Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è lun set 21, 2020 10:33

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 67 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mer apr 15, 2020 9:29 
Non connesso
Quotazerino
Avatar utente

Iscritto il: mer mar 23, 2011 10:32
Messaggi: 692
Pazzaura ha scritto:
ia prossima gara non lo so.

A Matté! Ero sarcastico... quest'anno mi sa davvero che nessuna gara si potrà correre. Forse verso fine anno, ma chissà. Sono iscritto al BUT, ma ancora non comunicano nulla anche se si dovrebbe correre a Luglio.

Pazzaura ha scritto:
essere nella fase di miglior forma della mia vita sportiva

Io nella peggiore. No, dai. Stavo riprendendo a fare velocità, erano quasi due mesi che facevo costantemente ripetute. Poi il blocco ed ora è un mese pieno che non corro da 'qui a li'. In più, a forza di panificare ho preso unchiloquasidue.

Andiamo OT per un attimo, chissenefrega, anche del moderatore. Ma a parte gli incassi realmente mancanti, credi che la ripresa non sarà spinta anche dalla voglia di riprendere normalità? Voglio dire: il tuo bar andava a mille. Dopo, credi che per le limitazioni andrà a molto meno? E solo per quelle o altro?

_________________
danielenicoli.com


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer apr 15, 2020 11:07 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
Bodyboarder ha scritto:

Andiamo OT per un attimo, chissenefrega, anche del moderatore.



Condivido :ahah:

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer apr 15, 2020 20:09 
Non connesso
Iron woman
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 12, 2006 21:21
Messaggi: 6853
Località: Genova Rivarolo
serena ha scritto:
Io intanto sono arrivata a 1560 metri di dislivello dentro casa :skifree: :skifree: :skifree: :skifree:

L'altra volta mi ero fulminata i polpacci ma questa volta sembra meglio.

Scherzi a parte...
La maggior parte del mio allenamento è costituita dai rulli. Pedalo quasi ogni giorno spesso 2 volte al giorno (massimo 1 ora per volta e comunque variando gli esercizi che faccio) ...
Poi faccio esercizi di potenziamento per le gambe che sono quelli che ho inserito nella mia quotidianità dopo l'incidente, li ho imparati a fisioterapia. Ed esercizi di core stability.....
E infine dispongo di un giardino dove posso correre ma per adesso non ho superato i 10 km perché non è una cosa sana correre in un anello di 50 metri.........


Frattanto sono arrivata a 2000 metri D+ nelle scale di casa :ahah: :ahah:
Ho fatto 3000 metri in 2 giorni..2000 domenica (con calma) e poi 1000 lunedì allo scopo di abbattere il mio PB sul km verticale nelle scale... :ahah: :ahah:
Una deficiente totale : WallBash :
Tuttavia mi sono anche divertita
Tanto..è così.
Prenderla male non è di aiuto, ho la fortuna di poter lavorare da casa ed è tanta roba (tra l'altro questo per me è il periodo più impegnativo dell'anno e lavoro veramente tanto) ed è ancora vivo in me il pensiero di un anno fa...quando era primavera c'era il sole ed ero in casa lo stesso perché zoppicavo .....

_________________
Sono un viandante, un valicatore di monti.
Non amo le pianure e sembra che non possa stare a lungo in un luogo.
Qualunque cosa mi riservi il fato o l'esperienza,sempre dovrò camminare ed ascendere monti.
Non si può vivere che da come si è.
F. NIETZSCHE


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom apr 19, 2020 18:40 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: ven feb 09, 2007 9:23
Messaggi: 15175
Località: Genova Sestri
Bodyboarder ha scritto:

Andiamo OT per un attimo, chissenefrega, anche del moderatore. Ma a parte gli incassi realmente mancanti, credi che la ripresa non sarà spinta anche dalla voglia di riprendere normalità? Voglio dire: il tuo bar andava a mille. Dopo, credi che per le limitazioni andrà a molto meno? E solo per quelle o altro?


