Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è sab ott 19, 2019 10:52

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 20 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sab mar 16, 2019 12:28 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 368
Ancora una volta, con molto ritardo, mi decido a pubblicare questa escursione. Ci troviamo in Val Tidone, colli Piacentini, per la precisione comune di Pianello Val Tidone.
L'anello parte da Chiaroni, per la precisione, si possono lasciare le auto dopo il ponte sul torrente Chiarone, nella piazzola lato strada, ai piedi di una imponente cresta di arenaria (spigolo delle lucertole). Da qui parte il sentiero (segnavia CAI, variante), che salendo ripido sul fianco sx della cresta ci porta al suo culmine. In alternativa, si ritorna un pezzo verso il ponte, da dove parte il sentiero "normale" (segnavia CAI), che seguendo il torrente passa alla base di un calaco prima, per poi salire altrettanto ripido nel bosco.
La direzione è quella che intravediamo a tratti uscendo dal bosco, ovvero il castello della Rocca D'Olgisio. Si procede ora più in piano, fino ad incontrare una crestina di arenaria, sul filo della quale passa il sentiero, in uno dei suoi tratti più impegnativi (EE), comunque niente di troppo difficile o impressionante.
Ci stiamo avviciniamo al castello, seguendo la crestina incominciamo a scorgere nella parete sotto delle grotte. Raggiunto un prato, prima di dirigerci verso le mura del castello, con una deviazione a dx possiamo scendere verso la Grotta delle Sante, luogo di culto e di leggende.
Arrivati alle mura, procediami verso sx contornando le stesse, lungo il prato. In breve giungiamo alla Grotta della Goccia, o per meglio dire "riparo".
Ora si scende, verso la valle del rio Tinello, si passa da un "altare", collocato sul cilio di una parete e poco dopo, con una breve e un pò nascosta deviazione, possiamo raggingere un'altra grotta.
Completata la discesa e guadato il rio Tinello si attraversa una zona di massi erratici, dove si pratica "bouldering", ovvero l'arrampicata sui masi. Si comincia a salire nel bosco, sul versante opposto della valle, sino a raggiungere un'emergenza di arenaria (perdontemi il termine tecnico), ovvero Roccapulzana. Il sentiero passa da uno stretto canyon, che sembra quasi inciso nella roccia. Probabilmente su questa altura si professava qualche genere di rito, lo testimoniano la scalinata scolpita nella roccia che sale il dorso della struttura Est, oltre che le numerose nicchie e coppelle incise, ma soprattutto i resti di un antico "castellaro" che si incontrano poco sotto nella discesa di ritorno.
Passata la "strettoia" di Roccapulzana (detta anche "dente cariato"), si incontrano, come precedentemente detto, dei resti murari. Si scende ripidamente delle roccette (altro passaggio EE) e continuando in un rado bosco di roverelle e carpini si arriva alla Grotta Nera. Da qui, passando per una cappelletta, si raggiunge la strada asfaltata, che va seguita verso Chiaroni e dopo al parcheggio.
Consiglio questa gita in primavera visto le numerose fioriture, soprattutto di Dittamo, altra particolarità vegetale il fico d'india nano, che cresce sulle rocce in luoghi dal clima particolare come questo.

Chiedo scusa per la "biblica" non è mio solito, ma se preferite guardatevi le foto.

Parte 1


Allegati:
DSCN1447.JPG
DSCN1447.JPG [ 3.67 MiB | Osservato 1026 volte ]
Commento file: Affilatoi?
DSCN1448.JPG
DSCN1448.JPG [ 3.5 MiB | Osservato 1026 volte ]
DSCN1450.JPG
DSCN1450.JPG [ 3.4 MiB | Osservato 1026 volte ]
Commento file: Dittamo
DSCN1453.JPG
DSCN1453.JPG [ 3.6 MiB | Osservato 1026 volte ]
Commento file: Dittamo
DSCN1454.JPG
DSCN1454.JPG [ 3.9 MiB | Osservato 1026 volte ]
Commento file: Rocca D'Olgisio
DSCN1457.JPG
DSCN1457.JPG [ 3.37 MiB | Osservato 1026 volte ]
DSCN1458.JPG
DSCN1458.JPG [ 3.44 MiB | Osservato 1026 volte ]
DSCN1459.JPG
DSCN1459.JPG [ 3.42 MiB | Osservato 1026 volte ]
Commento file: Grotta delle Sante
DSCN1468.JPG
DSCN1468.JPG [ 3.47 MiB | Osservato 1026 volte ]
Commento file: Incisioni Templari
DSCN1471.JPG
DSCN1471.JPG [ 3.45 MiB | Osservato 1026 volte ]
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab mar 16, 2019 12:40 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 368
Parte 2


