Quotazero.com

Escursionismo e Alpinismo nell'Appennino Ligure e nelle Alpi Occidentali

Home Page Sito    La Rivista    Gallery    Vecchia Gallery


-> ISCRIVITI AL FORUM <-


Quotazero su FaceBook

Oggi è sab dic 15, 2018 3:51

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Monte Chersogno - vie alpinistiche
MessaggioInviato: mar apr 11, 2006 20:24 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
Sono andato diverse volte sul Chersogno, in Val Maira. Sempre per la via normale. Qualcuno sa se esistono altre vie di salita un pò più impegnative ma non troppo? :?:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 12, 2006 8:58 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
...forse non ce ne sono? :?: :roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 12, 2006 11:34 
Non connesso
Quotazerino doc
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 28, 2006 7:12
Messaggi: 1074
Località: Novi Ligure (AL)
Su internet e Gulliver non ho trovato nulla... mi sa che non ne esistono altre. Dove sono i locals?

_________________
Homo faber fortunae suae (Appio Claudio Cieco)

CAI Novi Ligure

MTB CAI NOVI BLOG


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 12, 2006 11:53 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
...forse Brun Rusan sa qualcosa... :roll:

Aspettiamo pazienti... :smt099


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 12, 2006 18:10 
Non connesso
Utente Attivo

Iscritto il: lun mar 06, 2006 21:16
Messaggi: 147
Località: spotorno......purtroppo
sapevo di una via che sale nella parete che dà sul vallone di elva, ma non ho specifiche.
mi ricordo solo di aver letto di una roccia tipo "pan di spagna".......buona giusto per la crema....
è incredibile la montagna: nella stessa valletta trovi roccia incredibile ( vedi rocca gialeo, ad esempio ) e dall'altra parte il chersogno che è un budino......
ma và a capire, te.... :shock:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 12, 2006 18:46 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
...bè, i tuoi ricordi non sono incoraggianti... :shock:..


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 12, 2006 21:22 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab apr 01, 2006 16:50
Messaggi: 479
Località: Dronero (CN)
Ci sono 2 vie per lo sperone Nord-Est:

1) D+ con passaggi di V e V+
2) TD-

La roccia sembra piuttosto buona (quarzite in basso e calcare in alto).
Non le ho mai fatte e sembrano piuttosto impegnative (oltre 700 metri di dislivello)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio apr 13, 2006 7:47 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
...peccato non ci sia qualcosa di meno traumatico... :cry:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio apr 13, 2006 9:59 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
comunque sai dove si possono reperire informazioni?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Ecco il più facile (se ti basta...)
MessaggioInviato: gio apr 13, 2006 21:06 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab apr 01, 2006 16:50
Messaggi: 479
Località: Dronero (CN)
Per lo sperone Nord-Est.
Gian Luigi Bozzo, Marcelle Ghibaudo, Mario Idoro, 25 settembre 1977 (RM 1978, 357). Prima invernale: Ernesto e Walter Galizio, Agostin Cazzerà, Giuseppe Sandri, 2-3 febbraio 1980.
Itinerario lungo e complesso. Dislivello: e. 700 m. Difficoltà: D +, pass. di V, V + ; usati 20 eh. (4 in posto). La roccia per i primi due terzi è un'arenaria quarzitica quasi sempre chiodabile, calcarea sulla cresta finale.


Dalle Gr. Chiotti 2002 m si segue l'it. 5436 del Colle di Chiosso fin presso la base dello sperone (ore 0.50). L'attacco è situato a destra di un affilato spigolo, lungo un diedro-canale (ometto). Salire un camino dì 6 m, traversare a destra su cengette per 12 m e superare un breve salto strapiombante giungendo su una cengia erbosa inclinata a destra del diedro-canale (25 m, IV). Tornare nel diedro-canale, salire la sponda sinistra (III) fin sotto un tetto, per uscire quindi a sinistra (IV) a un terrazzo sul filo dello spigolo (30 m). Superare una placca verticale (10 m, IV+ ) a destra dello spigolo, poi per roccette a una cengia erbosa (20 m, III).
Qui il diedro-canale termina, sbarrato da strapiombi. Si attraversa lo spigolo a sinistra su rocce ripide e cenge erbose senza scostarsi troppo dalla direttiva dello sperone, fin sotto ad un roccio-ne aggettante (55-60 m, III, III + ). Aggirare il roccione a destra e superare un diedro-canalino fino ad un terrazzo (25 m, III, IV). Proseguire lungo la direttiva del canalino sottostante verso un gendarme (III, 4 m V, IV + ), fino a pochi metri dalla sommità di questo (35 m). Continuando sul filo dello sperone (III) si giunge alla base di un salto rossastro (35 m). Traversare a sinistra su cengia erbosa, salire un camino verticale nerastro (25 m, IV+ ) fino a un tetto, uscire a destra superando uno spigolo (passo di V + ) e, per rocce più facili, guadagnare la sommità del salto (30 m; possibilità di uscire dalla via). Proseguire sul filo dello sperone per rocce inclinate (75 m, III). Superare un diedro verticale (25 m, III + ) a destra dello sperone, giungendo su un comodo terrazzo.
Elevarsi a sinistra su una placca gialla (IV), passare uno strapiombo (A1/V+, 3 eh.) e proseguire (IV) fino su un ballatoio (35 m). Traversare a destra sotto tettini gialli, doppiare uno spigolo e superare una scomoda nicchia (8 m, IV-), elevarsi in un diedro giallo (IV) e raggiungere il filo dello sperone (III; 25 m). Salire una placca (IV), aggirare a sinistra una cestola (III + ) e guadagnare cenge erbose (15 m). Qui lo sperone si trasforma in cresta, che si percorre per 150 m (II, III). Salire quindi per ripide rocce sul fianco destro (III) arrivando sotto il salto calcareo biancastro costituito da rocce appuntite protese all'esterno (30 m). Superarle direttamente, poi per un canalino verticale giungere al la sommità del salto (35 m, IV continuo). Si prosegue sul filo della cresta per e. 300 m, incontrando alcuni tratti divertenti ed aerei (II, III), fino alla vetta (ore 14).

