Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Moderator: Moderatori

User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

bel giro, bravo ! =D>

senza scendere nei dettagli, come ti sei trovato negli alberghi ?
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
boris
Matricola
Posts: 38
Joined: Wed Sep 12, 2012 15:32
Location: provincia di Milano

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by boris »

Si mangia bene in entrambi.
Il personale è gentile in entrambi.
La Nuvola è un bell'albergo, mentre il Beigua è un po' vecchiotto, anche nelle stanze.
Alla Nuvola il personale è un po' più informato sugli itinerari ed ho potuto consultare delle guide per decidere l'itinerario per l'indomani. Al Beigua li ho visti un po' carenti.
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

Riprendendo il discorso sulle incisioni, martedì scorso ho fatto qualche passo avanti.
Tornato al Bric della Biscia e trovate le incisioni del Masso della Biscia, ma non la Roccia del Dolmen, che erroneamente era segnalata come nello stesso posto dal sito the modern antiquarian (http://www.themodernantiquarian.com/sit ... iscia.html" onclick="window.open(this.href);return false;), tornerò quindi a cercare nuova collinetta vicina al Bric della Biscia, sperando che sia effettivamente vicina....
Nessun risultato invece per la Pietra Scritta: esplorati gli affluenti ad est del Rio Traversa senza risultato, restano da fare quelli a ovest.
Attachments
IMG_0038.JPG
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

Martedì 25 aprile 2017: Masso della Biscia (975).

Partecipanti: soundofsilence.

Lunghezza: 1,6 Km. circa.

Dislivello: 140 circa.

Difficoltà: E, ma con attenzione sulla sommità del Bric della Biscia in caso di roccia bagnata e\o scivolosa.
Percorso in macchina: Da Genova in autostrada fino a Voltri, dove si continua verso ovest per meno di un Km e quindi si svolta a destra per il Passo del Turchino. Raggiunto il passo si prende a sinistra per il Faiallo, Vara e Urbe. Si sale quindi il passo del Faiallo, passando sotto le pendici del Bric del Dente, e quindi si supera il Passo e si scende fino a Vara Superiore prima ed Inferiore poi. A Vara Inferiore si può seguire il cartello in legno che indica sulla sinistra una stretta stradina asfaltata che in 7 Km. porta a Piampaludo, oppure proseguire sulla Sp40 verso San Pietro d’Olba e, quindi, poco prima di giungervi, girare a sinistra seguendo le indicazioni ufficiali per Piampaludo; la prima opzione è più corta ma anche più tortuosa. Giunti a Piampaludo si passa subito una strettoia tra le casa e si prosegue sulla strada principale, ignorando alcune deviazioni a destra e a sinistra (una anche segnalata con cartelli dei sentieri), e si giunge al centro del paese, passato il quale troviamo un bivio: a destra Alberola, a sinistra Beigua e Prà Riondo; prendiamo quindi a sinistra e proseguiamo per circa 3,5 Km e a quota 1080, dove parcheggiamo in uno slargo sulla destra (subito dopo ce n’è anche uno a sinistra).

Percorso a piedi: sono piuttosto in dubbio se scrivere le indicazioni precise per giungere in questo sito. In passato per altri siti archeologici non ho pubblicato le indicazioni precise, in quanto mi era stato richiesto da chi mi aveva dato indicazioni in proposito, qui l’ho trovato da solo e, quindi, in questo senso mi sento più libero, ma anche più responsabile, della scelta. In teoria penso che le bellezze naturali e anche archeologiche siano patrimonio di tutti e sia quindi giusto divulgare e non farle essere patrimonio sterile di una ristretta elite, d’altronde neanche voglio però che qualcuno le deturpi con altre scritte e\o incisioni, come purtroppo troppo spesso accade. Per conciliare le due esigenze ho deciso quindi di non scrivere qui, ma di dare indicazioni personalmente a chi mi contatterà, che dopotutto fa anche piacere se qualcuno ogni tanto ti fa un saluto, seppur interessato.

Conclusioni: Belle, ma poche incisioni, almeno quelle che ho trovato io, nei dintorni dovrebbe anche esserci la Roccia del dolmen, che ne presenta molte di più e più “scenografiche”. Spero prossimamente di riuscire a trovarla.

Image
Masso della Biscia rappresentazioni sessuali

Image
Masso della Biscia 2 piccole croci

Image
Masso della Biscia incisioni cruciformi

Image
Masso della Biscia coppella rettangolare

Image
Masso della Biscia coppelle rettangolari e croci

Image
Sommità Bric della Biscia da sopra

Image
Masso della Biscia incisione fertilità

Image
Masso della Biscia 2 piccole croci e incisione fertilità

Image
Masso della Biscia rappresentazioni sessuali

Image
Masso della Biscia incisioni cruciformi

Image
Masso della Biscia incisioni cruciformi più da vicino

Image
Masso della Biscia incisione cruciforme primo piano

Image
Sommità Bric della Biscia da sotto

Image
Casella in pietra presso Bric della Biscia

Image
Casella in pietra presso Bric della Biscia vista di fronte
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

: Thumbup :
bella, sound !

direi che hai fatto la cosa giusta, anche perchè se è il Parco stesso a celare indicazioni, sembrerebbe forse anche un poco assurdo andare contro la loro scelta, giusta o sbagliata che sia

Posso anche comprenderla, anche se l'idea dei calchi mi mette un po' tristezza......Image

Comunque hai MP :wink:
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

psiconauta wrote:: Thumbup :
bella, sound !

direi che hai fatto la cosa giusta, anche perchè se è il Parco stesso a celare indicazioni, sembrerebbe forse anche un poco assurdo andare contro la loro scelta, giusta o sbagliata che sia

Posso anche comprenderla, anche se l'idea dei calchi mi mette un po' tristezza......Image

Comunque hai MP :wink:
Sinceramente non mi sono proprio posto il problema di seguire le regole del parco, ma solo il problema morale di cosa fosse giusto.... alle regole scritte da burocrati sono sempre un pò allergico.
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
User avatar
serena
Iron woman
Posts: 6856
Joined: Thu Jan 12, 2006 21:21
Location: Genova Rivarolo

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by serena »

soundofsilence wrote:
psiconauta wrote:: Thumbup :
bella, sound !

direi che hai fatto la cosa giusta, anche perchè se è il Parco stesso a celare indicazioni, sembrerebbe forse anche un poco assurdo andare contro la loro scelta, giusta o sbagliata che sia

Posso anche comprenderla, anche se l'idea dei calchi mi mette un po' tristezza......Image

Comunque hai MP :wink:
Sinceramente non mi sono proprio posto il problema di seguire le regole del parco, ma solo il problema morale di cosa fosse giusto.... alle regole scritte da burocrati sono sempre un pò allergico.
Per quel che può valere mi sembra che la tua sia una decisione corretta......
Sono un viandante, un valicatore di monti.
Non amo le pianure e sembra che non possa stare a lungo in un luogo.
Qualunque cosa mi riservi il fato o l'esperienza,sempre dovrò camminare ed ascendere monti.
Non si può vivere che da come si è.
F. NIETZSCHE
claudio zaccagnino
Utente di Quotazero
Posts: 63
Joined: Mon Nov 14, 2016 11:46
Location: Genova

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by claudio zaccagnino »

Da un Parco all’altro, non si salva nessuno.