Allegati:
Commento file: Grotta delle Sante e incisione di uno scemo
DSCN1472.JPG
DSCN1472.JPG [ 3.48 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1470.JPG
DSCN1470.JPG [ 3.37 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1473.JPG
DSCN1473.JPG [ 3.05 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1474.JPG
DSCN1474.JPG [ 3.41 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1477.JPG
DSCN1477.JPG [ 3.16 MiB | Osservato 1024 volte ]
Commento file: Grotta della Goccia
DSCN1479.JPG
DSCN1479.JPG [ 3.45 MiB | Osservato 1024 volte ]
Commento file: Grotta della Gocia
DSCN1482.JPG
DSCN1482.JPG [ 3.55 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1485.JPG
DSCN1485.JPG [ 3.43 MiB | Osservato 1024 volte ]
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab mar 16, 2019 12:48 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 368
Parte 3


Allegati:
DSCN1465.JPG
DSCN1465.JPG [ 3.85 MiB | Osservato 1024 volte ]
Commento file: Cenge e grotte intorno al castello
DSCN1486.JPG
DSCN1486.JPG [ 3.54 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1489.JPG
DSCN1489.JPG [ 3.45 MiB | Osservato 1024 volte ]
Commento file: Altare
DSCN1493.JPG
DSCN1493.JPG [ 3.46 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1494.JPG
DSCN1494.JPG [ 3.44 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1495.JPG
DSCN1495.JPG [ 3.36 MiB | Osservato 1024 volte ]
Commento file: Rio Tinello
DSCN1497.JPG
DSCN1497.JPG [ 3.4 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1500.JPG
DSCN1500.JPG [ 3.4 MiB | Osservato 1024 volte ]
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab mar 16, 2019 12:56 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 368
Parte 4


Allegati:
Commento file: Roccapulzana
DSCN1502.JPG
DSCN1502.JPG [ 5.38 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1504.JPG
DSCN1504.JPG [ 3.38 MiB | Osservato 1024 volte ]
DSCN1506.JPG
DSCN1506.JPG [ 3.47 MiB | Osservato 1024 volte ]
Commento file: Grotta Nera
DSCN1508.JPG
DSCN1508.JPG [ 3.41 MiB | Osservato 1024 volte ]
Commento file: Campanile Roccapulzana paese. Rimasto in piedi dopo una frana
DSCN1509.JPG
DSCN1509.JPG [ 3.54 MiB | Osservato 1024 volte ]
Commento file: Spigolo delle Lucertole
DSCN1510.JPG
DSCN1510.JPG [ 3.62 MiB | Osservato 1024 volte ]
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab mar 16, 2019 13:03 
Non connesso
Rianimatrice del forum
Avatar utente

Iscritto il: mer apr 22, 2009 15:16
Messaggi: 2961
Località: sanremo
wow che bello sto posto!!

guardando prima le foto della descrizione, credevo fossero i resti di un castello o che, invece e' una grotta?

_________________
Facebook


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab mar 16, 2019 19:04 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 368
C'è anche il castello, per fortuna tutto intero e abitato, visitabile nei fine settimena e utilizzato per matrimoni "importanti". Nelle falesie alla base delle mura poi troviamo alcune grotte, come la Grotta delle delle Sante, dove si trovano alcune incisioni. In zona poi ci sono altre grotte lungo pareti di arenaria, come la Grotta della Goggia e quella Nera.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab mar 16, 2019 23:53 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 21, 2008 19:10
Messaggi: 919
Località: Pieve Ligure
Bella gita! =D> =D> Zona poco conosciuta (da parte mia),però ne ho sentito parlare come di angoli poco invasi da un turismo di massa... spero di riuscire in tarda primavera (o in autunno...) a bazzicare da quelle parti

_________________
"Un uomo va al di là di ciò che può afferrare" (N. Tesla)
"De gustibus non disputandum est"
La montagna non uccide... è l'uomo che sottovaluta i pericoli...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom mar 17, 2019 12:50 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 2217
Località: Genova / Imperia
=D> =D>
Che bei posti ! Davvero affascinanti .... : Thumbup :
:smt006