Certo, sarà un disastro. La voglia di tornare alla normalità delle persone non basterà, perchè si scontrerà con un'inevitabile mancanza di soldi, ma soprattutto si scontrerà con le drastiche misure che vogliono adottare alla riapertura, e che credo dureranno un bel po'. Capisci che un bar come il mio, che vive di lavoro al banco, se può far entrare 2 persone per volta è destinato a morire. E come lui, tanti altri.

_________________
"Se non fosse unta, non fosse focaccia." Ignota


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar apr 21, 2020 14:41 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 21, 2016 8:07
Messaggi: 70
Località: Genova - Torino
Visti i tuoi ultimi allenamenti questo articolo è per te Serena :) :



https://www.commentimemorabili.it/monte ... refresh_ce



Io l'altro giorno sono riuscito a fare 10 minuti di scale a casa mia (2 piani, per un totale di circa 75-80 metri di dislivello) con 10 kg nello zaino e devo dire che mi sono quasi divertito.....vediamo se in questi giorno farò la pazzia di fare qualche ora di fila!

Dai che forse dal 4 Maggio potremmo avere un filo in più di libertà!

Ciao,
Dario


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar apr 21, 2020 15:09 
Non connesso
Iron woman
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 12, 2006 21:21
Messaggi: 6853
Località: Genova Rivarolo
Dariogrizzly_1981 ha scritto:
Visti i tuoi ultimi allenamenti questo articolo è per te Serena :) :



https://www.commentimemorabili.it/monte ... refresh_ce



Io l'altro giorno sono riuscito a fare 10 minuti di scale a casa mia (2 piani, per un totale di circa 75-80 metri di dislivello) con 10 kg nello zaino e devo dire che mi sono quasi divertito.....vediamo se in questi giorno farò la pazzia di fare qualche ora di fila!

Dai che forse dal 4 Maggio potremmo avere un filo in più di libertà!

Ciao,
Dario


l'ho visto :ahah: :ahah:
sono arrivata a 2500D+ ...
ora non so quanto riuscirei a fare più di così ....
3000 penso di sì, più di 3000 dovrei assumere qualche sostanza : Oops :

_________________
Sono un viandante, un valicatore di monti.
Non amo le pianure e sembra che non possa stare a lungo in un luogo.
Qualunque cosa mi riservi il fato o l'esperienza,sempre dovrò camminare ed ascendere monti.
Non si può vivere che da come si è.
F. NIETZSCHE


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun mag 04, 2020 13:45 
Non connesso
Utente di Quotazero

Iscritto il: mer feb 12, 2020 9:38
Messaggi: 98
Come da topic dedicato viewtopic.php?f=81&t=16201 anche la prima edizione del Trail dei Santuari "Fiorenza Corradini", previsto per il 21 giugno a Vignole Borbera (AL), è stata annullata.
Compatibilmente con le disposizioni governative, stiamo valutando la possibilità di farlo in modalità autogestita.
Sulla pagina FB è presente una galleria fotografica piuttosto esaustiva nella spiegazione del percorso e prossimamente potremo caricare anche traccia gps per chi fosse interessato ad affrontare il percorso da solo o in piccoli gruppi indipendenti.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer mag 13, 2020 14:26 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: lun mag 28, 2007 17:35
Messaggi: 1500
Località: genova
Ufficiale l'annullamento sia della Rigantoca del 14 gugno che della Mare e Monti dell'11-12-13 settembre. La Ringantoca potrebbe però essere riprogrammata in autunno, e magari coincidere con domenica 13 settembre, ma tutto sarà legato alle condizioni "sociali" che si svilupperanno nei prossimi mesi.

_________________
pace e bene


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer mag 13, 2020 20:19 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
terralba ha scritto:
Ufficiale l'annullamento sia della Rigantoca del 14 gugno che della Mare e Monti dell'11-12-13 settembre. La Ringantoca potrebbe però essere riprogrammata in autunno, e magari coincidere con domenica 13 settembre, ma tutto sarà legato alle condizioni "sociali" che si svilupperanno nei prossimi mesi.