L’orientamento del Parco del Beigua è di proteggere alcuni siti semplicemente nascondendoli alla vista, limitandone l’esposizione.
Il timore di atti vandalici o furti è reale e comunque la sorveglianza, ove esistente, avrebbe poca efficacia. Basti dire che non si riesce neppure ad evitare che a Roma qualche turista incline all’esibizionismo faccia il bagno nella Fontana di Trevi, pur in presenza di agenti.

Ma non tutto si può nascondere.
E’ il caso del prato di narcisi presso Casa del Romano, Parco dell’Antola, trasformato domenica scorsa in un parcheggio e depredato a piene mani, senza farsi mancare neppure le moto impegnate in derapate.
Multe salate in quantità, ma a guidare alcune delle molte auto c’erano degli adulti padri di famiglia con moglie e prole al seguito. Grave danno e pessimo esempio che prelude al ripetersi del fatto.

Giusta la repressione, che però genera rancore e non fa prevenzione.
Io credo che il problema sia anche culturale: mancanza del concetto di proprietà comune, vale a dire che quel che è di tutti è anche mio e va rispettato.
E allora i signori vandali potrebbero essere obbligati a seguire, a loro spese, un bel corso di ri-educazione ambientale programmato ad hoc.

Proposta utopistica avanzata da chi da molti anni corre sui sentieri del Righi, Parco del Peralto, tra cessi, lavandini, scheletri di elettrodomestici, mobili fracassati,…

zac
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

...........mercoledì sortita un po' deludente in quel del Beigua.....

come al solito parto con poche idee ma ben confuse, sono convinto di aver caricato una traccia che il buon Sound mi ha passato, ma ahimè no, non l'avevo fatto............il waypoint invece però l'avevo inserito, peccato che, toccandolo sul telefono, non ho capito ben come, l'ho spostato ! :shock: Image Image :( :evil: :twisted:

parto quindi già preventivamente con le pive nel sacco..........parcheggio presso la Torbiera del Laione e mi dirigo verso il Beigua, in un ulteriore tentativo di rintracciare sta famosa Pietra Scritta (che poi, siam sicuri che sia ancora li? comincia a venirmi il dubbio che se la siano portata in qualche scantinato per farne il calco e sia rimasta là..... :-k :) )

piccola deviazione per salire almeno su una vetta (il Monte Grosso mt.1265 slm..........oddio, avrò mica contratto la daniele64ite ? :mrgreen: ) da cui vedo principalmente nuvole molto poco invitanti salire dal mare.....

...salendo verso il Monte Grosso
Image

verso la sommità del Beigua comincio a curiosare in giro

...curiosone !
Image

seguendo le fumose indicazioni trasmessemi da un medium ubriaco in sogno durante la luna strapiena di ottembre, ravano qui e là, provo anche a esplorare un po' il Rio Traversa, ma nulla di nulla.............quando anche lui comincia a guardarmi perplesso, della serie : "...ma checcacchio stai cercando?"

Image

allora pianto lì e prendo una traccia in discesa che si rivela essere un tracciato da MTB, con scivoli, salti e parabole abbastanza inquietanti, che ogni tanto mi guardo le spalle per assicurarmi non stia piombando giù dalla vetta qualche ciclista forsennato a velocità folle..... :paranoid:

giunto sull'asfalto, scendo verso la Casa del Che............già il percorso si prefigura quasi interamente nel bosco, cosa che non era proprio ciò che avevo intenzione di fare......Image......vabbè, ormai siam qui.....e visto che siam qui, mi viene perfino voglia di andare a vedere dove ho spostato il famoso waypoint......che combinazione in effetti mi porta davanti ad un'interessante roccia, molto mineralizzata, con diversi aspetti particolari, ma zero incisioni....

proseguo quindi sulla traccia che mi ero creato per fare un giro in zona, ma nonostante vari ravanaggi, le uniche incisioni che trovo sono quelle della "Pietra sul Sentiero", il cui nome spiega già come le ho trovate... 8) ..anzi, a dire il vero per notarle ho dovuto piazzarmici a cavalcioni sopra con un panino in bocca..... :mrgreen:

Image

Image

Image

Image

un consiglio che mi sento di darvi è di fare diversi scatti, perchè ho notato che ad occhio nudo se ne notano molte meno di quelle che poi si vedono sulle foto Image

vabbè, perlomeno qualcosa ho trovato, ma il cielo nel frattempo si è coperto e fa pure frescolino, pensa te !
proseguo verso il Bricchettino Aguzzo,

Image

ma il sentiero dopo poco si perde (cioè, scusate, IO lo perdo 8) ), solo grazie al gps riesco a recuperare una rotta che mi riporta dalla roccia sostituita di cui sopra.....

da qui continuo verso la Casa del Che, e poi prendo il "Sentiero Archeologico", che consiste in una serie di calchi (con pannelli esplicativi) di queste maledette incisioni che vengono spostate dai folletti ogni notte.......il risultato è di una tristezza così pregnante che capirei persino i vandali, a sto punto..... :pensoso:

sono così sconfortato dalla gita che alla fine, giusto per respirare un po' di spazio e di luce, tornato alla macchina tirando dritto su da una riva per farla finita (la passeggiata, intendo Image), mi viene d'istinto andare sino a Pratorotondo e salire sul Monte Sciguelo

Image

qui, tutto sommato, mi placo e riesco a pacificarmi quanto basta per tornare a casa pari e patta

vabbè, capita, no ? :)

Aloha : Indian:
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
User avatar
Littletino
Quotazerino doc
Posts: 1443
Joined: Tue Jan 29, 2008 15:41
Location: Arenzano

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by Littletino »

vabbè ma se uno parte da casa con simili intenti ( ricerca di pietre scritte et similia) ha alte probabilità di deprimersi girovagando inutilmente nella macchia. 😄

Scherzo ovviamente, ma alla fine per fortuna hai rimediato con la balconata Sciguelo Rama, che é un vero toccasana per stati depressivo-confusionali. Quando non c'è la nebbia però.

Maaaaa.. come ci sei tornato alla Torbiera dallo Sciguelo? La valle del rio Ferretto non so perché ma come viale del tramonto a me piace tantissimo, e completa la terapia di cui sopra.