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 13:11 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6432
Località: genova - marassi
Sì, penso che ci andrò

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 15:06 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 31, 2015 19:27
Messaggi: 1155
Località: Lemuria
Bella Stefs ! : Thumbup :

All'incirca hai idea di quanto sia lungo il giro da te fatto? Pochi km, mi par di capire.... :-k

Come ti ho già detto a voce, bellissima passeggiata, se riesco cercherò di farla questa primavera, magari in settimana, in modo da limitare l'affollamento turistico

Anche il castello sembra bello, ma la visita non andrebbe d'accordo con quanto detto sopra Immagine

Ci si potrebbe invece accoppiare, oltre naturalmente ad un picnic con qualche acquisto gastronomico di prodotti locali 8) , la visita al Museo Archeologico della Val Tidone, gratuito su prenotazione Immagine

_________________
Immagine


...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 20:41 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 368
Ciao, penso meno di 10 km. La primavera è il periodo migliore per le fioriture di Dittamo, presente in zona come raramente si vede, cioè a distese, nella prima parte.

L'affollamento non è un problema da quelle parti, il castello merita, anche se spesso arredato con cose che centrano poco con la sua storia... tanto per riempire le stanze.

A Chiaroni ci sono poche case ma ben 2 osterie, dunque le libagioni non mancano inzona. Piatto tipico pisarei e fasò.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 20:42 
Non connesso
Utente di Quotazero

Iscritto il: mar lug 25, 2017 20:27
Messaggi: 79
Va messo in appennino Ligure, che tale si chiama, anche se comprende ampie parti fuori regione.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mar 18, 2019 21:46 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 2217
Località: Genova / Imperia
Conte Ugolino 1 ha scritto:
Va messo in appennino Ligure, che tale si chiama, anche se comprende ampie parti fuori regione.

Su questo sono d'accordo anch'io ... : Thumbup :
:smt006

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mag 20, 2019 12:18 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6432
Località: genova - marassi
Qui la traccia GPS: http://luoghidasogno.altervista.org/Montagna/AppenninoTosco-Emiliano/Olgisio.htm

Sabato 13 aprile 2019: Chiarone (230) – Grotta delle Sante (475) – Rocca d’Olgisio (515) – Grotta della Goccia (520) – Monte San Martino (475) - Dente Cariato (455) – Grotta Nera (335) – Chiarone (230).

Partecipanti: EM, Ornella e Soundofsilence.

Lunghezza: 9 Km. circa, ma prende più tempo di quanto la distanza richiederebbe per le numerose cose da vedere.

Dislivello: 700 m. circa.

Difficoltà: in genere EE, specie in condizioni di terreno umido, essendoci vari tratti ripidi e fangosi. Due\tre tratti leggermente esposti salendo da Chiarone, due evitabili, quello per la visita allo Spigolo della Lucertola ed una prima crestina di arenaria a cui il sentiero passa sotto a sinistra, mentre una seconda crestina di arenaria è obbligatoria, ma è anche la meno impegnativa. Un poco delicata anche la salita non obbligatoria alla rupe davanti allo spigolo della Rocca d’Olgisio, ripida e potenzialmente scivolosa, da fare con attenzione. Da fare con attenzione anche la crestina sopra la Grotta della Goccia, decisamente esposta, ma anche questa non obbligatoria. La cosa più difficile ed esposta del giro è però la salita alla vetta del Monte San Martino, gli ultimi metri della quale presentano una paretina di un paio di metri poco appigliata, da affrontare con attenzione, più facile invece la cima gemella e leggermente meno elevata. Infine si trova un tratto un po’ scomodo ed obbligatorio scendendo dal Dente Cariato verso la Grotta Nera, si tratta di alcuni passaggi stretti e ripidi tra rocce che obbligano ad usare le mani.

Percorso in macchina: Da Genova si segue la SS45 (Via Emilia) per Piacenza, passando da Bargagli, Scoffera, Torriglia, Montebruno, quindi si passa per Gorreto, Ottone. Giunti poi a Ponte Organasco iniziamo a salire alti sul Trebbia per poi scendere a Marsaglia ed arrivare quindi a Bobbio. Da Bobbio in poi la strada si fa molto meno tortuosa e la percorriamo per 5 Km, per lasciare quindi la SS45 e la Valle del Trebbia, per prendere a sinistra per Mezzano Scotti. Saliamo quindi fino al Passo della Caldarola e quindi scendiamo sempre sulla Sp65 fino al bivio per Casaleggio e Vidiano, dove continuiamo a sinistra sulla Sp60. Giunti infine al fondovalle, prendiamo a sinistra per Chiarone e, dopo poco più di un Km, subito passato un ponte, parcheggiamo in uno slargo sulla sinistra.