Grazie. Eh sì, lo temevo, pur non essendo una vera competizione comportava troppi rischi!
Se le condizioni lo permettono (anche le mie) vedo se si riesce a fare un giro fino all'Antola in un WE di Giugno!

Ormai salta tutto in attesa di capire cosa succede quest'estate e soprattutto questo autunno!

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven mag 29, 2020 8:44 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 21, 2016 8:07
Messaggi: 70
Località: Genova - Torino
Ciao a tutti,

beh riuscire a fare la Rigantoca a metà Settembre sarebbe già un grande traguardo speriamo!

Io al momento mi sto godendo alla grande fare dei giri in solitaria aumentando man mano km e d+, anche se la Liguria mi manca, soprattutto il Monte Fasce! Purtroppo è dal 1 Marzo che per ovvie ragioni sono rimasto a Torino....

Verso fine Luglio/Agosto, qualora i rifugi fossero aperti, mi piacerebbe fare il Tot Dret in autonomia. Con i rifugi aperti uno potrebbe rifornirsi di liquidi e cibo e stessa cosa potrebbe essere fatta nei vari paesi che si incontrano lungo il cammino.

Spero anche in una seconda edizione della maratona di Genova. L'ho fatta nel Dicembre 2018 (prima edizione e prima maratona della mia vita) e mi ero divertito.

Ciao,
Dario


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven mag 29, 2020 19:54 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mer gen 04, 2017 21:35
Messaggi: 226
Località: Torino
Dariogrizzly_1981 ha scritto:
Verso fine Luglio/Agosto, qualora i rifugi fossero aperti, mi piacerebbe fare il Tot Dret in autonomia.


Qualche anno fa ho percorso l'altra parte del Tor, l'Alta Via 2 da Donnas a Courmayeur, e i paesaggi mi erano piaciuti tantissimo.

_________________
«[Le montagne] sembrano mancare dei contrassegni tipici dell'italianità» (M. Armiero, Le montagne della patria)

In terre vicine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun giu 22, 2020 22:16 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
Insomma che alla fine con il caro Geo ieri abbiamo fatto la RigAntoRi (Righi-Antola-Righi) per ricordarci che se si vuole qualche lungo si riesce a fare anche senza gare!
Giornata con meteo ottimo, un pelino caldo nel pomeriggio, abbiamo preso la giornata giusta prima dell'esplosione del caldo di oggi! Cima affollata.
Un totale di circa 75 KM/3000D+, considerando che la cosa più lunga che ho fatto da diversi mesi è un 20K Domenica scorsa non è andata male. Crisi dopo 30K, pediluvio ristoratore sulla via del ritorno al rio Assereto che mi ha permesso di arrivare fino in fondo. Geo è il solito trattore, inizia in un certo modo e arriva fino in fondo così, accidenti a lui :risata:
L'Antola vale sempre la pena in effetti e riuscire a fare l'out-and-back è sempre una soddisfazione, in buona compagnia ancora meglio!

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar giu 23, 2020 15:40 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 21, 2016 8:07
Messaggi: 70
Località: Genova - Torino
Complimenti Argento e Geo davvero bel giro ed in effetti fatto appena in tempo prima che scoppiasse il vero caldo!
A che ora siete partiti da Righi?
Ne avete beccata gente sul percorso? Soprattutto intendo la prima parte, in zona Monte Antola ho capito che gente ne girava parecchia.
I sentieri erano puliti o alcuni tratti stile Amazzonia con vegetazione fittissima?
Siete riusciti a gestirvi bene con le riserve idriche?
Zecche non ve lo chiedo neanche......

Ciao,
Dario


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar giu 23, 2020 17:24 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
Dariogrizzly_1981 ha scritto:
Complimenti Argento e Geo davvero bel giro ed in effetti fatto appena in tempo prima che scoppiasse il vero caldo!
A che ora siete partiti da Righi?
Ne avete beccata gente sul percorso? Soprattutto intendo la prima parte, in zona Monte Antola ho capito che gente ne girava parecchia.
I sentieri erano puliti o alcuni tratti stile Amazzonia con vegetazione fittissima?
Siete riusciti a gestirvi bene con le riserve idriche?
Zecche non ve lo chiedo neanche......

