speriamo che prima o poi il parco dell'Antola si muova in questo senso...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven nov 24, 2006 14:04 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 02, 2006 23:13
Messaggi: 315
Località: Guardamiglio
nelle mie zone non mi risulta esistano neviere bensì ghiacciaie. Un paio di domenica fa ci ho portato un gruppo in una di una villa settecentesca. Impressionante e molto ampia


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun nov 27, 2006 23:05 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mer lug 26, 2006 22:16
Messaggi: 86
Località: Migliarino Pisano (PI), weekend ed estate spesso Vernazza
Molto interessante.

Nelle Apuane, famosa è la neviera naturale della Pania della Croce, ovvero la Buca della Neve, dove gli "Uomini della Neve" (il valico che scollina dal pratone di Valli a quota 1600 circa li ricorda) salivano dai borghi versiliesi per portare a valle la preziosa merce.

http://www.il-cardoso.it/gliuominidellaneve.html

_________________
Giovanni


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it