Buone esplorazioni. : Thumbup :
Last edited by Littletino on Mon Jun 05, 2017 9:58, edited 1 time in total.
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".
User avatar
daniele64
Titano di Quotazero
Posts: 6577
Joined: Sat Jun 08, 2013 18:44
Location: Genova / Imperia

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by daniele64 »

psiconauta wrote:

piccola deviazione per salire almeno su una vetta (il Monte Grosso mt.1265 slm..........oddio, avrò mica contratto la daniele64ite ? :mrgreen: )
Ehi , ma allora sto diventando importante anch'io : Yahooo : , ho dato persino il nome ad una temibile malattia contagiosa !! :risataGrassa:
psiconauta wrote:
le uniche incisioni che trovo sono quelle della "Pietra sul Sentiero", il cui nome spiega già come le ho trovate... 8) ..anzi, a dire il vero per notarle ho dovuto piazzarmici a cavalcioni sopra con un panino in bocca..... :mrgreen:
Ottimo sistema , consigliabilissimo , in cui il panino riveste un ruolo insostituibile di catalizzatore di concentrazione e di energie cosmiche ! : Thumbup :
psiconauta wrote:
mi viene d'istinto andare sino a Pratorotondo e salire sul Monte Sciguelo

Image

qui, tutto sommato, mi placo e riesco a pacificarmi quanto basta per tornare a casa pari e patta
Effettivamente , il panorama dallo Sciguelo è spesso la panacea di tanti mali ... :risata:
=D> =D> :smt006
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.[Charlie Chaplin]
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

Littletino wrote:vabbè ma se uno parte da casa con simili intenti ( ricerca di pietre scritte et similia) ha alte probabilità di deprimersi girovagando inutilmente nella macchia. 😄
....hai ragione anche te :risataGrassa:
Littletino wrote:La valle del rio Ferretto non so perché ma come viale del tramonto a me piace tantissimo, e completa la terapia di cui sopra.
...in effetti, terrò presente : Thanks :
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

daniele64 wrote:
psiconauta wrote:le uniche incisioni che trovo sono quelle della "Pietra sul Sentiero", il cui nome spiega già come le ho trovate... 8) ..anzi, a dire il vero per notarle ho dovuto piazzarmici a cavalcioni sopra con un panino in bocca..... :mrgreen:
Ottimo sistema , consigliabilissimo , in cui il panino riveste un ruolo insostituibile di catalizzatore di concentrazione e di energie cosmiche ! : Thumbup :
:lol:

Image

...è vero, forse devo portarmi più panini.... :risataGrassa:
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

Venerdì 26 maggio 2017: Grande Roccia (765) – Venere (760) – Roccia del Dolmen (970) – Masso della Biscia (965) – Incisioni presso Rio Traversa (1165).

Partecipanti: Stefano e Soundofsilence.

Lunghezza: 5,9 Km circa per la Grande Roccia e la Venere, 2 Km circa per Roccia del Dolmen e Masso della Biscia e 3,6 Km circa per le incisioni del Rio Traversa. In totale 11,5 Km. circa.

Dislivello: 190 m. circa per la Grande Roccia e la Venere, 70 m. circa per Roccia del Dolmen e Masso della Biscia, 120 circa per le incisioni del Rio Traversa. In totale 380 m. circa.

Difficoltà: tutto E, con qualche difficoltà di orientamento specie nella zona del Rio Traversa. Un po’ di attenzione, specie in caso di umido, sul Bric della Biscia, che può risultare scivoloso.

Percorso in macchina: Si tratta di 3 posti diversi, piuttosti vicini però, perlomeno in macchina, ci siamo così spostati usufruendo di 3 parcheggi diversi e ritornando per un’altra strada rispetto all’andata.
Per raggiungere il primo sito si va quindi da Genova in autostrada fino a Voltri, dove si continua verso ovest per meno di un Km e quindi si svolta a destra per il Passo del Turchino. Raggiunto il passo si prende a sinistra per il Faiallo, Vara e Urbe. Si sale quindi il passo del Faiallo, passando sotto le pendici del Bric del Dente, e quindi si supera il Passo e si scende fino a Vara Superiore prima ed Inferiore poi. A Vara Inferiore si prende a sinistra una stradina asfaltata per Piampaludo e, subito prima di un ponticello, si parcheggia in uno slargo sulla destra (volendo si può anche passare il ponte e proseguire un centinaio di metri per parcheggiare sulla sinistra in uno slargo presso un cartello recante la scritta Tenuta Bugastrella e di fronte a una sbarra che impedisce l’accesso ad una sterrata, ma, nonostante molti lo facciano, si tratta di zona con divieto di sosta).
Visitao il primo sito si riprende la macchina e si continua sulla strada su cui abbiamo parcheggiato, fino a raggiungere Piampaludo, dove troviamo un bivio: a destra Alberola, a sinistra Beigua e Prà Riondo; prendiamo quindi a sinistra e proseguiamo per circa 3,5 Km raggiungendo a quota 1080, dove parcheggiamo in uno slargo sulla destra (subito dopo ce n’è anche uno a sinistra).
Visitato il secondo sito continuiamo sulla strada che stavamo percorrendo e raggiungiamo quindi il rifugio Prà Riondo e, quindi, la vetta del Beigua e, pochi metri dopo la deviazione per la stessa, parcheggiamo in un ampio slargo sterrato sulla destra.
Per il ritorno continuiamo sempre sulla strada che stavamo percorrendo, iniziando la discesa dal Beigua verso Alpicella, da cui poi giungiamo a Varazze, dove proseguiamo sull’Aurelia in direzione est, per prendere quindi l’autostrada ai Piani d’Invrea e seguirla quindi fino a Genova.

Percorso a a piedi: sono piuttosto in dubbio se scrivere le indicazioni precise per raggiungere questi siti. In passato per altri siti archeologici non ho pubblicato le indicazioni precise, in quanto mi era stato richiesto da chi mi aveva dato indicazioni in proposito, qui li ho trovati da solo e, quindi, in questo senso mi sento più libero, ma anche più responsabile, della scelta. In teoria penso che le bellezze naturali e anche archeologiche siano patrimonio di tutti e sia quindi giusto divulgarle e non farle essere patrimonio sterile di una ristretta elite, d’altronde neanche voglio che qualcuno le deturpi con altre scritte e\o incisioni, come, purtroppo, troppo spesso accade. Per conciliare le due esigenze ho deciso quindi di non scrivere qui, ma di dare indicazioni personalmente a chi mi contatterà, che dopotutto fa anche piacere se qualcuno ogni tanto ti fa un saluto, seppur interessato.

Conclusioni: incisioni veramente notevoli, specie quelle spettacolari della Roccia del Dolmen e della Grande Roccia, in boschi suggestivi e affascinanti.