Ciao,
Dario


Grazie Dario,
partenza doveva essere alle 6 ma ho clamorosamente sbagliato a mettere la sveglia, comunque alle 6.15 siamo riusciti a partire.
Brutta soprattutto a parte da capella del Sella al bivio che scende al rio Assereto, diversi punti con erba alta. Tra l'altro lì ho sbagliato continuando sul sentiero per l'alta via che era più pulito. Poi sì qualche altro pezzetto ma tutto sommato non malissimo, tutta la parte nel bosco abbastanza bene. Zecche è andata bene, non so se perchè avevo l'aggeggetto elettronico, ma anche Geo è sembrato libero (diciamo che è andata bene). Gente direi dopo Crosi, se no qualche passeggiatore ma non mi sembravano per cose lunghe. La parte idrica non malissimo perchè c'è l'affioramento dell'acquedotto attivo quando il sentiero X rossa si stacca dallo sterrato dell'acquedotto che permette di rifornirsi , poi chiesetta di Avosso, abbeveratoio di Piani e fortunatamente rifugio dell'Antola aperto :risataGrassa: Abbiamo fatto con una boraccia abbondante però un po' di mancanza d'acqua l'ho sentita (colpa mia, dovevo bere meglio alle soste).
Comunque soprattutto ho mangiato un po' poco, tardi e male, va beh s'impara sempre!

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar giu 23, 2020 18:15 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
Pensando alle condizioni dei sentieri mi sono ricordato che ci ho lasciato lo zainetto phiegandomi per uno dei tanti rami abbattutti! :triste:

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar giu 23, 2020 20:36 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 21, 2016 8:07
Messaggi: 70
Località: Genova - Torino
Bene dai bel giro!

Io domani mattina vado a Gressoney a fare un giro.
L'idea è quella di fare :
Gressoney St Jean - Rifugio Ospizio Sottile - Gressoney St Jean - Colle Ranzola - Estoul - Rifugio Arp e ritorno a Gressoney per la stessa via di andata.
La giornata dovrebbe essere bella soprattutto la mattina!

Ciao,
Dario


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 24, 2020 8:28 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
Dariogrizzly_1981 ha scritto:
Bene dai bel giro!

Io domani mattina vado a Gressoney a fare un giro.
L'idea è quella di fare :
Gressoney St Jean - Rifugio Ospizio Sottile - Gressoney St Jean - Colle Ranzola - Estoul - Rifugio Arp e ritorno a Gressoney per la stessa via di andata.
La giornata dovrebbe essere bella soprattutto la mattina!

Ciao,
Dario


Non conosco ba buon giro!!!

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio giu 25, 2020 13:40 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
argento ha scritto:
Zecche è andata bene, non so se perchè avevo l'aggeggetto elettronico, ma anche Geo è sembrato libero (diciamo che è andata bene).


Errata corrige, ieri identificate 4 piccoline sui polpacci! ci sta!

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 16:21 
Non connesso
Utente Attivo
Avatar utente

Iscritto il: lun giu 03, 2013 16:18
Messaggi: 172
Località:
Bei giri!
Intanto sembra che almeno l'adamello, a fine settembre, sia confermato (post sul loro account facebook)
Un pensierino, se non capitano altri impegni (es comunioni da recuperare), ce lo farò...

ciao
M.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven lug 31, 2020 9:37 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 21, 2016 8:07
Messaggi: 70
Località: Genova - Torino
Ciao ragazzi,

come procedono i vostri giri estivi in assenza di gare?

Io domani, se il meteo regge, vado a fare il giro del Marguareis. Al momento danno bello la mattina ed il primo pomeriggio, dovrebbe venire più brutto verso le 16. Vorrei essere di ritorno dalla macchina verso le 15 , massimo le 16.