Percorso a piedi: dal parcheggio proseguiamo su asfalto per una cinquantina di metri, quindi prendiamo a destra il ripido sentiero segnato. Dopo una sessantina di metri è possibile una breve deviazione a destra per portarsi all’attacco della via di arrampicata sullo “Spigolo della Lucertola”. Visitato lo spigolo ritorniamo sul sentiero e riprendiamo a salire e, dopo ulteriori 100 metri, una deviazione a destra consente di visitare anche la cima del predetto spigolo, decisamente spettacolare. Finita la visita allo spigolo, riprendiamo a salire e, a quota 400 circa, incontriamo un bivio. Qui noi abbiamo deciso di prendere a destra e riscendere praticamente al punto di partenza, per ammirare i calanchi che in salita ci sono stati nascosti proprio dallo spigolo della lucertola che abbiamo fiancheggiato sulla sinistra, ma, indubbiamente, non è necessario e permette di risparmiare quasi 200 metri di dislivello. La discesa comunque offre qualche punto di vista interessante dei calanchi e, giunti al fondovalle, il sentiero gira a destra prima di giungere all’asfalto e passa immediatamente sotto le formazioni calanchive, per poi giungere alla strada con un tratto un po’ infrascato. Ci troviamo quindi nuovamente sulla strada proprio nel punto in cui abbiamo parcheggiato e, da qui, risaliamo per il sentiero già percorso precedentemente e ci riportiamo al bivio dal quale siamo tornati indietro. Proseguiamo stavolta sul sentiero 209 verso la Rocca d’Olgisio, che iniziamo a scorgere da una sottile crestina di arenaria, che preferiamo percorrere invece che il sottostante sentiero sulla sinistra. Dopo questa prima crestina facoltativa il sentiero affronta un tratto ripido e percorre subito una nuova crestina, stavolta obbligatoria, ma meno esposta della precedente. Giungiamo così ad un grande prato antistante alla Rocca d’Olgisio. Qui, con una discesa sulla destra, visitiamo l’interessante Grotta delle Sante (Faustina e Liberata), con gradini e numerose incisioni. Visitata la grotta raggiungiamo le mura della Rocca, dove risalendo una rupe sulla destra, possiamo portarci in corrispondenza di un torrione d’angolo sulla Rocca Stessa, interessante punto panoramico. Riscesa la rupe, passiamo sulla sinistra della Rocca, su un altro bel prato. Si giunge quindi sulla cresta strapiombante di arenaria che sovrasta la Grotta della Goccia. Qui il sentiero passa prudentemente sotto a sinistra, ma noi preferiamo percorrere la panoramica ed esposta cresta. Percorsa la cresta, un sentierino a destra, con tubi di ferro a fare da corrimano, consente di giungere in pochi metri alla Grotta della Goccia. Visitata la Grotta ritorniamo sul sentiero 209 e continuiamo nella stessa direzione (sud-est). In poco più di 250 metri giungiamo immediatamente sotto ed a sinistra ad un altare a strapiombo. Visitato l’altare, il sentiero inizia a scendere ripidamente nel bosco, ma vicino al ciglio delle falesie di arenaria. Centoventi metri dopo l’altare, in corrispondenza di una specie di selletta (in ogni caso nel primo punto dove si può farlo, che prima a destra del sentiero c’era lo strapiombo delle falesie), una traccetta non evidentissima sulla destra consente di giungere ad una bella grotta senza nome, la più profonda di quelle toccate in questo giro. Visitata anche questa grotta, riprendiamo la discesa fino al guado del Rio Tinello e, quindi, lasciamo il sentiero 209 a sinistra, per prendere a destra il 211 che sale verso il Monte San Martino. A quota 415 circa, troviamo un bivio, dove prendiamo a destra continuando sul 211, e lasciando a sinistra un sentiero che salta la vetta del monte. Da qui poco più di 150 metri ed a quota 440, lasciamo a destra il sentiero che scende alle case di Roccapulzana, e continuiamo a sinistra sul 211. Dopo qualche decina di metri giungiamo quindi in vista delle due cime del Monte San Martino, alle quali passiamo in mezzo tramite uno stretto e spettacolare canyon che ci costringe a togliere lo zaino. Superato il canyon, possiamo salire alle due cime del Monte San Martino, con molta attenzione però, soprattutto per quella più alta. Visitate le vette continuiamo sul sentiero 211 che passa quindi in mezzo a dei vasti ed interessanti scavi, ma purtroppo ricoperti da teloni. Passati gli scavi giungiamo all’interessante emergenza rocciosa denominata “Dente Cariato”, oltre la quale troviamo un tratto un po’ più impegnativo e scomodo, dove scendiamo usando le mani. Continuiamo quindi a scendere, ora più facilmente e a quota 330 circa, incontriamo, proprio sul sentiero, la Grotta Nera e, quindi, raggiungiamo una cappelletta, poco sopra la strada asfaltata, alla quale scendiamo con una ripida scalinata. Imbocchiamo quindi l’asfalto verso sinistra e, in 1 Km circa, arriviamo al parcheggio.