Image
Sole Luna e spaccatura Grande Roccia più da vicino

Image
Casa con uomo dentro in Grande Roccia

Image
Spaccatura e Sole e Luna in Grande Roccia

Image
Coppelle e incisioni minori in Grande Roccia

Image
Casa e Segno a Phi su Grande Roccia

Image
Scritte su Grande Roccia

Image
Chiesa su Grande Roccia

Image
Incisioni puntiformi in Grande Roccia più da vicino

Image
Sole Luna e spaccatura Grande Roccia più da vicino

Image
Primo piano Sole e Luna in Grande Roccia

Image
Casa e Segno a Phi su Grande Roccia più da vicino

Image
Iris Susino andando verso Venere più da vicino

Image
Incisione della Venere

Image
Incisione a griglia

Image
Croci incise

Image
Croci incise più da lontano

Image
2 Iris Susini più da vicino

Image
2 Iris Susini più da vicino

Image
Rudere tornando al sentiero

Image
2 Coppelle Raggiate contigue

Image
Roccia del Dolmen

Image
Camera del Dolmen

Image
Primo piano Roccia del Dolmen

Image
Roccia del Dolmen più da vicino

Image
Primo piano Roccia del Dolmen

Image
Roccia del Dolmen più da vicino

Image
Croci in Roccia del Dolmen

Image
Segno a Phi in lato Roccia del Dolmen

Image
Primo piano Roccia del Dolmen

Image
Primo piano Roccia del Dolmen

Image
Incisione Fertilità presso Bric della Biscia

Image
Simboli sessuali presso Bric della Biscia

Image
Simboli sessuali e croci presso Bric della Biscia

Image
Croci presso il Bric della Biscia

Image
Primo piano Croce potenziata presso Bric della Biscia

Image
Scritte sul Bric della Biscia

Image
Camera del Dolmen

Image
Camera del Dolmen più da lontano

Image
Simbolo sessuale presso Rio Traversa

Image
Numero presso Rio Traversa

Image
Vista globale incisioni presso Rio Traversa

Image
Scritte presso Rio Traversa

Image
Cabana du Squarzin
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

Trovata la Roccia del Dolmen e varie altre incisioni minori, manca solo la Pietra Scritta, ma proprio oggi ho trovato nuove indicazioni che spero finalmente giuste. Forse Venerdì vado a vedere.
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

Ciao a tutti :)

Grazie alle indicazioni fornitemi da Sound, giovedì 3 ho fatto un bel giro in quel del Beigua alla ricerca delle incisioni.Image

Sarò vago. 8)

Sono partito dalle parti di Vara per giungere dalle parti del Passo di Lerca, ho continuato dalle parti del crinale (vento molto freddo) dove ho fatto merenda dalle parti del Riparo Cima del Pozzo, sino a giungere dalle parti di Prato Ferretto (con salita dalle parti del Bric Resonau), quindi sono sceso dalle parti della Casa del Che, per continuare poi dalle parti di una sterrata che a un certo punto si interrompeva da qualche parte costringendomi a un piccolo ravanamento sino a recuperare l’asfalto dalle parti dell’accesso al Campo Scout, dove fortunatamente due eroi mi hanno dato un passaggio evitandomi gli ultimi chilometri di asfalto (era ormai pressochè buio).

In totale circa 14 km (+ il pezzo in auto), per un dislivello di circa 600 metri.

Bellissime (per me) le incisioni, tutte in luoghi molto magici, specialmente la Grande Roccia (molto suggestiva), ma anche il Masso della Biscia e la Roccia del Dolmen hanno un loro profondo fascino e, lo ripeterò sino alla nausea, il Beigua è bellissimo. :)

Foto ci ha già inondato Sound, ne aggiungo qualcuna delle mie giusto per confondere le idee. :P

spaccatura Grande Roccia
Image

anfratto Grande Roccia
Image

presso la Venere
Image

vedere attraverso il passato
Image

Prato Ferretto
Image

Masso della Biscia
Image

Roccia del Dolmen
Image

felce del Dolmen
Image


Aloha : Indian:
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
User avatar
daniele64
Titano di Quotazero
Posts: 6577
Joined: Sat Jun 08, 2013 18:44
Location: Genova / Imperia

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by daniele64 »

: Thumbup :
Ci andrò , ci andrò ... , se le troverò non so :risata: ma ci andrò ...
:smt006
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.[Charlie Chaplin]
Stefs
Utente Molto Attivo
Posts: 374
Joined: Wed Mar 28, 2012 20:35

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by Stefs »

Ciao, quella della foto è la Pietra Collina, vicinissima al Dolmen. Le altre le hai trovate?
Stefs
Utente Molto Attivo
Posts: 374
Joined: Wed Mar 28, 2012 20:35

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by Stefs »

Stefs wrote:Ciao, quella della foto è la Pietra Collina, vicinissima al Dolmen. Le altre le hai trovate?
Opss... Pietra dei Canalini, meglio non far ulteriore confusione.
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

Stefs wrote:
Stefs wrote:Ciao, quella della foto è la Pietra Collina, vicinissima al Dolmen. Le altre le hai trovate?
Opss... Pietra dei Canalini, meglio non far ulteriore confusione.
ah, ecco, infatti..... :lol:

sì, quelle del Dolmen le ho viste, se ti riferisci a queste

Image

e ad altre minori tutt'intorno....


invece la Roccia Collina non so dove sia, così come le incisioni di Martina d'Olba e Acquabianca.......ma farò altre spedizioni, tanto ogni giro in Beigua è ben speso :wink:
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
boris
Matricola
Posts: 38
Joined: Wed Sep 12, 2012 15:32
Location: provincia di Milano

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by boris »

Sapete che bivacchi sono agibili attualmente nel massiccio del Beigua?
Il bivacco Casa della Miniera?
Il Gilwell?
L'Argentea quando e' chiuso non ha un bivacco?
Disponibilità acqua nelle vicinanze?
Grazie
Boris
User avatar
delorenzi
Moderatore
Posts: 7111
Joined: Wed Sep 06, 2006 18:18
Location: Genova
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by delorenzi »

boris wrote:Sapete che bivacchi sono agibili attualmente nel massiccio del Beigua?
Il bivacco Casa della Miniera?
Il Gilwell?
L'Argentea quando e' chiuso non ha un bivacco?
Disponibilità acqua nelle vicinanze?
Grazie
Boris
Il Gilwell dovrebbe essere sempre aperto. C'è una fonte appena sopra il rifugio.

L' Argentea il locale invernale dovrebbe essere aperto sempre ma ti conviene sentire il CAI di Arenzano

La Casa della Miniera non lo so.

Per l' acqua meglio sempre non fare affidamento sulle fonti che potrebbero essere secche.

