Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è sab ott 24, 2020 10:51

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: MTB: salita a col de Sommelier
MessaggioInviato: sab set 10, 2016 11:15 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mer apr 02, 2008 20:47
Messaggi: 2215
Località: Piemonte
Gita di gran soddisfazione fatta sabato 27 Agosto

Venerdì mi viene il trip di fare qualcosa in montagna e in MTB, qualcosa di ampio respiro, da guardarsi intorno senza tribolare tra sentieri poco ciclabili o salite impossibili come quelle che ho fatto ultimamente.
Mi viene in mente che anni fa ero arrivato al col de Sommellier con il fuoristrada; perché non ripeterlo in MTB ?
Breve ricerca in rete per capire l'itinerario migliore; ne trovo principalmente due da dove estrapolo diversi tratti per creare un itinerario completamente off-road e soprattutto senza traffico, ma di questo me ne accorgerò solo in corso d'opera.
Così sabato mattina alle 8:00 sono già in sella (pensavo di non essere più capace a fare certe levatacce, invece....).
Parcheggiata l'auto in loc. Gleise risalgo la salita asfaltata che porta all'hotel Jafferau e che abbandono poche centinaia di metri delle costruzioni (loc. bacini) per prendere a sinistra quella che viene chiamata Decauville; antica ferrovia che univa la zona dei bacini in località Fragiusia alla diga di Rochemolles durante la sua costruzione negli anni 30.
Ora i binari a scartamento ridotto non ci sono più ma è rimasta una bella strada nel sottobosco con andamento pianeggiante e chiusa al traffico veicolare.
Alle 9:00 ho già oltrepassato la diga con il suo lago e faccio una pausa dopo il ponte che attraversa il torrente Rochemolles.
Qui sotto appena usciti dal bosco
Immagine

Il ponte in lontananza con a dx la strada che ho percorso al ritorno
Immagine

Essendo ora sull'unica carrozzabile che porta al rifugio Scarfiotti e poi al colle il mio timore è il traffico di moto e auto e confido nel fatto che sia ancora troppo presto e soprattutto che dopo il rifugio c'è il divieto di transito (falso, c'era fino a qualche anno fa),
Ricomincio la salita verso il rifugio, il tratto è breve ed in 15 minuti ci sono sopra, al cospetto dei primi simpatici tornanti. Niente sosta, continuo e mi godo il bel zig-zag, nel mentre sopraggiungono 5 moto che mi fanno mangiare la loro polvere anche se passandomi accanto rallentano rispettosamente.



Immagine

Immagine

Nell'ascesa incontro qualcuno a piedi e la salita continua tranquilla; un tratto di relax al pian dei morti, qualche tornate per raggiungere pian dei frati, altro tratto in relax anche se incontro altre moto (tra me e me continuo a non capire come mai delle moto nonostante il divieto, boh!) ed infine gli ultimi lunghi tornanti prima del colle mi impegnano un po di più nella guida a causa del fondo.

Immagine

Immagine

Ed infine l'agognata meta e ricordando le parole del maestro (Battiato):
“Laggiù tutto é ordine e bellezza, calma e voluttà”

Immagine

Immagine




Dopo essermi guardato intorno, avere girellato qua e la e scattato alcune foto, inforco il mio destriero e comincio la discesa e ad incrociare moto, auto (addirittura una punto) biker e pedoni, salgono a frotte, sembra l'assalto delle cavallette; nello scendere mi convinco, come mi confermeranno al rifugio Scarfiotti, che è da qualche anno che non c'è più il divieto di transito. Sti-ca !!!
Ringrazio la mia partenza mattutina che mi ha permesso un ascesa direi perfetta; voi non vi immaginate la polvere che c'era su quella strada.
Tornando al percorso di ritorno; al ponte, che non attraverso, costeggio sulla dx orografica prima il torrente poi il lago, e alla diga scendo su un bel sentierino tornantoso, proseguo nella valle fino ad incrociare la sterrata che porta allo Scarfiotti.
La risalgo per un centinaio di metri per poi prendere a dx una rampa di cemento molto ripida che dopo le baite diventa sentiero ed in corrispondenza di una fontana imbocco il sentiero delle Genziane, così indica il cartello.
E' un bel percorso saliscendi in terra battuta sotto il bosco di conifere, un gran divertimento e imboccando i giusti bivi mi porta nuovamente sull'asfalto poco prima di Gleise.

Il sentiero nel sottobosco
Immagine

Il percorso è veramente bello, mai duro e mai impossibile, con una meta che con il bel tempo è impareggiabile.

_________________
“L’acqua esiste per la sopravvivenza del corpo. Il deserto esiste per la sopravvivenza dell’anima”
Proverbio Tuareg


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it