Conclusioni: giro breve, ma decisamente interessante per le molte cose da vedere, tutte indubbiamente interessanti. Spettacolari le grotte e le altre formazioni di arenaria e soprattutto l’impressionante canyon in vetta al Monte San Martino, ma oltre al valore paesaggistico questo giro unisce quello storico-archeologico per le numerose testimonianze del passato più o meno remoto, riscontrabili nelle incisioni nelle grotte e sullo spettacolare altare, senza dimenticare la pittoresca Rocca d’Olgisio, un giro quindi che non annoia mai. Volendo lo si può abbinare come abbiamo fatto noi, con la salita alle vicine Rocca Parcellara e Perduca, con un breve spostamento in macchina.

Immagine
Inizio Spigolo della Lucertola più da vicino

Immagine
Spigolo della Lucertola da destra

Immagine
Spigolo della Lucertola da destra più da vicino

Immagine
Spigolo della Lucertola salendo dal sentiero 209

Immagine
Sommità Spigolo della Lucertola dal sentiero

Immagine
Sommità Spigolo della Lucertola

Immagine
Primo piano sommità Spigolo della Lucertola

Immagine
Sommità Spigolo della Lucertola più da vicino

Immagine
Spigolo della Lucertola precipita su campi sottostanti

Immagine
Sommità Spigolo della Lucertola da sopra

Immagine
Colline verdi salendo alla Rocca d'Olgisio

Immagine
Calanchi scendendo a Chiarone

Immagine
Calanchi scendendo a Chiarone più da vicino

Immagine
Calanchi da sotto

Immagine
Calanchi da sotto più da lontano

Immagine
Calanchi da sotto parte sinistra

Immagine
Inizio canyon salendo alla Rocca d'Olgisio

Immagine
Canyon salendo alla Rocca d'Olgisio

Immagine
Canyon salendo alla Rocca d'Olgisio più da lontano

Immagine
Canyon salendo alla Rocca d'Olgisio

Immagine
Canyon salendo alla Rocca d'Olgisio da sopra

Immagine
Emergenza di arenaria salendo alla Rocca d'Olgisio da dietro

Immagine
Spigolo di arenaria e Rocca d'Olgisio più da vicino

Immagine
Spigolo di arenaria e Rocca d'Olgisio ancora più da vicino

Immagine
Spigolo di arenaria sopra il sentiero più da vicino

Immagine
Ornella su sentiero su spigolo arenaria

Immagine
Ornella su sentiero su spigolo arenaria più da lontano

Immagine
Prato alberato e Rocca d'Olgisio sullo sfondo

Immagine
Rocca d'Olgisio da prato antistante

Immagine
Gradini ed incisioni in Grotta delle Sante più da lontano

Immagine
Buchi in Grotta delle Sante

Immagine
Grotta delle Sante

Immagine
Parte destra Grotta delle Sante

Immagine
Vista verticale Grotta delle Sante

Immagine
Grotta delle Sante

Immagine
Giglio inciso in Grotta delle Sante più da vicino

Immagine
Uscita Grotta delle Sante col flash

Immagine
Uscita Grotta delle Sante

Immagine
Grotta delle Sante più da lontano

Immagine
Rocca dìOlgisio

Immagine
Torretta Rocca d'Olgisio

Immagine
Scendendo la rupe presso la Rocca d'Olgisio

Immagine
Fiancata Rocca d'Olgisio

Immagine
Aratro e Rocca d'Olgisio vista verticale

Immagine
Prato e mura Rocca d'Olgisio

Immagine
Fattoria e campi da cresta sopra Grotta Goccia

Immagine
Rocca d'Olgisio da cresta sopra Grotta Goccia

Immagine
Cresta strapiombante sopra Grotta Goccia e campi sullo sfondo

Immagine
Cresta strapiombante sopra Grotta Goccia e campi sullo sfondo più da vicino