Non farò il giro originale ma farò una variante:

Partenza Pian delle Gorre - Rifugio Garelli - Porta Sestrera - Rifugio Mondovì - Passo delle Saline - Cima delle Saline - Cima Pian Balur - Marguareis - Rifugio Don Barbera - Capanna Morgantini - Passo del Duca - arrivo a Pian delle Gorre.

Il giro completo dovrebbero essere circa 40-43 km e 3000d+.

Qualcuno conosce il percorso? Io lo conosco bene fino a Porta Sestrera. Conosco anche il pezzo dal Rifugio Don Barbera fino al Marguareis, fatto una volta qualche anno fa.

Ciao,
Dario


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven lug 31, 2020 12:53 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
Dariogrizzly_1981 ha scritto:
Ciao ragazzi,

come procedono i vostri giri estivi in assenza di gare?

Io domani, se il meteo regge, vado a fare il giro del Marguareis. Al momento danno bello la mattina ed il primo pomeriggio, dovrebbe venire più brutto verso le 16. Vorrei essere di ritorno dalla macchina verso le 15 , massimo le 16.

Non farò il giro originale ma farò una variante:

Partenza Pian delle Gorre - Rifugio Garelli - Porta Sestrera - Rifugio Mondovì - Passo delle Saline - Cima delle Saline - Cima Pian Balur - Marguareis - Rifugio Don Barbera - Capanna Morgantini - Passo del Duca - arrivo a Pian delle Gorre.

Il giro completo dovrebbero essere circa 40-43 km e 3000d+.

Qualcuno conosce il percorso? Io lo conosco bene fino a Porta Sestrera. Conosco anche il pezzo dal Rifugio Don Barbera fino al Marguareis, fatto una volta qualche anno fa.

Ciao,
Dario


Bisogna chiedere al WWW! Convochiamo il pelato!

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven lug 31, 2020 14:18 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 21, 2016 8:07
Messaggi: 70
Località: Genova - Torino
Grazie argento!

Nel frattempo mi sto studiando il percorso a memoria!


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven lug 31, 2020 15:00 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: mer gen 04, 2017 21:35
Messaggi: 226
Località: Torino
Dariogrizzly_1981 ha scritto:
Partenza Pian delle Gorre - Rifugio Garelli - Porta Sestrera - Rifugio Mondovì - Passo delle Saline - Cima delle Saline - Cima Pian Balur - Marguareis - Rifugio Don Barbera - Capanna Morgantini - Passo del Duca - arrivo a Pian delle Gorre.

Qualcuno conosce il percorso?


Qualche anno fa ho fatto un giro simile, ma in due giorni a passo lento.

Da porta Sestrera al passo delle Saline è su bei sentieri (a parte un tratto di sterrata dopo il Mondovì, a volte sassosi. Dal passo delle saline alla cima è ripidissimo, su buon fondo. dalla cima fino al colle del Pas non c'è sentiero, solo tacche a pali, ma su terreno regolare anche se ripido; naturalmente occhio alla masche :risata: Dal colle scendi un pezzo ancora su bel sentiero, prima di trovare il bivio e dì alla cima per me è tutto ignoto. Da Capanna Morgantini a pian delle Gorre è su una mulattiera militare molto regolare. Tra il don Barbera e il passo del Duca Io ero passato dal colle Scarasson, che è bellissimo, perché domini le formazioni rocciose della conca delle Carsene, ma lì avresti difficoltà a correre perché non c'è la traccia e bisogna fare attenzione alle tacche.

Mi sembra che trovi acqua solo alla partenza e ai rifugi (te ne servirà parecchia).

Qui c'è il mio resocnto delle gita: http://www.cronoescursioni.it/escursione.php?escursione=saline

_________________
«[Le montagne] sembrano mancare dei contrassegni tipici dell'italianità» (M. Armiero, Le montagne della patria)

In terre vicine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven lug 31, 2020 15:20 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 21, 2016 8:07
Messaggi: 70
Località: Genova - Torino
Ciao awretus,

grazie mille per le info, ho letto anche il resoconto della tua gita, molto bello.