E questa è una mia foto fatta a il 21/11/05:
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio apr 13, 2006 21:25 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
Grande Brun... :!:

Domani ti vorrei fare qualche altra domanda, in particolare sulla foto che hai messo.. :wink: ..


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven apr 14, 2006 10:40 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
Scusa Brun, la foto da dove è scattata?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven apr 14, 2006 20:04 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab apr 01, 2006 16:50
Messaggi: 479
Località: Dronero (CN)
La foto è scattata dai pressi del Colle Chiosso,
all'incirca da nord-est,
ovvero dalla direzione del Pelvo
e ritrae lo spigolo descritto nella relazione


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab apr 15, 2006 10:41 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
Senti, ma secondo te i passaggi più difficili sono aggirabili?
E quel "ore 14" in fondo alla relazione indica l'orario di arrivo in vetta? Peccato non ci sia l'ora di partenza.. :roll:
Certo che se si riuscisse a ridurre al III/IV sarebbe bello poter salire sul Chersogno per quella via.. :wink:

p.s. dove l'hai recuperata questa relazione?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab apr 15, 2006 20:37 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab apr 01, 2006 16:50
Messaggi: 479
Località: Dronero (CN)
La relazione è tratta dalla GUIDA DEI MONTI D'ITALIA di MICHELANGELO BRUNO
MONTE VISO - ALPI COZIE MERIDIONALI

Non ha grande senso aggirare le difficoltà della via, perchè vuol dire fare un'altra via...
In ogni caso, chi l'ha aperta, l'ha fatta con quel percorso perchè probabilmente era il più logico e il più sicuro.
Sicuramente in quella grande parete, ci sono percorsi più facili, ma indubbiamente risulterebbero meno interessanti e su roccia non buona.

Le ore 14 sono senz'altro il tempo complessivo di salita. Anche se la via è molto lunga, mi sembra comunque eccessivo: mi sorge il dubbio che potrebbe trattarsi di un errore, ma ho ricontrollato sulla guida ed è riportato così....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom apr 16, 2006 10:57 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
Si, hai ragione...non sarebbe più la via se si aggirano gli ostacoli.. :roll:
Certo che 14 ore sono un'enormità... :shock:
Per ora comunque le mie capacità mi consentono di pensare concretamente al Pelvo e alla cresta...tra l'altro vorrei capire se la via descritta da quell'alpinista su gulliver.it è la stessa tua o qualcosa di diverso (visto che parlava di passaggi di IV).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom apr 16, 2006 11:07 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 14:51
Messaggi: 6508
Località: Quargnento (AL)
bade ha scritto:
[cut]
Certo che 14 ore sono un'enormità... :shock: [cut]


Beh, non sono poi tante ;)

_________________
«They call me the breeze, I keep blowing down the road - I ain't got me nobody, .......»


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom apr 16, 2006 11:32 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: gio dic 29, 2005 15:45
Messaggi: 16145
Località: Genova
...dai, solo di salita non sono tante? Mi pare si rasenti la possibilità di farlo in giornata... :roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom apr 16, 2006 17:21 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab apr 01, 2006 16:50
Messaggi: 479
Località: Dronero (CN)
Chersogno
Behhh....
14 ore non saranno un'enormità in senso assoluto,
ma per una via di 700 metri, classificata D+
credo che siano davvero tante....