Immagine
Cresta sopra Grotta della Goccia

Immagine
Cresta strapiombante sopra Grotta Goccia con fattoria e campi sullo sfondo

Immagine
Cresta strapiombante sopra Grotta Goccia e campi sullo sfondo

Immagine
Cresta strapiombante sopra Grotta Goccia con fattoria e campi sullo sfondo più da lontano

Immagine
Cresta strapiombante sopra Grotta Goccia e Rocca d'Olgisio

Immagine
Cresta strapiombante sopra Grotta Goccia e campi sottostanti

Immagine
Vasca scavata in cresta sopra Grotta della Goccia

Immagine
Cresta e scalinata Grotta della Goccia

Immagine
Cresta e scalinata Grotta della Goccia

Immagine
Cresta e scalinata Grotta della Goccia più da lontano

Immagine
Fattoria e campi coltivati da cresta sopra Grotta Goccia

Immagine
Grotta della Goccia

Immagine
Sentiero per Grotta della Goccia

Immagine
Scalinata oltre Grotta della Goccia più da vicino

Immagine
Grotta della Goccia da sopra

Immagine
Coppella presso Grotta della Goccia

Immagine
Ornella su scalinata oltre Grotta della Goccia

Immagine
Rocce modellate in Grotta della Goccia

Immagine
Rocce modellate in Grotta della Goccia più da vicino

Immagine
Fattoria e campi da scalinata scendendo su cresta da Grotta della Goccia

Immagine
Cresta Grotta della Goccia da sotto

Immagine
Altare e Monte Aldone

Immagine
Altare e Monte Aldone più da vicino

Immagine
Altare con gradini in pietra dalla cresta

Immagine
Buchi in gradini in pietra

Immagine
Grotta senza nome

Immagine
Interno grotta senza nome

Immagine
Uscita grotta senza nome più da lontano col flash

Immagine
Interno e uscita grotta senza nome col flash

Immagine
Interno e uscita grotta senza nome

Immagine
Interno e uscita grotta senza nome col flash più da vicino

Immagine
Pareti con grotte in lontananza scendendo al Rio Tinello

Immagine
Marmitta in guado Rio Tinello

Immagine
Sentiero in discesa da guado Rio Tinello più da lontano

Immagine
Vette e canyon Monte San Martino

Immagine
Vette e canyon Monte San Martino vista verticale più da lontano

Immagine
Vette e canyon Monte San Martino vista verticale più da lontano

Immagine
Ornella in strettoia canyon Monte San Martino vista verticale

Immagine
Cielo da canyon Monte San Martino

Immagine
Canyon Monte San Martino vista verticale col flash

Immagine
Canyon Monte San Martino vista verticale più da lontano col flash

Immagine
Canyon Monte San Martino vista verticale più da lontano

Immagine
Canyon Monte San Martino vista verticale da fuori

Immagine
Cime Monte San Martino salendovi

Immagine
Canyon Monte San Martino da cima minore

Immagine
Sommità canyon Monte San Martino da cima minore

Immagine
Spaccatura a fianco cima minore Monte San Martino

Immagine
Cima Monte San Martino Roccapulzana e Monte Aldone

Immagine
Canyon Monte San Martino da cima minore più da lontano

Immagine
Sommità canyon Monte San Martino da cima minore vista verticale

Immagine
Sommità canyon Monte San Martino e Monte Aldone da cima minore vista verticale