Ti segnalo anche il Padre Rino o ex Casa Leveasso sotto l' Argentea che è sempre aperto.
User avatar
fabio.rapallo
Utente Molto Attivo
Posts: 365
Joined: Mon Oct 10, 2011 12:42
Location: Genova

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by fabio.rapallo »

delorenzi wrote: Ti segnalo anche il Padre Rino o ex Casa Leveasso sotto l' Argentea che è sempre aperto.
Il Padre Rino al momento è chiuso per problemi statici alla struttura.
L'esperienza della marcia decentra da sé e ripristina il mondo,
inscrivendo l'uomo nei limiti che lo richiamano alla sua fragilità e alla sua forza. (DLB)
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

aggiungo il Riparo Cima del Pozzo , tra Passo Pian di Lerca e Passo Notua
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

Qui la traccia GPS: http://luoghidasogno.altervista.org/Mon ... iafaia.htm

Sabato 23 febbraio 2019: Alpicella (400) – Rocca Sant’Anna (655) – Bric Vultui (760) – Bric Montebe (965) – Monte Priafaia (950) – Monte Cavalli (1100) – Monte Beigua (1285) – Bric dell’Aquila (1050) – Sentiero megalitico (670) – Monte Greppino (665) - Alpicella (400)

Partecipanti: soundofsilence.

Lunghezza: 20,5 Km. circa.

Dislivello: 1100 m. circa.

Difficoltà: tutto E. forse al limite dell’EE il breve tratto dalla Cappella alla Grotta di Sant’Anna, in cui si scende un paio di metri su roccia senza una chiara traccia.

Percorso in macchina: Da Genova a Varazze in autostrada A10, quindi si devia a destra sulla SP542, seguendo le indicazioni per Alpicella, dove si parcheggia nella piazza principale del paese.

Percorso a piedi: dal parcheggio prendiamo la strada asfaltata sulla destra (Via Ceresa) e, dopo 200 metri, ad un bivio, prendiamo a sinistra seguendo sempre via Ceresa e lasciando a destra Via Belvedere. Percorriamo quindi 1,6 Km di asfalto e giungiamo ad un crocevia, poco dopo un tornante, dove prendiamo dritti continuando a seguire Via Ceresa, come da cartello, mentre comunque a sinistra in salita continua un altro ramo di Via Cersa.
Altri 900 metri quindi e giungiamo al termine della strada asfaltata e qui imbocchiamo davanti a noi una rampa cementata in salita, dove iniziano anche i segnavia (noi prendiamo il segnavia L, lasciando a destra la N, da cui arriveremo al ritorno):
La sterrata termina con una curva a sinistra che porta alla Cappella di Sant’Anna, posta su un grosso roccione a picco. Dalla Cappella continuiamo scendendo con attenzione alle rocce sottostanti, quindi una traccia piega a sinistra passando davanti all’anfratto denominato Grotta di Sant’Anna. Dalla Grotta continuiamo a costeggiare le rocce e quindi pieghiamo a sinistra risalendo alla sterrata appena percorsa, che seguiamo a ritroso, fino al primo bivio a sinistra, che imbocchiamo.
La nuova sterrata compie subito una curva a sinistra e, quindi, si dirige in direzione nord-ovest ed in 500 metri circa raggiunge il sentiero segnato con un triangolo rosso. Qui, invece di imboccare il triangolo verso destra, facciamo una breve deviazione a sinistra per raggiungere la vetta del Bric Vultui, dopodichè torniamo sui nostri passi ed iniziamo a seguire il sentiero segnato.
Passiamo quindi in prossimità delle pareti rocciose del Bric Montebe e le superiamo sulla sinistra; al primo bivio prendiamo però a destra una traccia non segnata per raggiungerne la vetta. Raggiunta questa prima vetta continuiamo sulla chiara traccia fino alla vetta del Monte Priafaia, sormontata da una croce; torniamo poi sui nostri passi e riprendiamo a seguire il triangolo rosso verso destra.
A quota 1065 circa ci immettiamo sul sentiero napoleonico (segnato con un cappello stilizzato rosso), che imbocchiamo verso destra e, dopo 300 metri, ci troviamo ad un incrocio, dove il sentiero napoleonico va sia a destra che a sinistra: noi lo imbocchiamo verso destra fino alla vetta del Monte Cavalli, dove troviamo un pannello informativo su una roccia, per poi tornare sui nostri passi e riprendere a seguire il sentiero napoleonico in direzione opposta, verso la vetta del Beigua. Dopo 700 metricirca giungiamo all’asfalto della rotabile che sale in vetta, e la imbocchiamo verso destra. Seguiamo quindi l’asfalto fino alla chiesetta posta in vetta al Beigua, quindi torniamo sui nostri passi per circa 370 metri e, a quota 1270 circa, imbocchiamo a sinistra il sentiero segnato + rosso, che seguiamo fino a quota 1050, circa, dove possiamo fare una breve deviazione a sinistra, fino all’anonima vetta del Bric dell’Aquila. Riprendiamo quindi a scendere sul triangolo rosso e lo seguiamo lungamente fino a quota 685, dove troviamo un incrocio, qui prendiamo a destra il sentiero segnato con una N rossa. Prima di imboccarlo però esploriamo la zona notando una specie di circolo megalitico sulla sinistra, o almeno così dovrebbe essere, che proprio un cerchio completo non sono riuscito a vederlo.
Finita la strada megalitica, a 630 circa di quota, troviamo un bivio a sinistra, segnato con una T rossa, che imbocchiamo per andare in vetta al Monte Greppino.
Ignorato un primo bivio a destra, continuiamo sulla T rossa, arrivando quindi, pressochè in piano ad un’edicola votiva, dove il sentiero si biforca e noi imbocchiamo a destra seguendo sempre la T Rossa fino in vetta al Monte Greppino. Torniamo quindi sui nostri passi e riimbocchiamo la N in discesa verso sinistra, ed, in circa 600 metri, ci riimettiamo sul sentiero dell’andata che imbocchiamo verso sinistra, praticamente alla fine della rampa cementata dopo le case di Ceresa e, da qui, torniamo sui nostri passi fino al parcheggio.

Conclusioni: gita che andrebbe fatta in una giornata tersa, se no il panorama ne perde molto, ed, in effetti, non avendola trovata, sono rimasto un po’ deluso, Per quanto riguarda gli altri punti di interesse direi che la cosa più interessante è la strada megalitica, la Rocca di Sant’Anna e la omonima grotta non sono in effetti molto spettacolari, mentre tutte le vette, senza grande panorama, perdono molto; un po’ più interessanti il Montebe ed il Greppino, un poco più rocciosi degli altri.