Pelvo d'Elva
Quella via alla cresta Nord-Est del Pelvo di Gulliver
credo che sia la stessa che intendevo io,
tranne il fatto che probabilmente
hanno salito integralmente lo zoccolo e
sicuramente SOVRASTIMATO la difficoltà della parte superiore.
Su la Guida dei Monti d'Italia è classificata AD-


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom apr 16, 2006 17:36 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 14:51
Messaggi: 6508
Località: Quargnento (AL)
Brun Rusan ha scritto:
Chersogno
Behhh....
14 ore non saranno un'enormità in senso assoluto,
ma per una via di 700 metri, classificata D+
credo che siano davvero tante....

[cut]


14 ore per una via di 700 mt valutata D+ sono forse un po' troppi.

Però dipende anche dai gradi ... di chi è? È mica di Comino? Xchè ci sono delle sue vie valutate V che sono + dure di un 6a (lo sai no? problema della scala chiusa e altre belle cosette ;))
Ad esempio la via sullo Scarason o sullo spigolo della p.ta Tino Prato al Marguareis sono si V ma che V :shock:

Che dire? Appena sento il Ghigo x gli auguri gli sparo il domandone :D

_________________
«They call me the breeze, I keep blowing down the road - I ain't got me nobody, .......»


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom apr 16, 2006 19:42 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab apr 01, 2006 16:50
Messaggi: 479
Località: Dronero (CN)
No, la via è relativamente recente:
Gian Luigi Bozzo, Marcello Ghibaudo, Mario Idoro, 25 settembre 1977 (RM 1978, 357).
Prima invernale: Ernesto e Walter Galizio, Agostin Cazzerà, Giuseppe Sandri, 2-3 febbraio 1980.
Itinerario lungo e complesso. Dislivello: e. 700 m. Difficoltà: D +, pass. di V, V + ; usati 20 eh. (4 in posto).



Credo che sia senz'altro un errore perchè per un'altra via che percorre all'incirca lo stesso sperone (quindi stessa lunghezza) ma classificata TD-, è previsto un tempo di ore 5,30


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom apr 16, 2006 20:44 
Non connesso
Titano di Quotazero
Avatar utente

Iscritto il: mer gen 11, 2006 22:00
Messaggi: 5466
A livello bibliografico, perchè per il resto non conosco per nulla la zona.
C'è la relazione di una via anche su Montagne Doc di Parodi Scotto Villani.

_________________
http://trailsantacroce.com

Se l'è fassile m'angusciu, se l'è diffisile tribullu!
"Ogni civetta ha la sua casa l'albero, ma il barbagianni invece no" Punkreas Paranoia e potere


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom apr 16, 2006 21:05 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab apr 01, 2006 16:50
Messaggi: 479
Località: Dronero (CN)
Conte Ugolino, hai perfettamente ragione: si tratta della stessa via!
Purtroppo Parodi & C. non riportano il tempo complessivo...
Valutazione D con passi di V


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven ott 10, 2008 12:19 
Non connesso
Matricola

Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:22
Messaggi: 48
Località: munaster
e questa via alla fine c' è qualcuno che la fatta'?

_________________
presaviscida


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar giu 23, 2009 12:21 
Non connesso
Matricola

Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:22
Messaggi: 48
Località: munaster
scusa BRUNO TU CHE SEI UN LOCAL , IN QUESTO PERIODO DEL TIPO QUESTO WEEK , SECONDO TE QUESTA SALITA SI PUO' FARE .... E LA DISCESA è FATTIBILE... IO AVREI INTENZIONE DI FARE LA VIA DEI GINEPRI + CRESTA , TU L ' HAI GIà FATTA?

_________________
presaviscida


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar giu 23, 2009 20:53 
Non connesso
Utente Molto Attivo
Avatar utente

Iscritto il: sab apr 01, 2006 16:50
Messaggi: 479
Località: Dronero (CN)
presaviscida ha scritto:
scusa BRUNO TU CHE SEI UN LOCAL , IN QUESTO PERIODO DEL TIPO QUESTO WEEK , SECONDO TE QUESTA SALITA SI PUO' FARE .... E LA DISCESA è FATTIBILE... IO AVREI INTENZIONE DI FARE LA VIA DEI GINEPRI + CRESTA , TU L ' HAI GIà FATTA?

Ciao...
Purtroppo non sono un arrampicatore e quindi non posso esserti di molto aiuto.
Posso solo dirti che, dalla relazione, pur trattandosi di una via TD- e quindi con molti tratti verticali,
presenta canalini, diedri e cenge che procedono obliqui nella parete,
per cui, verosibilmente, ci saranno ancora tratti con qualche residuo di neve
che, pur facili, potrebbero dare noia nel prosieguo dell'arrampicata.
Tieni conto che ieri mattina era tutto imbiancato fino ai 1600-1800 metri.
Per la discesa dalla normale con gli scarponi non ci dovrebbero essere problemi.

In questo periodo credo che sia più attraente la zona della Gialeo,
sicuramente asciutta e non ancora troppo calda.

Questo è il poco che posso dirti...


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it