Immagine
Canyon Monte San Martino vista verticale da fuori più da lontano

Immagine
Coppelle in vetta Monte San Martino

Immagine
Gradini intagliati in vetta Monte San Martino

Immagine
Coppelle in vetta Monte San Martino e campi coltivati

Immagine
Cime Monte San Martino scendendo

Immagine
Canyon Monte San Martino vista verticale da fuori

Immagine
Sommità canyon tra vette Monte San Martino

Immagine
Campi coltivati da Monte San Martino

Immagine
Roccapulzana e Monte Aldone da Monte San Martino

Immagine
Rocca d'Olgisio da Monte San Martino

Immagine
Vetta Monte San Martino

Immagine
Canyon Monte San Martino vista verticale da fuori più da lontano

Immagine
Scavi castellaro Monte San Martino coperti da teloni

Immagine
Resti di muratura in castellaro Monte San Martino

Immagine
Dente Cariato più da vicino

Immagine
Campi coltivati da Dente Cariato più da lontano

Immagine
Dente Cariato più da lontano

Immagine
Due buchi scendendo da Dente Cariato

Immagine
Emergenze di arenaria scendendo da Dente Cariato

Immagine
Fungo di arenaria scendendo alla Grotta Nera

Immagine
Grotta Nera più da lontano

Immagine
Uscita Grotta Nera

Immagine
Grotta Nera ancora più da lontano

Immagine
Grotta Nera da molto lontano

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mag 20, 2019 13:18 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 19, 2006 9:56
Messaggi: 1897
Località: Genova
Riguardo il percorso in auto da Genova dovrebbe essere leggermente piu` veloce passando da A7/A21 con con uscita al casello di Castel San Giovanni e quindi per la Val Tidone.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mag 20, 2019 14:22 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 31, 2015 19:27
Messaggi: 1155
Località: Lemuria
dev'essere bellissima questa gita ! =D> =D>

c'ho pensato a fine aprile/maggio e anche quest'ultimo weekend m'era venuta in mente, ma non ha più fatto una giornata decente, in pratica.....Immagine

questa è la classica gita in cui mi piacerebbe portare la famiglia, ma ho poche speranze....

credo che abbia ragione em, è sicuramente un po' più corta facendo l'autostrada (senz'altro più noiosa, però...)

grazie per la traccia : Thumbup :

_________________
Immagine


...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mag 20, 2019 14:23 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 08, 2013 17:44
Messaggi: 2217
Località: Genova / Imperia
=D> =D> Davvero interessanti ... : Thumbup :
:smt006

_________________
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura,che si rivela solo a chi lo cerca.[Charlie Chaplin]


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mag 20, 2019 14:44 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 19, 2006 9:56
Messaggi: 1897
Località: Genova
Siccome la gita e` corta noi eravamo passati dalla Val Trebbia per andare anche a Pietra Parcellara e Pietra Perduca, a poca distanza dal Passo Caldarola.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mag 20, 2019 16:07 
Non connesso
Utente Molto Attivo

Iscritto il: mer mar 28, 2012 19:35
Messaggi: 368
Guarda che "Dente Cariato" è il nome della falesia di Roccapulzana, ovvero quello che tu chiami M. San Martino. Bello che me l'hai anche chiesto!

psiconauta ha scritto:
credo che abbia ragione em, è sicuramente un po' più corta facendo l'autostrada (senz'altro più noiosa, però...)


Il posto è più vicino di quello che sembra, se prendi l'autostrada a Novi L. in 1 ora sei a Chiaroni. Se passi dalla Val Trebbia è "eutanasia" per più bello possa essere.
Alla Pietra Perduca puoi portare la famiglia, si arriva praticamente in macchina è c'è una'area pic nic, ma sono almeno 2 ore di auto.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mag 20, 2019 16:09 
Non connesso
Riesploratore
Avatar utente

Iscritto il: mer ago 29, 2007 11:42
Messaggi: 6432
Località: genova - marassi
Stefs ha scritto:
Guarda che "Dente Cariato" è il nome della falesia di Roccapulzana, ovvero quello che tu chiami M. San Martino. Bello che me l'hai anche chiesto!

psiconauta ha scritto:
credo che abbia ragione em, è sicuramente un po' più corta facendo l'autostrada (senz'altro più noiosa, però...)


Il posto è più vicino di quello che sembra, se prendi l'autostrada a Novi L. in 1 ora sei a Chiaroni. Se passi dalla Val Trebbia è "eutanasia" per più bello possa essere.
Alla Pietra Perduca puoi portare la famiglia, si arriva praticamente in macchina è c'è una'area pic nic, ma sono almeno 2 ore di auto.

Sì, mi ricordo, mi sono dimenticato di correggere....

_________________
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 20 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it