Image
Cappella Sant'Anna da via Ceresa più da vicino

Image
Case a Ceresa

Image
Inizio strada cementata verso Rocca Sant'Anna

Image
Casa in pietra ad inizio strada per Rocca Sant'Anna

Image
Cappella Sant'Anna e lapide

Image
Cappella Sant'Anna vista verticale

Image
Alpicella da Rocca Sant'Anna

Image
Grotta Sant'Anna

Image
Volta Grotta Sant'Anna

Image
Uscita Grotta Sant'Anna

Image
Bric Montebe da Bric Vultui

Image
Monte Greppino dal Bric Vultui

Image
Bric Montebe da sud più da lontano

Image
Monte Priafaia dal Montebe

Image
Vista sud dal Montebe

Image
Monte Sciguelo dal Montebe

Image
Sciguelo e ometti di pietra sul Bric Montebe

Image
Monte Priafaia andandovi

Image
Croce vetta Monte Priafaia e Beigua

Image
Vetta Monte Cavalli

Image
Chiesetta in vetta al Beigua

Image
Muretto in pietra avvicinandosi a strada megalitica

Image
Segnavia N ad inizio strada megalitica

Image
Strada megalitica dall'inizio

Image
Strada megalitica dall'inizio

Image
Triliti in inizio strada megalitica

Image
Triliti in inizio strada megalitica più da vicino

Image
Parte destra circolo megalitico con altare di pietra

Image
Tre megaliti in circolo megalitico

Image
Circolo megalitico parte sinistra

Image
Pietra altare e circolo megalitico

Image
Pietra altare e circolo megalitico più da lontano

Image
Pietra altare e circolo megalitico

Image
Strada megalitica

Image
Strada megalitica guardando indietro

Image
Edicola votiva andando al Greppino

Image
Crinale sommitale Monte Greppino

Image
Alpicella dal Greppino

Image
Vetta Monte Greppino

Image
Alpicella dal Monte Greppino più da vicino

Image
Casa diroccata tornando a Ceresa vista verticale

Image
Casa nel bosco a Ceresa

Image
Casa di pietra e Monte Greppino a Ceresa

Image
Monte Greppino da Ceresa

Image
Cappella Sant'Anna e Bric Vultui tornando ad Alpicella più da vicino
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

Bello ! a me invece era piaciuto un sacco, ma era appunto una bella giornata e avevo fatto un giro diverso, che ho postato da qualche parte (ah, qui viewtopic.php?p=312062#p312062" onclick="window.open(this.href);return false;) partendo Ns. Signora delle Grazie, Greppino, Priafaia, Sant'Anna..........soprattutto il Monte Priafaia mi era piaciuto molto.............però a memoria mi pare di non aver visto quel cerchio di pietre con altare :( ..........dove rimarrebbe, in cima al sentiero megalitico?

Vabbè, tanto avevo già in mente di tornarci, prima o poi, partendo da Alpicella questa volta, per vedere altre cose : Thumbup :
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
Stefs
Utente Molto Attivo
Posts: 374
Joined: Wed Mar 28, 2012 20:35

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by Stefs »

Ma ""grotta"" di Sant'Anna è un nome che hai dato te... perchè i segni di magnesite che si vedono sono miei, io li ci vado a fare boulder!

Comunque in zona ci sono anche menhir (l"Orologio" è il più bello), discrete incisioni, affilatoi, coppelle e soprattutto l'Altare del Priafaia che devo ancora cercare, sarà per la prossima volta che passo di li.

Non ho capito bene il giro fatto, mi sembra contorto :neutral:
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

psiconauta wrote:molto.............però a memoria mi pare di non aver visto quel cerchio di pietre con altare :( ..........dove rimarrebbe, in cima al sentiero megalitico?
Sì, è in cima alla strada megalitica, però a vederci un cerchio completo ci vuole parecchia fantasia....
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

Stefs wrote:Ma ""grotta"" di Sant'Anna è un nome che hai dato te... perchè i segni di magnesite che si vedono sono miei, io li ci vado a fare boulder!
No, Grotta di Sant'Anna l'ho trovato su un libro, per la magnesite non ti preoccupare, non l'ho toccata...
Stefs wrote:Non ho capito bene il giro fatto, mi sembra contorto :neutral:
Sicuramente, una specie di 8 per passare in tutti i punti dove non ero stato....
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
User avatar
psiconauta
Quotazerino doc
Posts: 1418
Joined: Tue Mar 31, 2015 20:27
Location: Lemuria

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by psiconauta »

soundofsilence wrote:
psiconauta wrote:molto.............però a memoria mi pare di non aver visto quel cerchio di pietre con altare :( ..........dove rimarrebbe, in cima al sentiero megalitico?
Sì, è in cima alla strada megalitica, però a vederci un cerchio completo ci vuole parecchia fantasia....
: Thanks :

sì, vabbè, non mi pronuncio sulle pietre e l'altare, però non ricordo proprio di averli visti........ora provo a rivedere le foto che avevo fatto se ne trovo traccia......
Image
...........non seguitemi, mi sono perso anch'io !
User avatar
soundofsilence
Riesploratore
Posts: 6797
Joined: Wed Aug 29, 2007 12:42
Location: genova - marassi
Contact:

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by soundofsilence »

psiconauta wrote:
soundofsilence wrote:
psiconauta wrote:molto.............però a memoria mi pare di non aver visto quel cerchio di pietre con altare :( ..........dove rimarrebbe, in cima al sentiero megalitico?
Sì, è in cima alla strada megalitica, però a vederci un cerchio completo ci vuole parecchia fantasia....
: Thanks :

sì, vabbè, non mi pronuncio sulle pietre e l'altare, però non ricordo proprio di averli visti........ora provo a rivedere le foto che avevo fatto se ne trovo traccia......
Non sei l'unico, neanche io con maury e sub-comandante li avevamo visti la prima volta che ci eravamo passati, li vedi se sai che ci sono, anche se non è che siano nascosti.
Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
Imagine there's no countries.
http://luoghidasogno.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;
http://digilander.libero.it/davidepitto ... ml#gallery" onclick="window.open(this.href);return false;
boris
Matricola
Posts: 38
Joined: Wed Sep 12, 2012 15:32
Location: provincia di Milano

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by boris »

boris wrote:Sapete che bivacchi sono agibili attualmente nel massiccio del Beigua?
Il bivacco Casa della Miniera?
Il Gilwell?
L'Argentea quando e' chiuso non ha un bivacco?
Disponibilità acqua nelle vicinanze?
Grazie
Boris
Alla fine siamo andati al rifugio Gilwell, del gruppo scout di Arenzano (https://www.cngeiarenzano.info/rifugio-Gilwell" onclick="window.open(this.href);return false;). L'acqua era stata ripristinata qualche giorno prima e sgorga la fonte, è un po' lenta ma sgorga. C'è della legna (da tagliare con sega e piccone) per far andare la stufa. La struttura è a due piani: al pian terreno si pranza sui tavoli e c'è la stufa, utilizzabile anche come fornello; al piano superiore si dorme: non c'è nulla, a parte la canna fumaria della stufa che ci scalda un po', pertanto è necessario portare sacco a pelo e materassino per dormire.
boris
Matricola
Posts: 38
Joined: Wed Sep 12, 2012 15:32
Location: provincia di Milano

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by boris »

Dal Beigua a Punta Martin

Ho fatto una escursione di due giorni nel gruppo del Beigua e della Punta Martin, tra le splendide ofioliti del gruppo di Voltri, posti di gran lunga nella lista dei miei preferiti per la varietà e bellezza di paesaggi (in sintesi, sembra di essere in alta montagna e invece si è ad un passo dal mare). Sono partito dalla stazione ferroviaria di Arenzano e ho raggiunto la stazione ferroviaria di Genova Acquasanta, dormendo all'albergo Nuvola sul Mare al Passo del Faiallo.