Si per l'acqua i rifugi mi sembrano distribuiti abbastanza bene, partirò con 1 litro e mezzo e poi farò rifornimento al Mondovì e al Don Barbera.

Sono ancora indeciso se passare per le vette: Cima delle Saline, Pian Balur e Marguareis o se dal Passo delle Saline scendere verso il Rifugio Mongioie poi Carnino e Rif. Don Barbera.

Ciao,
Dario


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun ago 03, 2020 11:06 
Non connesso
Utente di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 21, 2016 8:07
Messaggi: 70
Località: Genova - Torino
Sabato sono riuscito a fare il giro prefissato!

Sono partito alle 5.35 da Pian delle Gorre dove c'erano già 18 gradi.

Passo per il Rifugio Garelli, Porta Sestrera e arrivo al Rifugio Mondovì dove mi fermo per un caffè.

Mi rimetto in cammino per il Passo delle Saline, fino qui tutto perfetto. Dal passo delle Saline inizia, sotto il sole già cocente (ore 8 circa), una salita ripidissima che porta a Cima delle Saline (circa 450d+ in 1 km!). Arrivo a Cima delle Saline che l'orologio segnava già 2050d+ in 15km!.
Da Cima delle Saline bisogna stare bene attenti ai paletti e ai bolli rossi non sempre evidenti che portano a Cima Pian Balaur, purtroppo ad un certo punto ho perso il sentiero perdendo almeno 30 minuti.......ritorno sui miei passi e trovo la via giusta che con un'altra salita breve ma molto ripida mi porta in cima alla Punta Pian Balaur. Da questa vetta è evidente il percorso da seguire verso il Colle del Pas, anche qua bisogna seguire alcune tacche rosse e paletti.
Arrivato al colle del Pas, sempre sotto il sole cocente che mi accompagnerà quasi fino a Pian delle Gorre, bisogna scendere sul sentiero a sinistra verso la Capanna Saracco Volante. Ben prima di arrivare alla Capanna sulla destra si trovano le indicazioni per il Colle Palù, mi trovo a 2220 metri di altitudine. La salita è nuovamente molto ripida e dopo 20 minuti sono al Colle Palù a 2500 metri.
A questo punto è abbastanza evidente il sentiero che mi porterà fino in cima al Marguareis. Arrivato sulla vetta del Marguareis la giornata è sempre bella e calda e ci sono molte persone sia in vetta e sia lungo il sentiero.
Qualche foto in vetta e poi scendo al Rifugio Don Barbera dove mi fermo per circa 20 minuti per rifornirmi di acqua, bermi una birretta, mangiare qualcosa e riposarmi un pò. Al Rifugio Don Barbera c'è davvero tanta gente , d'altronde ci si arriva sia a piedi, sia in MTB e sia in auto e moto.
Riparto dal Don Barbera e mi dirigo verso la Capanna Morgantini. Dopo pochi passi sono al Colle dei Signori e da qua inizio a percorrere la strada militare Monesi - Colle di Tenda.
Nel percorrere questa strada mi sono perso il bivio per la Capanna Morgantini (non so se non ci sono cartelli o se me li sono persi...), comunque arrivo alla Caserma di Boaria dove ritrovo le indicazioni per Capanna Morgantini e Passo del Duca allungando circa 3-4 km....
Imboccato il sentiero giusto dopo 15 minuti arrivo alla Capanna Morgantini e scendo fino a Gias Ortiche dove mi aspetta l'ultima salita di circa 150 metri di dislivello che mi da la mazzata finale!
La discesa dal Passo del Duca a Pian delle Gorre è davvero infinita, soprattutto perchè mi rimangono soltanto circa 200ml di acqua....
Arrivato a Gias Arpi, 1450 metri di altitudine, trovo una fontana che sognavo da diversi km......piccola pausa per bere e riparto per Pian delle Gorre dove arrivo in 45 minuti circa.

