Archivio Itinerari Archivio Articoli Forum Gallery Cerca nel Sito:      

Home Page
Appennino Ligure
Alpi Apuane
Alpi Liguri
Alpi Marittime
Alpi Cozie
Articoli

Forum
Gallery
Vecchia Gallery
Rivista
FAQ
Link
Vecchio Sito
Contatti
News

Area Riservata

User:

Password:











Alta Via 5 Terre (Colle di Velva-Passo del Biscia)
(terralba, 03/05/2009)

Avvertenze
Tipologia itinerario: escursionismo
Area geografica: Appennino Ligure
Valle: Vara, Petronio, Graveglia
Guida di riferimento: L'alta via dei monti liguri
Luogo di partenza: Santuario di Velva

Riprendiamo il cammino da Colle di Velva: l'Alta via da qui Ŕ nuovamente indicata dalla bandierina Cai nonchŔ dagli itinerari Fie che vi si sovrappongono. Compare anche l'indicazione 5T, che in tutto il restante itinerario manca.
Da Colle di Velva (545 m s.l.m.) si segue il sentiero rombo rosso Fie dalla scalinata accanto all'albergo-ristorante accanto al santuario e si arriva in breve alla strada che segue il crinale tra Val Petronio e Val di Vara. Si arriva a un primo bivio (sentiero doppio cerchio rosso pieno per Castiglione Chiavarese), a un secondo si va a destra e si comincia a salire fino a incontrare una fonte (bacheca informativa e sentiero doppio quadrato rosso pieno per Castiglione). Aggirato il Monte Bastia si giunge in localitÓ Prato (azienda agricola, innesto su sentiero doppio triangolo rosso per S. P. Frascati) e da lý si comincia a salire pi¨ decisamente in direzione del Monte Alpe di Maissana (chiaramente distinguibile di fronte a noi). Si arriva alla Sella del Colello (cartello) e si va dritti in salita sino alla Sorgente Segato (quota 817).
Da qui l'AV5T va a destra, contornando il Monte Alpe fino a scendere alla Foce Palazzo (segnavia biancorosso). Io ho preferito andare dritto per la cima dell'Alpe seguendo il rombo rosso: bel sentiero panoramico tra arbusti e roccette che sale zizzagando fino in vetta (vorrei dire a chi magari si spaventa per l'espressione, riferita al sentiero, "si perde" usata da Parodi nel suo libro dell'Alta Via e da Paolo nell'itinerario per il Monte Alpe che trovate nell'archivio, che il segnavia Ŕ sempre distinguibile e conduce tranquillamente in vetta, senza problemi).
L'Alpe di Maissana somiglia molto, avvicinandosi dal lato di Velva, al nostrano Alpesisa e, curiosamente, coincide anche la parte sommitale, in pratica un lungo pianoro di erba e roccette, con la vetta a quota 1093. Si scende seguendo il segnale di allacciamento tre puntini rosso, prima nell'erba poi tra rocce, avvicinandosi alla Foce Palazzo, dove fino agli anni Cinquanta era operativa una delle tante miniere della zona (esaurienti le bacheche informative che sono state sistemate) e dove ora Ŕ stata installata una stazione di rilevamento sismico. Dopo i ruderi del "Palazzo" minerario si arriva a un costone di pini: si sale a destra e si taglia sino al Passo di Bargone (quota 908). Si trova l'itinerario Fie triangolo rosso che sale al Monte Porcile, che si raggiunge per carrareccia panoramica contrassegnata anche dalla bandierina Fie. Serie di tornanti fino a un piazzale caratterizzato da ripetitori e nuova possibilitÓ di scelta: l'AV5T va a sinistra, contornando il monte quasi in piano; il sentiero triangolo rosso porta in cima al Porcile (stretto, pietroso, a tornanti, interessante per i colori delle rocce
La cima del Porcile Ŕ a quota 1249: panorama grandioso a 360 gradi, dalle Apuane al Gottero, dalla baia di Sestri Levante al Monte Penna e alle cime avetane. Di fronte il Chiappozzo, la bastionata dello Zatta e, verso sinistra, il Ramaceto e, ancora pi¨ in lÓ, il Caucaso. Per scendere si dovrebbe seguire l'allacciamento tre puntini rossi che porta a Colla di Faie. Io ho preso un sentierino con la freccia che indica il Monte Verruga, scendendo sul ripido crinale; a una prima sella ho piegato a sinistra su un sentiero molto evidente a mezza costa ritornando in pratica sulla perpendicolare della vetta del Porcile, dove ho trovato un paio di scoloriti tre puntini; poi a destra ancora in discesa sino alla sterrata dove si ritrova il segnale Cai. Di qui in avanti c'Ŕ solo da seguire la carrareccia che porta al Passo del Biscia, passando prima da un rifugio della Forestale e poi contornando il Monte Biscia stesso.

Dal Passo (quota 892) per tornare a valle si scende col sentiero cerchio rosso vuoto fino ad Arzeno con una larga mulattiera; dal paese bus Atp fino a Graveglia e cambio per Chiavari).

Tempistica.
Velva-Monte Alpe 2h 10'
Monte Alpe-Passo Bargone 1h
Passo Bargone-Monte Porcile 1h20'
Monte Porcile-Colla Feia 30'
Colla Feia-Passo del Biscia 35'

Eventuale discesa Passo del Biscia-Arzeno 40'.

Nessuna immagine associata

Altre informazioni o foto:





User:        Password:  

Immagine associata:       Didascalia:  

Album associato:  

Commento:




© QUOTAZERO.COM - E-mail: info@quotazero.com - Avvertenze - sito ottimizzato per risoluzione 1024x768 e superiori