Questo è l'itinerario seguito:
Arenzano - Terralba - Lerca - Diretta - Bric Camulà - Direttissima - M. Rama - Sella Bric Resonau - Alta Via - M. Pian del Pozzo - Albergo Faiallo - Bric del Dente - Forte Geremia - Passo del Turchino - M. Penello - sentiero Carlo Poggio - GE Acquasanta

Non mi sono fatto mancare sentieri poco gettonati, come l'ultima parte della Direttissima al Monte Rama e il sentiero Carlo Poggio ai piedi di Punta Martin.
Avrei voluto pure raggiungere la Punta Martin e scenderla dalla direttissima, ma ho percorso troppo lentamente la prima parte della seconda tappa (dal Faiallo al Passo Turchino) e quindi ho optato per raggiungere solo il Monte Penello e scendere da un percorso più veloce.
User avatar
topo
mus musculus januensis mont.
Posts: 3805
Joined: Tue Apr 10, 2007 14:46
Location: qui

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by topo »

bello bello =D>
User avatar
daniele64
Titano di Quotazero
Posts: 6577
Joined: Sat Jun 08, 2013 18:44
Location: Genova / Imperia

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by daniele64 »

Lunedì 18 maggio ho fatto un bel giro , magari un po' confuso , sulle pendici del Beigua per cercare di vedere un po' di posti ( e di cime :risata: ) che mi mancavano ... La giornata non è un granchè , è calda , con foschia sul mare e con gaigo intorno alle vette più alte ... :evil1: ma ormai ho deciso . Arrivo con qualche titubanza alla borgata di Ceresa , sopra Alpicella . La segnaletica stradale non abbonda , ma ci arrivo e parcheggio alla meno peggio prima delle ultime case . Imbocco la rampa cementata e trovo quasi subito una deviazione "NT rosse" a destra mentre a sinistra " L rossa " sarà la via di discesa . Entro nel bosco seguendo la " N " che è il segnavia del sentiero megalitico . L' inverno ha fatto dei danni lungo la mulattiera ma si passa ...

Image

Image

Arrivo quindi nella parte più scenografica : Thumbup :

Image

Image

che sarà sì e no 200 metri ... In fondo trovo un bel pannello esplicativo ma non è chiarissimo . Infatti io non vedo il quasi cerchio di pietre infisse che dovrebbe essere lì . E' vero che il bosco è molto sporco , con tronchi , rami e foglie cadute in quantità ... :diavoletto: Mi dirigo allora , in discesa lungo il sentiero " + rossa " verso Faie per raggiungere il Monte Greppino. Il tracciato è molto spettacolare , con quel filare di grandi faggi ad affiancarlo per un bel pezzo ... : Thumbup :

Image

Image

Arrivo ad un' edicola sacra , sopra ad un edificio rurale in un grande spiazzo erboso

Image

Dallo spiazzo prendo subito un sentiero a destra che mi fa salire sino ad un' altra edicoletta dove inizia il sentiero " T rossa " per la cima del Greppino .

Image

Sul crinale scoperto c'è un vento che porta via e la vista oggi non è granchè per la foschia ... :angry1:

Image

Image

Ritorno su percorrendo lo stesso sentiero tra i faggi ...

Image

e sempre seguendo il " + rossa " arrivo al termine dell' antica mulattiera .

Image

Il sentiero prosegue nel bosco toccando l'anonimo Bric del Vento ( nomen omen ! :risata: ) e raggiunge il bivio per la vetta del monte Priafaia .

Image

Secondo voi , me la faccio sfuggire ? :risataGrassa: Mi inerpico nel ripido prato

Image

e con un po' di fatica raggiungo la cima del Priafaia , con la sua croce .

Image

Il vento porta via ed i panorami sono sempre guastati dalla foschia .... :evil1: sia verso Varazze ed il Greppino

Image

che verso il Bric Montebe ed il monte Cavalli

Image

e pure verso Savona

Image

Scendo sull' altro versante dirigendomi sull' anonimo Bric Montebe ( è pur sempre una vetta che mi manca ... :risata: ) da cui si vede solo il vicino Priafaia

Image

e poi cerco di ritornare un po' ad occhio sul sottostante sentiero " + rossa " . Con un po' di ravanage ci riesco e riprendo la salita che rientra in un bel bosco . La zona è molto ricca di acque che tracimano spesso anche al di fuori degli alvei dei rii

Image

Durante la ripida salita passo accanto ad un caratteristico , antico riparo in pietre

Image

e , alla fine , sudatissimo arrivo sulla vetta del Beigua con la chiesetta della regina Pacis

Image

Il gaigo siè parzialmente dissolto ma le nuvolaglie restano basse . Già che ci sono mi dirigo pure alla grande croce del Beigua , lì vicina ...

Image

e poi mi fermo per lo spuntino nella grande area pic nic . Ci sono solo un paio di ragazzi saliti in auto che si arrostiscono della carne alla brace . Dopo la pausa cerco il vicino sentiero napoleonico " omega rossa " che mi fa scendere sino al sottostante Monte Cavalli , con il suo pannello esplicativo .

Image

e con il suo , oggi modesto , panorama su Varazze ... :pensoso:

Image

Dopo mi inserisco sul tracciato " triangolo rosso " che scende verso Alpicella , con un sentiero parecchio pietroso e rovinato . Passo accanto ad un caratteristico blockfield

Image

e poi raggiungo il sottostante , anonimo Bric Voltui , da cui l' unica visuale è all' indietro verso il versante boscoso del Priafaia

Image

e verso il Monte Greppino , con la Madonna della Guardia sullo sfondo

Image

Qui c' è da fare attenzione ad abbandonare il " triangolo rosso " che scende a destra verso Alpicella ed imboccare invece una malconcia stradella sterrata a sinistra , che in breve porterà al bivio per la Cappella della Rocca di Sant' Anna ( L rossa ) . Vista la mediocre giornata , evito la non breve deviazione ( un po' a malincuore , ma le ginocchia cominciano a lamentarsi ... :evil1: ) e scendo direttamente al punto da cui ero partito in mattinata .... : Thumbup :
Assolutamente nessuno in giro per sentieri , giornata così così ma bella camminata di oltre 16 km per un migliaio di metri di dislivello . : Thumbup :
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.[Charlie Chaplin]
User avatar
Littletino
Quotazerino doc
Posts: 1443
Joined: Tue Jan 29, 2008 15:41
Location: Arenzano

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by Littletino »

Un bel ghirigoro di sentieri Dani, in quello che io, nella mia visione arenzanocentrica, chiamo "il settore centrale del Beigua", e che grossomodo è quello con i percorsi che salgono da Varazze e Alpicella.
Lo scorso anno anche a me era capitato in quella zona di fare un groviglio del genere, ma non ero poi salito in vetta perchè c'era troppo vento, neve marcia ed ero partito in basso da Varazze.