Il giro in se non mi ha fatto impazzire, difficilmente tornerò a farlo, però alla fine è stato un ottimo allenamento. Pur avendo percorso "solo" 47 km e 3300 metri di dislivello è stata sicuramente una delle volte dove mi sono stancato di più, 100km comprese. Sicuramente il caldo e il percorso praticamente tutto al sole hanno influito tantissimo sulla stanchezza.

I sentieri sono tutti abbastanza buoni, però qualche cartello e segnalazione in più sarebbero opportuni secondo me.

Ciao,
Dario


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mer ago 05, 2020 9:59 
Non connesso
Moderatore di Sezione
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 04, 2012 21:57
Messaggi: 3323
Località: Genova
Dariogrizzly_1981 ha scritto:
Sabato sono riuscito a fare il giro prefissato!

Sono partito alle 5.35 da Pian delle Gorre dove c'erano già 18 gradi.

Passo per il Rifugio Garelli, Porta Sestrera e arrivo al Rifugio Mondovì dove mi fermo per un caffè.

Mi rimetto in cammino per il Passo delle Saline, fino qui tutto perfetto. Dal passo delle Saline inizia, sotto il sole già cocente (ore 8 circa), una salita ripidissima che porta a Cima delle Saline (circa 450d+ in 1 km!). Arrivo a Cima delle Saline che l'orologio segnava già 2050d+ in 15km!.
Da Cima delle Saline bisogna stare bene attenti ai paletti e ai bolli rossi non sempre evidenti che portano a Cima Pian Balaur, purtroppo ad un certo punto ho perso il sentiero perdendo almeno 30 minuti.......ritorno sui miei passi e trovo la via giusta che con un'altra salita breve ma molto ripida mi porta in cima alla Punta Pian Balaur. Da questa vetta è evidente il percorso da seguire verso il Colle del Pas, anche qua bisogna seguire alcune tacche rosse e paletti.
Arrivato al colle del Pas, sempre sotto il sole cocente che mi accompagnerà quasi fino a Pian delle Gorre, bisogna scendere sul sentiero a sinistra verso la Capanna Saracco Volante. Ben prima di arrivare alla Capanna sulla destra si trovano le indicazioni per il Colle Palù, mi trovo a 2220 metri di altitudine. La salita è nuovamente molto ripida e dopo 20 minuti sono al Colle Palù a 2500 metri.
A questo punto è abbastanza evidente il sentiero che mi porterà fino in cima al Marguareis. Arrivato sulla vetta del Marguareis la giornata è sempre bella e calda e ci sono molte persone sia in vetta e sia lungo il sentiero.
Qualche foto in vetta e poi scendo al Rifugio Don Barbera dove mi fermo per circa 20 minuti per rifornirmi di acqua, bermi una birretta, mangiare qualcosa e riposarmi un pò. Al Rifugio Don Barbera c'è davvero tanta gente , d'altronde ci si arriva sia a piedi, sia in MTB e sia in auto e moto.
Riparto dal Don Barbera e mi dirigo verso la Capanna Morgantini. Dopo pochi passi sono al Colle dei Signori e da qua inizio a percorrere la strada militare Monesi - Colle di Tenda.
Nel percorrere questa strada mi sono perso il bivio per la Capanna Morgantini (non so se non ci sono cartelli o se me li sono persi...), comunque arrivo alla Caserma di Boaria dove ritrovo le indicazioni per Capanna Morgantini e Passo del Duca allungando circa 3-4 km....
Imboccato il sentiero giusto dopo 15 minuti arrivo alla Capanna Morgantini e scendo fino a Gias Ortiche dove mi aspetta l'ultima salita di circa 150 metri di dislivello che mi da la mazzata finale!
La discesa dal Passo del Duca a Pian delle Gorre è davvero infinita, soprattutto perchè mi rimangono soltanto circa 200ml di acqua....
Arrivato a Gias Arpi, 1450 metri di altitudine, trovo una fontana che sognavo da diversi km......piccola pausa per bere e riparto per Pian delle Gorre dove arrivo in 45 minuti circa.