Consigliabile è anche un anello nel settore che io chiamo " the dark side of the beigua" e che comprende i sentieri che salgono in vetta partendo da San Martino e da Santa Giustina. Poco frequentato e molto selvaggio. : Thumbup :
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".
User avatar
daniele64
Titano di Quotazero
Posts: 6577
Joined: Sat Jun 08, 2013 18:44
Location: Genova / Imperia

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by daniele64 »

: Thanks : , Little . Ti dirò che a guardarlo poi sulla mappa il mio giro non è stato poi così intricato . Solo all'inizio tra sentiero megalitico e Greppino ho fatto un po' di rigiri ... :imbarazzo: Il resto è stato un bell'anellone completo . : Thumbup : Non conosco i sentieri da San Martino e Santa Giustina . Lì guarderò sulle mappe ma non vorrei che , essendo poco frequentati , fossero troppo infrascati e male indicati... :evil1: Sai dirmi qualcosa ?
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.[Charlie Chaplin]
User avatar
Littletino
Quotazerino doc
Posts: 1443
Joined: Tue Jan 29, 2008 15:41
Location: Arenzano

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by Littletino »

Il Monte Beigua, data la sua vicinanza a dove abito, lo avevo salito negli anni un pò da tutte le parti.
Dal mare di Varazze, dai fitti boschi del Sassello, per gli aspri pendii da Lerca, per l'AVML da levante e da ponente, da Sciarborasca, da Piampaludo e da Alpicella.

Mancava tuttavia un settore, orientato a circa sud ovest dalla vetta, che mi sfuggiva, e pertanto lo avevo battezzato "The Dark Side of the Beigua".
Pur essendo percorso da ben due sentieri segnalati FIE nessuno mai ne parlava, mai un topic su questa zona "oscura".
Mi ero fatto quindi l'idea che fossero posti molto selvaggi, con sentieri scassati e ormai in disuso, evitati dai camminatori e percorsi solamente da Locals in cerca di funghi e da cinghiali.

Lo scorso anno decisi che era venuto il momento di andare a vedere di persona, e trovai i cinghiali, i posti molto selvaggi e nessun camminatore in giro tranne noi. Ma in compenso i sentieri erano ben percorribili e chiaramente segnati, i paesaggi stupendi e ne era venuto fuori un bell'anellone di 18,5 km pur senza arrivare in vetta al Beigua.

Il percorso fatto è in pratica il concatenamento del sentiero marcato tondo rosso barrato, che partendo da Stella S.Martino risale tendosi alto le valli dei torrenti Teiro - Frassinelle e arriva alla Sella del Beigua in prossimità della grande croce monumentale degli Alpini, con il sentiero marcato tondo vuoto rosso che segue il corso del torrente Sansobbia con destinazione Stella S. Giustina.
In discesa si rimane sempre in sponda destra e si costeggia il selvaggio corso d'acqua che si fa via via più ampio e profondo, facendo sorgere la domanda di come si farà poi a guadarlo per tornare alla partenza.
Quando infine il sentiero si aggrappa a pareti sempre più alte e verticali e il torrente schiuma impetuoso a una decina di metri sotto di noi ecco che magicamente compare dal nulla il "Ponte Saccone", che con un balzo in cemento e grate metalliche scavalca l'orrido e ci conduce sani e salvi sulla via di casa.
Da qui in avanti si segue una comoda sterrata che pianeggiando ci porterà a ritrovare il sentiero tondo barrato e quindi a S.Martino.

Nella mappa che allego è segnato in blu il percorso che abbiamo fatto noi (più breve e senza arrivare alla Sella del Beigua) e in rosso la parte alta dell'anello (che avevamo già esplorato poco tempo prima e non ci interessava ripetere).
San Martino Beigua Mappa.JPG
San Martino Beigua.JPG


Qualche foto tanto per dare un'idea:

Stella S.Martino
Image

Prati del Prezzemolo
Image

sentiero in salita
Image


Image


Image


Image


Image

Guado torrente Frassinelle
Image

Sentiero discesa
Image


Image


Image


Image

pozze torrente
Image


Image

casa nel bosco
Image

Torrente Sansobbia
Image

Il Ponte Saccone
Image

Torrente Sansobbia al Ponte Saccone
Image

Image

Image

Image

all'improvviso San Martino
Image
"Non importa quanto vai piano ... l'importante è che non ti fermi".
User avatar
daniele64
Titano di Quotazero
Posts: 6577
Joined: Sat Jun 08, 2013 18:44
Location: Genova / Imperia

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by daniele64 »

Moolto interessante . : Thumbup : Poi me lo leggo con attenzione e lo valuto come opzione . Grazie .
:smt006
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.[Charlie Chaplin]
User avatar
daniele64
Titano di Quotazero
Posts: 6577
Joined: Sat Jun 08, 2013 18:44
Location: Genova / Imperia

Re: Monte Beigua , un massiccio con tante cime ...

Post by daniele64 »

La primavera è un periodo in cui a volte mia moglie si lascia coinvolgere in qualche facile gitarella in montagna , purchè sia elementare , pianeggiante e con lauto pasto incluso ( ma va bene anche un bel pic nic al sole ... :risata: ) . Quest' anno poi mi sta sorprendendo ... =D> Stavolta , avvantaggiato dalla bella giornata tiepida , limpida e senza vento , ho pensato di portarla a fare un giretto sul pianoro del Beigua , molto panoramico . Così domenica 12 marzo siamo arrivati in auto al Rifugio Pratorotondo ( strapieno ) e ci siamo avviati sul pianeggiante percorso verso levante . Qualche piccolo nevaio sul limitare del tracciato ha reso più pittoresco il tutto . : Thumbup : La mia intenzione era di farla arrivare alla cima del Monte Rama ma , già poco dopo la deviazione per la vetta , ho capito che non era il caso . :diavoletto: Ci siamo quindi fermati in una piccola radura tra le rocce con bella vista sulla costiera savonese . Dopo il picnic , l' ho abbandonata sola soletta a prendere il sole e ho fatto una veloce puntatina sulla vetta del Rama . Dopodichè ci siamo lentamente avviati verso la macchina e siamo scesi a Varazze a fare due passi ed a gustarci un ottimo gelatone . : Thumbup : Ecco un po' di foto ...

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

:smt006
Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato.[Charlie Chaplin]
Post Reply

Return to “Escursionismo”