Il giro in se non mi ha fatto impazzire, difficilmente tornerò a farlo, però alla fine è stato un ottimo allenamento. Pur avendo percorso "solo" 47 km e 3300 metri di dislivello è stata sicuramente una delle volte dove mi sono stancato di più, 100km comprese. Sicuramente il caldo e il percorso praticamente tutto al sole hanno influito tantissimo sulla stanchezza.

I sentieri sono tutti abbastanza buoni, però qualche cartello e segnalazione in più sarebbero opportuni secondo me.

Ciao,
Dario


Beh però giro niente male!!

Da domani spero di riuscire a fare qualcosa anche io!!!

_________________
Ogni vita dovrebbe avere almeno sette gatti!

La vita è una trappola mortale, non ne usciremo vivi.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ago 06, 2020 14:52 
Non connesso
Utente di Quotazero

Iscritto il: mer feb 12, 2020 9:38
Messaggi: 98
Bravo Dario, bel "giretto".
Pochi giorni dopo (martedì e mercoledì) ho fatto anello del Marguarais in assetto trekking, con tenda eccetera.
Che dire: ho trovato il percorso piacevolmente fresco ed ombreggiato fin quasi al Garelli (era piovuto la notte prima ed avevo i piedi inzuppati). Fino al rifugio ed al passo Sestrera le mie modeste capacità di runner non avrebbero consentito di sfidare la salita correndo, cosa che avrei fatto volentieri scendendo da lì al rifugio Mondovì e nel successivo tratto su carrabile.
Poco dopo il passo delle saline mi ha passato un runner, magari era uno iscritto a QZ...
Discesa su Carnino abbastanza corribile, ma piuttosto tecnica (almeno per me).
Sosta con panini al ristoro di Carnino dove piazzo la tenda (5€ con uso di toilette, doccia, deposito zaino e postazione per ricaricare batterie di gps e cell. Servizio cordiale, prezzi onesti. Panino riccamente imbottito 4€).
Bilancio del giro e della giornata decisamente positivo, solo le spalle accusano un po' dopo un anno senza sopportare carichi pesanti. Meteo quasi perfetto: 10° alla partenza, credo qualcosa di meno di 30° nel pomeriggio, cielo terso con qualche nuvola.

Da Carnino salito al Don Barbera con la frescura del mattino: bella salita, con un pianoro a tre quarti.
Rifugio e strada militare affollati, con presenze VIP...Brumotti era lì per un servizio fotografico.
Speravo di gustarmi qualche evoluzione dal vivo, ma dopo 7-8 minuti di foto "statiche" mi sono stufato ed ho ripreso il cammino.
E qui iniziano le note dolenti: decido di non seguire il sentiero per il passo Scarasson e di seguire la strada militare.
Percorso forse piacevole correndo, ma camminando risulta noioso e lungo. Forse troppo lungo...
Infatti anche io sbaglio strada (da dopo il Barbera ritengo davvero scarsa la segnaletica del Giro del Marguareis) facendomi 4-5 km in più. Torno indietro e riesco in qualche modo, tra smadonnamenti vari, a riagganciare il sentiero che avevo ignorato al Barbera, ossia quello proveniente dallo Scarasson che passa attorno alla conca delle Carsene.
Confermo quanto detto da Awretus: bello e panoramico ma "incorribile" in quanto poco battuto, con fondo irregolare e segnato decisamente in modo approssimativo.
Dal Passo del Duca discesa corribilissima, ma noiosa in assetto trekking, su carrareccia militare seguita fino al Pian delle Gorre passando per il Saut.
Acqua nella prima parte (Gorre-Carnino): Pian delle Gorre, Gias Madonna, Gias Soprano di Sestrera, Rifugio Mondovì, Carnino.
Acqua seconda parte: sorgente nel bosco (30' circa da Carnino inf), Gias Arpi, Pian delle Gorre. La fontana accanto al rifugio Don Barbera era tristemente asciutta. Non ho chiesto se potevo ricaricare dentro al rifugio perchè avevo scorta sufficiente.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 67 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it